Connect with us

La nostra prima pagina

Un nuovo inizio, un destino comune

Pubblicato

:

Ancora il Barça, per un nuovo inizio.

La sfida contro i catalani aprirà questa sera la Champions League della Juventus e, anche se non ha lo stesso fascino di una partita dentro-fuori, la gara del Camp Nou arriva come sempre in un momento cruciale per i bianconeri.

UNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA

Messi e compagni hanno segnato le tappe della recente crescita europea della Juventus. La finale del 2015 aveva dimostrato la netta superiorità del Barcellona sui bianconeri, che erano usciti dalla finale di Berlino più orgogliosi per l’impresa fatta, che delusi per la sconfitta subita. Il Barça e la MSN si erano dimostrati troppo forti.

La distanza si è poi via via ridotta, ed è stata colmata a pieno nei quarti di finale della passata stagione. Un 3-0 netto a Torino, che ha chiuso i giochi a favore dei bianconeri già nella gara d’andata. La Juventus che riacquistava di diritto il suo blasone europeo, il Barça costretto a fare i conti con la fine di una filosofia ormai in cantina, tornata in auge solo per quei minuti pazzi contro il Psg agli ottavi.

Da quella partita molte cose sono cambiate, sia a Barcellona sia a Torino. O’ Ney si è trasferito a Parigi, Luis Enrique ha lasciato il posto a Valverde. La consapevolezza acquisita dalla Juventus è stata fatta a pezzi dallo strapotere madridista nella finale di Cardiff, che ha causato anche l’addio di uno dei leader della squadra, Leonardo Bonucci. Un batosta sentita da tutti a Torino: tifosi, calciatori, società.

Questa sera la vera occasione per entrambe di ripartire, ennesima tappa di un destino europeo comune.

UN NUOVO LEADER

La Juventus lo farà con un nuovo diez. Paulo Dybala aveva deciso la partita della passata stagione con una doppietta, ma era crollato insieme ai suoi compagni nella finale contro il Real. Accusato di avere poca personalità, Paulo si è preso la Dieci e ha iniziato la nuova stagione trascinando una squadra in parte ancora in vacanza.

Quando Messi e Cristiano Ronaldo smetteranno di giocare, Dybala e Neymar saranno i più forti al mondo.

Queste le parole di Allegri, che due anni fa aveva sottolineato come l’argentino avesse qualcosa in più dei suoi compagni proprio sotto il punto di vista caratteriale:

Pogba e Dybala sono entrambi molto forti, ma il secondo ha fatto sia la Serie B argentina sia quella italiana, vuol dire molto quando vai a mettere la gamba nei contrasti.

Ecco perché la sfida di stasera sarà importante soprattutto per il diez della Juventus, per vedere fino a che punto il ragazzo di Laguna Larga è in grado di fare la differenza. Di fronte a lui Lionel Messi, che per ora rimane irraggiungibile e forse lo sarà sempre. In questi giorni si è parlato molto del paragone tra i due, molto simili nel tocco di palla, entrambi portatori di un talento puro. La pulce però è ancora avanti anni luce nella capacità di decidere il match, nella freddezza sotto porta e nella costanza di rendimento. Partite come questa possono aumentare o diminuire la distanza.

UN NUOVO INIZIO

Siamo a settembre, solo alla prima partita europea. Difficile pensare che le squadre che scenderanno in campo questa sera saranno le stesse che vedremo nel cuore della stagione. Al di là della consapevolezza di squadra e dei singoli, dunque, questa partita non segnerà significativamente il percorso di Barcellona e Juventus. Le due squadre hanno iniziato la stagione in modo simile, perdendo il primo trofeo e vincendo le prime tre partite di campionato.

I bianconeri non hanno ancora la rosa al completo, e questa sera mancheranno Chiellini, Khedira, Mandzukic e Marchisio, quattro possibili titolari. Sarà l’occasione per sondare la tenuta in palcoscenici importanti di alcune seconde linee. Si è parlato di Rugani titolare, che però potrebbe fare spazio a Barzagli con De Sciglio terzino destro. A centrocampo uno tra Sturaro e Bentancur sarà titolare.

Il Barcellona invece dovrebbe far esordire Dembelè, e preferire Rakitic a Paulinho. Messi potrebbe partire dalla fascia centrale della trequarti dietro a Suarez, con Iniesta e l’ex Dortmund larghi sulle fasce. L’atteggiamento sarà come sempre offensivo, i bianconeri dovranno essere bravi a creare compattezza a centrocampo, mettendo più uomini possibili intorno a Messi. Questa potrebbe essere una delle idee che convincerebbe Allegri ad aggiungere un uomo a centrocampo, lasciando invece più libertà sulle fasce a De Sciglio (più dinamico di Barzagli).

Juventus e Barcellona ancora a confronto, per un nuovo inizio. Ancora avversari per (ri)trovare consapevolezza in un comune destino europeo.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

L’Inter punta Musah e Thuram per gennaio, ma prima le cessioni

Pubblicato

:

Inter, Marcus Thuram è il primo obiettivo

In attesa della ripresa del campionato, in programma il 4 gennaio, l’Inter si proietta sul calciomercato invernale per cercare di regalare dei rinforzi a Simone Inzaghi. Un obiettivo concreto è Yunus Musah, centrocampista classe 2002 di proprietà del Valencia, per il quale l’Inter vorrebbe proporre agli spagnoli un’offerta sulla base di un prestito oneroso con obbligo di riscatto.

Operazione non semplice, riporta la Gazzetta dello Sport, dato che il Valencia vorrebbe incassare subito dalla cessione dello statunitense e i nerazzurri dovrebbero prima liberare un posto a centrocampo. In tal senso, il primo indiziato a partire è Roberto Gagliardini, con il contratto in scadenza a fine stagione e nessun discorso per il rinnovo fin qui avviato.

SU UN’EVENTUALE PARTENZA DI CORREA

Con un’eventuale partenza di Joaquin Correa, mai davvero convincente dal suo arrivo all’Inter, i nerazzurri potrebbero tentare anche l’assalto per Marcus Thuram, attaccante autore di un grande inizio di stagione con il Borussia Mönchengladbach e vecchio pallino di Marotta e Ausilio.

Il contratto del francese scadrà a giugno 2023, per questo sarà fondamentale giocare d’anticipo per strapparlo subito ad una folta concorrenza.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il Milan fa sul serio per Ziyech: la formula

Pubblicato

:

I campionati sono fermi da giorni e il Mondiale è ormai iniziato, per questo il lavoro dei club nelle prossime settimane sarà orientato verso il calciomercato invernale. Una delle squadre più attive tra entrate e uscite potrebbe essere il Milan, con la dirigenza rossonera che è pronta a regalare a Stefano Pioli un colpo di spessore nel reparto offensivo e il nome che circola da mesi è quello di Hakim Ziyech.

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Maldini e Massara faranno un tentativo a gennaio sulla base di un prestito con diritto di riscatto fissato a giugno, operazione molto simile a quella che ha portato al Milan Tomori proprio dal Chelsea circa due anni fa. Il marocchino, attualmente impegnato con la sua nazionale in Qatar, è finito ai margini del progetto dei Blues sia con Tuchel che con Potter, ma alla corte di Pioli potrebbe ritrovare la titolarità anche grazie alla sua duttilità sulla trequarti. Queste alcune recenti dichiarazioni di Ziyech dal ritiro con il Marocco:

Difficile dire se sarà addio con il Chelsea a gennaio, non sappiamo cosa succederà ma nel calcio è difficile ipotizzare qualsiasi cosa. Non si sa mai”.

Continua a leggere

Calciomercato

Mercato Roma, proposto Kjaergaard del Salisburgo per il centrocampo

Pubblicato

:

Milan

Tiago Pinto è al lavoro per migliorare la rosa di José Mourinho, in maniera tale da iniziare bene il 2023. Come riporta Gianluigi Longari, esperto di mercato di Sportitalia, un intermediario ha proposto ai giallorossi il profilo di Maurits Kjaergaard. Centrocampista classe 2003, è di proprietà del Salisburgo, prossimo avversario in Europa League dei giallorossi. Tuttavia, il giocatore, nonostante fosse apprezzato dalla dirigenza capitolina, è blindato fino al 2026.

Inoltre, c’è da sistemare la grana Rick Karsdorp, il quale, nel frattempo, è tornato a Roma, ma il suo futuro è sempre più lontano da Trigoria. Su di lui c’è la Juventus, quest’ultima alla ricerca di un esterno per la fascia destra.

Continua a leggere

Calciomercato

La Salernitana pensa ad Esposito dell’Inter

Pubblicato

:

Esposito Inter Anderlecht

La Salernitana di Danilo Iervolino inizia a muoversi per il mercato di gennaio. Come riportato dall’esperto di mercato Nicolò Schira, i campani vorrebbero riportare in Italia Sebastiano Esposito, classe 2002, ora in prestito all’Anderlecht ma di proprietà dell’Inter.

Schira aggiunge che il giovane attaccante lascerà l’attuale club belga a gennaio e il suo desiderio è quello di ritornare in Serie A. Da capire come si evolverà la situazione visto che l’Anderlecht ha un accordo con l’Inter per un prestito con diritto di riscatto a 10 milioni, e un controriscatto a 11,5 milioni in favore dei nerazzurri.

Se i granata dovessero spingere per Esposito, con tutta probabilità sarà sfoltito il reparto d’attacco, composto, in questo momento, da sei punte centrali: Dia, Piatek, Bonazzoli, Botheim, Valencia e Kristoffersen.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969