Dove trovarci

Il Monaco 2016/17: un incredibile sorpresa

In Francia, da ormai quasi 10 anni, la potenza economica del Paris Saint-Germain ha spostato, di gran lunga, gli equilibri del campionato. Dagli arrivi di Thiago Silva e Ibrahimovic del 2012, sino agli arrivi di Mbappe e Neymar del 2017. Questi acquisti hanno mostrato le grandi differenze tra le altre squadre che non hanno saputo tenere il passo dei parigini, ma c’è stato un anno in cui una squadra ha saputo interrompere questo dominio dei parigini: il Monaco.

LA FORMAZIONE

Se si pensa alla formazione della squadra del principato, la prima stella che viene in mente è sicuramente Kylian Mbappe. Il francese si è fatto conoscere proprio in quella stagione e poi per gli anni a venire nel Psg e nella conquista del mondiale del 2018. Ma in realtà il Monaco era formato da grandi giocatori, che adesso militano in altre squadre. C’è ovviamente chi si è perso, come Lemar all’Atletico Madrid o Bakayoko al Chelsea (poi ritrovato sia al Milan che ora al Napoli), e c’è chi invece ha continuato a stupire. Bernardo Silva ha saputo entrare perfettamente nel gioco di Pep Guardiola nel Manchester City in questi ultimi anni, stesso esempio va fatto con Fabinho che è diventato uno dei giocatori simbolo del Liverpool di Klopp, in grado di vincere nel 2019 la Champions League ed a conquistare la Premier League nel 2020.

( Fonte img: Instagram @brfootball )

La difesa forse il punto più debole, dove Glik riusciva a guidare il reparto formato anche da Mendy, anche lui giocatore importante, oggi, nella difesa del City. Il leader della squadra, invece, El Tigre Radamel Falcao, che ha vissuto la migliore stagione della sua carriera dopo il brutto infortunio al ginocchio subito proprio al Monaco nel 2014. Quello che successe nella stagione 2016/2017 non se lo so sarebbe aspettato nessuno. A partire dalla conquista del campionato sino al fantastico percorso in Champions League. Nemmeno l’allenatore Jardim, confermato dopo una buona stagione alla guida della squadra nella stagione precedente.

“…Nessuno all’inizio dell’anno credeva in noi e ora siamo in semifinale di Champions League…”

Leonardo Jardim

LE GRANDI NOTTI

Dopo un bel girone di andata dove il Monaco batte alla terza giornata per 3-1 il PSG, la squadra non riesce ancora ad esprimere il miglior gioco e non trova continuità, cosa che succederà invece al girone di ritorno. Record di punti (95), miglior attacco con l’incredibile score di 107 reti, seconda difesa del campionato. Questo rendimento arriva grazie alla coppia d’attacco formidabile Falcao-Mbappe, il primo capace di segnare 30 gol in stagione di cui 21 in campionato e 9 in Champions. Invece il classe ’98 trova posto soprattutto nel girone di ritorno e segna 15 gol in campionato e 6 nella massima competizione europea.

( Fonte img: twitter @squawka )

Nonostante la vittoria della Ligue 1,il Monaco ha regalato tante emozioni anche nella Champions League. Il Monaco nei gironi convince, e tra le varie partite è da segnalare la vittoria fuori casa contro il Tottenham. Ma le grandi partite si hanno nella fase eliminatoria. Ai sorteggi la fortuna non è dalla parte dei francesi che pescano il Man City di Guardiola. Già all’andata si capisce però che la squadra di Jardim non è in vacanza e stupisce tutti mettendo in difficoltà i Citizens ma perdendo per 5-3. Da segnalare fra tutti lo splendido gol di Falcao, che realizza una doppietta, per il momentaneo vantaggio del Monaco.

Nella partita di ritorno al Louis II la squadra di casa si impone per 3-1 e passa sorprendendo tutti. Ai quarti pesca il Borussia Dormund che viene battuto sia in casa all’andata per 3-2, che al ritorno ancora con il risultato per 3-1. Il viaggio in Champions si fermerà poi contro la Juventus, che batterà i francesi all’andata per 0-2 e al ritorno per 2-1. Ovviamente la squadra ha saputo comunque festeggiare per via della conquista del campionato ma l’amarezza dell’uscita in semifinale è comunque rimasta.

( Fonte img: twitter @433 )

L’anno dopo molti pezzi della squadra partono: Mendy e Bernardo Silva al Manchester City per 57 e 50 milioni di euro, Bakayoko al Chelsea per 40. Oltre a Mbappe che parte in prestito verso il Psg che lo riscatterà la stagione dopo per 145 milioni. Dopo tutte queste cessioni la squadra non è più tornata a questi livelli e il Psg ha continuato a dominare in Francia comprando la stella prorpio dai biancorossi. Ma le emozioni calcistiche che questa squadra ha saputo dare rimarranno nei cuori dei tifosi per tanti anni.

 

(Fonte immagine in evidenza: profilo Twiiter @433)

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Annate da sogno