Connect with us

Flash News

Juventus-Report: il punto dopo le prime intercettazioni

Pubblicato

:

Come già da diverse settimane annunciato, lunedì 22 ottobre il programma d’inchiesta Report manderà in onda un servizio relativo al misterioso suicidio del capo ultrà della Juventus e informatore dei servizi segreti Raffaele Bucci. La tragedia, consumatasi nel luglio 2016, ebbe molto rilievo per il ruolo che Bucci ricopriva nell’indagine riguardante i rapporti che intercorrevano tra gli ultras, la ndrangheta e la dirigenza della Juventus sulla vendita dei biglietti. A questo proposito, il giorno prima che decidesse di togliersi la vita, Raffaele Bucci venne interrogato dai pm sulla questione sopracitata e, successivamente alla sua dipartita, questo cronologico susseguirsi di vicende spinse le autorità ad approfondire il tutto. Uno dei risvolti poco chiari della vicenda riguarda il ritrovamento e la restituzione del borsello della vittima alla famiglia: l’oggetto non era presente nel luogo del suicido, ma fu trovato nell’auto di Bucci nel parcheggio della società da Alessandro D’Angelo, security manager del club che ritroveremo dopo, e consegnati all’ex moglie dell’uomo.

Dopo più di due anni dall’accaduto e, soprattutto, dopo due sentenze di primo e secondo grado sulla questione biglietti, i giornalisti di Report, stimolati dal velo di mistero che avvolgeva e avvolge tutt’ora questo episodio, hanno deciso di riportare in auge la vicenda attraverso il servizio che vedremo tra qualche giorno. Come prova dell’autenticità del lavoro svolto e per invogliare l’utenza a guardare il servizio, sul profilo di Twitter della trasmissione sono state pubblicate una serie di intercettazioni telefoniche tra Alessandro D’Angelo (capo della security bianconera), Francesco Calvo (ex direttore commerciale) e Leonardo Bonucci.

D’Angelo: “E’ morto”.
Calvo: “Lo so, ho saputo”.
D: “Non ci credo, lo ha ammazzato!”.
C: “Minchia! Non ci posso credere! Se penso che lo abbiamo portato io e te alla Juve…”.
D: “Ma non era un motivo per ammazzarsi. Non doveva avere paura”.
C: “No, no di certo”.
D: “Era terrorizzato ieri. Sembrava che lo dovessero ammazzare da un momento all’altro perché ha parlato coi pm. “.

 

D’Angelo: “Ho un problema. Ciccio si è ucciso. S’è suicidato Ciccio!”.                                       Bonucci: “Non ci credo!”.
D: “Non sono riuscito a fermarlo. Si è suicidato stamattina, si è lanciato da un ponte, aveva paura di qualcosa, era terrorizzato. E’ andato ieri mattina a Palazzo di Giustizia, è uscito sconvolto. Ha avuto paura, si vergognava di me. Mi ha detto ‘No no, perdonatemi, perdonatemi, perdonatemi. Non aveva paura di noi, ne sono convinto”. 

All’interno dei due accesi scambi di battute, ciò che balza all’occhio è sicuramente il “lo ha ammazzato” con cui D’Angelo commenta l’accaduto nella conversazione con Calvo. Un’affermazione del genere getta ulteriori dubbi sulla reale causa della morte di Bucci e nuove indiscrezioni potrebbero fare ancora più luce sull’intera vicenda.

Il direttore del programma, Sigfrido Ranucci, ha a più riprese affermato come questo sia solo l’aperitivo della grande portata che verrà messa in onda lunedì. La Juventus, dal canto suo, non ha preso alcuna posizione ufficiale e come tutti attende le verità che il servizio promette di darci.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Il polacco Marciniak arbitrerà la sfida tra Argentina e Australia

Pubblicato

:

Argentina, Messi parla al termine della partita contro la Polonia

I designatori arbitrali della Fifa hanno selezionato Szymon Marciniak per l’ottavo di finale tra Argentina e Australia, in programma sabato sera alle ore 20:00.

Il polacco quest’anno ha già arbitrato diverse partite importanti tra cui il match della fase a gironi della Uefa Champions League tra Barcellona e Inter, andato in scena al Camp Nou. Ha già una discreta esperienza sulle spalle, infatti durante il Mondiale del 2018 in Russia ha diretto due gare della fase a a gironi, vale a dire Argentina-Islanda e Germania-Svezia.

In campo internazionale Marciniak inoltre ha arbitrato alcune partite di qualificazione per i  Mondiali del 2014 in Brasile, aggiungendo al suo curriculum di direttore di gara anche il Campionato Europeo di calcio Under 21 andato in scena nel 2015. Il polacco è stato anche designato dalla Uefa per l’Europeo svoltosi in Francia nel 2016, arbitrando due gare della fase a gironi e successivamente l’ottavo di finale tra Germania e Slovacchia.

Continua a leggere

Flash News

Spinazzola racconta: “Douglas Costa l’avversario peggiore mai affrontato”

Pubblicato

:

Spinazzola

Durante la pausa Mondiale, la Roma ha preso parte ad una tournée in Giappone, dove si è resa protagonista anche di due amichevoli.

Spinazzola, nell’occasione, si è concesso a delle domande da parte di giovani calciatori del Nagoya Grampus, club con cui i giallorossi hanno chiuso una partnership.

L’esterno azzurro è stato chiamato a rispondere ad alcune domande e curiosità, tra cui una riguardante il suo ruolo che lo può vedere coprire entrambe le fasce:

Penso che sia una doppia arma. Se sai usare anche il sinistro, puoi andare sia a destra, sia a sinistra, hai più giocate”.

Alla domanda in cui gli veniva chiesto l’avversario più forte incontrato, ha detto:

Douglas Costa. Ovviamente parliamo di attaccanti esterni, dato che gioco sulla fascia”.

Poi ha anche rivelato la sua personale parola chiave della vita:

“Equilibrio”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Courtois rabbioso: “Non chiamateci «Generazione d’Oro»”

Pubblicato

:

Courtois

Non chiamateci «Generazione d’Oro», non abbiamo vinto niente“. Queste le dure parole del numero 1 belga Thibaut Courtois nel postpartita contro la Croazia.

Courtois ha espresso tutta la sua delusione e il rammarico: la cosiddetta «Generazione d’Oro», nei fatti, non ha mai portato a casa trofei. La partita con la Croazia ha sancito l’eliminazione dal Mondiale della Nazionale belga, che ha chiuso il girone al terzo posto a -1 proprio dagli avversari di oggi.

Sarebbe stata fondamentale una vittoria per il Belgio, ma il pareggio a reti bianche ha consegnato il pass per gli ottavi agli uomini di Zlatko Dalic.

Continua a leggere

Flash News

Festa Giappone, Doan dichiara: “Da domani testa agli ottavi”

Pubblicato

:

Giapppone

Il Giappone ha incredibilmente battuto la Spagna di Luis Enrique per 2-1, sovvertendo i pronostici della vigilia. La Nazionale asiatica ha dimostrato in questo Mondiale di avere ottime individualità e grande spirito di gruppo, meritandosi sul campo la qualificazione. I nipponici hanno battuto anche la Germania nella prima giornata del girone che, pur vincendo 4-2 con la Costa Rica, non è riuscita a qualificarsi. I verdetti di questa sera vedono il Giappone primo a 6 punti e la Spagna seconda a 4 punti, in vantaggio nella differenza reti a discapito dei tedeschi. L’attaccante giapponese Doan, autore del primo gol giapponese, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni della Rai esprimendo tutta la sua gioia per il risultato ottenuto: “Il merito non è solo mio, ma di tutta  la squadra che ha fatto bene e si è meritata questo risultato. Ora godiamo e da domani testa agli ottavi”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969