Connect with us
ESCLUSIVA - Bargiggia: "Vi svelo le mosse di mercato delle big"

Calciomercato

ESCLUSIVA – Bargiggia: “Vi svelo le mosse di mercato delle big”

Pubblicato

:

Esclusiva Bariggia su Leao

Sin dalla prime battute, questa sessione di calciomercato si è rivelata ricca di sorprese. In esclusiva ai microfoni di Numero Diez, il noto esperto di calciomercato Paolo Bargiggia ha parlato di alcuni dei principali scenari di mercato delle big di Serie A.

IL MERCATO DELLE BIG

Il mercato della Juventus probabilmente ruoterà intorno al centrocampo. Ci sono offerte concrete per quanto riguarda McKennie e Rabiot? L’acquisto di Mac Allister potrebbe essere fattibile?

“Realisticamente la Juve non farà nulla in questo mercato e credo che abbiano anche valutato di non andare su un terzino in prestito, come avevano in mente di fare. A maggior ragione non acquisteranno Mac Allister. Rabiot ovviamente non viene ceduto, perché dovrebbe essere ceduto chi lo compra sempre, perché praticamente già è in scadenza e può firmare per un altro club. Difficilmente resterà alla Juve, ma faranno un tentativo per il rinnovo. Mckennie, invece, è l’unico giocatore che potenzialmente potrebbero ipotizzare di vendere, ma i 30 milioni che chiedono loro non trovano riscontro da nessuna parte per il momento”.

In casa Milan in questo periodo si sta  parlando del rinnovo di Leão: ci sono voci concrete sul prolungamento o la strada più probabile è la Premier League?

“Il Milan sta facendo di tutto per rinnovare Leão. Sembra che abbiano alzato questo offerta addirittura a 7 milioni sembra che ci sia una spiraglio se il Milan accetterà però di lasciare la clausola da 120 milioni. Potrebbe essere potenzialmente un rinnovo Ponte, cioè il tema dei due procuratori è, in caso di rinnovo, quello delle due commissioni da pagare. Ci stanno lavorando, non è così negativa la situazione, ma è presto per cantare vittoria. Ovviamente se non rinnova lui ha mercato in Premier, aveva il Chelsea quest’estate. Potrebbe avere anche il Paris Saint-Germain perché lui aveva già lavorato al Lille con Galtier allenatore e Campos direttore sportivo. Adesso, però, non credo che ci siano trattative in questo senso, soprattutto vediamo se rinnova o meno”.

In casa Inter diversi big, tra cui Škriniar, De Vrij e Bastoni, sono in scadenza di contratto: a che punto siamo con le trattative per i rinnovi?

“Su Škriniar all’Inter, dopo l’ultima proposta da 6 milioni più bonus fatti ai primi di dicembre, non hanno più avuto segnali. Non hanno molto ottimismo negli ultimi giorni. A De Vrij hanno fatto una proposta, però anche qui c’è il rischio che lo perdono a zero. Per Bastoni è complicata la trattativa. Ha lo stesso agente di Scalvini, che potrebbe essere, attraverso i buoni rapporti con l’Atalanta, il giocatore che potrebbe arrivare nella prossima stagione per sostituire proprio Škriniar se non dovesse rinnovare”.

“L’Inter comunque non farà entrate ed uscite in questo mercato, stanno giusto cercando una sistemazione per andare a far giocare a Brazao. Hanno iniziato a parlare del rinnovo di contratto di Darmian, però teniamo presente che devono fare cessioni quest’estate per 70 milioni di euro e quindi dovrà essere una campagna acquisti molto molto curata e quasi autofinanziata. Ci dovrà essere almeno una cessione di un giocatore, quello più probabile che ha mercato è Dumfries. Lautaro, alle cifre dello stipendio che ha, in questo momento non ha squadre interessate a lui. Per Barella chiedono 80 milioni quindi non credo che abbia mercato. L’altro è Bastoni, però mi sembra complicato”.

Il Napoli ha già chiuso l’acquisto di Bereszyński e Ounahi sembrerebbe ormai ad un passo: il mercato azzurro si fermerà qui o dobbiamo aspettarci ulteriori colpi?

“Bereszyński-Zanoli è un’operazione che stanno chiudendo, ma Ounahi non credo. C’è un interessamento, ma è uno dei tanti giocatori che seguono come mezz’ala come potenziale sostituto di Zieliński. Al massimo possono azzardare un’operazione di prenderlo e lasciarlo lì fino a fine stagione all’Angers, ma al momento non mi risulta”.

Mister Sarri è da tempo alla ricerca di un nuovo terzino sinistro: Lotito lo accontenterà nel corso di questa sessione di calciomercato?

“La Lazio sta provando a capire se, attraverso la Juve, in qualche modo potrebbe far rientrare dalla Bundesliga Pellegrini, per acquistarlo in prestito. Ma lì si aprirebbe uno scenario di eventuali buoni rapporti, che potrebbe poi portare Milinković-Savić, come sembra non rinnovi, fare una trattativa per un eventuale trasferimento alla Juve. Però è tutto prematuro”.

In casa Roma si sta parlando, per quanto riguarda le uscite, degli esterni Viña e Karsdorp: quale sarà il loro futuro?

“La Roma sul mercato ha Viña, Karsdorp e Shomurodov, però è obbligata a fare cessioni, non prestiti. Se non fa cessioni intorno ai 6/8 milioni di euro non può scrivere Wijnaldum alla lista UEFA e quindi fino all’ultimo cercherà di monetizzare. Su queste basi hanno richieste dal Betis per Viña, per Karsdorp c’era qualcosa con l’Ajax, Volpato e Bove potevano entrare in un’operazione col Sassuolo per Frattesi. Però su queste basi, dove tutti vogliono i giocatori in prestito, la Roma deve monetizzare. E poi ha ancora più o meno 25 milioni da pagare come ammenda alla UEFA e credo che non potrà fare più niente. In questo momento il mercato della Roma è paralizzato”.

L’AFFARE RONALDO-AL NASSR

Qualche giorno fa è stato ufficializzato il trasferimento di Cristiano Ronaldo all’Al Nassr: quali sono, secondo lei, gli eventi che hanno portato il campione portoghese ad accettare l’offerta del club saudita?

“Ronaldo all’Al Nassr è un affare che con il calcio giocato c’entra poco. È un’operazione finanziaria, commerciale e politica dove lui lautamente pagato (anzi, lo sportivo più pagato del mondo), diventa testimonial di questi Stati che vogliono entrare pesantemente nel mondo del calcio. Già l’hanno fatto con i mondiali in Qatar e con le accondiscendenze di Infantino”.

“Calcisticamente è una situazione triste.  Chiaramente lui ha dovuto prendere atto già da quest’estate, quando voleva lasciare lo United e fino a questa finestra di mercato, dove sperava di rinunciarci col mondiale, sperava ci fosse una squadra in Europa, che facesse la Champions e lo potesse mettere sotto contratto. A lui interessava questo e l continuare ad alimentare i suoi record, poi chiaramente l’ha venduta dicendo che il suo  lavoro in Europa fosse finito. Sì, il suo lavoro è finito perché non gli hanno dato più la possibilità di farlo e ovviamente è caduto in piedi dal punto di vista economico”.

“Questo è un trasferimento che dal punto di vista calcistico fa calare il sipario, secondo me in modo non onorevole su questo giocatore, e dal punto di vista economico-finanziario perché rappresenta soltanto una cosa buona per lui, ma molto triste e immorale dal punto di vista etico. Inoltre non viene più pagato per il suo livello assoluto, perché Cristiano Ronaldo adesso non vale ovviamente quegli stipendi, ma viene pagato per ragioni politiche. Quindi c’è un retrogusto triste, amaro e anche un po’ immorale”.

COMMENTO SULLA SERIE A

Siamo quasi giunti al giro di boa di questa Serie A. C’è una squadra che l’ha impressionata in particolar modo?

“La squadra che mi ha sorpreso per l’intensità e la qualità di gioco, anche se non ho ancora vinto una partita, è la Cremonese.  Io cerco di guardare il gioco e la valorizzazione dei giocatori, oltre che ai risultati”.

Sulla base di quanto visto fino ad ora quale, secondo lei, è la squadra favorita per la vittoria dello scudetto?

“Nonostante la sconfitta a San Siro, credo che il Napoli sia ancora favorito per lo scudetto. Quando recupererà col lavoro dopo la lunga sosta l’intensità che ne accompagna al gioco credo che tornerà ad essere a Napoli sempre favorito. Non solo per i numeri, ma anche per una qualità di gioco che non può aver smarrito”.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Definito il futuro di Sebastiano Esposito: domani la chiusura

Pubblicato

:

Esposito

Il Bari è pronto a chiudere un’importante colpo in entrata che riguarda l’attaccante dell’Inter, attualmente in prestito all’Anderlecht, Sebastiano Esposito.

Secondo quanto riportato da Gianluca Di Marzio, il club pugliese è vicino a chiudere la trattativa che porterebbe Esposito a giocare al San Nicola. L’attaccante classe 2002 è in prestito in Belgio, ma spinge da settimane per un ritorno in Italia.

I biancorossi hanno superato la concorrenza della Ternana e nella giornata di domani ci sarà un incontro con il club nerazzurro per definire i dettagli dell’operazione, che chiuderà con la formula del prestito.

Continua a leggere

Calciomercato

Lukic pronto a dire addio al Torino: è vicino al Fulham

Pubblicato

:

Lukic

Dopo la quasi rottura dello scorso agosto questa volta Sasa Lukic sembra prossimo ad un addio imminente dal Torino.

Il Torino avrebbe, infatti, trovato l’accordo con il Fulham sulla base di 10 milioni di euro per la cessione del serbo. Per il centrocampista, secondo quanto riportato da Nicolò Schira, è pronto un quadriennale da 2 milioni di euro più eventuali bonus all’anno.

Valigie in mano per Lukic che dopo quasi 5 stagioni potrebbe lasciare i granata con all’attivo 167 presenze. Una parabola discendente che ha portato alla rottura tra lui ed il club: ad agosto, infatti, dopo una lite con Juric gli era stata tolta la fascia di capitano, appena ereditata da Belotti. Adesso l’addio sembra ad un passo.

Continua a leggere

Calciomercato

Barcellona, il nuovo contratto di Gavi non è stato ancora depositato

Pubblicato

:

Gavi

Continuano gli sforzi del Barcellona per depositare il nuovo contratto di Gavi entro il 31 gennaio 2023.

Il gioiello spagnolo ha già, di fatto, accettato l’offerta di rinnovo del club blaugrana, addirittura dallo scorso settembre. Il nuovo contratto si prolungherebbe fino al 2026 con una clausola rescissoria record da un miliardo di euro.

I problemi finanziari del club catalano hanno ritardato la questione e il club non ha potuto depositare il contratto in lega rendendolo effettivo. Il contratto di Gavi al momento dura fino al 2024, ma i catalani cercheranno di chiudere la situazione entro la fine di questa sessione invernale di mercato, come riportato da Mundo Deportivo.

Continua a leggere

Calciomercato

UFFICIALE – Il Toronto accoglie un altro italiano: arriva Petretta

Pubblicato

:

petretta

Il Toronto concretizza un altro colpo “italiano”. È infatti ufficiale l’acquisto di Raoul Petretta dal Kasimpasa. Il difensore italiano si unisce a Insigne e Bernardeschi per sostituire Criscito, tornato al Genoa.

Raoul Petretta, nato in Germania ma con passaporto italiano, è un terzino classe ’97 ex Basilea. Ha disputato più di 150 partite con il club svizzero e solo 12 con il Kasimpasa, club turco che l’ha acquistato nel mese di luglio. Termina subito quindi la sua avventura in Turchia, Petretta ora è pronto ad approdare al Toronto.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969