Connect with us

Flash News

Inter, Nainggolan torna in gruppo: dietrofront dei nerazzurri?

Pubblicato

:

Le novità in casa Inter giungono direttamente da Lugano, Svizzera, dove i nerazzurri stanno svolgendo la classica preparazione estiva. Tra i due già vociferati calciatori considerati fuori rosa, Radja Nainggolan e Mauro Icardi, la novità è il rientro del belga in gruppo nella seduta tattica odierna, mentre rimane invariata l’esclusione dell’ex capitano.

(Fonte immagine: profilo Instagram dell’Inter)

Cambia di marcia nerazzurro? Può sembrare così, ma dalla società non sembra esserci un passo indietro riguardo alla cessione di Nainggolan. Difatti, il rientro nella seduta tattica del belga sembra una temporanea scelta da parte di Conte per sostituire l’assenza di Politano – momentaneamente fermo per un risentimento muscolare.

D’altronde, il futuro dei due calciatori qui sopracitati era già stato delineato dall’amministratore delegato del club nerazzurro Beppe Marotta nelle sue dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport di qualche giorno fa:

“Ci sono due giocatori che non sono centrali in questo momento nel progetto Inter. Mi riferisco a Nainggolan e a Icardi. Hanno ingaggi pesanti e quindi non facilissimi da sistemare, pur riconoscendo ovviamente il valore sportivo. In una progettualità bisogna anche trovare i profili giusti. Abbiamo avuto modo di parlare con molta schiettezza e franchezza ai diretti interessati, pur nel rispetto di quelli che sono i loro valori contrattuali e valori professionali, ma abbiamo spiegato quella che è la presa di posizione della società”

 

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram dell’Inter

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Napoli prepara il colpo Scudetto: tra Samardzic e Frattesi

Pubblicato

:

Davide Frattesi, secondo Tuttosport, sarebbe vicino al Napoli: il centrocampista del Sassuolo potrebbe essere il colpo della prossima sessione di mercato dei partenopei, per poter puntare allo Scudetto. A gennaio Spalletti potrebbe quindi godere di un nuovo centrocampista utile per difendere il primo posto.

FRATTESI E SAMARDZIC: I DETTAGLI

Frattesi, alla sua seconda stagione da top, è sicuramente uno degli astri nascenti del calcio italiano. Il Sassuolo per il centrocampista chiede non meno di 25 mln di euro, per il Napoli esiste anche ad un piano b che porta verso il tedesco Lazar Samardzic dell’Udinese. Per il momento la dirigenza si sta concentrando sui rinnovi e sulle cessioni di Juan Jesus e Diego Demme. Si attende quindi per sapere se il talento del Sassuolo vestirà l’azzurro, riabbracciando il suo ex compagno in Emila, Giacomo Raspadori.

Continua a leggere

Calciomercato

Roma al lavoro per i rinnovi di Zaniolo e Zalewski: la situazione

Pubblicato

:

Zaniolo

Durante questa pausa mondiali, con la Roma che ha appena terminato la sua tournée invernale in Giappone, Pinto è al lavoro per preparare il calciomercato ma soprattutto per risolvere il nodo rinnovi che tiene banco tra i giallorossi.

NODO RINNOVI: DA ZALEWSKI A ZANIOLO

Come riporta Tuttomercatoweb, il rinnovo di Cristante è poco più di una formalità di cui manca solo l’ufficialità. A tenere banco in casa Roma è il rinnovo di 2 dei calciatori più giovani della rosa, Nicola Zalewski e Nicolò Zaniolo.

Per Zalewski il discorso è rimandato al post mondiale, attualmente il talentino natio di Tivoli è impegnato a Doha dove veste la maglia della nazionale polacca. Rinnovo di Zalewski in cui la Roma è pronta ad offire a Zalewski un contratto con scadenza nel 2027 e un ingaggio da 1,5 milioni di euro.

Discorso più complicato per Zaniolo, una delle poche noti liete della tournèe giapponese, il contratto è in scadenza 2024 e la Roma non vorrebbe rischiare di perdere a 0 il calciatore. Da entrambe le parti c’è la voglia di prolungare il rapporto. I Friedkin vorrebbero mettere sul piatto un’offerta da quasi 4 milioni totali. Cifra che renderebbe Zaniolo il quarto calciatore più pagato della rosa (dopo Dybala, Abraham e Pellegrini). L’entourage e Zaniolo spingono però per un trattamento pari o ancor più vicino ai big citati.

La speranza è quella di chiudere prima di Natale, per poter così gestire meglio la grana Karsdorp e il mercato in arrivo. Lo scenario più probabile è che i mesi decisivi saranno i primi del 2023.

Continua a leggere

Flash News

Incubo penalità per la Juventus: i possibili rischi

Pubblicato

:

Juventus

L’inchiesta Prisma ha già creato un terremoto societario che ha comportato le dimissioni dell’intero Cda della Juventus. Ora però si parla apertamente di procedimenti anche sul campo e di penalizzazioni verso la squadra da parte della lega.

LA VICENDA

Secondo quanto riferito dalla Gazzetta dello Sport, la Juventus rischia di subire una penalità in classifica già in questo campionato. Nel mirino la famigerata manovra stipendi, tutto era iniziato con un indagine sulle plusvalenze del club bianconero, ma ora è la manovra correttiva per gli ingaggi a far tremare in casa Juventus.

Secondo i pm, durante il periodo covid, gli accordi individuali di riduzione stipendiale del 2020 e 2021 sono stati depositati in lega come accordi di integrazione stipendiale. I documenti incriminati sono le scritture private integrative che garantivano pagamento incondizionato delle integrazioni stipendiali. Questi ultimi documenti sono stati sequestrati nel 23 marzo 2022. L’accordo tra società e calciatori secondo i pm, rappresentava falsamente la situazione dato che non era prevista la  rinuncia alle mensilità da marzo a giugno ma ad una sola, con recupero certo e incondizionato delle altre tre, e con un effetto finanziario positivo non di 90 milioni di euro (cifra a bilancio), ma di 22.354,647,70 euro.

I RISCHI

La palla è ora alla procura federale, tutto si gioca sull’articolo 31 del codice di giustizia sportiva, che nel comma 4 riporta la penalizzazione di uno o più punti in classifica, per società che mediante falsificazione dei propri documenti, si avvale di prestazioni di sportivi che non avrebbe potuto stipulare contatti sulla base delle disposizioni federali.

Si rischia quindi la penalizzazione di uno o più punti, in questa o nella prossima stagione. L’ipotesi catastrofica che vedeva una Juventus retrocedere causa comma 2 sembra improbabile. Il processo si stima che non dovrebbe terminare prima di marzo, il futuro della Juve è quindi sospeso in attesa di un verdetto.

Continua a leggere

ESCLUSIVE

ESCLUSIVA – Beatrice Sarti: “Tonali vero capitano! Curiosa di vedere CDK in un altro ruolo”

Pubblicato

:

i consigli del fantacalcio

SARTI TONALI CDK – Abbiamo avuto il piacere e l’onore di intervistare Beatrice Sarti, giornalista di Radio Rossonera e di Goal Italia, tirando alcune somme su questa prima parte della stagione del Milan, dando uno sguardo al futuro prossimo.

LA PRIMA PARTE DI STAGIONE

Il Milan ha chiuso la prima parte della stagione al secondo posto e con la qualificazione agli ottavi di Champions League: un bilancio tutto sommato positivo. Chi o cosa ti ha sorpreso maggiormente in questi primi mesi?

Sono più di uno i giocatori che mi hanno sorpreso maggiormente. Sicuramente ti posso dire Tonali, anche se ormai non è più una sorpresa, visto che l’anno scorso ha fatto bene. Però, ci dimentichiamo spesso che è un ragazzo molto giovane, che ha trascorso una stagione molto difficile quando è arrivato.

Rimango molto sorpresa quando lo vedo caricarsi il Milan sulle spalle, soprattutto nelle partite in cui i rossoneri incontrano delle difficoltà. Spesso è capitato che lui buttasse il cuore oltre l’ostacolo, e non è scontato per un ragazzo così giovane. Tra l’altro, per me, dovrebbe avere la fascia da capitano, con tutto il rispetto per chi ce l’ha. Per me è lui il vero capitano del Milan.

L’altro giocatore che mi ha sorpreso tanto è Bennacer, perché non era scontato assolutamente sostituire Kessie. Lui ci sta riuscendo, giocando sempre titolare, cosa che negli scorsi anni non faceva, causa anche infortuni.

Infine, l’altro giocatore che mi sta continuando a sorprendere è Pierre Kalulu. Sta diventando sempre di più un giocatore affermato ma, anche qui, ci dimentichiamo che è un giocatore molto giovane e spesso, quest’anno, tra lui e Tomori, è sembrato quasi lui il leader della coppia difensiva”.

NUOVI VECCHI ACQUISTI

Chi invece ha reso sotto le aspettative è Charles De Ketelaere. Finito nell’occhio del ciclone, anche per il costo per il quale è stato pagato, il suo percorso è paragonato a quello di Leao e Tonali. Secondo te, quando vedremo il vero valore del giocatore? Già nella seconda parte di questa stagione o dal prossimo anno?

Su Charles ci può stare il paragone con Tonali e Leao, perché entrambi hanno fatto fatica all’inizio. Però ci può anche non stare: nel senso che, Leao è arrivato in un Milan che aveva molte meno aspettative di quello attuale. Tonali è arrivato in un Milan che non aveva appena vinto uno Scudetto. CDK, “purtroppo”, contro di lui ha il fatto che è stato l’unico vero “acquisto grosso” che ha fatto una squadra che si era appena laureata Campione d’Italia.

Credo che tutti si aspettassero un mercato un po’ più corposo, da parte di una squadra che ha appena vinto uno Scudetto, invece non è stato così. Anzi, lui è stato l’unico, è stato pagato tanto, una trattativa lunghissima, e quando tutte queste cose coesistono è ovvio che la pressione è ancora di più. Se lui fosse stato affiancato da altri acquisti io credo che si sarebbe “diviso” la pressione con questi.

Di fatto lui ce l’ha tutta da solo, e il Milan non è il Milan che va bene se arriva quarto, come quando arrivò Leao: il Milan deve riconfermarsi. Per me è molto relativo il discorso “Charles De Ketelaere va aspettato”. Per me è vero che va aspettato, ma non è vero che lo stanno aspettando perché addetti ai lavori, giornali, tifosi, lo stanno sostenendo ma lo stanno anche criticando tanto. Per me vedremo il suo valore quando lui tornerà a credere un po’ in sé stesso, credo che anche un episodio lo possa aiutare, un gol o un paio di assist…

Sono curiosa anche del fatto se lui cambiasse posizione in campo, perché non l’ho visto molto molto a suo agio in quella posizione, per come è usata quella posizione da Pioli. Anche perché lui ha giocato tante partite in attacco al Bruges, quindi non so se dove l’abbiamo visto finora è la sua posizione giusta”.

A gennaio arriverà un “nuovo acquisto”: Zlatan Ibrahimovic. In quali aspetti può dare il suo apporto lo svedese?

Io credo che Zlatan possa dare il suo apporto dal punto di vista psicologico. È vero che lui c’è sempre stato in questi mesi però ci sarà in maniera concreta. Mi auguro che sarà sempre in spogliatoio, mi auguro che sarà spesso in campo, sarà importante.

Spero che lui possa giocare di più rispetto all’anno scorso e spero che questo intervento lo abbia veramente aiutato a vivere meglio questi suoi ultimi mesi, – anche se non so se saranno mesi perché con lui non si sa mai! -, e mi auguro di vederlo di più in campo”.

NUOVE CHANCES E LA FIDUCIA DELLA CHAMPIONS

Pioli, sin qui, ha usato poco gli innesti estivi, tra Thiaw, Vranckx e Adli. Le amichevoli in programma contro Arsenal, Liverpool e PSV, saranno utili per farli entrare nei meccanismi del mister. Chi saresti curiosa di vedere, con più frequenza, da gennaio in poi?

Sarei curiosa di vedere molto di più Vranckx, perché quando l’ho visto, secondo me, ha fatto bene. E anche Adli: anche se da come sembra, non è tanto visto da Pioli.

Spero che queste amichevoli li possano mettere in luce, ma spero di vederli anche di più in campionato, perché sia giusto dare una chance a questi ragazzi, Anche perché, per esempio, su Adli faccio fatica a darti un giudizio: io l’ho visto veramente pochissimo. Spero veramente di vederli un po’ di più”.

Negli ultimi anni, in Europa, tra Champions League ed Europa League, il Milan ha fatto fatica contro le squadre inglesi: Arsenal in EL, Liverpool e Chelsea in CL. A febbraio arriva a San Siro il Tottenham di Conte: riuscire a superare il turno, per lo più contro un’inglese, quanto significherebbe, a livello di crescita per la squadra rossonera?

Assolutamente sì. Credo che il Milan abbia davvero bisogno di battere una big in Europa. Perché, a differenza del campionato italiano dove è cresciuto, non solo perché ha vinto lo Scudetto, ha battuto tutte le big, si sente forte. In Europa mi è sembrato di vedere un Milan che non si sente così forte, complice anche – ovviamente – il livello più alto.

Credo però che prendere un po’ più di consapevolezza con una qualificazione del genere aiuterebbe tanto il Milan in ottica futura. Magari vincere la Champions League in questo momento è presto, ovviamente. Però arrivare già ai quarti di finale può rappresentare un’iniezione di fiducia per le prossime Champions League”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969