Continua il percorso netto della Lazio, che si dimostra tra le squadre più in forma del campionato e liquida un buon Genoa 4-3, soffrendo più del previsto nel finale. Vittoria fondamentale per la squadra di Inzaghi, ora a 64 punti e con una gara in meno, contro il Torino.

Immagine

Fonte immagine: profilo Twitter Lazio

All’Olimpico sono in palio punti d’oro nella rincorsa alla Champions League, nella quale è vietato sbagliare. Inzaghi, sulla scia di una squadra consolidata, si affida alla formazione delle ultime gare, con la coppia Immobile –Correa divenuta più realtà che sorpresa. Il Genoa, reduce dalla vittoria casalinga contro lo Spezia, cerca gli ultimi punti per uscire dalla bagarre della zona retrocessione. Il match si apre con un discreto fraseggio palla laziale, con il Grifone pronto ad aspettare circostanze di ripartenza. Atteggiamento forse troppo remissivo che alla lunga si palesa più come timidezza e difficoltà di prendere il campo che effettivo beneficio contro un attacco ultimamente ispirato.  Al 30′ passano avanti i padroni di casa con Correa, che conclude al meglio un’ottima azione corale con un inserimento da nove puro. Il vantaggio crea consapevolezza nei propri mezzi e prima dell’intervallo Immobile trasforma il rigore del 2-0.

La partita pare svolgersi su un singolo binario e lo sciagurato autogoal di Marusic sembra un episodio singolo. A tirare in porta è solo la Lazio, che si riporta sul 3-1 con Luis Alberto, abile a risolvere un rimpallo in area di rigore avversaria con un’ottima conclusione. Pochi minuti dopo arriva anche il 4-1 del solito Correa, che sembra sancire l’epilogo del match.

Immagine

Fonte immagine: profilo Twitter Lazio

FINALE

I ritmi calano e gli ospiti provano a uscire, troppo passivi e sporadici nei primi 65′ minuti. Sembra tuttavia una gara in controllo sino a due minuti di fuoco, quando un fallo di Cataldi riapre tutto. Scamacca trasforma di potenza il rigore e un minuto dopo Shomurudov, fino a quel momento in ombra, trova il 4-3. Nel finale, i ragazzi di Ballardini attuano un forcing imponente, con un atteggiamento garibaldino, senza tuttavia creare ulteriori pericoli. 

Al termine della contesa, vittoria effettivamente meritata della Lazio, più forte per 65′ minuti, poco cinica nella gestione nel match. Alcuni episodi rischiavano di riaprire un match teoricamente chiuso, ma alla fine il risultato è il più giusto. Tre punti d’oro per la banda di Inzaghi, che continua a sognare la Champions League.

 

Fonte immagine in evidenza: Profilo Twitter Lazio