Connect with us

Flash News

Inter, un senatore annuncia il ritiro dal calcio giocato

Pubblicato

:

L’ormai ex terzino dell’Inter, Aleksandar Kolarov, ha da poco annunciato il ritiro dal calcio giocato. Ecco le sue parole sull’addio ai campi, rilasciate attraverso una lettera all’ANSA:

“Comunico oggi il mio addio al calcio giocato. Ho sempre saputo che prima o poi questo giorno sarebbe arrivato e, nonostante ciò, sono grato di essere riuscito a realizzare quello che è stato il mio sogno da sempre”, ha detto Aleksandar Kolarov, ex terzino tra le tante di Lazio, Roma e Inter, in una lettera all’ANSA annunciando il suo addio al calcio all’età di 36 anni. “Adesso sono già proiettato verso la mia ‘seconda vita’ nel mondo del calcio – ha continuato – E per questo non appena saranno pubblicati i bandi, mi iscriverò ai corsi di abilitazione, prima da osservatore e subito dopo da direttore sportivo, presso il Centro Tecnico Federale di Coverciano.”

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Gabriel Jesus e Telles lasciano il Qatar, apprensione per Neymar

Pubblicato

:

Brasile

DaniloAlex Sandro e Neymar si sono infortunati con il Brasile nelle prime due gare dei gironi del gruppo G del Mondiale. Dopo i primi attimi di paura le situazioni sembrano essersi stabilizzate e a riguardo ha parlato il medico dei verdeoro. I due calciatori sono ancora lontani dal recupero, ma faranno il possibile per prendere parte alle ultime sfide di questo Mondiale.

Queste le parole del medico: Neymar e Alex Sandro non hanno ancora ripreso a lavorare con la palla. Vedremo se potranno farlo oggi, è importante osservare come reagiscono, e capiremo se saranno in condizione o no. Danilo sta migliorando, la distorsione alla caviglia presenta un’evoluzione positiva.”

Il Brasile, peraltro, deve fare i conti con due nuovi infortuni: Gabriel Jesus ed Alex Telles hanno infatti già lasciato il Qatar per problemi fisici. Per l’attaccante dell’Arsenal si tratta di un infortunio al ginocchio.

Continua a leggere

Flash News

Deschamps: “Rabiot sta facendo bene in nazionale e con la Juventus”

Pubblicato

:

Rabiot

Alla vigilia di Francia-Polonia, match valido per la qualificazione ai quarti di finale di Qatar 2022, il CT francese, Didier Deschamps, ha parlato in conferenza stampa, soffermandosi sul pericolo rappresentato da Robert Lewandowski e la crescita di un centrocampista in cui lui ha sempre creduto, ovvero lo juventino Adrien Rabiot. Di seguito le sue parole.

L’OBIETTIVO

“Ora inizia un’altra competizione, sono partite difficili ma c’è meno da gestire. Vogliamo essere ai quarti, questo è l’obiettivo“.

“La Polonia? Ha dovuto difendere molto nelle prime tre partite e lo fa molto bene. Lo adorano. Ma non dovremmo limitarci a parlare di questo perché hanno anche uno zoccolo duro di giocatori con una buona esperienza internazionale. Ci sono Szczesny, Glik, Lewandowski… Anche i giovani. Bisogna rispettare questa squadra perché merita di stare qui. Szczesny è stato decisivo, ma Griezmann ha preparato una sorpresa per lui“. 

IL MONDIALE DELLE SORPRESE

“Tutte le partite sono difficili, perchè tutte le squadre sono ben preparate e piene di buoni giocatori. Ci saranno altre sorprese? Sono come San Tommaso, credo solo a quello che vedo. Oggi anche una grande nazione, se non è pronta, può vivere situazioni spiacevoli”.

Rabiot è così, in campo come fuori. A un certo punto c’era stata una rottura ma ora ha tolto delle cose dalla sua vita che potevano dargli fastidio. Sta facendo bene in nazionale così come con la Juventus. Si definisce un giocatore di equilibrio, è un centrocampista completo che può fare bene tanto in attacco come in difesa. Sa dove si trova in campo e si muove nel migliore dei modi”.

IL DUELLO MBAPPE-LEWANDOWSKI

“Saranno in campo ma per il resto… vi lascio confrontare se volete confrontare. Sono tra i migliori al mondo, con qualità diverse tra loro. Lewandowski va limitato in ogni modo, usa bene il corpo e ogni singola palla può diventare pericolosa. Ma non ci concentreremo solo su di lui”.

Continua a leggere

Flash News

Pablo Marì brucia le tappe: le ultime sul suo rientro

Pubblicato

:

Marlon

È passato poco più di un mese da quel tragico 27 ottobre in cui Pablo Marì, difensore ora in forza al Monza, è stato accoltellato in un centro commerciale della Brianza. Fortunatamente arrivano buone notizie dal suo recupero e i tifosi monzesi possono sorridere. La struttura fisica sta permettendo al difensore spagnolo, in prestito dall’Arsenal, un recupero più rapido del previsto.

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, pochi centimetri e una muscolatura meno robusta sarebbero stati fatali. Parlare di un rientro in campo in quei giorni sembrava assurdo. Per questo si ipotizzava febbraio avanzato. Invece ora si può avere una visione più nitida perché il recupero di Pablo viaggia spedito. Idealmente, se tutto proseguirà a questi ritmi, il Monza potrebbe riaverlo in campo nella settimana che va dal 14 al 22 gennaio, quella che comprende la trasferta contro la Cremonese e la partita allo U-Power Stadium contro il Sassuolo.

La situazione è positiva, ma le sue condizioni andranno valutate giorno per giorno. Per sostituire temporaneamente il difensore spagnolo si è fatto il nome di Bram Nuytinck, difensore dell’Udinese ma, se tutto procederà per il migliore dei modi, il Monza non sarà costretto ad andare ad investire nel mercato di gennaio per un difensore centrale.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Caso Juve, parla Sarri: “Paratici mi chiese di rinunciare a 4 mesi”

Pubblicato

:

Alcuni mesi fa i calciatori della Juventus sono stati interrogati sul caso stipendi risalente alla primavera 2020. Negli ultimi giorni continuano ad emergere nuovi dettagli riguardo a questa questione, in particolare è emersa la versione di Maurizio Sarri, al tempo allenatore dei bianconeri

Nella sua dichiarazione, riportata da gazzetta.it, possiamo vedere come l’allenatore napoletano temesse di essere esonerato: “Parlai al telefono con Paratici perché eravamo in lockdown. Mi disse che c’era già l’accordo con i calciatori e che sarebbe stato opportuno che anche io mi accodassi. A me è stata proposta solo la rinuncia di quattro mesi, con tre mesi che sarebbero stati pagati sul contratto dell’anno dopo. Ma alla fine è stato previsto per me l’incentivo all’esodo in caso di esonero”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969