Connect with us

Flash News

Italia-Spagna, atto secondo: le probabili formazioni

Pubblicato

:

C.T.

Questa sera alle ore 20.45 San Siro si tinge di azzurro, per ospitare Italia-Spagna valevole come semifinale di Nations League.

Dopo l’Europeo vinto da protagonisti, facendo fuori nel nostro cammino anche la squadra di Luis Enrique, le Furie Rosse tornano a sfidare Mancini e i suoi ragazzi in una sfida dal sapore di rivalsa.

In palio un posto in finale, con l’avversario che verrà scelto domani con la vincente della sfida di Torino tra Belgio e Francia.

Mancini ha chiesto espressamente lo stesso entusiasmo vissuto quest’estate, cosi da allungare la striscia di 37 risultati utili consecutivi, ma attenzione alla Spagna che ha da togliersi più di un sassolino dalla scarpa.

L’ITALIA SPUNTATA RIPROVA IL COLPACCIO

Senza né BelottiImmobile causa infortuni, gli azzurri giocheranno senza una vera punta di ruolo con il solito 4-3-3.

Un modo di scendere in campo che si avvicina al Guardiolismo, in cui dei tre in avanti non figura neanche una punta, per dare meno riferimenti possibili.

Questa volta non per scelta ma per necessità, Mancini non avrà Foden o Sterling come Guardiola, ma può contare sulla classe di Pellegrini che in campionato ha già dimostrato che la porta la vede piuttosto bene.

Il ct sceglie come da programma il 4-3-3 marchiato azzurro con Donnarumma tra i pali, Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Emerson in difesa, solito centrocampo di qualità e quantità con Barella, Jorginho e Verratti, ed in avanti Chiesa, Insigne e Pellegrini.

LE UNDICI FURIE ROSSE

Anche per la Spagna, nessuno dei due centravanti è schierabile.

Infatti, sia Morata che Gerard Moreno saranno assenti per la sfida di San Siro, e questo obbliga il ct spagnolo a scendere in campo “spuntati” proprio come gli azzurri.

In avanti salgono le quotazioni di Oyarzabal come riferimento centrale, con Ferran Torres ed uno tra Fornals e Sarabia sulle corsie.

La Spagna propone quindi un 4-3-3 con Unai Simon in porta, Azpilicueta, Laporte, Pau Torres, Reguilon dietro, Koke, Busquets Mikel Merino sulla mediana, Sarabia/Fornals e Ferran Torres sulle fasce con Oyarzabal falso nueve.

Stasera quindi bisogna tornare nei posti che tanto ci hanno fatto gridare ed esultare tre mesi fa, pronti a sostenere la nostra Italia nella sua ennesima battaglia.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Neville ancora contro Ronaldo: “Quello che sta facendo è fuori luogo”

Pubblicato

:

Cristiano Ronaldo

Dopo la panchina in PortogalloSvizzera, Cristiano Ronaldo è stato preso nuovamente di mira da tutta la stampa mondiale. Non poteva ovviamente mancare anche la stoccata di Gary Neville, ex giocatore del Manchester United e spesso in disaccordo con le scelte prese dal portoghese. Nel nuovo ruolo di opinionista, Neville ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di ITV, senza peli sulla lingua: “Quando è stato Ten Hag a metterlo in panchina si diceva che il tecnico dello United volesse sminuire l’autorità di Ronaldo. Oggi però lo fa anche Fernando Santos con il quale ha avuto un rapporto incredibile per otto anni. Cristiano ha bisogno di sentirsi dire la verità, ha bisogno di sentirsi dire che quello che sta facendo nella fase finale della sua carriera è fuori luogo. Non mi stupirei se entrasse e segnasse il gol della vittoria, ma il suo ritmo in campo, il suo costante cattivo umore sono cose che devono finire. Non gli si addicono per niente. Siamo sicuri che a sbagliare fosse l’allenatore della Juventus prima? E poi quello dello United? E ora anche quello del Portogallo? La sua eredità è già scritta, sarà per sempre uno dei migliori di tutti i tempi”.

Continua a leggere

Calciomercato

Juventus, per Fresneda serve l’addio di McKennie: il Dortmund osserva

Pubblicato

:

La Juventus, nonostante il terremoto societario e le questioni extra campo ancora da risolvere, pensa già al mercato di gennaio. Secondo Tuttosport infatti, i bianconeri sembrerebbero molto interessati a Ivan Fresneda, esterno di proprietà del Real Valladolid. Il 18enne ha una clausola rescissoria fissata a 30 milioni di euro, ma la Juventus vorrebbe fare un tentativo già nella sessione invernale mettendo sul piatto circa 15 milioni più una clausola sull’eventuale rivendita. Prima però servirebbe un colpo in uscita, che potrebbe essere quello di McKennie: col rientro ormai imminente di Paul Pogba, lo statunitense troverà sempre meno spazio nello scacchiere di Massimiliano Allegri. Il numero 14 bianconero sembrerebbe piacere e non poco al Borussia Dortmund, che osserverà interessato e potrebbe tentare l’affondo a gennaio.

Continua a leggere

Flash News

Caos Juventus, si pensa al clamoroso ritorno di Marotta

Pubblicato

:

Marotta

La Juventus sta vivendo un periodo complicato. La Vecchia Signora si appresta a rifondare la propria dirigenza, dopo le dimissioni in blocco del proprio Cda. L’addio dell’ormai ex presidente Andrea Agnelli apre le porte per il futuro e pone fine ad un’era durata più di un decennio, ma come si dice, il passato ritorna sempre.

Il presidente designato Gianluca Ferrero e il direttore generale Maurizio Scanavino saranno i protagonisti della seconda metà di stagione, in un regno di breve periodo in cui la società si prenderà del tempo per avviare cambiamenti propedeutici per il futuro. Con Massimiliano Allegri, il cui contratto scadrà nel 2025, potrebbe arrivare una figura determinante e riconosciuta nell’ambiente bianconero.

Come riporta il quotidiano La Repubblica, Beppe Marotta può approdare in terra piemontese dando inizio ad una nuova era nel segno del passato. Il dirigente attualmente all’Inter non sarebbe ancora stato contattato ed il contratto con la società nerazzurra terminerà tra 3 anni. Una chiamata da parte del suo ex club però, potrebbe tentarlo particolarmente.

Prima del passaggio all’Inter, Marotta fu protagonista assoluto della rinascita del club bianconero. Dopo aver toccato il fondo con la Serie B, la società della famiglia Agnelli si affidò alla sua egregia professionalità. Il ds originario di Varese fece faville non solo dal punto di vista sportivo ma anche economico: sotto la sua attenta gestione, i bilanci a strisce bianconere erano chiusi in positivo.

Continua a leggere

Calciomercato

Caso Karsdorp: niente sconti, tra i 10 e i 12 milioni per l’olandese

Pubblicato

:

Karsdorp

Come riporta l’edizione odierna de Il Tempo, Tiago Pinto starebbe gestendo con il pungo di ferro la situazione legata al caso Karsdorp.

La parole d’ordine è “niente sconti”, anche grazie all’appoggio della famiglia dei Friedkin, proprietari del club giallorosso. Dopo essersi preso tutte le responsabilità conseguenti a determinate scelte di Mourinho, l’ex calciatore portoghese vuole vendere a tutti i costi il terzino olandese a titolo definitivo, anche a costo di trattenerlo fino a giugno 2023, termine della stagione corrente.

Il dirigente della Roma in carica da inizio 2021 ha fissato il prezzo quasi provocatorio per il classe ’95 nativo di Schoonhoven: ciò che filtra da fonti vicine al club, si tratterebbe di una cifra compresa fra i 10 e i 12 milioni di euro. I club che avevano dimostrato interesse per l’esterno, davanti ad una cifra tale, con ogni probabilità potrebbero decidere di fare un passo indietro e di rinunciare all’acquisto del 27enne.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969