Col rotondo successo per 3-0 del Gremio contro i paraguaiani del Libertad sono terminati i match di ritorno degli ottavi di finale di Copa Libertadores. I brasilani, dopo il successo per 2-0 nel match d’andata, sono stati bravi e cinici, oltre che trascinati da Everton, decisivo nonostante non sia apparso nel tabellino dei marcatori. Il 20 agosto cominceranno i quarti, orari ancora da definire, i match di ritorno si svolgeranno sette giorni dopo.

LE SQUADRE RIMASTE IN GIOCO

Gli argentini del River Plate arrivano dopo due 0-0 contro il Cruzeiro, ma nel match di ritorno le prodezze del portiere Franco Armani hanno regalato la qualificazione ai Milionarios: prima la prodezza sulla conclusione di Pedro Rocha, poi i rigori neutralizzati a David ed Henrique (4 su 4 invece per gli argentini, con De La Cruz, Montiel, Martinez Quarta e Borré). Ai quarti troveranno una delle sorprese di questa Libertadores, ovvero il Cerro Porteño: nonostante l’ottimo girone, nessuno si aspettava il loro passaggio dopo la rete del San Lorenzo nel match di ritorno (0-0 l’esito dell’andata). Dopo la rete iniziale di Bareiro, ci hanno pensato l’ex Cagliari Larrivey su rigore e Oscar Ruiz a regalare al Ciclon de Barrio Obrero il pass per la fase successiva.

Come al River Plate, anche al Flamengo sono serviti i tiri dal dischetto per la qualificazione ai quarti di finale: il 2-0 del match di ritorno ha cancellato la figuraccia rimediata all’Estadio George Capwell. Due reti segnate entrambe da Gabriel Barbosa, che in Sud America sta dimostrando sempre di più il suo valore (l’Inter, ancora proprietaria del suo cartellino, osserva interessata). I brasiliani sfideranno l’Internacional, che ha eliminato senza problemi il Nacional con un totale di tre reti a zero (due nel ritorno). Il più in forma del Colorado è Paolo Guerrero, autore del quarto gol in altrettante partite di Libertadores al rientro dalla squalifica, fresco di secondo posto in Copa America con la maglia peruviana.

Il Boca Juniors, sotto gli occhi di Daniele De Rossi (schierabile a partire dai quarti) ha avuto vita facile contro l’Athletico Paranense. Nel 2-0 (firmato da Albila e Salvio) del match di ritorno (dopo la vittoria per 0-1 all’andata) c’è da segnalare la standing ovation offerta ad un Nahitan Nandez in lacrime, che lascia la Bombonera per firmare con il Cagliari. Il club di Buenos Aires incontrerà la LDU Quito il prossimo 20 agosto: dopo il successo casalingo per 3-1 contro l’Olimpia, al ritorno finisce 1-1, coi padroni di casa che non riescono a sfruttare per un tempo intero la superiorità numerica.

Il già citato Gremio, ultimo a giocare gli ottavi di Libertadores, affronterà nella prossima fase di questa competizione il Palmeiras. Il Verdao, dopo la grande sofferenza nel match d’andata (terminato 2-2) si fa perdonare nel match di ritorno: 4-0, reti segnate tutte nella ripresa firmate da Raphael Veiga,  Borja, Gustavo Scarpa ed Eduardo.

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram della Libertadores.