Connect with us

Generico

Un incubo senza fine

Pubblicato

:

A quanti di voi è capitato, magari durante una brutta notte passata con l’influenza, di fare un brutto sogno dal quale non ci si riesce a svegliare? Ecco è quello che stanno vivendo, in questo momento, i ragazzi e i tifosi del Benevento.
Un incubo, come dicevamo, arrivato a soli 4 mesi dal sogno più bello di tutti: la promozione. 87 anni d’attesa per poi collezionare 0 punti nelle prime 10 giornate di campionato e accumulare record su record, tutti però negativi.

PEGGIORE D’EUROPA

Nessuno in tutta Europa, a questo punto della stagione, è ancora a 0 punti: almeno a quota 3 ci sono il Metz in Francia e il Crystal Palace in Inghilterra, il Colonia è a 2 in Germania, persino il derelitto Malaga un punticino nella Liga l’ha raggranellato. Ma c’è di più: dopo il tracollo per 3-0 in casa contro la Fiorentina, i sanniti hanno stabilito pure il record storico della Serie A. Nove sconfitte su nove partite giocate: mai successo prima, superato il primato negativo del Venezia negli Anni ’40. Ieri, il gol di Pavoletti in pieno recupero, ha assegnato un altro record negativo alle streghe: dieci partite perse su dieci giocate. Un peccato, perché la promozione dello scorso anno era stata commovente e meritata sul campo. Ma vale poco realizzare imprese storiche, se poi ci si presenta del tutto impreparati all’appuntamento con la massima serie.
All’orizzonte c’è anche il record assoluto di sconfitte in avvio di stagione nei principali campionati, che appartiene al Grenoble, sconfitto nelle prime 11 partite giocate nella Ligue 1 2009-2010 e poi ovviamente retrocesso. Dopo il Cagliari, le prossime due gare saranno contro Lazio e Juventus, avversari non proprio abbordabili.

ROSA NON ALL’ALTEZZA

Il Benevento è rimasto una squadra di Serie B, che per altro due anni fa giocava in Lega Pro. È arrivato Cataldi dalla Lazio, insieme ad una serie di innesti insufficienti in difesa e in attacco, ma complessivamente la rosa è molto simile a quella della scorsa stagione. Anzi, forse inferiore considerando che se ne sono andati Falco e Ceravolo, due dei protagonisti della storica promozione. In generale, il valore della rosa è troppo basso per la seria A, l’acquisto degno di nota è stato Cataldi, ma da solo, l’ex laziale, non basta ad alzare il tasso qualitativo dell’intera rosa.
Rosa che funziona male sia in attacco che in difesa. Peggior difesa del campionato che, troppo spesso, dopo il primo gol subito spegne la luce: 0-3 con la Fiorentina, 0-4 con la Roma, 0-6 col Napoli.
Ieri la definitiva prova di una maturità ancora lontana. Al 90esimo raggiunge il pareggio contro il Cagliari, sembra tutto fatto, ormai siamo nel recupero, e i ragazzi di De Zerbi si addormentano. Ci pensa Pavoletti a svegliarli dal torpore, capocciata imparabile e 2 a 1 per i Sardi. Il Benevento torna a casa con ancora 0 punti in classifica e sempre più ultimo in classifica.
Il reparto offensivo non se la passa meglio di quello difensivo, peggior attacco con solamente 3 gol in 10 partite giocate. Un gol ogni 300 minuti, più chiaramente, un gol ogni 5 partite. Troppo poco per poter anche solo sperare di salvarsi.

PUNTI MANCANTI

Sarebbe sbagliato però pensare che il Benevento meriti pienamente 0 punti in classifica.
Partite alla mano, ci si accorge come alterni buone prestazioni a imbarcate totali.
Benevento – Bologna ne è una prova, partita giocata alla pari tra le due squadre, fino al gol di Donsah ad inizio secondo tempo. Spinti dal pubblico i ragazzi dell’ex tecnico Baroni alzano il baricentro fino ad arrivare al clamoroso pareggio. Minuto 98, Lucioni, in tap in, regala il primo punto alle streghe, ma il VAR annulla per millimetrico fuorigioco. Nemmeno il tempo di battere la punizione e arriva il triplice fischio. 0 a 1 per il Bologna e primo pareggio mancato.
Passa una settimana ed è il turno del Torino, come con il Bologna la gara viene giocata alla pari tra le due squadre, fino a quando Iago Falque decide di rompere l’equilibrio. Minuto del gol? 93esimo.
Ottima prestazione anche contro l’Inter, ma nonostante l’impegno e la pressione nel secondo tempo, i neroazzurri mantengono l’1 a 2 fino al triplice fischio.
Anche lo scontro diretto con l’Hellas Verona ha visto il Benevento uscire sconfitto con un solo gol di scarto, nonostante le occasioni create, soprattutto quella capitata sui piedi di Iemmello.
Nell’altra sfida salvezza contro il Crotone, invece, è stato un rigore calciato sull’incrocio dei pali a negare la rimonta.
Le partite da cui ricominciare ci sono, importante è anche lavorare a livello mentale con ragazzi che hanno dimenticato cosa voglia dire portare a casa punti e si sentono segnati da una maledizione che sembra non voler andare via. La società è vicina, con Vigorito in primis sicuro ancora delle sue convinzioni

Io, nonostante tutto, ci credo ancora.

I tifosi, un pò meno speranzosi, provano ad affidarsi a forze maggiore: “Padre Pio, salvaci tu” è lo striscione che campeggia ormai da un po’ nella curva del Benevento.

IL FUTURO

Il cambio d’allenatore è stata la classica azione da parte della società per smuovere l’ambiente. Ambiente che non ha accolto a braccia aperte De Zerbi, il quale nonostante ciò ha dichiarato pieno impegno per provare a fare l’impossibile.

Sapevo che avrei trovato un ambiente ostile, ma se sono venuto è perché credo che la squadra abbia le caratteristiche per fare il mio gioco. I tifosi devono sapere che quando lavoro per una squadra do tutto me stesso. Questa accoglienza da una parte mi carica e spero che possa liberare un po’ i calciatori. Ho le spalle abbastanza larghe per prendermi tutti i fischi.

Molto lavoro davanti per De Zerbi, ma non dimentichiamoci che l’anno scorso il Crotone, dopo dieci giornate aveva 1 punto solo. Sappiamo tutti poi come è andata a finire.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Generico

Inghilterra – Senegal: Sterling fuori a sorpresa

Pubblicato

:

Pronostico Inghilterra-Senegal

Il Mondiale entra nel vivo e dopo la vittoria contro la Polonia per 3-1, stasera la Francia conoscerà chi tra Inghilterra e Senegal sarà la propria avversaria ai quarti. A sorpresa sarà assente Raheem Sterling che, come spiegato dalla FA, non sarà a disposizione per motivi familiari.

Di seguito le formazioni ufficiali.

Inghilterra: Pickford, Walker, Stones, Maguire, Shaw; Bellingham, Rice, Henderson; Saka, Kane, Foden.

Senegal: Edouard Mendy, Sabaly, Koulibaly, Diallo, Jakobs, Ciss, Nampalys Mendy, Ndiaye, Diatta, Ismaila Sarr, Dia.

Continua a leggere

Flash News

La Cremonese giocherà l’8 dicembre contro il Salsomaggiore: i dettagli

Pubblicato

:

Castagnetti

Tra i club di Serie A impegnati in amichevoli di vario tipo, fondamentali per non far perdere il ritmo ai calciatori, non fa eccezione la Cremonese; i grigiorossi infatti, oltre al match dal sapore natalizio contro il Torino il 23 dicembre, si starebbero muovendo per disputare qualche altro incontro. Come riportato da La Provincia, sarebbe già in programma per l’8 dicembre una partita col Salsomaggiore, militante in Serie D.

Continua a leggere

Flash News

Napoli in ritiro in Turchia: due giocatori si allenano a parte

Pubblicato

:

Pronostico Liverpool-Napoli

Approdato tre giorni fa a Belek, in Turchia, il Napoli prosegue gli allenamenti che dovranno preparare Osimhen e compagni a difendere la leadership solitaria in campionato, ottenuta nei mesi scorsi; il 7 dicembre i ragazzi di Spalletti affronteranno l’Antalyaspor, seguito dal match di quattro giorni dopo contro il Crystal Palace.

Parallelamente agli allenamenti del gruppo prosegue il piano di recupero di Amir Rrahmani Salvatore Sirigu, che si stanno allenando a parte, rispettivamente in campo ed in piscina.

Continua a leggere

Flash News

L’Empoli va a Marbella: amichevoli con Sturm Graz e Wolverhampton

Pubblicato

:

Destr

La visita dell’Empoli a Marbella ha ben poco a che fare col turismo balneare; in Andalusia, dove è approdata due giorni fa, la squadra toscana è infatti attesa da due partite amichevoli, di cui la prima si giocherà domani, contro lo Sturm Graz. Quattro giorni dopo ad affrontare i ragazzi di Paolo Zanetti toccherà al Wolverhampton; è già in programma inoltre una terza amichevole, contro il Monaco al Castellani il 16 dicembre.

Tutti test probanti per scaldare i motori in vista del ritorno in Serie A nel 2023. La prima sfida dell’Empoli sarà contro l’Udinese, in terra friulana.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969