Connect with us

La nostra prima pagina

La parabola discendente della Germania

Pubblicato

:

Probabilmente nessuno ha mai ritenuto la Germania pre-Mondiale una squadra debole mentalmente. Instabile. Negli anni, fra l’Italia zoppicante e la Francia altalenante, i tedeschi si sono contraddistinti per l’equilibrio che ha reso la squadra in maglia bianca la più costante al mondo.

Nel nuovo millennio la squadra di Berlino si è confermata ad altissimi livelli, chiudendo il Mondiale del 2002 come seconda, perdendo solo in finale contro il Brasile nel Mondiale più strano di sempre. Da lì la Germania diventerà una presenza fissa: quattro anni dopo sarà semifinale, altri quattro anni e la Germania chiuderà ancora al terzo posto. Sarà il 2014 l’anno dei giallorossoneri: il Die Mannschaft alzerà la coppa al mondo dopo esser stato per dodici anni sul podio del mondo.

TOCCHI IL CIELO E POI..

La Germania che si qualifica all’Europeo da campione del mondo è una squadra ancora carica di campioni che in Francia affronta un girone più che abbordabile: Polonia, Ucraina e Nord Irlanda. Poi la Slovacchia e  l’Italia battuta solo dal dischetto. La sua Caporetto arriva a Marsiglia contro i padroni di casa: le reti di Griezmann manderanno a casa una nazionale con ancora giocatori come Sebastian Schweinsteiger, Mario Gomez e Lukas Podolski, alla ricerca dell’ultima gioia tedesca.

L’eliminazione in semifinale contro i padroni di casa e superfavoriti non può suonare come un campanello d’allarme. Non ancora.

OGNUNO HA UNA PROPRIA COREA

Nessuno ha buoni ricordi quando si pensa alla Corea: il Mondiale asiatico fu quello, come detto in precedenza, che aprì le porte in maniera definitiva ad una Germania tutta nuova, fatta di calciatori senza voglia di perdere tempo. Lì dove iniziò tutto, in un destino incrociato tutto è crollato. Perché all’ultimo Mondiale, quello in Russia, i tedeschi in un raggruppamento medio con Svezia, Messico e la Corea del Sud sono crollati. Dal 1982 il Die Mannschaft arrivava almeno ai quarti di finale. Non era mai capitato di uscire ai gironi.

E in men che non si dica Kazan entra nella storia del loro calcio proprio per la partita contro gli asiatici. Niente funziona: dalle scelte di Low, che tiene fuori sia Muller che Gomez, fino a qualche dribbling di troppo in area di rigore – uno su tutti Hummels che rischia il suicidio.

I tedeschi ci provano non trovando varchi. Gli asiatici si chiudono bene e ripartono in contropiede, andando vicino al vantaggio per tre volte. Quella pragmaticità mostrata da Low fino a quel momento sparisce nel nulla: la Germania smette di essere Germania e disperata si getta in avanti. Gioca con la pancia e non con la testa. Il CT mette in campo tutti gli attaccanti che ha, ma alla fine è 2-0 per la Corea.

LOW SI POTEVA IMMAGINARE?

La giornata dopo l’eliminazione la stampa tedesca è una furia. Prima del Mondiale alcuni addetti ai lavori tedeschi si erano presi persino il lusso di ironizzare sulle non qualificazioni di Italia e Olanda, ricevendo reazioni poco simpatiche.

Eppure la Germania della spedizione russa era una squadra che, subito dopo la Francia e alla pari del Brasile e della Spagna è favorita per la vittoria finale. La Confederation Cup dell’estate precedente ha mostrato ancora una volta un gruppo completo e coeso sotto ogni punto di vista. Inoltre il futuro si stava mettendo in mostra nelle varie competizioni di categoria alzando coppe su coppe.

Giorno dopo giorno, diventa però visibile il calo tedesco. I Klose finiscono e i ricambi non arrivano pronti. I Gomez sono meno incisivi e, mentre a questi ultimi gli si è dedicato ogni spazio, ai Timo Werner non è mai stata data occasione di crescere, ritrovandosi dunque un calciatore non pronto.

SOLITO ERRORE

Esattamente: il solito errore fatto, per dirne uno, da Lippi, è stato riproposto in chiave germanica da Low. Un anno prima i tedeschi alzavano il massimo trofeo Under 21. Fra i vari titolari figuravano calciatori come Dahoud, Selke, Gnabry, Philipp, Otzunali, Stark, Kempf, Meyer. Calciatori pronti al grande salto e che, per forza, dovevano esser via via integrati nella nuova nazionale. Invece da lì in poi i tedeschi di Low non sono riusciti mai ad inserire nella rosa della prima squadra quell’undici titolare che aveva messo alle corde una selezione di prima fascia quale la Spagna – che annoverava atleti del calibro di Bellerin, Asensio, Vallejo, Saul, Inaki Williams, Deulofeu e Ceballos.

La scelta di non rinnovarsi è stata più che controproducente: il mister di Schoenau Im Schwarzwald ha preferito l’usato sicuro, non prendendosi la briga di rendere titolari, durante gli anni, nemmeno quelle nuove leve che durante la Confederations si erano messe in luce, come Brandt, Draxler e Goretzka.

SERIE B

La conferma sulla panchina per Joachim Low ha quasi un sapore inaspettato per una nazione che non perdona e che punta sempre ad ottenere il massimo, ma dopo la fallimentare spedizione sopracitata il buonsenso ha avuto la meglio. La scelta di continuare con lo stesso CT è dettata dall’esistenza di una vera e propria “era” messa in piedi dal mister in nazionale.

La Nations League, per quanto sottovalutata potesse essere, è il definitivo squillo di una situazione che così non può più permettersi di andare. Dopo la “figuraccia mondiale” i tedeschi vengono inseriti in un gruppo di difficoltà estrema con Olanda e Francia.

Il Commissario Tecnico sa che vincere la nuova coppa potrebbe essere, al di là del valore, un segnale importante, a dimostrazione di una nazione che non se n’è andata mai. E così al debutto contro l’Olanda giocano quasi tutti i migliori: da Hummels a Boateng, passando per Neuer, Emre Can e Kroos. Alcuni giovani pian piano vengono reintegrati in rosa ma la qualità di prima è drasticamente calata.

MALEDETTO FILTRO E IL FINTO NOVE

Per anni la Germania ha poggiato tutte le proprie certezze su due fondamenta importantissime: il centrocampo tedesco è sempre stato fra i migliori e quasi obbligava gli avversari a rinunciare ad attaccare la fase difensiva. Inoltre davanti, nelle giornate no di Mario Gomez, e sono state tante, tocca a Thomas Muller giocare come terminale offensivo, rappresentando più o meno quel falso 9 che tanto va di moda in Spagna.

Riguardo però gli errori dei Mondiali in un meccanismo che ormai scricchiola: in Russia il danno maggiore è stato fatto a centrocampo, schierando due giocatori come Kroos e Khedira, senza dare loro un mediano, fondamentale in fase di interdizione. Ai Mondiali questo ha portato alla sconfitta: ogni imbeccata avversaria portava i rivali verso la porta di Neuer. In Nations League, Low ha capito che il suo integralismo non porta più da nessuna parte e abbandona un modulo, il 4-2-3-1, che non si veste più come prima attorno ai bianchi tedeschi. Allora ecco il 4-3-3 con Kimmich ad impostare, come spesso la stampa nazionale aveva azzardato.

Con il vecchio modulo a Monaco di Baviera Kroos e Co hanno strappato un pari contro i campioni di Francia, ma è al ritorno in quel di Saint-Denis che dimostreranno di potersela giocare con il nuovo schema tattico.

L’addio al finto nove e il veloce cambio di modulo, però, fatica ancora ad entrare nelle automaticità dei calciatori e la retrocessione scottante è l’ennesima goccia che fa traboccare il vaso. Nella prossima edizione i tedeschi giocheranno nella categoria della Finlandia.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Il Napoli continua la preparazione: oggi Demme e Lobotka in piscina

Pubblicato

:

Napoli

Oggi pomeriggio, Luciano Spalletti ed i suoi calciatori si sono riuniti al Winter Football Sries by Regnum per la consueta sessione d’allenamento.

A giornata conclusa, il Napoli, sui propri social, ha rilasciato un report in cui ha parlato degli esercizi svolti dalla squadra nella sessione in questione ed ha aggiornato sulle condizioni fisiche dei calciatori che si stanno rimettendo in sesto dopo l’infortunio:

“La squadra dopo una prima fase di attivazione e situazioni di possesso palla ha svolto lavoro aerobico. Rrahmani ha svolto lavoro personalizzato in campo. Demme e Lobotka lavoro in piscina. Sirigu lavoro personalizzato in campo. Juan Jesus ha svolto l’intera seduta in gruppo“.

Continua a leggere

Flash News

Gosens: “Il mio idolo è Alaba, adesso mi piace molto Kimmich”

Pubblicato

:

Gosens

L’Inter ha lanciato una Q&A sui propri canali social con protagonista l’esterno tedesco Robin Gosens. L’ex Atalanta e Heracles Almelo ha parlato dei suoi idoli calcistici e della scelta particolare di indossare il numero 8 sulla maglia.

Di seguito un estratto delle parole di Gosens:

Alaba è sempre stato il mio idolo da quando sono diventato calciatore. Ammiro come posso ricoprire senza difficoltà molti ruoli diversi. Adesso, invece, mi piace molto Kimmich. La sua mentalità e la sua disciplina sono qualcosa di incredibile e da seguire. Il numero 8 lo indosso da sempre: l’ho avuto in Olanda e a Bergamo e ho deciso di non cambiarlo neanche qui a Milano.”

Continua a leggere

Flash News

Candela a Kickoff da Il Pengwin: “Luis Enrique? Su Twitch ha sbagliato fin dall’inizio”

Pubblicato

:

Candela

La notizia del giorno, a poche ore dall’inizio dei quarti di finale di Qatar 2022, è stata sicuramente quella riguardante l’esonero di Luis Enrique, che chiude così la sua esperienza da ct della Spagna. È stato proprio questo il tema affrontato oggi nella trasmissione Kickoff-Speciale Mondiali, in onda sul canale TwitchIlPengwin.

L’ex Roma Vincent Candela, ospite in studio, dopo essere stato incalzato da Sandro Sabatini, ha parlato del Tiki-Taka e della particolare scelta dell’ormai ex selezionatore de La Roja di sbarcare su Twitch nel periodo del Mondiale:

Fine del Tiki-Taka? Io non sono tanto per il Tiki-Taka, però se è orizzontale va bene il Tiki-Taka. Se invece si rimane sempre da una parte all’altra… Su Twitch ha sbagliato fin dall’inizio, non lo doveva proprio fare o sennò continuare fino alla fine“.

Continua a leggere

Calciomercato

Roma, in Spagna danno per saltata la pista Bellerin

Pubblicato

:

Roma

Secondo quanto riferisce Mundo Deportivo, Hector Bellerin rimarrà al Barcellona, anche se con i blaugrana ha giocato pochissimo finora, solo 5 partite per un totale di 321 minuti.

Oltre al Real Betis, che però non può sostenere finanziariamente l’operazione, tra le pretendenti per acquistare il calciatore c’era anche la Roma. La squadra capitolina in vista della sessione invernale di calciomercato cerca infatti un terzino destro dopo il diverbio tra Mourinho e Karsdorp che ha portato l’olandese fuori dal progetto.

Proprio l’ex Arsenal – che già in estate era finito nel mirino di un club italiano, l’Udinese – era uno dei nomi che circolava per la fascia destra. I giallorossi, però, stando a quanto affermano in Spagna, si sono dichiarati fuori dalla corsa al difensore spagnolo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969