Connect with us

Calcio e dintorni

Juventus-Genoa 3-1: tre punti chiave nella corsa per la Champions League

Pubblicato

:

Il sogno del decimo scudetto consecutivo, con l’Inter sempre più prima e lanciata verso il trionfo finale, è ormai sfumato. Pirlo e la Juventus hanno un solo obiettivo per salvare una stagione che, in attesa della finale di Coppa Italia, ha regalato più dolori che gioie. Il quarto posto, equivalente al piazzamento in Champions League per la prossima stagione, è il traguardo minimo da raggiungere. Apparentemente banale e sottinteso a inizio campionato, pericolosamente in bilico a otto giornate dalla fine, con sei squadre a lottare per tre posti. I tre punti contro il Napoli hanno ridato fiducia all’ambiente, ma trovare continuità contro il Genoa è il passo successivo, il più importante da compiere. La squadra di Ballardini naviga in acque abbastanza tranquille, ma con una sola vittoria nelle ultime otto partite, provare a raccogliere punti allo Stadium è un obbligo.

Diretta Juve-Genoa ore 15: come vederla in tv, in streaming e formazioni  ufficiali

Fonte: Tuttosport

LA PARTITA

La Juventus mette in chiaro sin da subito quali siano le proprie intenzioni: dare una prova di forza. Pronti, via e dopo appena 6′ i bianconeri trovano il vantaggio. Cuadrado salta con un dribbling secco Rovella e serve Kulusewski al limite dell’area di rigore, bravo a concludere con un pregevole mancino che finisce sotto l’incrocio dei pali. Il Genoa prova a creare pericoli dalle parti di Szczesny, ma si sbilancia lasciando campo aperto alle controffensive avversarie.

Al 22′, su uno di questi ribaltamenti di fronte, la squadra di Pirlo raddoppia. Chiesa, lanciato in profondità, conclude a rete trovando la risposta di Perin. Sul rimpallo Cristiano Ronaldo è impreciso e calcia sul palo, ma sulla ribattuta Morata non perdona.

Juventus-Genoa 3-1: il tabellino | Serie A | Calciomercato.com

Fonte: Calciomercato.com

Nella ripresa gli uomini di Ballardini reagiscono e accorciano le distanze con un colpo di testa di Scamacca, sugli sviluppi di un corner battuto da Rovella. La rimonta, però, non giunge a compimento e la Juventus trova la rete del definitivo 3-1 con McKennie, servito da Danilo.

Tre punti d’oro per la Juventus che vede avvicinarsi l’obiettivo minimo stagionale, una vittoria fondamentale per dare continuità ai risultati delle ultime partite. Il Genoa esce dallo Stadium a testa alta, consapevole di aver dato il massimo e di potersi giocare la permanenza in Serie A senza troppe difficoltà.

Fonte: profilo twitter Juventus

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio e dintorni

Luis Enrique da Twitch: “Francia e Brasile le favorite, ma non abbiamo paura!”

Pubblicato

:

Luis Enrique

Ormai le dirette Twitch di Luis Enrique stanno diventando molto celebri, rivoluzionando anche un po’ i metodi della comunicazione tra tifosi e squadre di calcio.

Dopo la bella partita culminata con un pareggio conro la Germania in cerca disperata di punti, l’allenatore della Spagna è tornato a comunicare con i suoi tifosi sulla celebre piattaforma di streaming.

Le favorite per il Mondiale sono ovviamente Francia e Brasile. Hanno vinto le prime due partite ed è così. Però non abbiamo paura di nessuno, abbiamo giocato di recentre contro la Francia e punteremo a batterli. Noi intendiamo fare i punti che servono per passare il girone, intanto”.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Chi è Maurizio Scanavino, il nuovo Direttore Generale della Juventus

Pubblicato

:

Chi è Maurizio Scanavino

CHI È MAURIZIO SCANAVINO – Il terremoto che ha scosso la Juventus rischia di riversarsi in tutto il mondo del calcio italiano. Come un fulmine a ciel sereno, a seguito di un Cda straordinario, l’intero staff dirigenziale bianconero si è dimesso. Sì, questo vuol dire che Andrea Agnelli non sarà più il presidente, Pavel Nedved non sarà più il suo vice e Maurizio Arrivabene presto non sarà più l’amministratore delegato. Nel prossimo Cda del 18 gennaio verranno assunti nomi nuovi al loro posto, ma il primo è quello di Maurizio Scanavino, che sarà il Direttore Generale della Juventus. Andiamo a scoprirne qualcosa di più.

CHI È MAURIZIO SCANAVINO

Maurizo Scanavino nasce nel 1973 e dopo i suoi anni di studi consegue una laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni al Politecnico di Torino. La sua esperienza lavorativa vanta di anni di esperienza in vari settori (consulenza, automotive ed editoriale) sia in Italia che all’estero. Nel 2004 entra nel gruppo FIAT e partecipa in maniera attiva al rilancio della società come Brand Promotion con responsabilità di marketing e comunicazione per i marchi Fiat, Alfa Romeo e Lancia. Il 2007 segna l’arrivo di Scanavino nel mondo editoriale, dal momento che diventa direttore dell’area digitale e marketing della Stampa. Grazie al suo lavoro in questo ambito, diventerà tra anni dopo Direttore Generale dell’agenzia di pubblicità Publikompass.

Nel 2013, poi, arriva la chiamata de il Secolo XIX, di cui Scanavino diventa Amministratore Delegato e lavora alla fusione con La Stampa. Grazie a questa collaborazione nascerà qualche tempo dopo ITEDI che l’uomo guida, in qualità di Direttore Generale, alla fusione con il Gruppo Espresso. L’unione porta alla nascita del Gruppo GEDI, uno dei più famosi gruppi editoriali d’Europa. Attualmente ricopre la carica di Amministratore Delegato e Direttore Generale di GEDI Gruppo Editoriale, dove è impegnato a consolidare la posizione di leader italiano della trasformazione digitale nel settore editoriale, anche attraverso acquisizioni societarie e investimenti mirati.

IL RUOLO DEL DIRETTORE GENERALE

Da oggi, dunque, Maurizio Scanavino sarà il Direttore Generale della Juventus, ma questo cosa vuol dire? Di cosa si occupa, precisamente, un Direttore Generale in una squadra di calcio?

Spesso il ruolo del Direttore Generale in una squadra di calcio coincide con quella dell’Amministratore Delegato; questo, dunque, collabora e si interfaccia con la proprietà, presentando i resoconti finanziari. A volte questi può inoltre occuparsi – con l’ausilio del direttore sportivo – anche di alcune (spesso le più importanti) trattative di mercato. Per intenderci, quello del Direttore Generale è un ruolo estremamente simile a quello ricoperto per anni da Adriano Galliani nel grande Milan di Silvio Berlusconi. Per fare degli esempi dei giorni nostri, invece, potremmo citare Giuseppe Marotta dell’Inter e Umberto Marino dell’Udinese, oppure, spostandoci all’estero, l’ex Chelsea Marina Granovskaia.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Lega Pro, ad Ancona per la Torres arriva l’ottavo pareggio stagionale

Pubblicato

:

Modena

Nel girone B di Lega Pro, la Torres pareggia ad Ancona per 1-1, collezionando l’ottavo pareggio in quindici partite del suo campionato.

LA CRONACA

La squadra di Greco si presenta allo Stadio del Conero contro un’Ancona in grande forma, reduce da tre vittorie nelle ultime quattro.

I rossoblù, martoriati dalle assenze, vanno in vantaggio al trentesimo del pt, grazie al gol di Scappini con un destro a giro che non lascia scampo a Perucchini, chiudendo in vantaggio la prima frazione. Nella ripresa i padroni di casa trovano il pari definitivo, con un rigore causato da Ferrante ai danni di Lombardi (tra le proteste degli ospiti), e trasformato da Scappini al 67’.

La Torres rimane così al dodicesimo posto del campionato, dando l’impressione, ancora una volta, di non riuscire a fare il fatidico “passo in più”. Appuntamento domani, al Vanni Sanna, contro la Fiorenzuola.

LE PAROLE DEL MISTER

Il tecnico rossoblù, Alfonso Greco, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Centotrentuno sulla gara giocata:

Perdiamo punti un po’ per gli episodi un po’ per nostre ingenuità. È un peccato, anche perché oggi nonostante incontrassimo una grande squadra abbiamo fatto di necessità virtù. Il rigore è stato generoso ma noi abbiamo commesso una ingenuità. Vediamo se col Fiorenzuola ci sarà l’opportunità di recuperare qualcuno. Faremo il punto della situazione. Penso avremo Diakité squalificato, Lombardo è uscito con un risentimento muscolare. Affronteremo un’altra grande squadra, ma è un momento dove dovremo stringere i denti”.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Sampdoria, serata amarcord per i reduci dello Scudetto

Pubblicato

:

PAGLIUCA HANDANOVIC ONANA

La giornata di ieri è stata sicuramente molto particolare per i tifosi della Sampdoria.
In serata, infatti, è stata proiettata la prima del docufilm “La Bella Stagione”, incentrato sulla stagione dello Scudetto doriano nel 1991.

Al cinema scelto per l’occasione, oltre a molti tifosi, erano presenti i protagonisti di quella stagione, da Pagliuca e Vierchowod, passando per i vari Lombardo, Pari, Mannini, Bonetti e Invernizzi, fino ad arrivare ai gemelli del gol, Roberto Mancini e Gianluca Vialli.

Al termine della proiezione, contornata da lacrime e ricordi, gli illustri ospiti si sono cimentati nel cantare “Lettera da Amsterdam”, l’inno della Sampdoria, scritto dal compianto Vittorio De Scalzi, scatenando ancor di più la commozione in sala.

Come riportato da Gazzetta.it, dopo i saluti, la comitiva degli ex calciatori si è spostata a Quinto, per celebrare il 58esimo compleanno dell’attuale Ct della Nazionale, facendo emergere ancora una volta il forte legame che unisce i componenti del gruppo.
Insomma, una serata all’insegna dei ricordi felici in casa Samp, che serve anche a rasserenare gli animi in uno dei momenti più delicati della storia blucerchiata

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969