Si è appena concluso il quarto di finale di andata della Uefa Champions League tra il Bayern Monaco e il Paris Saint-Germain. Partita incredibilmente bella, giocata in modo quasi impeccabile dalle due delle formazioni più complete d’Europa. Qualche lacuna difensiva da entrambe le parti ma brave a creare molte occasioni da gol sotto una neve fitta.

BAYERN SCIUPONE

Una partita sin da subito giocata a ritmi molto elevati da parte delle due formazioni. Dopo un avvio generoso dei bavaresi, vicini al gol del vantaggio con il colpo di testa finito sulla parte alta della traversa da parte di Choupo-Moting, è il PSG ad andare in vantaggio con Kylian Mbappé. Palla a Neymar che con un tocco preciso mette in porta il fuoriclasse francese. Sarà il Bayern nel susseguirsi dei minuti a fare la partita e spingere di più: tante occasioni per i padroni di casa ma non impeccabili nel reparto difensivo. Di fatti, dopo mezz’ora di gioco l’ispirato Neymar mette un altro pallone delizioso alle spalle della difesa avversaria favorendo Marquinhos, bravo a non farsi ipnotizzare da Manuel Neuer. A 10’ dalla fine del primo tempo accorcia le distanze l’ex della partita Choupo-Moting, abile ad insaccare in porta un cross morbido di Pavard.

Cala l’intensità della neve nel secondo tempo ma non quella dei giocatori in campo. Occasioni da una parte e dell’altra ma è la squadra tedesca ad aprire le danze nella nei secondi 45 minuti di gioco: rete di Muller dopo una pennellata in area da parte di Kimmich. Match sempre molto vivo con ribaltamenti di fronti continui grazie anche ai tanti velocisti presenti in campo. Arriva infatti al 68° minuto il gol che riporta in vantaggio il Paris Saint-Germain nato da un contropiede guidato dai due fenomeni Neymar e Mpabbé, con quest’ultimo lesto a battere il portiere tedesco sul proprio palo.

Nei minuti finali la squadra di Hans-Dieter Flick spreca due occasioni importanti che avrebbero regalato il momentaneo pareggio del 3-3. Nonostante l’assenza del bomber polacco Lewandowski, il Bayern di Monaco crea molto durante l’arco del match ma non concretizza le tante occasioni da gol. Discorso diverso invece per la squadra campione in carica del massimo torneo francese, bravi ad essere cinici sotto porta.

(Fonte immagine in evidenza: Instagram @psg)