Descrivere Italia-Brasile del 1994 comporterebbe l’adoperarsi di diverse citazioni, che romanzate o dettagliate che siano, raccontano sempre un incrocio di lusso. Come riporta la Gazzetta dello Sport, la Federazione brasiliana ha organizzato ieri sera un remake della sfida, all’interno della quale gli Azzurri hanno vendicato i dissapori della storia. Formazioni da capogiro, con la Seleçao in campo con nove undicesimi di Pasadena, tra cui Aldair, Taffarel, Romario e Mazinho. L’Italia di Arrigo Sacchi, orfana del Divin Codino Roberto Baggio, risponde con profili come Albertini, Massaro, Zola e l’intramontabile Franco Baresi.

Il triste epilogo dal dischetto di 26 anni fa è stato sostituito da una serata di festa che, sulle orme del passato regala il successo all’Italia. Solamente l’ex Milan Massaro, intorno agli ultimi scampoli di partita, timbra il risultato: vincono le Vecchie Glorie italiane, ma a trionfare è lo sport, capace di donare show in un ambiente dominato da razzismo e discriminazione.

Fonte immagine in copertina: profilo ufficiale IG @albertini.demetrio