Connect with us

Generico

Il triste declino di Van Der Meyde

Pubblicato

:

Il cammino della nostra vita lo potremmo paragonare molto semplicemente ad un lungo viaggio. Un viaggio nel quale cresciamo, maturiamo, lottiamo per raggiungere i nostri sogni e diventare più saggi. Non sempre però durante il percorso, la strada risulta essere tranquilla e in discesa. A volte basta veramente poco per addentrarsi in vie buie e sterrate, che offuscano il nostro traguardo e distruggono tutto ciò che di buono avevamo costruito fino a quel momento. Lo sa bene Andy Van Der Meyde, talento olandese di inizio millennio, che per colpa delle sue dipendenze, è stato costretto a lasciare il calcio a soli 31 anni, facendoci rimpiangere per sempre le sue magie di inizio carriera.

GLI INIZI ALL’AJAX

Nasce ad Arnehm nel 1979, capoluogo della provincia della Gheldria e sede della storica squadra olandese del Vitesse. Dopo aver iniziato in squadre minori del suo paese, arriva la chiamata dell’Ajax, che vantava e vanta tuttora uno dei settori giovanili più floridi del panorama mondiale. Dopo quattro anni di apprendimento, approda in prima squadra conquistandosi l’esordio all’età di diciott’anni contro il Twente. Proprio in quest’ultima squadra, due anni più tardi, verrà girato in prestito per una stagione, dove totalizzerà 32 presenze e 2 gol, valevoli la richiamata dei lancieri e l’esplosione definitiva in Eredivisie.

“L’Ajax è stata l’unica squadra in cui mi sono divertito. Legai con Ibrahimovic e Mido: si sfidavano in folli corse notturne sull’anello della A10 attorno ad Amsterdam. Zlatan aveva una Mercedes SL AMG, Mido alternava Ferrari e BMW Z8. Tomas Galasek invece mi iniziò alle sigarette”.

Nel suo periodo all’Ajax, l’estroso Van Der Meyde, era solo uno dei tanti talenti che completava l’organico dei lancieri: a fare compagnia ad Andy infatti, c’erano i vari Chivu, Maxwell, Van Der Vaart, Mido e Ibrahimovic, impeccabili sul terreno di gioco, ma discutibili al di fuori di esso. Nonostante le ragazzate, il talento del ragazzo di Arnhem, continuava a splendere di luce propria, grazie alle sue galoppate sul versante sinistro e al suo potente e preciso piede destro. Famosa e iconica la sua esultanza, in cui, dopo ogni gol, impugnava un fucile immaginario e sparava in aria, come un predatore in una battuta di caccia. Lo ricordano bene i tifosi romanisti: nel Marzo 2003 all’Olimpico, l’olandese trafisse con un suo destro terrificante dall’angolo dell’area di rigore Pellizzoli, sancendo l’uscita dalla competizione della formazione capitolina e il proseguo per i lancieri, eliminati poi dal Milan. La rete siglata all’Olimpico decretó la sua uscita ufficiale dall’anonimato, passando da essere “uno dei tanti” della canterà dell’Ajax, al ragazzo che finalmente ce l’aveva fatta.

Fonte immagine: profilo Instagram ufficiale del calciatore

IL PASSAGGIO IN NEROAZZURRO

“Poi un giorno arriva l’offerta dell’Inter: 8 milioni. Accettai, nonostante l’allenatore, Ronald Koeman, non mi ritenesse ancora pronto per l’estero. Dopo una settimana a Milano, telefonai a David Endt implorandolo di riportarmi a casa. I soldi possono anche tenerseli, gli dissi. Mi consumava la nostalgia. Passare dall’Ajax all’Inter è stato come lasciare un negozio di paese per una multinazionale. Tutto estremamente professionale, un giro di soldi pazzesco, il presidente che dopo ogni vittoria allungava ai giocatori 50 mila euro a testa”.

Arriviamo dunque all’estate del 2003, in cui la maggior parte delle squadre, vedevano in Van Der Meyde, la chiave per poter sorprendere e svoltare nei campi di tutta Europa. Alla fine a spuntarla, fu l’Inter del presidente Massimo Moratti che per 8 milioni, acquistò “l’oggetto del desiderio” che faceva gola a molti altri club. La partenza, seppur non eccelsa, lasciò ben sperare i supporters nerazzurri, che si fregarono le mani ulteriormente la sera del 17 Ottobre 2003 ad Highbury, quando una sua prodezza al volo di destro regalò il momentaneo 2-0 nerazzurro. Fu solamente un fuoco di paglia però, e da li a poco “l’olandese volante”, scomparve dall’undici titolare di Cuper e spesso rifilato in panchina. La libertà che aveva ad Amsterdam, era un fattore impossibile da replicare nel capoluogo lombardo. L’aria di Milano, così frenetica e inquinata, opprimeva il genio calcistico di Andy, che per dimenticare iniziò a bazzicare i locali della Milano notturna, limitando ancor di più le sue doti e conseguentemente il suo minutaggio. Iniziò ad amare maledettamente gli alcolici, uscendo dagli schemi considerati ordinari, proprio come dimostra lo zoo che insieme alla moglie Dyana aveva creato nel suo giardino.

Fonte immagine: profilo Instagram ufficiale del club

IL DECLINO A LIVERPOOL

All’Everton mi proposero uno stipendio di 37mila euro a settimana, più del doppio di quello che percepivo all’Inter. Ci andai di corsa. La prima cosa che feci fu comprare una Ferrari e andare a sbronzarmi al News Bar, uno dei locali più in voga di Liverpool”.

Il suo tempo a Milano era finito, lo sapeva lui e lo sapeva anche Branca, che alla prima occasione utile lo spedì a Liverpool, sponda Everton. Averlo visto giocare con la maglia dei toffes è un’assoluta rarità, per via dei numerosi infortuni e dell’abuso di alcool e droghe che caratterizzeranno la sua avventura inglese. Paradossalmente era molto più semplice incrociarlo in qualche locale notturno o night club, sua vera passione di quel periodo. In uno di questi posti conobbe Lisa, una spogliarellista che successivamente diventerà mamma di una delle sue figlie, ma che sarà solamente una delle tante amanti di quel periodo. Queste numerose serate notturne, portarono la moglie Dyana ad assumere un investigatore privato per far pedinare il marito e una volta aver raccolto le prove, lo portò a processo e se ne andò, lasciando l’oramai ex giocatore in piena balia di alcool, gioco d’azzardo, donne e droghe. Andy a 27 anni, vive come se fosse il padre di quel ragazzotto che appena 9 anni prima esordiva in Eredivisie, costretto ad assumere abitualmente psicofarmaci per combattere depressione e insonnia. Rimanere a Liverpool, molto probabilmente lo avrebbe portato alla morte, decide quindi di tornare in Olanda al PSV, per poi ritirarsi ufficialmente al termine della stagione a causa delle sue impresentabili condizioni fisiche.

LA FINE DI VAN DER MEYDE

Un talento impressionante che durante il viaggio della sua vita, ha spesso preso vie secondarie e tenebrose, fermandosi varie volte in un tunnel da cui è difficile ripartire. Ora il suo obiettivo principale è quello di far capire nelle scuole calcio, come non abbandonare il proprio talento, magari emulando ancora una volta il gesto del cacciatore, non sparando a salve, ma mirando e colpendo tutte quelle dipendenze che in passato sono state capaci di sottrargli tutto il suo talento.

(Fonte immagine di copertina: profilo Instagram ufficiale del calciatore)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Cairo sugli aiuti al mondo del calcio: “Serve un sostegno ai club”

Pubblicato

:

Torino, Cairo parla sulle condizioni di Juric

Il presidente del Torino Urbano Cairo ha espresso il suo parere sugli emendamenti presentati in Parlamento per sostenere il mondo del calcio.

Il governo avrebbe infatti deciso di dilazionare in 5 anni il pagamento dei 480 milioni di euro che i club avrebbero dovuto versare nelle casse del fisco.

Cairo si è espresso così ai microfoni dell’ANSA:

Premesso che come molti sanno spesso mi capita di non essere d’accordo con Lotito, stavolta la pensiamo alla stessa maniera. La situazione è sotto gli occhi di tutti: il nostro è un mondo che vive da tempo difficoltà, molto aggravate negli ultimi anni dalla pandemia. Certo, sono stati fatti sbagli, ma errori di gestione se ne fanno anche in altri settori della società, che pure ricevono aiuti rilevanti dallo stato. Ad esempio penso al tax credit per il cinema”.

Continua a leggere

Flash News

Turris-Avellino 1-3, le pagelle del match: Fabio Tito devastante!

Pubblicato

:

Modena

L’Avellino passa 1-3 contro la Turris e ottiene il terzo risultato utile consecutivo. I lupi, cinici e compatti, giocano una buona gara, trascinati da un devastante Fabio Tito, autore di una doppietta. Nel primo tempo meglio la Turris, che però all’intervallo si trova sotto 1-2. Tito apre le danze al ventottesimo, con un sinistro chirurgico da fuori area. Pochi minuti dopo, Gambale raddoppia di testa. I padroni di casa non mollano e al 37esimo Maniero accorcia le distanze con un colpo di testa che si insacca alle spalle di Pane. Nella ripresa l’Avellino addormenta la partita e colpisce al momento giusto; al 64′ Tito realizza un gol fotocopia del primo. I lupi sorpassano i corallini in classifica e si avvicinano alla zona playoff.

TURRIS

Perina 6: Incolpevole sui gol subiti. Compie delle parate importanti che evitano un passivo più pesante.

Manzi 5: I due gol di Tito arrivano sulla sua fascia. Non riesce a contenere Russo e sul terzo gol dei lupi è a dir poco disastroso.

Boccia 4,5: Il peggiore dei suoi. Mai in partita, si addormenta sul gol di Gambale e, insieme al sopraccitato Manzi, combina un pasticcio in occasione della terza rete dell’Avellino.

Frascatore 5: Nella giornata disastrosa della difesa corallina, non si salva neanche lui.

Contessa 5: Beccato dai suoi stessi tifosi, gioca male, tanto da apparire svogliato. Lo si nota dalle innumerevoli palle perse e dai primi controlli quasi sempre sbagliati.

Vitiello 5,5: Poco attento e quasi mai coinvolto nella costruzione del gioco. Nel primo tempo svirgola all’interno dell’area di rigore sprecando una buona occasione da rete. (Dal 57′ Haoudi 6: entra bene in partita e si mette in mostra con qualche dribbling e giocate interessanti).

Acquadro 6,5: Centrocampista totale. Corre, imposta, recupera palloni ed è sempre in partita. Realizza l’assist per la rete di Maniero. (Dal 82′ Ardizzone s.v.)

Gallo 6: A centrocampo fa quel che può. Nulla di più, nulla di meno. Sufficiente. (Dal 75′ Longo 6: prova a dare vitalità al reparto offensivo, ma il tempo a disposizione è davvero poco).

Ercolano 6: Disputa una gara discreta. Corre tanto ed effettua qualche percussione interessante. (Dal 57′

Giannone 6: Entra e prova a dar manforte a Maniero. Si fa vedere al limite dell’area con un paio di conclusioni dal limite).

Maniero 7,5: In questa categoria conta l’esperienza. E lui ne ha da vendere. Da ex di turno gioca una gara perfetta; difende e spazia su tutto il fronte offensivo creando non pochi pericoli alla retroguardia avellinese. Il gol è la ciliegina sulla torta.

Leonetti 5: Sbaglia un gol clamoroso che, a 5 minuti dall’inizio del match, avrebbe potuto cambiare le sorti dell’incontro. Anche a fine partita spreca la palla del 2-3 calciando addosso a Pane.

AVELLINO

Pane 6,5: Sempre attento nelle uscite, incolpevole sul gol subito. Compie un grande intervento su Leonetti a tempo quasi scaduto.

Rizzo 6: Attento in fase difensiva, non si sbilancia più di tanto perché alla fase offenisiva ci pensa Fabio Tito.

Moretti 6,5: Compie un miracoloso salvataggio sulla linea a inizio partita, per il resto normale amministrazione.

Auriletto 5,5: Il peggiore dell’Avellino. Nel complesso non gioca male ma si fa sovrastare da Maniero in occasione del gol.

Tito 8: Attento in difesa, letale nella trequarti avversaria. Due conclusioni a incrociare sulle quali Perina non può nulla. Devastante. (Dal 73′ Zanandrea 6: Normale amministrazione, come è normale che sia al rientro dall’infortunio).

Maisto 6: Il classe 2003 gioca una buona gara. Sempre attento in fase di copertura, ogni tanto rischia anche giocate dal più elevato coefficiente di difficoltà. (Dal 77′ Illanes s.v.)

Matera 6,5: Anche lui interpreta benissimo le due fasi. Ottimi i tempi di inserimento e soprattutto le cavalcate palla al piede. (Dal 83′ Franco s.v.)

Casarini 6,5: Ottimo sia in fase di costruzione sia in fase di non possesso. Si conferma ancora una volta il faro del centrocampo dei lupi. (Dal 73′ Garetto 6: normale amministrazione).

Russo 7: Ancora una volta, dimostra di essere, qualitativamente parlando, il migliore dell’Avellino. Gli stop a seguire, così come i passaggi per i compagni, sono giocate sopraffine. Spazia su tutto il fronte d’attacco e serve a Gambale l’assist per lo 0-2.

Trotta 6: Non segna ma si sacrifica per la squadra. Sempre il primo a difendere, ottimo nel pressing.

Gambale 6,5: Ciò che tocca, diventa oro. Alla prima occasione è cinico e con un colpo di testa manda il pallone alle spalle di Perina. Re Mida.

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram Us Avellino

 

Continua a leggere

Flash News

Bayern Monaco, De Ligt chiarisce: “Mai vicino al Chelsea”

Pubblicato

:

de Ligt

Mattijs De Ligt, ex della Juventus, ora in forza al Bayern Monaco, ha parlato dai Mondiali in Qatar delle voci circolate circa un possibile interessamento in estate da parte del Chelsea:

LE DICHIARAZIONI DEL DIFENSORE

Il difensore olandese conferma di essere concentrato sul Bayern Monaco e respinge altre voci:

“Sapevo che il Chelsea era interessato ma con me non hanno mai parlato. Io stavo pensando al Bayern. Non sono mai stati vicini, forse si sono parlati con la Juventus. Onestamente non ho mai avuto contatti con loro in via personale”.

Continua a leggere

Generico

Inghilterra – Senegal: Sterling fuori a sorpresa

Pubblicato

:

Pronostico Inghilterra-Senegal

Il Mondiale entra nel vivo e dopo la vittoria contro la Polonia per 3-1, stasera la Francia conoscerà chi tra Inghilterra e Senegal sarà la propria avversaria ai quarti. A sorpresa sarà assente Raheem Sterling che, come spiegato dalla FA, non sarà a disposizione per motivi familiari.

Di seguito le formazioni ufficiali.

Inghilterra: Pickford, Walker, Stones, Maguire, Shaw; Bellingham, Rice, Henderson; Saka, Kane, Foden.

Senegal: Edouard Mendy, Sabaly, Koulibaly, Diallo, Jakobs, Ciss, Nampalys Mendy, Ndiaye, Diatta, Ismaila Sarr, Dia.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969