Dove trovarci
Vieri

Calcio Internazionale

Italia, 25 anni fa la rete azzurra numero 1000: le cifre tonde della Nazionale

Italia, 25 anni fa la rete azzurra numero 1000: le cifre tonde della Nazionale

Sono trascorsi ormai 25 anni dal gol numero 1000 siglato dalla nazionale italiana. L’evento risale, infatti, al 29 marzo 1997 nella gara contro la Moldavia, valida per le qualificazioni ai Mondiali di Francia 1998. Il match termina con un secco 3-0 in favore degli azzurri: una partita senza storia sul campo, ma destinata a restare impressa nella storia della Nazionale per un particolare dato statistico. Nella predetta partita, infatti, arriva il millesimo gol della Nazionale dopo 88 anni dal primo incontro disputato. La rete porta la firma di Christian Vieri al 50′, alla prima gara disputata con lo scudetto tricolore sul petto. I gol iniziali di Paolo Maldini e Gianfranco Zola sono propedeutici al tris dell’Italia, guidata al tempo da Cesare Maldini. Ma, in oltre 112 anni di storia, la Nazionale ha “lasciato il segno” per altre reti significative, che ripercorriamo insieme in ordine cronologico.

GOL NUMERO 100: 1927, CI PENSA LIBONATTI

La 100esima rete della nazionale italiana arriva a distanza di 17 anni dal primo incontro disputato in assoluto (contro la Francia, 6-2 ndr). L’Italia sfida la Svizzera a Ginevra il 30 gennaio 1927: gli azzurri sono guidati da Baloncieri e Libonatti, giocatori del Torino e futuri campioni d’Italia con la maglia granata. La partita termina con un netto 5-1 in favore dell’Italia: la tripletta di Baloncieri e i gol di Rossetti e Libonatti sono decisivi per l’esito dell’incontro. La seconda rete azzurra (segnata da Libonatti), sarà la centesima della nazionale italiana.

IL 200° GOL E’ STORICO: ARRIVA NEL MATCH DELLA “ZONA CESARINI”

Il 200° goal, messo a segno dall’Italia, arriva in una giornata storica, destinata a restare impressa negli annali del calcio italiano. È il 13 dicembre 1931: gli azzurri sfidano l’Ungheria allo stadio Filadelfia di Torino. Al 90′, il risultato della partita è inchiodato sul 2-2: la doppietta dell’ungherese Aver, infatti, bilancia le reti segnate da Libonatti e Raimondo Orsi. Ma la gara è destinata in modo ineluttabile a restare incisa nella memoria degli appassionati di calcio degli anni ’30, tanto da essere ricordata ancora oggi come la partita della “zona Cesarini“. Renato Cesarini, attaccante della Juventus, segna il gol del 3-2 nei minuti finali dell’incontro: questo episodio contribuisce a coniare l’espressione “zona Cesarini“, utilizzata per indicare segnature negli ultimi minuti di partita. Dal punto di vista extracalcistico, invece, l’espressione trova maggior utilizzo nel linguaggio comune per indicare fatti avvenuti in extremis.

ITALIA-ISRAELE 6-0: CON IL POKER DI SIVORI SI TOCCA QUOTA 500

Gli azzurri toccano quota 500 marcature nel corso della loro storia nel novembre del 1961. La contesa contro Israele, valida per la qualificazione ai Mondiali da disputare in Cile nel 1962, si trasforma in una vera e propria goleada: Corso, Angelico e la quaterna di Sivori fissano il tabellino sul 6-0. L’attaccante della Juventus segna il 500° gol al ’52. Con le 4 reti realizzate, Sivori entra nella storia della Nazionale per essere stato il primo giocatore a concretizzare un poker in una singola partita. 

ITALIA-MESSICO 5-0: L’800° GOL DELLA NAZIONALE

La rete numero 800 della nazionale italiana arriva nel febbraio del 1984, durante la sfida amichevole contro il Messico. Non c’è storia all’Olimpico: la tripletta di Paolo Rossi e i gol di Bruno Conti e Salvatore Bagni travolgono El Tricolor. Di questo cinquina, c’è una frammento, che entra nella storia dopo 1′ di gioco: la segnatura di Salvatore Bagni, ex giocatore di Inter e Napoli. Questi porta in vantaggio gli azzurri subito dopo il calcio d’inizio. A distanza di 74 anni, l’Italia raggiunge dunque la prestigiosa quota di 800 esultanze in tutti i match disputati, sia amichevoli che ufficiali.

 

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Calcio Internazionale