Connect with us
Come giocherà la Juventus fino a Natale senza tutti gli indisponibili?

La nostra prima pagina

La Juventus ha le ossa rotte: il piano di Allegri fino a fine 2021

Pubblicato

:

Juventus

La Juventus sta attraversando il suo periodo più difficile dell’ultimo decennio. La situazione, benché sia già compromessa, è destinata a peggiorare.
In campionato i dati sono impietosi. Ad oggi i bianconeri sono a -14 dalla vetta e a -7 dal quarto posto, differenza reti pressoché nulla e addirittura cinque sconfitte in campionato, record negativo per il club. Oltre agli evidenti limiti tecnici e tattici della rosa, che non è riuscita a stabilizzarsi con il romantico ritorno di Allegri, si aggiungono anche i tanti, troppi infortuni di questa stagione.

La sconfitta con l’Atalanta ha solo allungato la lista degli indisponibili, inserendo due nomi di spicco come Federico Chiesa e Weston Mckennie. Considerando tutti i giocatori K.O., proviamo a vedere come Allegri potrebbe schierare i suoi da qui fino alla pausa natalizia. Cinque partite in sedici giorni: gli avversari sono tutti abbordabili. Inutile dire che è tassativo fare bottino pieno.

ALLEGRI, BASTA CON IL 4-4-2

La Juventus ha perso le due partite della scorsa settimana giocando in entrambi i casi con il classico 4-4-2. Per una squadra come quella di Allegri questo modulo non funziona. Troppi giocatori sono snaturati e occupano ruoli non loro: Chiesa non è un attaccante centrale e deve partire dall’esterno, Mckennie deve giocare tra le linee avversarie e non sulla fascia e Rabiot, sull’altra corsia laterale, fa ancora più fatica.

Due di questi tre nomi sono ad oggi indisponibili. L’italiano rientrerà sicuramente nel 2022, dopo la pausa natalizia. Lo statunitense, invece, verrà monitorato quotidianamente, ma trattandosi di un infortunio al ginocchio è meglio non rigettarlo immediatamente nella mischia.

Il 4-4-2 è inoltre il modulo tramite cui la Juventus ha palesato tutte le proprie difficoltà nell’impostare il gioco: squadra bassa, statica e senza un giocatore che si prenda la responsabilità di rischiare qualcosa dalla cintola avversaria in su.
E’ meglio che Allegri punti su qualcos’altro, se davvero vuole tentare la disperata rimonta per la zona Champions League, e per cercare poi a marzo di rendere più dignitosa degli ultimi due anni l’avventura europea della Vecchia Signora.

PERCHE’ NON LA DIFESA A 3 O IL FAMOSO 4-2-3-1?

Massimiliano Allegri in questo processo di rivoluzione sembra quasi che stia rinnegando il glorioso passato bianconero di cui anche lui è stato grande protagonista.

Nei nove anni vincenti la Juventus ha sempre fondato il proprio gioco su due moduli nello specifico: il 3-5-2 contiano e il 4-2-3-1 allegrianoPerchè non riprovare con questi due tipi di gioco così diversi, ma così tremendamente efficaci? Mancano gli interpreti giusti, è vero, ma in un momento di profonda crisi come questo è giusto provarle tutte. Non a caso, nell’altra stagione iniziata male da Allegri, la celebre rimonta partì nel Derby giocato, per la prima volta, proprio con il 4-2-3-1. Proviamo a schierare un undici titolare, tenendo conto di tutti gli infortunati.
La difesa è contata: Cuadrado, Bonucci, De Ligt o Chiellini e Alex Sandro. Danilo e De Sciglio sono infortunati e ne avranno ancora per diverso tempo, soprattutto il brasiliano.
A centrocampo in mediana spazio ovviamente a Locatelli, scortato da uno tra Rabiot, Bentancur o Arthur. Il migliore, o il meno peggio, forse sarebbe il francese. Un mancino ed un destro, una mezz’ala pura ed un regista potrebbero rappresentare una buona soluzione. Gli altri due, inoltre, in questo momento stanno dando davvero poche garanzie.
I problemi più grandi nascono dalla trequarti in su. Con l’assenza di uomini chiave come Chiesa e Mckennie Allegri dovrà inventarsi qualcosa di simile alla Mandzukic esterno sinistro, scelta che poi si è rivelata vincente. E allora perchè non provare con Kulusevski a destra, nel ruolo che più gli si addice, con Dybala fisso al centro a disegnare calcio e Moise Kean a sinistra, libero di esplodere e arrivare in porta. Morata ovviamente davanti, dove mancano alternative.
Sarebbe una Juventus estremamente offensiva, è vero. Difficile convincere i tre trequartisti a fare anche la fase difensiva, ma la scorsa stagione, per esempio, l’ex Parma ha giocato spesso da esterno a tutta fascia, abituandosi anche ad abbassarsi in copertura.
Non dimentichiamoci del giovanissimo Soulè, da poco aggregato stabilmente alla prima squadra per sopperire all’assenza di Federico Chiesa. Parliamo di un giovane talento già convocato da Scaloni nella nazionale maggiore argentina e che potrebbe fare al caso di Allegri nel ruolo di esterno sinistro.

Poche idee, ma quante bastano per provare qualcosa di nuovo, per portare quella ventata di novità in uno spogliatoio ormai a testa bassa, quasi giunto alla resa. E lo vediamo anche nei fatti: dopo la sconfitta contro la Dea solo cinque giocatori sono andati a salutare i tifosi, gli altri erano già nello spogliatoio. La Juventus ha un mese per restare a galla, risentiamoci a inizio 2022 per tirare le somme di questo delicatissimo tour de force.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Ibrahimovic non farà parte della lista Uefa del Milan

Pubblicato

:

Milan

A concludere la giornata calcistica c’è la lista Uefa del Milan. I 25 giocatori che potranno essere convocati negli ottavi di Champions League contro il Tottenham, in realtà, non sono ancora stati annunciati in via ufficiali, ma iniziano a trapelare diverse indiscrezioni.

Quelle di Fabrizio Romano, in particolare, assomigliano a delle anticipazioni di quello che sarà. Sul suo profilo Twitter, infatti, il giornalista italiano afferma con sicurezza alcuni importanti assunti. In primo luogo non ci sarà Zlatan Ibrahimovic, che – a discapito delle tante voci di questi giorni – non verrà incluso da Pioli. Scelta di rilievo, poi, quella di lasciar fuori Serginho Dest, rimpiazzato da Malick Thiaw.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Firmino resta al Liverpool? Le parole dell’agente

Pubblicato

:

Firmino

Roger Wittmann, agente di Roberto Firmino, ha rilasciato un’intervista a Sky Sport Deutschland, parlando del futuro dell’attaccante del Liverpool in scadenza a giugno 2023 ed accostato anche all’Inter: Siamo sulla buona strada per il rinnovo di contratto, a febbraio sapremo anche come andrà a finire il viaggio. Stiamo discutendo davvero bene, questo è un club eccezionale”.

Secondo Sky Sport Deutschland, il brasiliano dovrebbe firmare un rinnovo fino a giugno 2025.

Dovrebbe quindi restare al Liverpool uno dei possibili svincolati più interessanti in vista dell’estate 2023.

Continua a leggere

Flash News

Bremer dopo Juventus-Lazio: “Dobbiamo puntare a fare il massimo dei punti”

Pubblicato

:

juventus

Gleison Bremer, autore del gol che è valso il passaggio del turno di Coppa Italia della Juventus ai danni della Lazio, ha parlato ai microfoni Mediaset dopo la partita:

SUL GOL – “Sono contento per il gol, abbiamo passato il turno e questo era quello che contava”.

SULLA SITUAZIONE SOCIETARIA – “Quello che è fuori non può entrare nel campo, noi pensiamo a giocare, la società al resto”.

SUL PROSIEGUO DI CAMPIONATO – “La Juve è una società di grande livello, dobbiamo puntare a fare il massimo dei punti”.

La Juventus grazie al gol di Bremer ha ottenuto l’ultimo posto disponibile per le semifinali, e affronterà l’Inter, avversario della finale di Coppa Italia della scorsa edizione.

Continua a leggere

Coppa Italia

Sarri dopo la sconfitta in Coppa Italia: “Delusi dal risultato ma non dalla prestazione”

Pubblicato

:

Sarri

Al termine della partita tra Juventus e Lazio, terminata 1-0 in favore dei bianconeri, un deluso Maurizio Sarri ha parlato ai microfoni di Mediaset. La sua Lazio non è riuscita a creare grandi pericoli dalle parti di Perin ed è uscita con merito. Ha parlato anche di questo il tecnico toscano.

DELUSIONE – “Sono deluso dal risultato ma non della prestazione. Abbiamo fatto una buona gara ma siamo un po’ mancati negli ultimi venti metri e per riempimento d’area. Loro ci aspettavano molto bassi, quindi serviva più iniziativa negli uno contro uno. Ci dispiace uscire, ma non siamo delusi della prestazione. Giocando così spesso comunque ci sta perdere qualcosa, praticamente non ci alleniamo da un mese”.

MILINKOVIC SAVIC – “Non è partito titolare perché nelle ultime cinque sei partite aveva sempre giocato più di 90 partite. È chiaro che ora si stia parlando a Mediaset e la priorità diventa la Coppa Italia, ma ci sono altre cose da valutare. Siamo a metà stagione e ha già giocato tremila minuti, ci sta farlo riposare ogni tanto”.

POST MONDIALE – “Le condizioni dopo il Mondiale credo siano molto individuali. Vecino non è uscito benissimo, Sergej un po’ meglio, ora sembrano recuperati”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969