Connect with us
Il nuovo Genoa di Juric

Generico

Il nuovo Genoa di Juric

Pubblicato

:

Da anni il calcio italiano si è abituato alle discutibili scelte di Maurizio Zamparini. Infatti, il patron del Palermo detiene lo scettro di presidente cambia-allenatori: nella sua gestione, iniziata nel lontano 2002, l’imprenditore friulano ha cambiato allenatore 44 volte. Alcuni di essi hanno tentato fortuna più di una volta sulla panchina rosanero, tra gli altri ricordiamo Delio Rossi, Francesco Guidolin, Stefano Colantuono e Gian Piero Gasperini.

C’è qualcuno che, tuttavia, vuole insediare il primato zampariniano: Enrico Preziosi. Il presidente del Genoa ha deciso di sollevare dal suo incarico l’allenatore Davide Ballardini, salutato con ben poca riconoscenza:

Ballardini è scarso! Soltanto alla Sambenedettese è riuscito ad allenare per tutta la stagione, poi è sempre stato esonerato o non è riuscito a mantenere il percorso.

(Enrico Preziosi su Davide Ballardini, Corriere della Sera)

A chi è stata affidata la scottante panchina del grifone? Come di consuetudine ormai, ad un tecnico che già conosce le strutture d’allenamento di Pegli: Ivan Jurić. Il croato, ancora sotto contratto con il club dopo l’ultimo esonero, torna alla guida dei rossoblu per la terza volta. Tocca a lui prendere le redini di un Genoa che in 7 gare- più una da recuperare a causa del crollo del ponte Morandi-  ha raccolto 12 punti. Un risultato tutto sommato discreto, che ha fatto restare tutti a bocca aperta alla notizia dell’esonero di Ballardini.

Il Genoa ora riparte al seguito di un allenatore combattivo, che chiederà ai suoi grande corsa e impegno. Il modulo, così come per la gestione Ballardini, sarà un 3-5-2 votato alle ripartenze.

Scopriamo insieme come potrebbe essere il nuovo-vecchio Genoa targato Ivan Jurić.

PORTIERI

In un momento di transizione simile è probabile che un allenatore si affidi molto ai giocatori più esperti. Salvo gravi errori o problemi fisici, tra i pali il titolare sarà Federico Marchetti. Andrei Radu, tuttavia, è un talento niente male ed è pronto ad insidiare l’ex portiere della Lazio.

Nelle ultime giornate Ballardini aveva preferito il portiere rumeno all’esperto ex Lazio, ma entrambi hanno dimostrato di potersi giocare tranquillamente il ruolo del numero 1; sicuramente Juric si affiderà anche al suo preparatore dei portieri, che saprà dargli dritte più specifiche riguardo un ruolo tanto delicato.

DIFESA

La retroguardia, il reparto più in difficoltà in questa prima parte di campionato, dunque sistemare la difesa sarà il compito più difficile per il nuovo allenatore. Certo del posto da titolare nella difesa a 3 è il capitano Domenico Criscito. Gli altri centrali potrebbero andare incontro ad una continua rotazione. Jurić non ha a disposizioni grandi giocatori, eccezion fatta per il già citato Criscito: Davide Biraschi è sembrato il più in forma fra i pretendenti ad un posto fra gli 11 iniziali, mentre al momento Nicolas Spolli e Ervin Zukanovic non danno garanzie; chissà che alla fine a spuntarla non sia il turco Koray Günter, che finora ha avuto poche possibilità per mettersi in mostra. Saranno loro a contendersi una maglia.

A dirla tutta però c’è ancora un giocatore in attesa: è ancora ai box l’argentino Lisandro Lopez, il colpo grosso della retroguardia del Grifone di quest’estate. Sicuramente l’ex Benfica e Inter potrà dare esperienza e fisico ai compagni di squadra, oltre a un grandissimo spirito di rivalsa che il buon Lisandro è pronto a mostrare a tutti; l’anno scorso non ha avuto modo di scendere in campo, quest’anno è stato fermato dai guai fisici.

Chissà che l’arma in più di Ivan Juric non possa essere proprio lui.

CENTROCAMPO

Il centrocampo dovrebbe esser composto da quattro o cinque uomini. Due gli esterni larghi pronti a sgroppare sulle fasce: a destra Darko Lazovic, già titolarissimo nella precedente gestione Jurić, può essere un fattore determinante: già in queste prime giornate è stata una delle piacevoli sorprese dell’11 di Ballardini, e adesso che è tornato un allenatore che lo apprezza ancora di più, l’out di destra sarà quasi sicuramente di sua proprietà. A sinistra, a causa della mancanza di reali alterative, potrebbe avanzare Criscito, insidiato dallo scalpitante Pedro Pereira (che teoricamente nasce come terzino destro). Occhio però sempre a Lazovic, che come detto dallo stesso Juric, potrebbe giocare anche a sinistra, lasciando la destra o a Romulo o proprio a Pereira.

Sulla mediana sono in tanti a cercare spazio: nel caso in cui si dovesse vedere una mediana a due, Sandro potrebbe essere il centrocampista difensivo che agirà davanti ai difensori, uno fra Romulo e Bessa vestirà i panni di incursore.

Juric ha chiaramente lasciato intendere però che quella del Genoa è una rosa ricca di mezzali, dunque è molto probabile che la linea mediana sarà occupata da 3 giocatori: la terza maglia se la giocano Hiljemark – perfetto per il ruolo di tuttofare – Mazzitelli e il più tecnico Omeonga. Occhio anche al rientrante Rolon, ex Malaga.

Quando ci sarà bisogno di un trequartista che giochi davanti ai due mediani, ci sarà Goran Pandev a svolgere il ruolo di rifinitore: tutte le principali azioni passeranno per i suoi educatissimi piedi. In alternativa potrà starci anche Bessa.

ATTACCO

Krzysztof Piątek è il trascinatore indiscusso del Genoa nonchè unico intoccabile. Non lo si può lasciare in panchina, è in una forma clamorosamente strabiliante. Al suo fianco dovrebbe gravitare Christian Kouame, con l’ivoriano avrà il compito di creare la superiorità numerica, spostandosi su tutto il fronte offensivo.

Occhio anche al rientrante Favilli che potrebbe pian piano ritagliarsi sempre più spazio, anche se il rientro da un grave infortunio al ginocchio ne sta rallentando crescita e minutaggio. Ma non è tutto: Juric ha chiaramente detto di voler dare spazio a tutti e di voler vedere tutti gli elementi della rosa a disposizione.

C’è un giocatore infatti che là davanti deve ancora trovare minuti: Gianluca Lapadula. Il grande colpo del mercato estivo 2017 del Genoa che oggi è nel dimenticatoio, potrebbe tornare ad essere utile là davanti. E chissà che non ne nasca una sorprendente coppia assieme all’astro nascente polacco.

Se per quanto riguarda l’attacco sembrava che Jurić non avesse troppe gatte da pelare, invece potrebbe ritrovarsi un reparto completo, interessante e ricco di qualità.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Ultim’ora Milan: Ismaël Bennacer salterà il derby contro l’Inter

Pubblicato

:

Milan

Pessima notizia per il Milan. Come evidenziato dagli esiti degli esami svolti questo pomeriggio, Ismail Bennacer salterà il derby contro l’Inter. Come riportato da Antonio Vitiello, la risonanza magnetica ha evidenziato una lieve lesione muscolare al bicipite femorale della gamba sinistra.

Ora l’algerino verrà rivalutato settimana prossima e punterà a rientrare entro il match di Champions contro il Tottenham. Salgono le quotazioni di Krunic per un posto da titolare domenica sera.

Continua a leggere

Champions League

Mbappé va ko: il comunicato lo esclude dalla sfida contro il Bayern

Pubblicato

:

Mbappé

Kylian Mbappé si ferma per infortunio. Il fuoriclasse del PSG ha accusato un problema muscolare durante la sfida contro il Montpellier, da cui è dovuto uscire anzitempo. Oggi il francese si è sottoposto ad esami strumentali che hanno evidenziato una lesione muscolare, che, di fatto, lo esclude dagli ottavi d’andata contro il Bayern Monaco in Champions League. Di seguito, riportiamo il comunicato della società parigina, che annuncia come Mbappé sarà out per tre settimane:

Dopo essere stato sottoposto ad esami, Kylian Mbappé ha riportato un infortunio alla coscia sinistra a livello del bicipite femorale. Dovrebbe restare fermo per tre settimane. Oggi verranno effettuati altri test per Sergio Ramos

Continua a leggere

Calciomercato

La Rassegna Social del Diez – Enzo al Chelsea, impresa Cremonese!

Pubblicato

:

Punto d’informazione, di impressioni e passioni condivise, i social network oggi più che mai raccontano le emozioni dei tifosi. Numero Diez vi presenta la rassegna dedicata ai più importanti messaggi della giornata di ieri.

 

Continua a leggere

Coppa Italia

Barak si gode la vittoria della sua Fiorentina: “Siamo stati bravi, contava solo vincere”

Pubblicato

:

Barak

La Fiorentina supera il Torino per 2-1 e accede alle semifinali della Coppa Italia. Nel post partita, ai microfoni di Mediaset, il centrocampista dei viola Antonin Barak ha espresso tutta la sua soddisfazione per il passaggio del turno:

LA PARTITA “Abbiamo fatto molto bene. Queste sono partite secche e vanno vinte. La prestazione non conta, siamo stati bravi. Peccato solo per il gol subito ma siamo contenti di essere in semifinale”.

AMRABAT “Non voglio parlarne, sono cose di spogliatoio e non sarebbe giusto. Lui è un grande professionista ed un giocatore molto importante per noi”.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969