Connect with us

Flash News

Il Bologna agguanta il pareggio all’ultimo: 2-2 contro il Parma

Pubblicato

:

Apre la domenica calcistica il derby dell’Emilia numero 44, tra il Bologna e il Parma. Al Dall’Ara si sfidano due squadre che stanno vivendo due stati di forma totalmente differenti: una sola vittoria per i rossoblù e una sola sconfitta per i crociati nelle ultime cinque giornate. Mihajlović, tornato sulla panchina dei suoi dopo il terzo ciclo di cure, cambia il centrocampo rispetto alla gara contro il Sassuolo: dentro Džemaili, fuori Poli. Piccola rivoluzione anche tra i centrali di difesa: dentro Tomiyasu Denswil al posto di BaniDanilo, entrambi squalificati. Il Parma, invece, si ritrova senza attaccanti: fuori Inglese, Cornelius, Gervinho e Karamoh. Per questo, D’Aversa sceglie di giocarsi la carta Sprocati, con il sopporto di Kulusevski sulla trequarti. In difesa torna Bruno Alves con Dermaku che viene confermato tra i tre centrali.

PRIMO TEMPO

La partita inizia con un Parma che parte subito forte con le iniziative del talento svedese Kulusevski. Il Bologna tenta di mettere in atto un prolungato possesso palla, affidandosi soprattutto all’estro di Orsolini. Tuttavia, i crociati giocano meglio e trovano il gol del vantaggio al 17′ con una conclusione fantastica di Kulusevski. Sprocati perde palla, anticipato dalla difesa rossoblù, ma la palla rimane lì e lo svedese, di prima, calcia forte e a giro sul palo lontano di Skorupski. Terza rete in campionato per l’attaccante, che si conferma uno dei giovani più interessanti di questa Serie A. Il Bologna accusa il colpo ed è ancora il Parma a fare la partita, sfiorando il raddoppio due minuti dopo con Sprocati. Tuttavia, gli uomini di Mihajlovic ritrovano il coraggio, affidandosi ancora una volta al fraseggio. Prima Orsolini impensierisce Sepe, che però dice no all’italiano, poi è Dzemaili a trovare ancora una volta i guantoni del portiere ex-Napoli. La maggiore qualità ed intensità messa in campo dal Bologna si concretizza al 40′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Orsolini mette in mezzo un bel pallone dalla bandierina, Palacio si avventa sulla palla e batte il portiere crociato sul proprio palo. Il Parma prova a reagire subito ancora una volta con Kulusevski, anche oggi ispiratissimo, ma il suo tiro giro finisce a lato di un soffio, Finisce così un primi tempo giocato ad alti ritmi, con buone giocate da una parte e dall’altra. Gli uomini di D’Aversa si affidano al contropiede, appoggiandosi sul solito Kulusevski. Il Bologna, invece, cerca il possesso palla prolungato, con l’asse Palacio-Orsolini che sta riuscendo a creare molte grane alla difesa del Parma. Partita tutto sommato equilibrata, con un pareggio che rispecchia quanto si è visto in gara.

SECONDO TEMPO

Il secondo tempo riprende con il Bologna che gestisce il primo attacco, con una grande giocata di Palacio prima e di Sansone poi. Tuttavia, è il Parma a farsi subito pericoloso, con Kucka che sfiora il vantaggio da una ripartenza ben gestita dai gialloblù. Lo slovacco, su un cross di Kulusevski, prende bene il tempo a Tomiyasu, schiaccia il pallone che, però, finisce di poco fuori sopra la traversa. Una seconda parte di gioco che viaggia a grande intensità e con repentini cambi di fronte, complici anche i tanti errori tecnici da entrambe la parti. I più pericolosi, però, restano gli uomini di D’Aversa, che, al 60′, colpiscono un palo con il solito Kulusevski, protagonista assoluto del match, che con un tiro a giro colpisce il secondo palo della porta difesa da Skorupski. Il Bologna ci prova con Orsolini, ma è il Parma a raccogliere i frutti del proprio gioco. Infatti, al 71′ i crociati tornano in vantaggio grazie ad una rete di Iacoponi. Dall’ennesima ripartenza dei crociati, avviata proprio da Iacoponi, Kucka porta la palla al limite dell’aria e la restituisce al difensore che a tu per tu con il portiere non sbaglia: 1-2 per il Parma. La partita prosegue con il Bologna che continua a giocare nella trequarti avversaria, schiacciando i gialloblù, ormai totalmente raccolti in difesa. Il Parma riesce a resistere fino al 95′, quando Džemaili fa esplodere il Dall’Ara con il gol dell’ex all’ultimo secondo. Da un corner di Sansone, arriva uno stacco in area di Paz, la palla arriva a Džemaili che, da posizione defilata sulla sinistra, di destro scaglia un siluro che fulmina Sepe: 2-2 all’ultimo respiro.

Sembrava fatta per il Parma che stava per portarsi a casa 3 punti d’oro, ma Džemaili ha detto no. Un punto ad entrambe che rispecchia un risultato tutto sommato giusto per quello che si è visto in campo. I crociati hanno scelto un approccio più prudente, mentre il Bologna ha scelto la strada del fraseggio, chiudendo spesso gli uomini di D’Aversa nella propria trequarti.

Fonte immagine di copertina: profilo Twitter ufficiale del Bologna

 

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Marocco, El Kaddouri: “Qualcuno ha rovinato la festa”

Pubblicato

:

Marocco

La vittoria ai rigori del Marocco ai danni della Spagna ha letteralmente fatto impazzire di gioia un intero popolo, che mai aveva visto la propria nazionale spingersi così tanto avanti in un torneo come la Coppa del Mondo.

Ai festeggiamenti, seppur con un po’ di amarezza, non può non prendere parte anche Omar El Kaddouri, centrocampista marocchino del PAOK Salonicco che ha legato la quasi totalità della sua carriera al calcio italiano (dove del resto si è formato), vestendo maglie prestigiose come quelle di Napoli Torino.

In un’intervista rilasciata a Sky Sport, El Kaddouri, ha espresso sentimenti contrastanti riguardo il Mondiale fin qui giocato dai Leoni dell’Atlante, che spaziano dalla mancata convocazione (non veste la maglia della sua nazionale da ormai più di 2 anni) agli incidenti verificatisi a Bruxelles nel corso dei festeggiamenti della comunità marocchina per lo storico trionfo:

In questo inizio di stagione purtroppo ho avuto diversi problemi fisici, e non avevo grandi aspettative sulla convocazione. Per tutti noi è qualcosa di incredibile arrivare ai quarti, ed è giusto festeggiare. Mi spiace che in Belgio ci siano stati degli incidenti, che fortunatamente in Marocco non si sono verificati; sono cose che non devono succedere, ma purtroppo qualcuno ha trovato il modo di rovinare la festa”.

Continua a leggere

Flash News

In casa Juventus si monitora la situazione di Pogba e Chiesa

Pubblicato

:

Pogba

In questo momento in casa Juventus i più attesi sono inevitabilmente Paul Pogba e Federico Chiesa.

I due sono stati infortunati per tutto questo inizio stagione ma dopo la sosta per il Mondiale dovrebbero tornare entrambi a disposizione per l’impiego in gara ufficiale.

Federico Chiesa ha già avuto l’opportunità di scaldare i motori contro PSG, Inter e Lazio ma non è ancora al top della forma. Paul Pogba invece dovrebbe tornare disponibile nel match del 13 gennaio contro l’attuale capolista Napoli.

Secondo quanto riporta Sky Sport l’ex United testerà il suo ginocchio in queste settimane.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Gakpo sui rumors dell’estate: “Ho aspettato lo United ma niente”

Pubblicato

:

Gakpo

Cody Gakpo è negli interessi del Manchester United già da tempo, ma i Red Devils non hanno mai presentato un’offerta né al PSV Eindhoven e né al giocatore.

Queste le parole del classe ’99 al medium olandese NRC in merito alla vicenda: “È stato un periodo duro, ma ho imparato. Adesso approccerò le cose in maniera diversa, ciò che arriva, arriva. Io ho pensato al Manchester United, poi però non sono arrivati. Ho iniziato a dubitare.. Poi è arrivato il Leeds, ma dovevo andare lì? Ora aspetto per tutto. Non ho più risentito nulla dallo United, quando si faranno vivi allora ci penserò. Ho sempre l’aiuto di Dio nel prendere questa decisione”.

Cody Gakpo sembra quindi molto concentrato sul presente, non vuole farsi aspettative o fantasie particolari, il presente adesso è l’Olanda e Qatar 2022.

Continua a leggere

Calciomercato

L’Empoli a caccia di rinforzi: spunta il nome di Piccoli

Pubblicato

:

Fantacalcio

Uno dei dati che meglio rende l’idea del campionato disputato fin qui dall’Empoli è quello dei gol segnati: in 15 partite di Serie A la squadra toscana ha gonfiato la rete avversaria in appena 12 occasioni.

Solo due squadre sono riuscite a fare peggio, ossia Cremonese e Sampdoria, che occupano ormai stabilmente la zona retrocessione.

In vista della seconda parte del campionato, Zanetti avrebbe dunque bisogno di irrobustire notevolmente il proprio reparto offensivo; oltre al nome estremamente suggestivo di Francesco Caputo, di cui si è già parlato nei giorni scorsi, in base a quanto riportato da PianetaEmpoli, si penserebbe all’acquisto di Roberto Piccoli, classe 2001 di proprietà dell’Atalanta (attualmente in prestito al Verona) che ancora non ha trovato sufficiente spazio per mostrare le proprie potenzialità.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969