Connect with us
"Pogback": Il ritorno di Pogba alla Juventus

Calciomercato

“Pogback”: Il ritorno di Pogba alla Juventus

Pubblicato

:

Juventus

Per l’ufficialità si dovrà ancora attendere, ma l’affare è già pressoché concluso. Siamo ormai al countdown finale per il ritorno di Paul Pogba alla Juventus. Dopo sei anni altalenanti al Manchester United, il talento francese è pronto a riabbracciare Madama, il suo primo vero amore calcistico, e legarsi a lei per risollevarla e risollevarsi.

Mai trasferimento, infatti, avvenne con una tale convergenza d’intenti fra un club e un giocatore. Il Polpo ha così la sua ultima chance per far brillare di nuovo una carriera che, allo United, sembrava davvero aver preso una brutta piega. Per la Juventus riecco un pilastro a cui aggrapparsi dopo due stagioni da dimenticare.

I problemi al Manchester United

Certo, è impossibile non guardarsi indietro a dare un’occhiata alle ultime annate di Pogba a Manchester. Dopo i primi due anni in cui i rapporti con Mourinho si sono fatti sempre più tesi, il francese sembra definitivamente esplodere con l’arrivo di Solskjaer in panchina. Nella seconda parte di stagione mette a referto ben 9 reti e 6 assist, diventando il miglior marcatore della squadra nella stagione e permettendo al club di piazzarsi in zona Champions dopo aver recuperato un ritardo di ben 11 punti dal quarto posto.

Al di fuori di questa finestra temporale (e al netto del mondiale vinto con la Francia) il classe ’93 ha fatto molta fatica a ritagliarsi un posto come protagonista indiscusso nel Manchester United. Di certo non lo hanno aiutato gli infortuni che ha dovuto patire in questi ultimi anni. O ancora, il ritrovarsi in una squadra senza un progetto tecnico chiaro.

Il campione del mondo ha spesso affermato di essersi sentito triste e depresso durante la sua esperienza inglese. Problemi di natura psicologica che ne hanno indubbiamente limitato il rendimento in campo. Per avere una conferma di ciò basti vedere le sue prestazioni con la nazionale francese.

Con Les Bleus Pogba si libera improvvisamente da tutte le angosce di Manchester. In nazionale è il fulcro del gioco di tutta la squadra. Sicuramente uno dei migliori nel rovinoso europeo dei transalpini dell’estate scorsa e della Nations League vinta proprio in Italia a ottobre. Deschamps gli ha affidato le chiavi della manovra e dai suoi piedi nascono i maggiori pericoli per gli avversari.

Pogba al centro del villaggio

Sicuramente per Pogba il ritorno alla Juventus segna una svolta nella sua carriera. A Torino può finalmente rifarsi trovando un ambiente a lui familiare. Un ambiente che, dopo gli addii di Cristiano Ronaldo, Dybala e del capitano Giorgio Chiellini ha disperatamente bisogno di un leader su cui costruire il nuovo progetto tecnico.

A Paul, come sappiamo, il carisma non manca di certo. E un progetto tecnico che ruoti tutto intorno a lui (proprio come nella Francia) non può far altro che amplificarne le potenzialità. Da aggiungere inoltre che il ritmo del campionato di Serie A (di gran lunga più basso di quello della Premier) può far sì che il Polpo possa tornare a essere il giocatore dominante che era durante la sua prima esperienza a Torino.

L’uomo giusto per Allegri

Fortemente voluto in primis proprio da Massimiliano Allegri, Pogba è chiamato a risolvere uno dei principali problemi della Juventus in questi ultimi anni. La mancanza di qualità a centrocampo.

Il ritorno di Pogba in bianconero può veramente essere la chiave di volta su cui far girare un squadra che, dall’addio di Pjanic, in mezzo al campo ha dimostrato di non avere più nessun creatore di gioco.

Nell’ipotetico centrocampo a 3 che potrebbe schierare l’anno prossimo il tecnico livornese, il campione del mondo troverebbe la sua sistemazione ideale come mezzala, affiancato da Locatelli come vertice basso e McKennie. Così il francese potrà non solo legare i reparti e dare fluidità alla manovra offensiva, ma anche dare libero sfogo alla fantasia in zona di rifinitura, fornendo assist preziosi per Vlahovic o andando egli stesso alla conclusione con uno dei suoi Pogboom dalla distanza.

Con questi interpreti l’effetto potrebbe essere positivo soprattutto in termini di reti. Oltre alle doti tecniche, balistiche e di inserimento di Pogba, le straordinarie doti di McKennie nelle incursioni in area possono regalare ad Allegri molti gol proprio dai centrocampisti. Gol che sarebbero preziosissimi per i bianconeri che quest’anno sono stati solo l’11esimo attacco del campionato con soli 57 gol fatti.

L’unico difetto potrebbe essere il sacrificio di Locatelli come play basso. Ruolo che non ha pienamente nelle sue corde e lo limiterebbe dal punto di vista tattico. Ecco quindi che si può ipotizzare anche un 4-2-3-1. In questo caso Pogba può essere ancora più libero di creare gioco dietro Vlahovic, preoccupandosi meno della fase difensiva. Alle sue spalle come mediani agirebbero Locatelli e Zakaria a fungere da frangiflutti. In tal modo sarebbe permesso a Locatelli di avanzare il suo raggio d’azione per poter meglio impostare e, soprattutto, per sfruttare maggiormente il suo dinamismo.

Con entrambi i moduli sono inoltre utilizzabili anche i due giovani Miretti e Fagioli. Usati per allungare le rotazioni di mister Allegri, entrambi avrebbero l’opportunità di dimostrare di essere qualitativamente pronti per la Serie A e per la Vecchia Signora. Tutto ciò, ovviamente, al netto delle cessioni dei vari Arthur, Rabiot e Ramsey.

Con Di Maria è anche meglio

Il trasferimento di Angel Di Maria in bianconero, sebbene sia ancora tutt’altro che scontato, può aprire ulteriori scenari tattici per la Juventus.

Col Fideo un possibile 4-2-3-1 diventerebbe davvero stellare. Con Pogba dietro Vlahovic, l’argentino sulla destra e il ritorno di Federico Chiesa sulla sinistra la Juventus avrebbe tutto ciò che serve per puntare a ritornare grande già dalla prossima stagione.

Con un reparto avanzato simile i tifosi bianconeri potrebbero non fare non molta fatica a dimenticare l’addio di Dybala.

 

 

 

 

 

 

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

La Rassegna Social del Diez – Enzo al Chelsea, impresa Cremonese!

Pubblicato

:

Punto d’informazione, di impressioni e passioni condivise, i social network oggi più che mai raccontano le emozioni dei tifosi. Numero Diez vi presenta la rassegna dedicata ai più importanti messaggi della giornata di ieri.

 

Continua a leggere

Calciomercato

Il Lucerna cerca Lazetic in prestito: la risposta del calciatore

Pubblicato

:

Milan Lazetic

Ieri sera si è conclusa la sessione di calciomercato invernale nella maggior parte degli stati del Mondo.

In Svizzera, ad esempio, il mercato sarà aperto fino al 15 febbraio e molte squadre sono ancora alla ricerca di rinforzi. Questo il caso del Lucerna che, secondo calciomercato.com, ha chiesto al Milan il prestito di Lazetic.  I rossoneri avrebbero già dato l’ok all’operazione e ora attende una risposta dal ragazzo. La giovane promessa non è però del tutto convinto della destinazione e ha manifestato la volontà di rimanere in rosa almeno fino a giugno.

Arenata per il momento l’ipotesi svizzera per la promessa serba, desiderosa di trovare più minutaggio in questa seconda parte di stagione.

Continua a leggere

Calciomercato

Pavard poteva arrivare all’Inter a gennaio: il retroscena

Pubblicato

:

Pavard

Le ultime ore di calciomercato per l’Inter sono state davvero infuocate. La ricerca di un difensore che potesse sostituire immediatamente Skriniar, pur non essendo andata a buon fine, è stata molto intensa. Il difensore slovacco è promesso al PSG in estate ma, se i nerazzurri fossero riusciti a trovare un suo erede, avrebbe fatto le valigie anche in questa sessione di mercato.

Tra i tanti nomi sondati, è comparso anche quello di Benjamin Pavard, centrale o terzino francese del Bayern Monaco. Il suo contratto scadrà a giugno 2024 e il rischio è quello che possa trovare sempre meno spazio, visto anche l’arrivo di Cancelo. Proprio per questi motivi, i bavaresi avevano aperto a un suo trasferimento, ma il campione del mondo del 2018 ha rigettato l’offerta.

Secondo quanto riportato dal quotidiano catalano Sport, il motivo del suo rifiuto deriva dalla sua decisione di approdare al Barcellona in estate.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Chelsea senza freni: il clamoroso dato sulle spese dei Blues

Pubblicato

:

Se in Serie A la sessione invernale di mercato non ha regalato grossi colpi ad effetto, in Premier League il Chelsea ha messo in atto una campagna acquisti faraonica. Il mercato dei Blues è stato infatti senza freni, tanto da arrivare a registrare un clamoroso dato.

Come riportato da Transfermarkt, a gennaio, ad eccezione della Premier League, il Chelsea ha speso di più rispetto a quanto non abbiano fatto gli altri top 4 campionati europei messi insieme. Nello specifico: Ligue 1, Bundesliga, LaLiga e Serie A. Combinate, hanno speso un totale di 256,3 milioni di euro.

Il club londinese invece, con il pagamento in extremis della clausola di Enzo Fernandez, ha speso ben 329,5 milioni di euro. Altro dato non da poco, è la spesa dei top 5 campionati: con l’aggiunta della Premier League, la somma totale diventa 1,09 miliardi. Numeri che testimoniano la grandissima potenza economica di cui dispongono club che militano nel massimo campionato inglese.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969