Connect with us

Flash News

Inter-Spezia termina senza vincitori né vinti

Pubblicato

:

Alle 20.45 una delle partite andate in scena per la 32esima giornata di Serie A è stata Spezia-Inter, match fondamentale per i padroni di casa per cercare di staccarsi dalle zone buie della classifica, ma che si trovano davanti l’armata di Antonio Conte, che ha tanta fame di scudetto.

Lo Spezia arriva da una sonora sconfitta contro il Bologna per 4-1, mentre l’Inter dall’ennesimo risultato utile consecutivo per 1-1 al Diego Armando Maradona, contro un Napoli tutt’altro che semplice da arginare.

Al Picco lo Spezia di Italiano si schiera con il consueto 4-3-3 che recita Provedel tra i pali, Marchizza, Terzi, Ismajli e Canals in difesa, linea di centrocampo con Maggiore, Ricci ed Estevèz, ed a completare gli 11, il pacchetto offensivo con Farias ed Agudelo sulle fasce, con Piccoli al centro dell’attacco ligure.

Per i nerazzurri, anche Conte propone lo stesso modulo, ovvero il 3-5-2, con Handanovic, Skriniar, Bastoni e De Vrij in retroguardia, linea a 5 di centrocampo con Perisic, Eriksen, Brozovic, Barella ed Hakimi e la solita Lu-La in attacco.

UN PRIMO TEMPO CON 2 GOL E POCO ALTRO

Il primo tempo del match si apre con una fase di studio tra le due squadre, con ritmi abbastanza blandi nei primi dieci minuti e con poche emozioni, con uno Spezia che prova a concedere il meno possibile all’Inter, ma allo stesso tempo cerca di costruire qualcosa.

All’11‘ è lo Spezia a trovare il vantaggio, con Farias che dalla sinistra si accentra e calcia, bucando le mani ad Handanovic e insaccando il momentaneo vantaggio per i padroni di casa.

L’Inter prova a reagire, ma non si rende quasi mai pericolosa nella mezz’ora di gioco, frutto di uno Spezia, fin qui, perfetto, ma al 38‘, alla prima occasione realmente importante per i nerazzurri, è Hakimi a scappare dietro il suo marcatore ed a servire sul secondo palo Perisic, che sigla il pareggio, con il primo tempo che terminerà con l’Inter in attacco.

AL PICCO TERMINA 1-1

Lo Spezia sembra aver accusato il colpo ed anche nella ripresa, la prima occasione è sui piedi di Lautaro, che calcia da posizione defilata, e sulle mani di Provedel, che con una presa rivedibile viene aiutato dal palo, sfiorando un clamoroso autogol.

L’Inter continua ad attaccare a testa bassa, con i padroni di casa che faticano a distendersi, trovando terreno fertile sulla fascia destra, lato in cui lo Spezia sembra più vulnerabile, cercando di attaccare quanto più possibile con le discese di Hakimi e le sovrapposizioni di un’onnipresente Barella.

Al 67‘ Ismajli fa un pasticcio difensivo, regalando palla a Lukaku, finora in penombra, che si trova 1 contro 1 con Provedel; in un primo momento il belga si fa sporcare il pallone da un ottimo intervento del portiere, che riesce a rallentarlo, poi sul continuo dell’azione calcia addosso all’estremo difensore di Italiano.

Dopo qualche minuto dall’ultima palla gol, sui piedi di Skriniar si presenta un’altra grande occasione per firmare il vantaggio, ma il tentativo viene bloccato da Provedel sulla linea di porta e poco dopo, Lautaro svernicia il palo con un bel destro da fuori.

Negli ultimi 10 minuti succede di tutto: all’85‘ viene annullato un gol a Lukaku per il fuorigioco di Hakimi, che aveva messo a segno il secondo assist di questa sera, e all’88‘ ne viene annullato un altro a Lautaro, anche lui in posizione irregolare.

Spezia-Inter finisce quindi in pareggio, con i liguri che con questo punto si portano a +5 dalla zona retrocessione, e l’Inter che allunga a +10 sul Milan secondo. Partita senza feriti, un punto ad entrambe, molto più importante per lo Spezia che riesce a tenere vivo il sogno salvezza, con l’Inter che comincia a cucirsi sul petto una buona parte di scudetto.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Qatar 2022 con più spettatori nella fase a gironi rispetto a Russia 2018

Pubblicato

:

Qatar 2022

Il Mondiale in Qatar è unico per diversi motivi ma, per quanto riguarda le partite in campo, sta avendo alti livelli di gradimento. In giornata, la FIFA ha pubblicato un report sul numero di spettatori durante le 48 partite della fase a gironi.

Si è verificato un aumento rispetto a Russia 2018, con 2,45 milioni di spettatori dal vivo contro i 2,17. Elevati anche i biglietti venduti, ben il 96% e la partita con più spettatori è stata Argentina-Messico, allo  stadio Lusail di Al Daayen, dove sono stati riempiti tutti i 88.966 spettatori.

Continua a leggere

Flash News

Scaloni nel post-partita: “Di Maria? Speriamo che possa migliorare”

Pubblicato

:

Scaloni

Lionel Scaloni, commissario tecnico dell’Argentina, si è presentato nella consueta conferenza stampa dopo la vittoria contro l’Australia per 2-1 che ha garantito il pass per la qualificazione ai quarti di finale. Nonostante ai nastri di partenza fosse considerato come un avversario non molto ostico, il CT dell’ Albiceleste ha sottolineato le criticità della sfida visti i meriti degli avversari:

È stata una partita difficile, ci hanno messo una pressione soffocante, che ci è costata soprattutto nel primo tempo. All’intervallo abbiamo però fatto delle correzioni. Menomale che poi Leo Messi ha aperto la partita e poi abbiamo alzato il ritmo”

Un grande assente della sfida è stato Angel Di Maria e Scaloni ha voluto approfondire le sue condizioni fisiche:

“Questa sera non poteva giocare, anche se averlo in panchina è sempre una tentazione. Speriamo che con il passare dei giorni possa migliorare e mettersi in gioco. L’Australia è stata un avversario complicato: bene che tutti capiscano che la difficoltà di questa competizione è massima“.

Continua a leggere

Flash News

Mbappé MVP due volte, ma non si presenta alle interviste: il motivo

Pubblicato

:

Mbappé

Tre gol e un assist in due partite e mezzo. Il Mondiale di Kylian Mbappé è iniziato sotto i migliori auspici. Alla luce di queste performance, sufficienti per il passaggio del turno della Francia, che giocherà domani alle 16 il suo ottavo di finale contro la Polonia, è stato premiato per ben due volte con il premio di migliore in campo.

Nonostante ciò, però, il giocatore del PSG non si è mai mostrato alla stampa. Secondo L’Equipé, Mbappé non ha mai compiuto questo protocollo, ordinario per tutti i giocatori insigniti di questo premio, in quanto è sponsorizzato da Budweiser. Il giocatore francese non vuole promuovere alcun brand di alcolici, sulla scia anche di quello che è successo nello scorso Europeo.

Un gesto forte da parte del numero 10 che sta usando la sua immagine per promuovere anche importanti messaggi.

Continua a leggere

Flash News

La gioia di Romero: “Diamo sempre il massimo, siamo pronti per tutto”

Pubblicato

:

Romero

Ai sorrisi a metà di Leo Messi, si contrappone in casa Argentina la gioia di Cristian Romero. Il difensore del Tottenham, con un passato in A con Atalanta e Genoa, è apparso nel post-partita contentissimo per il risultato e ambizioso per il prossimo futuro.

Il classe 1998 è al suo primo Mondiale e vuole impressionare tutti e ottenere il miglior risultato con la casacca della sua nazionale.

Ecco le sue parole, che hanno uno sguardo anche alla sfida di settimana prossima contro l’Olanda per i quarti di finale:

Una gioia immensa. Nel finale abbiamo chiuso in sofferenza per merito dell’avversario, ma abbiamo mostrato carattere, gioco e personalità. Sono contento per questo gruppo, può succedere di tutto ma dimostriamo di dare sempre il massimo. Dobbiamo giocare ogni partita come una finale. L’Olanda sarà un’avversaria molto difficile, adesso ci godiamo qualche ora quello che sta succedendo ma poi penseremo a come giocare contro di loro. Siamo un gruppo giovane e siamo pronti a tutto”. 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969