Dove trovarci

Calcio e dintorni

Il gol di Insigne: raggiunge Maradona e bacia lo stemma sul petto

Il gol di Insigne: raggiunge Maradona e bacia lo stemma sul petto

Nonostante l’addio già annunciato a fine stagione, contro la Salernitana Lorenzo Insigne ha stabilito un importante record nella storia del Napoli.

Il capitano Azzurro, subentrato nella ripresa a Hirving Lozano, ha segnato il rigore del 4-1 finale.
Grazie a questa rete Insigne ha raggiunto Maradona nella classifica marcatori storica del Napoli a quota 115 gol.
Mentre il fenomeno argentino aveva raggiunto il record in 7 stagioni, a Lorenzo ne sono servite 11.

Dopo aver aiutato il Napoli a raggiungere la sua 15ª vittoria stagionale non è mancata l’esultanza romantica, o ipocrita in base ai punti di vista, di Insigne.
Il capitano ha esultato correndo davanti ad una telecamera e, indicando lo stemma dei Partenopei, ha detto: “Ti amo e ti amerò per sempre”.

Insigne: dal Napoli all’MLS come Designated Player

La storia d’amore tra il Napoli ed il suo numero 24 è però ufficialmente finita.
Il trentenne ha firmato un quadriennale per il Toronto seguendo le orme di Sebastian Giovinco, volato in Canada nel 2015.

Il Toronto registrerà il giocatore campano come Designated Player seguendo la Beckam Rule, una regola della MLS che permette di mettere sotto contratto fino a tre giocatori che non rientrano nel salary cap delle squadre del campionato nordamericano.
Come riportato da The Athletic, Insigne dovrebbe guadagnare circa 7,5 milioni di euro netti a stagione.

Se queste cifre venissero confermate, nei quattro anni canadesi Insigne guadagnerebbe circa 30 milioni di euro. Tre milioni in più dello stipendio guadagnato al Napoli dal suo arrivo nel 2012.

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Calcio e dintorni