Connect with us

Serie A

Lo Spezia blinda Kiwior: pronto il rinnovo dopo il Mondiale

Pubblicato

:

Spezia

L’uomo mercato dello Spezia si chiama Jakub Kiwior. Il difensore polacco classe 2000 ha vissuto un grande avvio di stagione che gli è valso un’inattesa convocazione a Qatar 2022. Chiaramente, le ottime prestazioni hanno destato l’interesse di alcuni top club del nostro campionato. Secondo alcune voci, a questo proposito, il Milan sarebbe stato infatti pronto a sborsare 18 milioni di euro per assicurarsi il difensore.

OPERAZIONE RINNOVO

Sebbene il contratto di Kiwior vada in scadenza solo nel 2025, lo Spezia è già pronto a far partire le operazioni di rinnovo per tutelarsi il più possibile. Secondo Tuttomercatoweb, non solo i liguri prolungheranno il contratto del calciatore, ma inseriranno anche una clausola rescissoria da 20 milioni di euro. Questo, chiaramente, non chiude la porta in faccia al Milan o ad altri club interessati, ma fissa una soglia (quella dei 20 milioni, appunto) sotto la quale lo Spezia non tratterà. Tutti i discorsi sono comunque rimandati a gennaio 2023. Come è giusto che sia, al momento Kiwior pensa solo alla Polonia e al suo primo Mondiale in carriera.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Sofyan Amrabat è il perno del Marocco

Pubblicato

:

Amrabat

Alla vigilia dell’inizio di Qatar 2022 uno dei gironi più attesi era senza dubbio il gruppo F, quello di Belgio, Croazia, Canada e Marocco. Ci si sarebbe aspettato uno scontro per il primato tra i Diavoli rossi e i vice campioni del mondo, scontro fra due dei centrocampi più tecnici ai Mondiali. Ci si sarebbe aspettati il Canada di Alphonso Davies come terzo incomodo per un posto agli ottavi di finale. Invece, la nazionale che più di tutti sta sorprendendo è il Marocco, che ha già un piede e mezzo agli ottavi. I maghrebini hanno certo una rosa di qualità, ma gran parte dei loro meriti vanno a un giocatore che ha dominato in queste prime due partite. Sofyan Amrabat.

I NUMERI DI AMRABAT CONTRO CROAZIA E BELGIO

“Amrabat gioca finché non muore”

Forse vi ricordate di queste parole. Sono quelle di Ivan Juric che, ai tempi dell’Hellas Verona, ha ribadito, a modo suo, la centralità di Amrabat nel suo gioco. Diventato centrale anche alla Fiorentina con Vincenzo Italiano, adesso Amrabat lo è anche per la sua nazionale. Il sorteggio del Mondiale gli ha posto contro Croazia e Belgio. Vale a dire, giocare contro i vari Brozovic, Kovacic, Modric, De Bruyne e Witsel. Giocatori di non poca qualità, insomma.

Il Marocco ha però dimostrato di essere una grande squadra ed è uscita imbattuta (e a reti inviolate) contro entrambi i colossi europei. Sulla copertina, insieme ai big Ziyech e Hakimi, va per però giustamente inserito anche Sofyan Amrabat. L’uomo in più dei Leoni dell’Atlante.

E Ambrabat è davvero l’uomo in più del Marocco, tanto che in campo sembra sdoppiarsi. Nei primi 180 minuti del Mondiale è dappertutto sul terreno di gioco. Pressa chiunque si trovi nelle vicinanze, annulla qualunque attacco avversario e distribuisce palloni su palloni al reparto avanzato.

La sua importanza ci viene mostrata anche da alcuni numeri. Il centrocampista della Fiorentina è quello con più palloni toccati nella sua nazionale, 53 in media a partita. Con una percentuale di successo dell’87,2%, superiore anche a quella di Brozovic. È vero, rispetto al centrocampista dell’Inter e a Witsel (le sue controparti di Croazia e Belgio) tocca molti meno palloni, ma è anche vero che il Marocco tiene molto meno il possesso della sfera (34% di media a partita). Dunque, è la qualità dei suoi tocchi che fa la differenza.

Nel gioco di Regragui, mirato alla verticalizzazione immediata, è lui, infatti, che si occupa del primo possesso dei maghrebini. Abbassandosi fra i centrali di difesa e avviando la manovra della squadra, smista palloni con precisione. Soprattutto sulle fasce presidiate da Hakimi e Ziyech da una parte e da Mazraoui e Boufal dall’altra. Il gioco del Marocco si basa tutto su questo e, per ora, la tattica sta funzionando soprattutto grazie al suo numero 4.

IL DISTRUTTORE DELLE MANOVRE AVVERSARIE

Il suo contributo è però vitale in fase difensiva. Il suo pressing ha costretto Modric e De Bruyne a giocare delle partite anonime. Ha vinto il 75% dei contrasti che lo hanno visto coinvolto. Spesso è lui, inoltre, che marca il centravanti avversario, anche in area di rigore, giocando come centrale aggiunto.

Una statistica però pone Sofyan Amrabat al primo posto tra i centrocampisti di tutto il Mondiale qatariota e ci fa ben capire la sua importanza in fase difensiva.

L’ex Hellas Verona è infatti al primo posto per palloni intercettati in tutta la Coppa del Mondo, ben 18 in totale. Una media dunque di ben 9 a partita finora. Una vera e propria diga, dunque, sulla quale si stanno infrangendo anche i migliori giocatori del mondo.

Persino la sua ammonizione, che può sembrare un macchia nelle sue finora ottime statistiche, è stata vitale per la squadra. Essendo arrivata per contrastare Luka Modric, al 78esimo del match contro la Croazia. In un’azione di contropiede in campo aperto, Amrabat ha preferito saggiamente stendere il trequartista del Real Madrid.

ANCHE ALL’ESTERO SI STANNO INTERESSANDO A LUI

Le prestazioni di Sofyan Amrabat lo pongono quindi fra i migliori giocatori del Mondiale in queste prime due partite. Forse il migliore degli “italiani” presenti alla kermesse. Le sue prestazioni non stanno però passando inosservate. Non c’è da stupirsi, almeno non per il  ct Regragui, che ha recentemente affermato:

“È un giocatore chiave per i miei progetti. Mi aspetto che si trasferisca in un top club europeo dopo il M0ndiale”.

La Serie A può dunque perdere uno dei suoi giocatori in rampa di lancio, con la Fiorentina che ha però un’opzione per il rinnovo fino al 2025. Su di lui però sta facendo più di un pensierino anche il Tottenham di Antonio Conte, che potrebbe dargli la possibilità di giocare in Champions League, desiderio espresso anche dallo stesso Amrabat.

Se è vero che speriamo che il marocchino non si muova dal nostro campionato, sarebbe altresì interessante vedere in che modo distruggerà le manovre offensive delle migliori squadre del continente, proprio come sta facendo al Mondiale.

 

 

 

 

Continua a leggere

Flash News

Kvara ha recuperato: pronto a partire per la Turchia con il Napoli

Pubblicato

:

Kvaratskhelia

Khvicha Kvaratskhelia non gioca una partita ufficiale dal primo novembre, giorno della sesta ed ultima partita della fase a gironi di Champions League contro il Liverpool. Dopo quel match, al georgiano è stato diagnosticato un problema alla schiena, precisamente una forte lombalgia, che gli ha impedito di giocare le ultime tre gare di Serie A.

Stando alle ultime notizie di Sky Sport, finalmente, Kvaratskhelia è guarito dall’infortunio ed è pronto ad aggregarsi alla squadra. L’ex Rubin Kazan dovrebbe tornare in gruppo il trenta novembre, in occasione del primo raduno a Castel Volturno dopo le brevi vacanze. Il giorno dopo il Napoli partirà per Antalya, dove rimarrà per 12 giorni e si preparerà per la ripresa del campionato.

Continua a leggere

Calciomercato

Inter, discorsi aperti per il rinnovo di Dzeko: sarà addio di Gagliardini

Pubblicato

:

Inter

Arrivano notizie importanti da casa Inter. Secondo la Gazzetta dello Sport, i nerazzurri stanno fruendo della pausa Mondiale in Qatar per organizzare il futuro. Colpi in entrata ed in uscita, occhi sul calciomercato ma anche all’interno del proprio organico: Marotta e colleghi infatti sono al lavoro per valutare se rinnovare alcuni contratti vicini al termine della scadenza.

SITUAZIONE RINNOVI

Edin Dzeko, arrivato ad Appiano Gentile nell’estate 2021, è uno di quelli passati al vaglio dall’ex dirigente della Juventus: il contratto dell’attaccante bosniaco scadrà il prossimo 30 giugno 2023 e, come riporta la Rosea, i contatti tra le parti riguardo ad un prolungamento saranno approfonditi in futuro. L’accordo potrebbe essere trovato sulla base di un ingaggio da tre milioni di euro in aggiunta ad eventuali bonus.

Non solo Dzeko, probabili anche i rinnovi anche di due pedine fondamentali all’interno dello spogliatoio: Danilo D’Ambrosio e Alex Cordaz sono infatti vicini al rinnovo di contratto. Destino diverso per Roberto Gagliardini, indirizzato a dire addio al mondo nerazzurro. Samir Handanovic invece possiede carta bianca e sarà lui stesso a decidere il proprio futuro.

Continua a leggere

Flash News

Il rammarico di Shomurodov: “Dobbiamo lavorare per segnare di più”

Pubblicato

:

Shomurodov

Alle ore 11:30 italiane, la Roma è scesa in campo per la seconda amichevole in questa tournée giapponese contro un’altra formazione di J League,  lo Yokohama Marinos. Lo scontro è terminato per 3-3 e tra i marcatori in casa giallorossa figura anche l’attaccante uzbeko Eldor Shomurodov  che ha parlato nel post partita  ai microfoni di DAZN:

Abbiamo giocato contro un ottima squadra, ma abbiamo avuto tante occasioni da gol che non abbiamo sfruttato. È stata una partita aperta, con tanto spazio. Per noi è più facile giocare quando abbiamo più spazi perché riusciamo a sfruttarli, anche se potevo segnare di più. Concludo ringraziando tutti i tifosi della Roma che sono venuti fin qui “.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969