Dove trovarci

Italia, boom di ascolti per la nazionale!

Questa Italia vince e convince, ma non solo in campo. Le tre partite giocate dalla nazionale italiana a Euro 2020 hanno registrato uno share medio di telespettatori del 62%. Numeri importanti che testimoniano come il pubblico si sia riavvicinato agli azzurri. I nostri ragazzi poi hanno saputo ricambiare l’affetto con ottime prestazione sul campo.

LA RISALITA AZZURRA

Se tra i tifosi e la nazionale è sbocciato nuovamente l’amore, questo è dovuto al grande lavoro fatto da Roberto Mancini. Il 13 Novembre 2017 il calcio italiano toccava uno dei punti più bassi della sua storia con la mancata qualificazione al mondiale di Russia 2018.

Roberto Mancini viene dunque nominato come nuovo CT, e a lui spetta il compito di ricostruire dalle macerie la nazionale azzurra. Il “Mancio” con tanta umiltà ha costruito passo dopo passo la nuova Italia e sta ottenendo risultati grandiosi. 30 risultati utili consecutivi, un difesa di ferro, un attacco efficace, 11 vittorie consecutive e vittoria del girone europeo con grandi prestazioni. Numeri incredibili che hanno inevitabilmente riacceso la passione per gli azzurri fra tutti, che ora sono nuovamente fieri di tifare Italia sia allo stadio che in Tv.

Il Ct azzurro Roberto Mancini, in carica dal 2018 (Pic by: blogsicilia)

UNO SHARE COSI’ MANCAVA DA EURO 2016

La partita contro il Galles ha registrato il 62% di share televisivo, sommando gli utenti che hanno guardato il match su Sky e sulle reti Rai. Numeri così era dalla fase a gironi di Euro 2016 che non venivano raggiunti. I match contro Belgio e Irlanda dello scorso torneo continentale avevano registrato percentuali poco più alte di quelle di Italia-Galles. L’obiettivo è raggiungere le cifre record dell’ 80% nella fase finale, come nell’ottavo di finale contro la Spagna. Ce la faremo? Se i nostri azzurri continueranno a regalarci forti emozioni probabilmente sì!

Lo share di ascolti delle partite degll’Italia da Euro 2012 a Euro 2016 (Pic by: calcio e finanza)

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Archivio generico