Connect with us
I Top e Flop del Weekend

La nostra prima pagina

I Top e Flop del Weekend

Pubblicato

:

Grandi partite, colpi di scena ma soprattutto… sorprese e delusioni! Dopo due settimane di stop, tornano i Top e Flop del weekend targati Numero Diez. Una giornata davvero scoppiettante quella che si concluderà questa sera con la gara tra Cagliari e Torino. Se da un lato sorprende la straordinaria rimonta dell’Empoli e il pareggio del Chievo in casa del Napoli, fa notizia il crollo esterno della Roma a Udine, la debacle del Real Madrid e soprattutto l’ennesimo rinvio di River-Boca.

I TOP

REDIVIVO

Avevate programmato un sabato sera stellare con gli amici e loro vi hanno dato buca all’ultimo? Nessun problema, a regalarvi una serata da sballo ci ha pensato Keita Baldè. L’ex Lazio ha dominato il match con il Frosinone siglando le sue prime due reti in nerazzurro. I suoi nuovi tifosi hanno potuto rifarsi gli occhi, ammirando nuovamente quelle paurose accelerate mostrate nella capitale e quella rapidità nel dribblare gli avversari che da inizio stagione sembrava esser rimasta in Francia. Il senegalese aveva uno sguardo estasiato di fronte al boato di San Siro: se torna a prenderci gusto nel fare goal con continuità, Spalletti avrà un problema in più. Un bel problema.

Risultati immagini per keita

TORNATO IN UN LAMPO

Più veloce della saetta tatuata dietro la sua testa. Più rapido del supereroe a cui lo paragonano, Flash. Eccolo tornare finalmente decisivo e a devastare il match: il vero Douglas Costa è di nuovo fra noi. Nella gara di Sabato contro la Spal è stato sicuramente il migliore in campo. Si è vero, Ronaldo ha fatto il fenomeno per l’ennesima volta ma ormai a lui spetterebbe l’abbonamento ai Top del Weekend, quindi oggi vi raccontiamo della fuga dalle tenebre del brasiliano.

Già perché dopo l’orrendo spettacolo offerto nella gara col Sassuolo, la lunga squalifica e l’infortunio si pensava che non avrebbe più ritrovato la serenità per regalare ancora gli show a cui ci aveva abituato l’anno scorso. Sabato però, Douglas ha propiziato un autogoal (poi annullato), ha colpito un palo clamoroso e ha regalato a Mandzukic la possibilità di insaccare il 2 a 0 dopo aver calciato un missile che il portiere ha respinto sul croato. La Juve ha ritrovato la sua freccia.

Risultati immagini per Douglas Costa

UNA MANO SULLA CITTÀ

La Domenica di Serie A non poteva concludersi meglio: il derby della Lanterna, una spettacolare gara sugli spalti e un buon match sul campo. Due tifoserie che mostrano orgogliosamente la propria storia, in particolare il Grifone, il club più antico d’Italia. Nonostante sia una gara molto sentita in città, ieri ha prevalso il ricordo delle vittime del Ponte Morandi con l’unione dei colori di Samp e Genoa.

Poi sul campo è stata battaglia vera, il risultato finale di 1 a 1 che impedisce ai rossoblù di ritrovare una vittoria che manca da nove gare nella stracittadina, arriva grazia alla manona di Emil Audero, il portiere della Doria. L’ex Juve ha salvato i suoi con due parate davvero straordinarie, in particolare la seconda: quando il Genoa sembra poter trovare il vantaggio con il colpo di testa di Kouamè, ecco l’estremo difensore indossare un paio d’ali e levare il pallone dalla porta. Si è detto che alla fine è stato un derby senza padrone, Audero però ha messo le sue manone su Genova.

Risultati immagini per Coreografia genoa

I FLOP

RISVEGLIO DA INCUBO

C’è un tempo per sognare le alte zone della classifica, un altro per cadere rovinosamente nella realtà. Poche parole che riassumono perfettamente il pomeriggio assurdo dell’Atalanta di Gasperini, a un passo da una vittoria che avrebbe portato la Dea a ridosso della zona Champions e che invece si è trovata a leccarsi le ferite. L’Empoli ha conquistato meritatamente i tre punti per quanto mostrato nella seconda parte di gara ma a preoccupare è il drastico calo di concentrazione dei bergamaschi nella ripresa.

Dopo il goal di Hateboer, arrivato da un contropiede partito a causa del rigore sbagliato da Caputo, la partita sembrava già in tasca. Nel secondo tempo però, l’Atalanta non è mai scesa in campo e il Castellani ha trascinato la sua squadra verso una rimonta pazzesca. Un brutto passo falso, davvero inaspettato dopo la straordinaria gara contro l’Inter in cui si erano raggiunti picchi di grandissimo calcio. Lavorare sulla personalità, prego.

Risultati immagini per Empoli AtalantaWANTED

A.A.A Cholito cercasi. Le prestazioni dell’argentino iniziano ad allarmare e soprattutto innervosire i tifosi della Viola. Una striscia negativa senza goal che dura ormai da 8 gare, troppe per un attaccante che lo scorso anno trascinava Firenze a suon di reti e prestazioni maiuscole. Quella tripletta al Napoli, l’assist alla Juve per il settimo scudetto, sembra esser diventata la sua maledizione. Da quel momento solo tre goal in campionato in 13 gare e tante, troppe opportunità sprecate.

Anche nella gara con il Bologna, Simeone ha avuto la chance a tu per tu col portiere di sbloccarsi, ma anche questa volta non ha fatto centro. In alcune occasioni Simeone è stato eccessivamente generoso, servendo i compagni piuttosto che cercare il tiro. In altre, come nel caso di ieri,  sembrava quasi che la sua vista fosse appannata e il suo killer instinct svanito nel nulla. Dunque uscite dalle vostre case e andatelo a cercare: riportate il vero Cholito a Firenze.

Risultati immagini per giovanni simeone vs bologna

FLOP PER IL MONDO

Non solo Italia. Se facciamo un giro per il mondo, troviamo rumorose cadute e delusioni più umane che calcistiche. Sicuramente il fragore più grosso l’ha fatto il gigante Real Madrid, schiacciato dal piccolo Eibar che ha trovato cosi la sua prima vittoria nella storia contro le Merenegues. Anche il cambio in panchina sembra non aver sortito alcun effetto e i blancos ora navigano in brutte acque. È un anno davvero molto duro per Bale e compagni che dovranno combattere fino all’ultimo per conquistare la zona Champions.

In Inghilterra è arrivata la prima sconfitta per i Sarri boys. Uno straordinario Tottenham, trascinato dall’uragano Kane e dalle giocate del coreano Son, travolge il Chelsea con tre reti. I Blues non sono mai riusciti a limitare le sortite offensive della squadra di Pochettino e il centrocampo è stato spazzato via dalle ripartenze degli Spurs. Una brutta botta ma il tecnico italiano è tranquillo: è già pronto a tornare in campo per regalare nuovo spettacolo, come solo lui sa fare.

Infine qualche parola sull‘orrenda pagina di calcio argentino apertasi in questi ultimi giorni. Il tifo sudamericano è imparagonabile e come viene vissuto il futbol in Argentina non avviene da nessuna parte. Non bisogna però dimenticarsi che si parla sempre di un gioco, di passione e divertimento e non di un’occasione per fare una carneficina. Il calcio è rivalità, non scontri e violenza. La gara non si è giocata e le immagini che passano sono davvero terribili. Questo è calcio?

Risultati immagini per scontri river boca

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La nostra prima pagina

Dove vedere Genoa-Udinese in tv e streaming

Pubblicato

:

Dove vedere Genoa-Atalanta

DOVE VEDERE GENOA-UDINESE IN TV E STREAMING – L’anticipo del sabato sera della 26ª giornata di Serie A propone Genoa-Udinese, una gara interessante sotto vari punti di vista. I rossoblù navigano nella zona tranquilla di classifica, ma possono sognare l’aggancio alla lotta per l’Europa. Dall’altra parte l’Udinese va a caccia di punti per tirarsi quanto prima fuori dalla zona calda.

COME ARRIVA IL GENOA

Il Genoa di Alberto Gilardino deve scrollarsi di dosso un periodo senza vittorie. Nelle ultime 3 sfide sono arrivati 2 pareggi ad Empoli e a Napoli e la sconfitta tra le mura amiche contro l’Atalanta. Interessante sarà, dunque, scoprire quale sarà l’approccio dei liguri.

Solito assetto 3-5-2 per Gilardino con Malinovskyi, Badelj e Frendrup sulla linea mediana per innescare i due uomini migliori Gudmundsson e Retegui, senza gol rispettivamente da 5 e da 4 giornate di campionato.

COME ARRIVA L’UDINESE

L’Udinese arriva al Ferraris nella condizione opposta. La cura Cioffi sembra aver fatto effetto e nelle ultime 3 gare i bianconeri hanno raccolto 5 punti, 3 di prestigio a Torino contro la Juventus.

Per proseguire la striscia di imbattibilità Cioffi dovrebbe schierare i suoi a specchio rispetto al Genoa. Non ci sarà Pereyra, che cercherà di smaltire il problema fisico per rientrare nella gara successiva, quella contro la Salernitana. Davanti il tandem composto da Thauvin e Lucca sarà rifornito da Samardzic e appoggiato dagli inserimenti di Lovric.

DOVE VEDERE GENOA-UDINESE IN TV E IN STREAMING

Il calcio d’inizio di Genoa-Udinese è fissato alle 20:45. La sfida sarà visibile sia su DAZN, tramite l’applicazione accessibile da tutti i dispositivi, dalle smart tv a smartphone, tablet e computer, sia su Sky.

Anche per quanto riguarda Sky, c’è la possibilità di guardare la partita lontano da casa grazie all’applicazione SkyGo. L’altra opzione di Sky è rappresentata dal servizio di streaming live e on demand NOW TV.

LE PROBABILI FORMAZIONI DI GENOA-UDINESE

GENOA (3-5-2): Martinez; De Winter, Bani, Vasquez; Sabelli, Messias, Badelj, Frendrup, Martin; Retegui, Gudmundsson. All. Gilardino

UDINESE (3-5-1-1): Okoye; Perez, Giannetti, Kristensen; Ehizibue, Samardzic, Walace, Lovric, Zemura; Thauvin; Lucca. All. Cioffi

Continua a leggere

Flash News

Baroni: “Subito due gol evitabili, sul primo ho dei dubbi”

Pubblicato

:

Marco Baroni, allenatore dell'Hellas Verona - Serie A

Il Verona non è riuscito a domare un Bologna inarrestabile. Cinque vittorie consecutive per i ragazzi di Thiago Motta, che ora vedono l’Europa. La squadra gialloblù dopo due pareggi torna a perdere e già domani rischia di tornare nella zona rossa rappresentata dagli ultimi tre posti. Dopo la gara sono arrivate le dichiarazioni del tecnico scaligero Marco Baroni, soddisfatto dell’intensità, meno della concretezza dei suoi ragazzi.

LE PAROLE DI BARONI

SULLA PARTITA – “Abbiamo incontrato una squadra forte e siamo stati bravi a toglierle il palleggio. Peccato per i 2 gol evitabili. Sul primo secondo me c’è un contatto netto su Montipò. Nel secondo abbiamo commesso un’ingenuità da fallo laterale. Abbiamo sbagliato troppo tecnicamente, le occasioni importanti le abbiamo avute, ma la squadra dal punto di vista caratteriale ha fatto una buona partita. Dovevamo giocare con questa aggressività”.

CONCRETEZZA MANCATA – “Alcune scelte sono state sbagliate. Gli avversari erano in fiducia e non dovevamo fare errori. Dal punto di vista tecnico potevamo fare qualcosa in più”.

COSA C’È DA MIGLIORARE? – “Suslov deve migliorare nelle scelte. A volte un assist è fondamentale per far gol. Se avessimo messo in discussione il risultato avremmo potuto riprenderla. A livello di occasioni la gara è stata equilibrata. Questa partita ci deve rafforzare”.

LA CONDIZIONE DEI NUOVI? – “I giocatori li scopro non solo in allenamemnto, anche Mitroivic ha giocato uno spezzone di gara molto bene. Swiderski era fermo in campionato e deve ritrovare la condizione giocando. Dobbiamo assumerci qualche rischio. La squadra arriva, ha fissato l’obiettivo”.

Continua a leggere

Flash News

Fabbian: “Zirkzee in qualcosa somiglia a Ibra, pensiamo all’Atalanta”

Pubblicato

:

Fabbian

Mattatore di Bologna-Verona, anticipo della 26ª giornata di Serie A, è stato Giovanni Fabbian, autore di un gol e un assist, entrando di fatto in entrambe le reti che hanno consegnato la vittoria alla squadra rossoblù. Il classe 2003, che è ora arrivato a 4 reti al suo primo campionato di Serie A, all’uscita dal campo ha ricevuto anche la meritata standing ovation dal Dall’Ara.

A fine partita ha commentato la partita ai microfoni di DAZN concentrando già l’attenzione sulla sfida di settimana prossima contro l’Atalanta.

LE PAROLE DI FABBIAN

BUON RENDIMENTO IN CASA – “In casa o fuori, l’importante è dare il massimo. Stasera è stata bellissima serata e siamo contenti“.

A FINE PARTITA –Abbiamo festeggiato con i tifosi, che sono sempre tantissimi e splendidi“.

TIFOSI CON LE TORCE –È bellissimo, in panchina l’abbiamo visto subito, ci siamo messi ad applaudire, è stato bello“.

GIOCATE –La veronica l’ho sbagliata, ma ci ho provato. Sto cercando di mettere tutto me stesso“.

CLASSIFICA –La classifica la vediamo quando è finito il campionato, adesso pensiamo subito all’Atalanta“.

ZIRKZEE E IL PARAGONE CON IBRA – “Sicuramente in qualcosa gli assomiglia. Joshua è un grandissimo giocatore, anche oggi l’ha dimostrato“.

TENERE THIAGO MOTTA –Io penso alla squadra e poi vediamo“.

Continua a leggere

Flash News

Thiago Motta: “Il merito non è mio, ma dei giocatori e dei tifosi”

Pubblicato

:

Thiago Motta

Il Bologna non si ferma più e batte 2-0 il Verona nell’anticipo della 26ª giornata. Dopo la gara ai microfoni di DAZN è intervenuto il tecnico dei falsinei Thiago Motta.

LE PAROLE DI THIAGO MOTTA

EMOZIONATO? – “Mi stavo emozionando anche dal campo, poi le immagini sono più chiare perchè dal campo non è facile guardare tutto. Spesso ci concentriamo sul pallone ma c’è tanto altro. Abbiamo preso un contropiede e tutti sono rientrati e questo è un segnale. La parata di Skorupski vale un gol”.

QUESTO È IL SIMBOLO DEL BOLOGNA – “Il simbolo del nostro Bologna è il sacrificio, è una serata meravigliosa, il Verona è difficile da affrontare, siamo stati sempre in partita, tutti hanno fatto bene, si vede la voglia di rincorrere e difendere. È stata una serata completa, fantastica”.

IL SUPPORTO DELLO STADIO – “Bellissimo il supporto dello stadio perchè non sono cose che viviamo sempre. Li devo ringraziare per questo affetto, sono qui per dare e penso a volte di non meritare questo affetto, ringrazio tutti di cuore, ma non è giusto che io prenda il merito, i ragazzi devono prenderlo. Tifosi e giocatori compongono il calcio e la luce va a loro. Io e il mio staff non siamo nessuno senza di loro, sono dei guerrieri. Mi sento in difficoltà con i miei ragazzi. Io do il meglio e questo è il mio ricambio”.

IL VALORE DEL GRUPPO – “Il gruppo porta a questi risultati, i giocatori quando non giocano non sono contenti, ma non abbiamo avuto problemi perchè bisogna avere rispetto per il compagno che merita di giocare. Questo rispetto fa il gruppo più forte. Il gruppo Bologna si rispetta, ho l’interesse per il bene del Bologna e loro lo capiscono”.

SULLE SOSTITUZIONI NEL FINALE – “Lykogiannis è entrato bene e avevamo bisogno di copertura nel finale, è un ragazzo responsabile. Tutti hanno giocato bene, complimenti ai giocatori e ai tifosi”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969