Connect with us

Flash News

La notte Felix di Joao

Pubblicato

:

Chi frequenta o lavora nel crudele mondo dell’arte, qualunque forma essa sia, sa bene che una sola creazione può cambiare la vita dell’artista che l’ha ideata. La determinata sonorità di una canzone o l’originalità di un quadro possono salire alla ribalta nazionale o internazionale per una caratteristica capace di stregare una larga fetta di pubblico che si erge, quindi, a vero e proprio giudice della fama di un talento artistico. Nonostante nel percorso di un creatore possono esservi altre opere migliori rispetto a quella che l’ha reso famoso, solamente la scintilla che l’ha consegnato alla popolarità sarà considerata. Sottoposti a questo crudele destino sono anche gli artisti del pallone, i calciatori, consapevoli che una grande prestazione può cambiare la loro visibilità e la loro carriera.

E’ questo il caso di Joao Felix, talentuosissimo trequartista portoghese che, nella partita di ieri di Europa League contro l’Eintracht, si è rivelato al mondo intero grazie ad una prestazione monstre condita da una tripletta e un assist. Il nome del craque lusitano è da tempo ampiamente sottolineato sui taccuini dei più grandi club europei ma tra i calciofili non interessati al campionato portoghese, la stella del classe 99′ non si era ancora rivelata. Diciannove anni compiuti da poco, è il simbolo del Benfica di Bruno Lage ma è cresciuto nel vivaio del Porto, gli  acerrimi rivali delle Áquias di Lisbona: il suo trasferimento nella capitale risale al 2015, dopo sette anni nel circuito delle giovanili dei Dragoes. L’esordio in prima squadra e nel campionato portoghese è avvenuto in questa stagione, dopo due anni trascorsi tra il Benfica B e la formazione u19 delle aquile di Lisbona.

Prima stagione tra i grandi e le cifre sono quelle di un’attaccante già affermato: in 36 partite tra campionato e coppe, infatti, Joao Felix ha già siglato 15 reti e 7 assist. La maturità calcistica e il talento del portoghese, tuttavia, non si riassumono solamente nelle cifre ma sopratutto nel modo di stare in campo: segna come un 9 ma gioca da 10 svariando su tutto il fronte d’attacco, interpretando il gioco della squadra alla perfezione e colpendo per la capacità di scegliere sempre la giocata giusta al momento giusto. La partita di ieri sera, inoltre ha dimostrato la sua grandissima pericolosità sia in fase di costruzione che di conclusione: le cifre della sua prestazione contro l’Eintracht, infatti, recitano quattro tiri, un assist, l’84% di precisione nei passaggi ma sopratutto tre gol che lo rendono a 19 anni e 152 giorni, il giocatore più giovane a segnare una tripletta nella competizione. 

La modernità e la poliedricità di questo giocatore ha acceso, come è normale che sia, i riflettori delle più grandi squadre europee: Manchester United, Liverpool, le due big spagnole e la Juventus, infatti, si sono prepotentemente inserite nella fila per accappararsi il calciatore portoghese. La bottega del Benfica tuttavia, si sa, è molto cara ed in questo senso le cifre lo confermano: per strappare il giocatore dalle grinfie delle Aquile della capitale, infatti, si parla di una cifra intorno ai 120 milioni di euro. Numeri stratosferici ma che dimostrano la bontà di un calciatore che, alla stessa età del suo idolo Cristiano Ronaldo, ha segnato gli stessi gol ma con 50 presenze in meno. Un nuovo cr7? Forse no ma predestinato Joao Felix lo è di sicuro: segnatevi questo nome, c’è un nuovo craque nel gioco più bello del mondo.

http:/https://youtu.be/DMhV1trmvfo

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Salernitana-Bakayoko, affare complicato: la situazione

Pubblicato

:

Bakayoko

Molte squadre stanno approfittando della sosta Mondiali per sondare il terreno in vista della sessione invernale di calciomercato; la Salernitana starebbe pensando a Bakayoko, in partenza dal Milan.

Quello del centrocampista francese sarebbe il primo nome in cima alla lista degli esuberi e il club rossonero starebbe cercando di piazzarlo. A tal proposito, ci sarebbe stata una prima chiacchierata informativa con il ds dei granata Morgan De Sanctis. Le intenzioni della Salernitana sono chiare: la trattativa può andare in porto soltanto con un’eventuale cessione di Coulibaly o con l’ingaggio del centrocampista a carico del Milan. 

Bakayoko, quest’anno, non è mai sceso in campo. Il club campano rifletterà sulla proposta ma al momento sembrano non sussistere le condizioni necessarie affinchè la trattativa si concretizzi.

 

Continua a leggere

Flash News

L’orgoglio di Flick nonostante il pari: “Tutto è ancora possibile”

Pubblicato

:

Flick

Dopo il pareggio contro la Spagna il ct Flick ha analizzato ai microfoni di Sport.de la situazione della sua Germania, ancora in corsa per la qualificazione agli ottavi del Mondiale:

“La squadra ha lottato senza mai mollare, ma abbiamo fatto solo un passo. Siamo una squadra e abbiamo un buon rapporto, anche se non sempre viene compreso. Ciò che la squadra ha realizzato è importante, io ne sono orgoglioso. Ci sono guerrieri in campo che giocano con il cuore. Se proseguiamo con questo slancio e otteniamo ancora più fiducia, allora tutto è possibile”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Mertens polemico post Marocco: “Il fallo non c’era”

Pubblicato

:

Ghana

Dries Mertens è intervenuto ai microfoni di Rai Sport dopo la sconfitta contro il Marocco. L’ex attaccante del Napoli ha analizzato la prestazione, soffermandosi sull’episodio del primo gol della Nazionale africana.

L’attaccante belga ha dichiarato:

“Abbiamo iniziato bene, poi loro hanno segnato su fallo che secondo me non c’era. Noi abbiamo fatto il nostro, secondo me abbiamo avuto le migliori occasioni. La sconfitta in chiave qualificazione pesa tanto”.

Continua a leggere

Flash News

Svizzera, il ct Yakin: “Contro il Brasile appuntamento importante”

Pubblicato

:

Svizzera

In occasione della partita di domani contro il Brasile, ha parlato in conferenza stampa il ct della Svizzera, Murat Yakin:

Domani abbiamo un appuntamento importante e nessuno può giocare al 50%. Dobbiamo rispettare il nostro piano tattico; gli errori possono arrivare e i conti li faremo dopo nel caso. In campo dobbiamo scendere al massimo delle nostre possibilità“.

Yakin conosce bene la caratura del suo prossimo avversario. Per provare a vincere servirà la miglior partita da parte di tutti.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969