La Juventus, dopo il quarto posto acciuffato in extremis si prepara a pianificare la stagione, con l’obiettivo di tornare subito al vertice. Con l’esonero di Pirlo e il ritorno di Allegri gli scenari di mercato sono cambiati e la sovrabbondanza a centrocampo porta a delle riflessioni sulle cessioni future.

RAMSEY ANCORA IN BIANCONERO?

Fino a qualche tempo fa il più grande indiziato a lasciare la Juve era Aaron Ramsey. Il gallese nei suoi due anni in bianconero non è riuscito ad imporsi, complice la mancanza di continuità soprattutto fisica. I suoi recenti “mal di pancia” avevano evidenziato come i cambiamenti alla Juventus hanno influenzato il suo rendimento, bisognoso di “attenzione”. Dichiarazioni che lasciavano presagire ad un addio imminente. Addio che la dirigenza juventina avrebbe colto al volo per liberarsi del suo ingaggio superiore ai 7 milioni e per mettere a bilancio una plusvalenza dato che il giocatore è arrivato a parametro zero. Con il ritorno del tecnico livornese che aveva avallato il suo acquisto per poi separarsi dalla Juve, Ramsey vorrebbe giocarsi le sue chance in bianconero e rispettare il contratto che lo lega alla Vecchia Signora per altri due anni.

Juventus Ramsey

fonte immagine: profilo Instagram @aaronramsey

CON RAMSEY IN, MCKENNIE O RABIOT OUT?

Se il gallese ex Arsenal dovesse restare a Torino, potrebbe essere qualcun altro a lasciare la Juventus. Con Arthur e Bentancur saldamente confermati restano in ballo le posizioni di McKennie e Rabiot. Lo statunitense aveva ben impressionato sotto la gestione Pirlo, ma gli ultimi mesi in calando hanno reso instabile la sua posizione, complice anche l’avvicendamento in panchina. McKennie tra i tre è quello con l’ingaggio più basso e, sopratutto, per far tornare i conti di bilancio la società dovrebbe riuscire a piazzarlo per una cifra non inferiore ai 30 milioni.

Juventus McKennie

fonte immagine: profilo Instagram @west.mckennie

La situazione di Rabiot, invece, è diametralmente opposta. Anche lui era stato ingaggiato su richiesta di Allegri, per poi ritrovarsi nei due anni bianconeri guidato da Sarri e Pirlo. Il ritorno di Max lascia presagire ad una sua riconferma. Il tecnico lo vede bene e ha tanti progetti per lui, ma l’ingaggio molto oneroso lo rendono un esborso forse esagerato.

Juventus Rabiot

fonte immagine: profilo Instagram @adrienrabiot_25

Le condizioni fisiche di Arthur potrebbero però confermare tutti e tre, infatti, se il brasiliano dovesse operarsi nessuno dei tre verrebbe ceduto. La Juventus pianifica e in attesa di Locatelli, sfoglia la margherita sul fronte uscite…