Connect with us

Generico

Il Torino che verrà

Pubblicato

:

Crescere attraverso le conferme. In un’estate di rivoluzione all’interno dell’organigramma, con la burrascosa separazione dal ds Petrachi, recentemente accusato di essersi portato via i database della società granata e la conseguente promozione del responsabile del settore giovanile Bava, il Torino sceglie invece la continuità per quanto riguarda la rosa che affronterà la stagione 2019-2020, quella dell’agognato ritorno in Europa – complice l’esclusione del Milan.

Ed è proprio a causa dell’imminente esordio europeo (il 25 luglio al Moccagatta di Alessandria, probabilmente contro gli ungheresi del Debrecen) che il Toro è stata una delle prime squadre a cominciare la stagione, palesando nelle prime uscite del ritiro di Bormio un entusiasmo travolgente e qualche novità intrigante, a partire dall’abito tattico.

SUGGESTIONE 3-4-3

Il presidente Urbano Cairo non si è nascosto e, pur promettendo un paio di acquisti soprattutto per ampliare l’organico, ha indicato nel cambio di modulo la principale novità del prossimo Torino. Si lavorerà infatti per implementare il 3-4-3 su cui Walter Mazzarri ha puntato con decisione sin dal primo giorno di ritiro. Dopo un anno e mezzo di consolidamento attraverso un gioco pratico aumentato di qualità strada facendo, il tecnico di San Vincenzo si giocherà le sue fiches su questa nuova veste per far fare il definitivo salto di qualità al suo Toro.

Fonte profilo Facebook Torino FC

Il modello potrebbe essere l’Atalanta di Gasperini ed è qualcosa in più di una suggestione: il Torino di Mazzarri già nella scorsa stagione ha dimostrato un’aggressività ed una capacità di pressione alta con pochi eguali in Serie A, grazie anche ad un reparto offensivo particolarmente elettrico, guidato dal capitano Belotti, per il quale potrebbe non essere così peregrino il paragone con l’atalantino Zapata per generosità e capacità di coniugare gioco spalle alla porta e attacco della profondità. Iago Falque, invece, potrebbe studiare da Papu Gomez, muovendosi con ampia libertà per aiutare la rifinitura di una squadra che, come punto debole, ha la scarsa attitudine dei suoi centrocampisti a trovare la posizione dietro le linee di pressione per agevolare la creazione di palle gol nell’ultimo terzo.

COME VERRÀ USATO LYANCO

A questo difetto del centrocampo si può ovviare sul mercato o si può parzialmente sopperire grazie all’inserimento nell’undici titolare di un difensore dalla visione raffinata come il rientrante Lyanco, rivitalizzato dal prestito al Bologna. Il prestito di gennaio è stato una manna per il giovane brasiliano, la cui crescita era stata arrestata da qualche guaio fisico: a Bologna ha avuto anche la fortuna di riabbracciare, dopo poche settimane, Mihajlovic, tecnico che lo aveva apprezzato proprio a Torino e che sa particolarmente valorizzare difensori dalle qualità tecniche sopra la media. Con Lyanco il pacchetto arretrato granata è assortito benissimo, con l’incontenibile aggressività di Izzo, nato per il gioco di Mazzarri, e la qualità di Lyanco, ai fianchi del totem Nkoulou.

Attenzione, però, perché nonostante l’alta richiesta del Torino, Lyanco è appetito da molti club europei e, se non fosse ritenuto una pedina imprescindibile durante la preseason – data anche la presenza di Bonifazi, Bremer e Djidji – , per lui potrebbero riaprirsi le porte del mercato.

 

E ZAZA?

Se c’è un giocatore che non è d’accordo con il passaggio al 3-4-3 potrebbe essere Simone Zaza e lo sta dimostrando con un inizio di preparazione da urlo. Senza partire titolare, ha segnato infatti la bellezza di nove reti nelle prime due amichevoli, contro Bormiese e Merano, evidenziando peraltro un feeling strepitoso con Belotti (nove centri anche per lui). In generale Zaza è sembrato l’uomo più in forma del Toro insieme ad Ansaldi e, se è vero che il doppio impegno potrebbe consentire a tutti di trovare spazio, è anche difficile immaginare uno Zaza completamente ritrovato confinato ai margini dell’undici titolare.

La soluzione potrebbe essere un compromesso tra il vecchio 3-5-2 e il 3-4-3: ovvero Iago Falque a muoversi alle spalle del tandem Belotti-Zaza anche se questo vorrebbe dire rinunciare all’ampiezza e alla rapidità che si va ricercando con l’utilizzo di Berenguer. Insomma, diverse opzioni per un nuovo Torino brillante ed ambizioso, per il quale qualche ulteriore soluzione potrebbe arrivare dal mercato.

Fonte immagine in evidenza: profilo Facebook Torino FC

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

La Cremonese giocherà l’8 dicembre contro il Salsomaggiore: i dettagli

Pubblicato

:

Castagnetti

Tra i club di Serie A impegnati in amichevoli di vario tipo, fondamentali per non far perdere il ritmo ai calciatori, non fa eccezione la Cremonese; i grigiorossi infatti, oltre al match dal sapore natalizio contro il Torino il 23 dicembre, si starebbero muovendo per disputare qualche altro incontro. Come riportato da La Provincia, sarebbe già in programma per l’8 dicembre una partita col Salsomaggiore, militante in Serie D.

Continua a leggere

Flash News

Napoli in ritiro in Turchia: due giocatori si allenano a parte

Pubblicato

:

Pronostico Liverpool-Napoli

Approdato tre giorni fa a Belek, in Turchia, il Napoli prosegue gli allenamenti che dovranno preparare Osimhen e compagni a difendere la leadership solitaria in campionato, ottenuta nei mesi scorsi; il 7 dicembre i ragazzi di Spalletti affronteranno l’Antalyaspor, seguito dal match di quattro giorni dopo contro il Crystal Palace.

Parallelamente agli allenamenti del gruppo prosegue il piano di recupero di Amir Rrahmani Salvatore Sirigu, che si stanno allenando a parte, rispettivamente in campo ed in piscina.

Continua a leggere

Flash News

L’Empoli va a Marbella: amichevoli con Sturm Graz e Wolverhampton

Pubblicato

:

Destr

La visita dell’Empoli a Marbella ha ben poco a che fare col turismo balneare; in Andalusia, dove è approdata due giorni fa, la squadra toscana è infatti attesa da due partite amichevoli, di cui la prima si giocherà domani, contro lo Sturm Graz. Quattro giorni dopo ad affrontare i ragazzi di Paolo Zanetti toccherà al Wolverhampton; è già in programma inoltre una terza amichevole, contro il Monaco al Castellani il 16 dicembre.

Tutti test probanti per scaldare i motori in vista del ritorno in Serie A nel 2023. La prima sfida dell’Empoli sarà contro l’Udinese, in terra friulana.

Continua a leggere

Flash News

Lecce, Dermaku prosegue il lavoro differenziato: i dettagli

Pubblicato

:

Lecce

Prosegue in casa Lecce la preparazione in vista di quello che sarà un intenso 2023 di Serie A; i salentini, nonostante 8 rassicuranti punti di vantaggio sulla Cremonese terzultima, sono ancora ben lontani dal raggiungere l’obiettivo salvezza, per la quale servirà una rosa il più al completo possibile.

In questa direzione lavora dunque Kastriot Dermaku, difensore albanese che sta proseguendo il proprio programma di lavoro differenziato per recuperare dal recente infortunio al bicipite femorale della coscia (lesione di primo grado).

Nell’allenamento di ieri ha continuato a prendere confidenza con il campo, e in questo senso proseguirà la sua preparazione al primo match del 2023 del suo Lecce, in casa contro la Lazio.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969