Connect with us

Calcio Internazionale

Italia-Inghilterra, le pagelle del match: Raspadori stende Southgate

Pubblicato

:

Pagelle

La gara tra Italia e Inghilterra, secondo remake della finale di Euro 2021 dopo il match d’andata, lo vincono gli Azzurri. La squadra di Mancini, apparsa sin dal primo minuto molto propositiva, offre un buon calcio e mette l’Inghilterra alle corde. Malgrado le buone idee, però, l’Italia evidenzia ancora una volta le sue difficoltà nel creare occasioni da gol realmente pericolose. Alla fine decide Raspadori con una perla al 68esimo minuto che apre e chiude la gara sull’uno a zero. Di seguito le nostre pagelle del match.

ITALIA

Donnarumma: 6+ | L’Inghilterra, dormiente per buona parte della partita, i primi e unici pericoli li crea con Kane al 76esimo. Il portierone del PSG è attento nell’occasione e neutralizza con un doppio intervento sicuro.

Toloi: 6.5 | C’è un motivo se è diventato uno degli uomini di fiducia di Mancini e il motivo è questo. Francobolla Sterling per tutti e 96 i minuti giocati andandolo a prendere, se serve, anche nella metà campo inglese. Prestazione di altissimo livello.

Bonucci: 7 | Dati i compiti diversi di Jorginho, Cristante e Barella, il vero regista è lui. Ci mette esperienza e grinta, quella non manca mai, ma stavolta convince anche in fase difensiva. L’assist per Raspadori, poi, lievita il voto in pagella ed è una perla assoluta.

Acerbi: 6 | Da quel lato Saka, annullato più da Southgate che dallo stesso Acerbi, non spaventa mai, e allora il difensore dell’Inter si limita di fatto a dispensare consigli ai compagni, soprattutto a Dimarco.

Di Lorenzo: 6+ | Impeccabile. Precise le sue chiusure in fase difensiva e puntuali le sue sovrapposizioni in fase offensiva. A differenza del suo collega di fascia Dimarco non cala d’intensità con il passare dei minuti.

Barella: 5.5 | Dispiace, ma è l’unica insufficienza di un’Italia convincente. Tiene troppo il pallone tra i piedi e butta via due contropiedi potenzialmente pericolosi, il cuore ce lo mette sempre, ma stavolta dovrebbe rivedere qualcosina a livello tecnico. (dal 63′ Pobega: 6)

Jorginho: 6.5 | Per certi versi è un Jorginho completamente diverso da quello che avevamo lasciato a giugno scorso. Gara da professore del centrocampo per il giocatore del Chelsea che esce tra i meritati applausi di San Siro. (dall 88′ Frattesi: s.v.)

Cristante: 6 | Fa quello che sa fare meglio, l’interdittore. Recupera diversi palloni importanti e il suo lavoro di raccordo è indispensabile per un gioco veloce come quello di Mancini.

Dimarco: 6+ | Parte alla grandissima pennellando un pallone perfetto sulla testa di Scamacca. Per una buona mezz’ora è il più fastidioso degli Azzurri, poi però cala di intensità. Prima di uscire stremato, ha il tempo di cogliere un clamoroso palo. (dal 88′ Emerson: s.v.)

Raspadori: 7 | Per la sua gestione, Mancini ha evidentemente parlato con Spalletti. In Napoli-Spezia il classe 2000 aveva faticato e non poco, poi però, tenuto in campo fino alla fine dal tecnico di Certaldo, ha trovato il gol che ha risolto la partita. Stasera è successa una cosa analoga: Raspadori stava annaspando, Mancini lo ha comunque tenuto e alla fine l’ex Sassuolo ha pescato dal cilindro la perla della vittoria. (dal 80′ Gabbiadini: s.v.)

Scamacca: 6  | L’Italia sarà stata pure propositiva nel primo tempo, ma a conti fatti l’unico pericolo dalle parti di Pope è il colpo di testa del 9 Azzurro. Alla lunga i difensori inglesi gli prendono però le misure e allora Mancini decide di scompigliare le carte gettando nella mischia il giovane Gnonto. (dal 63′ Gnonto: 6)

INGHILTERRA

Pope: 6 | Incolpevole sull’eurogol di Raspadori, non deve compiere grandi interventi per tutto il resto della gara.

James: 5.5 | Troppo timido per essere James. Di fronte si trova Dimarco, di certo non il più arcigno dei difensori, eppure il terzino del Chelsea prova quasi mai l’affondo. Sparacchia in primo blu una punizione da posizione più che invitante.

Dier: 6 | Suona come può la carica ai compagni, prende bene le misure a Scamacca e prova a far partire dai suoi piedi le azioni d’attacco dell’Inghilterra, che però è spenta e poco intraprendente.

Maguire: 6 | Schierato come braccetto di sinistra nella difesa a tre inglese si limita al compitino, anche perché dalle sue parti gravitano ben pochi palloni.

Walker: 5+ | Cugino di secondo grado del super terzino del Manchester City. Come James e gran parte dei suoi compagni anche lui è timido e in più ha l’aggravante di tenere una marcatura troppo leggera in occasione del gol di Raspadori. (dal 70′ Shaw: 6)

Bellingham: 6+ | Da solo tiene in piedi il centrocampo dell’Inghilterra altrimenti in balia di quello italiano. Decide anche di diventare il più pericoloso dei suoi con un colpo di tesa alto di poco nei minuti di recupero. Il futuro è suo, prestazioni come questa lo dimostrano.

Rice: 5.5 | Da uno come lui tendiamo ad aspettarci di più e invece si fa sovrastare dagli avversari. Per due occasioni non si prende la responsabilità di un tiro dal limite dell’area e con un compagno giovane come Bellingham dovrebbe essere lui a prendersi queste responsabilità.

Saka: 5 | È il peggiore in campo per distacco, ma forse la colpa non è tutta sua. Southgate decide di schierarlo a tutta fascia ed è un ruolo che proprio non gli si addice. Dispiace dirlo, perché è giovane e il talento c’è, ma con lui in quella posizione l’Inghilterra gioca con un uomo in meno. (dal 70′ Grealish: 5.5)

Foden: 6 | La sensazione, che in pochi riescono a dare, è che quando il pallone finisce sul suo sinistro qualcosa possa accadere da un momento all’altro. La difesa italiana è comunque brava ad arginarlo, ma lui è l’unico a tenere la spia del pericolo sempre ben accesa.

Sterling: 5.5 | Il più grande problema della sua partita si chiama Rafael Toloi. Malgrado l’attaccante del Chelsea ci provi in tutti i modi, non riesce mai a scrollarsi di dosso la pressione del difensore dell’Atalanta che lo annulla completamente.

Kane: 6 | A differenza dei suoi compagni di reparto, almeno lui ci prova. In avanti arrivano pochissimi palloni, e allora prova generosamente a venirseli a prendere a centrocampo. Malgrado la sconfitta ha la magra consolazione di essere l’unico giocatore in grado di impensierire seriamente Gigio Donnarumma.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Juve-Maccabi Haifa, Di Maria: “Dispiace non giocare contro il Milan”

Pubblicato

:

Dopo la grande prestazioni di questa sera, Di Maria si è fatto perdonare per la sciocchezza commessa contro il Monza, culminata poi con l’espulsione. Infatti, al termine della partita contro il Maccabi Haifa, l’argentino ha rilasciato delle dichiarazioni. Queste le sue parole:

Io cerco di fare il mio lavoro e quello che mi rende felice, ovvero fare degli assist per fare gol. Mi dà piacere poter servire i miei compagni, fargli fare gol e rendergli felici. Abbiamo creato tante opportunità e dobbiamo lavorare in questo senso per fare più gol. Oggi abbiamo fatto un buon lavoro. Al ritorno dovrete tenere alta l’attenzione. Lo sappiamo. Contro il PSG hanno fatto una grande partita. Hanno giocatori importanti ma oggi abbiamo fatto un’ottima partita e al ritorno dobbiamo fare attenzione al contropiede. Quanto ti spiace non giocare la gara contro il Milan? Tantissimo. Però l’ho meritato per l’errore che ho commesso. Sono molto pentito per l’errore commesso. E’ stata una mancanza di rispetto per i miei compagni, per il club e per me stesso. Sono umano però e cercherò di non commetterlo più“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Chelsea-Milan, Pioli: “Dopo il secondo gol non siamo rimasti squadra!”

Pubblicato

:

Brutta battuta d’arresto per il Milan, che esce con le ossa rotte dalla sfida di Champions League contro il Chelsea. Al termine del match è intervenuto ai microfoni di Prime Video mister Pioli. Queste le parole del tecnico del Milan:

Abbiamo forzato tante giocate, e gli abbiamo permesso di ripartire velocemente. Potevamo fare di più , non c’entra nulla la poca esperienza e i giocatori che mancavano. Siamo stati meno brillanti. Dopo il secondo gol la squadra ha perso fiducia. Si, dopo la seconda rete ha cambiato il nostro atteggiamento e mentalità, non siamo rimasti squadra. Come mai hai tolto tre giocatori importanti? Ho bisogno di dare minutaggio a chi torna dagli infortuni, e di far rifiatare gli altri.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Vlahovic severissimo con se stesso: “Mi è mancata lucidità”

Pubblicato

:

Dusan Vlahovic è molto severo con se stesso nel post partita di Juventus-Maccabi. Lui che ha comunque ritrovato il gol, ma poteva uscire dal campo con ben più di una sola marcatura. Poi nel finale un commentino su Di Maria, autentico mattatore del match di stasera. Queste le sue dichiarazioni a Sky Sport:

Siamo entrati cattivi e determinati in partita. Io potevo fare molto di più con gli assist di Di Maria e dei compagni, non sono soddisfatto. Ma l’importante era vincere, ora dobbiamo lavorare a testa bassa. Gol ritrovato? Sono molto contento per questo, ma sono più per aiutare la squadra quando è in difficoltà, i gol arrivano di conseguenza. Devo stare più calmo e concentrato, mi è mancata lucidità. Ora testa a sabato, dobbiamo lavorare in silenzio. Di Maria? Non so che dire, sono onorato di poter giocare con lui e imparare da lui. Sono veramente contento e vorrei sfruttare i momenti in campo con lui“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Juventus, Rabiot soddisfatto: “Siamo sulla strada giusta. Allegri? Si fida di me”

Pubblicato

:

Dove vedere Juventus-Bologna in tv e in streaming

Il centrocampista della Juventus Adrien Rabiot, al termine della partita di Champions League contro il Maccabi Haifa, è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per commentare la prestazione bianconera. Il francese ha deciso il match con una doppietta, che ha permesso alla squadra di Allegri di conquistare i tre punti e rilanciarsi nel girone con Psg e Benfica, che hanno pareggiato 1-1 al “da Luz”. Di seguito le dichiarazioni rilasciate da Rabiot:

“Sto dando sempre il 100% sul campo e in allenamento. Allegri? Lui si fida di me. Per lui è importante avere un giocatore che dia equilibrio alla squadra. Posso segnare e l’ho dimostrato stasera. Sono contento perché mi sento bene in squadra. Abbiamo avuto un po’ di difficoltà ma sia col Bologna che stasera abbiamo fatto bene e sono contento. Attenzione al ritorno? Certo. Loro hanno buoni giocatori. Sarà una gara in trasferta, dovremo essere concentrati ma con questo atteggiamento sono convinto che vinceremo. Dobbiamo continuare così”.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969