Connect with us

Calcio Internazionale

I cinque motivi per cui Alisson può vincere il Pallone d’Oro

Pubblicato

:

Alisson Becker merita il pallone d’oro. L’affermazione è di quelle destinate a segnare il dibattito da qui a dicembre ma se anche Stefano Borghi si sbilancia timidamente nel suggerire il portiere brasiliano come erede di Yashin forse qualcosa di vero c’è.

Abbiamo stilato cinque motivi per cui il portiere campione d’Europa e del Sud America merita gli allori di miglior giocatore della stagione appena terminata e alcuni partono da lontano.

LE VITTORIE

Una Champions League alzata con la maglia del Liverpool, gigante europeo da tempo addormentato e scottato dalla sconfitta in finale della stagione precedente, una Copa America con un Brasile bisognoso di tornare ad essere se stesso dopo anni di vacche magre e smarrimento psicologico. Già in queste poche righe le vittorie basterebbero a porre Alisson come candidato al premio, soprattutto per l’importanza rivestita nel raggiungimento degli obbiettivi. Si, perché per il peso che il goleiro brasiliano ha avuto nel corso della stagione, qualsiasi maglia avesse addosso, fosse stato un attaccante non ci sarebbe stata storia sull’assegnazione del prossimo pallone d’oro. 

LA CRESCITA CONTINUA 

Poi c’è la crescita progressiva avuta nel corso delle ultime tre stagioni: spostatosi a Roma dai lidi dell’Internacional di Porto Alegre nell’estate 2016, Alisson ha vissuto un primo anno italiano alle spalle del compagno di reparto Szczęsny occupando il posto di portiere di Coppa. Se i primi risultati gli hanno dato l’occasione di prendere il posto del portiere polacco nella stagione successiva, è proprio nell’annata della semifinale di Champions giallorossa che raggiunge il primo apice della scalata ancora in corso: 28 goal subiti alla prima stagione da titolare in Serie A con 17 clean sheet, dove ottiene il premio come miglior portiere del campionato da due organi differenti; due goal subiti all’Olimpico in Champions con la Roma che assurge a miglior difesa casalinga della competizione raggiungendo la semifinale. Premiato come portiere migliore della stagione europea, si sposta a Liverpool dove diventa un’icona nel ruolo a livello internazionale: nella prima stagione in Premier vince il premio come miglior portiere del campionato subendo solamente 22 goal, supera l’errore contro il Leicester che, giunto a causa dell’enorme fiducia riposta nei propri mezzi tecnici, avrebbe potuto gettarlo nel calderone delle critiche di un calcio in cui era giunto solamente da pochi mesi. Ma sopratutto, in Champions League si dimostra fondamentale e sicuro di sé, nelle sue giocate semplici ma tremendamente efficaci. 

L’IMPORTANZA NEL LIVERPOOL E NEL BRASILE 

Queste caratteristiche, di tranquillità e assoluta sicurezza nei propri mezzi, lo rendono in breve tempo fondamentale per l’economia di Liverpool e Brasile, ergendosi a colonna portante del club campione d’Europa e della Seleçao. Con i Reds, aldilà dei freddi numeri, costruisce con Van Dijk un muro difensivo di livello assoluto, una solidità intrinseca che permette al compartimento offensivo di Klopp di liberarsi da pressioni psicologiche diverse dall’esigenza di segnare goal su goal. Il tridente composto da Salah, Mané e Firmino, decisivo per le sorti del Liverpool, ha giovato, come nelle migliori sinergie, della forza mentale e calcistica di Alisson, goleiro che in pochi anni ha raggiunto una maturità tale da assumersi il peso di un blasone tanto importante. 

Poi, sopratutto nell’ultimo mese, è giunta l’ora della Seleçao. Il mondiale di Russia aveva già di per sé palesato al mondo la forza del portiere proveniente dall’Internacional ma la mancanza di forza psicologica, e l’assenza di Casemiro, aveva fatto crollare i favoriti verdeoro sotto i colpi dei diavoli del Belgio. Questa Copa America, al netto delle recriminazioni sul Var e sugli episodi, ha riportato il Brasile al centro del villaggio chiamato sudamerica, con cinque clean sheet su sei partite, un goal subito nella finale contro lo straordinario Perù di Guerrero e, sopratutto, una sicurezza nei propri mezzi che non si vedeva da tempo. Alisson in tutto questo ha ricoperto il ruolo che nel Liverpool si è guadagnato a suon di parate: colonna portante di una Seleçao alla ricerca di certezze. Nell’anno del desaparecido Neymar, Alisson ha preso il Brasile per mano conducendolo alla nona Copa della sua storia. 

I COMPETITORS 

Messi – Ronaldo, Ronaldo – Messi. Il duopolio durato un decennio si è interrotto lo scorso dicembre con la vittoria di Luka Modric, numero dieci della splendida Croazia mondiale. Quest’anno, complice la pessima stagione madridista, il balcanico non potrà ripetersi e per questo si aprono le porte a un successore che sia diverso, ancora una volta, dai due extraterrestri in antitesi continua. 

Cristiano Ronaldo è molto lontano dal premio, a causa di una prematura uscita dalla Champions League con la Juventus e una stagione personale non completamente in linea con quanto fatto nel Real Madrid nonostante la vittoria della Nations League; Leo Messi, autore di una stagione encomiabile, ha affrontato Alisson con Barcellona e Argentina, uscendone sconfitto entrambe le volte. Il confronto con i due mostri sacri è dunque tutto, o quasi, a favore del portiere brasiliano che con la Champions League e la Copa America guadagna punti importanti verso il titolo di dicembre. 

Ci sono poi i suoi stessi compagni, autori di una grandissima stagione e impegnati nelle varie competizioni internazionali: Virgil Van Dijk ha condotto l’Olanda fino alla finale di Nations League, persa poi contro il Portogallo di Ronaldo, ma guadagnandosi sul campo il titolo di miglior difensore del mondo in questo periodo storico. Salah e Mané, entrambi impegnati in Coppa D’Africa, sono parti costituenti della vittoria europea del Liverpool, ma il fallimento egiziano contro il modesto Sudafrica ha tagliato fuori Salah dalla corsa all’oro, mentre per il Senegal di Mané si attende una conclusione degna di un pallone d’oro per candidare l’ala al premio di miglior giocatore. 

É dunque per questo che, dopo la vittoria in Copa, Alisson è diventato il primo candidato al Pallone d’oro, cinquantasei anni dopo Yashin.

EGEMONIA NEL RUOLO

L’ultimo grande capitolo scritto da Alisson negli ultimi tre anni parla della scalata progressiva e ancora in divenire al ruolo di miglior interprete del ruolo. Con Neuer fuorigioco da un paio di stagioni e i soli Oblak e Ter Stegen ad aver interpretato il ruolo nell’accezione moderna necessaria per sviluppare un tipo di gioco consono ai canoni odierni, Alisson ha dimostrato di avere qualcosa in più. Ancora una volta aldilà dei numeri, l’impatto che il portiere ha avuto sulle due squadre europee in cui ha militato è stato oltre ogni immaginazione. La Roma ha avuto la miglior difesa  casalinga della Champions League 2017/2018 raggiungendo le semifinali, non subendo praticamente mai goal in casa e affondando il Barcellona all’Olimpico. Il Liverpool è risorto dalle ceneri delle ultime stagioni colmando la lacuna tecnica e di personalità che gli aveva impedito di competere ad armi pari con il Real Madrid nella finale di Champions di Kiev. 

Alisson non ha portato solo le proprie qualità tecniche al servizio del raggiungimento del mero obbiettivo di Liverpool e Brasile, ma ha cambiato le due squadre nell’interpretazione delle partite. Una qualità che spesso si associa ai giocatori di movimento, centrocampisti e attaccanti con più frequenza perché più impattanti sul risultato finale. Alisson ha superato questo assunto che sembrava consolidato, diventando il fulcro della personalità delle sue squadre, semplicemente con la propria sicurezza. 

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram ufficiale di Alisson Becker

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Dramma in Argentina, muore Andrés Balanta dell’Atletico Tucuman

Pubblicato

:

Il calcio argentino è in lutto per la morte di Andrés Balanta, calciatore colombiano dell’Atletico Tucuman. Il centrocampista aveva 22 anni, e aveva accusato un malore poco dopo l’allenamento della squadra argentina con i suoi compagni di squadra come riferisce Tyc Sports.

Dopo l’intervento dello staff medico dell’Atletico Tucuman nello spogliatoio, che ha tentato di rianimarlo con il defibrillatore. Il ragazzo è stato trasportato al Centro de Salud di San Miguel de Tucuman, dove si è spento dopo i vani tentativi degli operatori sanitari di salvargli la vita.

L’Atletico Tucuman ha espresso il proprio dolore per la scomparsa di Balanta, così come la Federcalcio colombiana che ha manifestato la vicinanza alla famiglia dello sfortunato centrocampista.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

L’Al Nassr fa sul serio: 200 milioni di euro all’anno per Ronaldo

Pubblicato

:

Portogallo

Marca, uno dei più autorevoli giornali sportivi al mondo ha sganciato la bomba. CR7 è vicino a firmare per l’Al Nassr. Le cifre del contratto sono mostruose, si parla di 200 milioni di euro a stagione per Cristiano Ronaldo.

LA PROPOSTA DELL’AL NASSR

La cifra proposta dall’Al Nasrr è monstre, nessun club europeo o della Mls può avvicinarsi a cifre di questo genere. L’Arabia Saudita, inoltre, ha una tassazione nulla: i 200 mln sarebbero quindi netti e finirebbero direttamente nelle tasche di Cristiano Ronaldo.

Dopo il Mondiale arriverà il responso definitivo, la lega dello stato saudita spera di creare un effetto domino con l’arrivo di Cristiano Ronaldo, portando attenzione e facendo da calamita agli investimenti sul campionato arabo.

All’Al Nassr, Cristiano Ronaldo andrebbe ad incontrare due ex conoscenze della serie A: Rudi Garcia, allenatore della squadra araba con un passato alla Roma e l’ex portiere del Napoli David Ospina. Si attende ora il portoghese e il suo eventuale “sì” che potrebbe aprire una nuova pagina storica per tutto il calcio arabo.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Pronostico Costa Rica-Germania, statistiche e consigli per la partita

Pubblicato

:

Pronostico Costa Rica-Germania

PRONOSTICO COSTA RICA-GERMANIA, STATISTICHE E CONSIGLI PER LA PARTITA – Al contrario di ogni previsione, Costa Rica-Germania mette più pressione sui tedeschi che sui costaricensi. La situazione nel girone E è molto chiara: la Germania è costretta a vincere se vuole sperare di passare il turno, con la Costa Rica che può anche accontentarsi di un pareggio e sperare che la Spagna batta il Giappone per arrivare a 4 punti e classificarsi contro ogni pronostico come seconda, lasciando a casa nazionali ben più quotate come appunto Giappone e soprattutto Germania.

Il tutto si decderà alle 20:00 di domani, quando Costa Rica e Germania si sfideranno all’Al Bayt Stadium, a nord di Doha. A dirigere l’incontro sarà Stephanie Frappart, la prima donna ad arbitrare un incontro di un Campionato del Mondo.

STATISTICHE COSTA RICA-GERMANIA

Le due squadre si affrontano per la seconda volta nella loro storia, con il primo precedente avvenuto nel Mondiale di Germania del 2006. È stata la partita inaugurale del Mondiale tedesco, il 9 giugno 2006, terminata 4-2 per i padroni di casa. Situazione ribaltata in vista della partita di domani, con il morale delle due squadre probabilmente opposto rispetto a quel torneo vinto poi dall’Italia.

PRONOSTICO COSTA RICA-GERMANIA

Secondo i bookmakers però, l’esito della partita sembra scontato. Le quote vedono una vittoria della Costa Rica intorno al 20.00, dandolo come praticamente impossibile. Il pareggio è più probabile ma comunque con quote molto alte, intorno al 10.00 tranne per Efbet che lo quota 5.40. La vittoria della Germania è il risultato più probabile secondo i vari siti di scommesse, con la quota per la vittoria dei tedeschi che si aggira intorno all’1.10.

Si prospetta una partita comunque tesa, con la Germania che dovrà provare l’assalto per portare a casa il risultato e dunque potrebbe lasciare spazi per le ripartenze della Costa Rica, dunque il consiglio della redazione di Numero Diez è il GOAL, quotato intorno al 2.20.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La Germania passa agli ottavi di Qatar 2022 se…

Pubblicato

:

La Germania passa agli ottavi di Qatar 2022 se

LA GERMANIA PASSA AGLI OTTAVI DI QATAR 2022 SE… – La Germania ora non può più sbagliare. Dopo la clamorosa sconfitta per 2-1 contro il Giappone all’esordio mondiale e il pareggio per 1-1 con la Spagna, la formazione guidata da Hansi Flick non può permettersi un altro passo falso contro la Costa Rica. Una sconfitta domani sera costringerebbe i Campioni del Mondo del 2014 a dire addio anzitempo alla competizione, per la seconda edizione consecutiva.

LA GERMANIA PASSA AGLI OTTAVI DI QATAR 2022 SE…

I tedeschi non hanno molti risultati disponibili, devono vincere senza se e senza ma. Un’occhio, però, dovrà essere tenuto fisso sull’altra partita del girone: Spagna-Giappone. Per fare in modo che la Germania possa qualificarsi per gli ottavi di finale serve che la Spagna ottenga i tre punti contro il Giappone. L’altra possibilità è che la squadra di Flick possa passare il turno, nonostante il pareggio nell’altro campo, ma serve una vittoria contro la Costa Rica e una differenza reti migliore rispetto alla Nazionale nipponica.

La Germania è, sicuramente, una delle delusioni di questo Mondiale. La situazione può ancora stravolgersi con un passaggio del turno, per questo la partita contro la Costa Rica sarà una delle più importanti della competizione per la Nazionale tedesca. A compromettere la qualificazione rimane la sconfitta contro il Giappone, il pareggio contro questa Spagna può essere comprensibile, ma la gara d’esordio contro gli asiatici ha tagliato le gambe a Muller e compagni.

L’imperativo per la Germania, dunque, è uno solo. Vincere contro la Costa Rica per sperare in una qualificazione agli ottavi che, ora più che mai, sembrerebbe compromessa.

QUANDO GIOCA LA GERMANIA?

Le ultime partite del gruppo E si disputeranno domani sera alle 20: in contemporanea ci saranno sia Germania-Costa Rica che Spagna-Giappone. Due partite che, come detto in precedenza, sono fortemente legate per il futuro di queste Nazionali.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969