Connect with us
La rassegna del Diez - "La resa di Spalletti", "Gelo Dybala"

La nostra prima pagina

La rassegna del Diez – “La resa di Spalletti”, “Gelo Dybala”

Pubblicato

:

rassegna

La rassegna stampa è senza alcun dubbio il miglior modo per iniziare la giornata. Ecco quindi le prime pagine dei principali quotidiani sportivi nazionali e internazionali per la giornata di oggi, con le principali notizie e spunti dal mondo dello sport.

GAZZETTA DELLO SPORT

CORRIERE DELLO SPORT

 

TUTTOSPORT

L’EQUIPE

MUNDO DEPORTIVO

MARCA

MIRROR

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Coppa Italia

Sarà Inter-Juventus in semifinale: ai bianconeri basta un gol di Bremer

Pubblicato

:

Juventus

L’ultimo atto dei quarti di finale di Coppa Italia hanno regalato la sfida tra la Juventus e la Lazio. Al termine di un match combattuto, ad avere la meglio è la Vecchia Signora alla quale basta una vittoria di misura per 1-0 per volare in semifinale. Decisivo il colpo di testa vincente di Gleison Bremer sul finire della prima frazione.

L’ANALISI DEL PRIMO TEMPO

Nel primo tempo è la Vecchia Signora ad avere il pallino del gioco e un numero maggiore di occasioni. La prima grande opportunità capita sui piedi di Filip Kostic, uno dei migliori bianconeri della serata, che apre il sinistro cercando il secondo palo: Luis Maximiano è però reattivo e con un guizzo riesce ad evitare il peggio. Poco dopo è sempre dai piedi del laterale serbo che arriva un’altra occasione importante ma, pur essendo indisturbato al centro dell’area, Rabiot non riesce a deviare il pallone con la giusta forza consegnandolo agevolmente al portiere avversario.

Prova a reagire la Lazio, che con un tiro di Felipe Anderson terminato poco a lato trova il primo vero tentativo della propria partita. Al minuto 44 si sblocca la gara con la rete di Gleison Bremer: dagli sviluppi di un corner battuto dal solito KosticChiesa riesce a servire un pallone in area per l’ex Toro che anticipa Luis Maximiano riuscendo a colpire di testa e a ribadire in rete. Posizione sul filo del fuorigioco, confermata come regolare anche dopo il controllo in sala VAR.

La Juventus può tornare negli spogliatoi nel migliore dei modi; per la Lazio servirà invece trovare una soluzione per reagire e tornare in corsa.

L’ANALISI DEL SECONDO TEMPO

La seconda metà di gioco inizia con un cambio non da poco in casa Lazio: il capitano Ciro Immobile non rientrerà infatti in campo, lasciando il posto a Pedro. I biancocelesti provano comunque a mostrare un nuovo atteggiamento, con Cataldi su una punizione dalla lunga distanza chiama in causa Perin. Ci prova anche Luis Alberto dal limite dell’area, trovando una deviazione in corner della difesa bianconera. Dopo una fase di stallo torna a farsi vedere la Juventus, con Locatelli che calciando da fuori non riesce a creare particolari problemi all’estremo difensore biancoceleste.

Pochi minuti dopo si apre il campo per il subentrato Kean che sfugge a Patric involandosi da solo verso la porta avversaria, ma il pronto intervento di Luis Maximiliano salva la pelle alla formazione laziale. Nel finale la Lazio prova a trovare il pareggio, ma la Juventus rimane compatta andando vicina al raddoppio in due occasioni, sull’errore di Casale prima e con una verticalizzazione non finalizzata da Kean dopo.

Per la Juventus si tratta di un risultato importantissimo, che consente l’accesso alla doppia sfida in semifinale contro l’Inter, che martedì ha staccato il pass ai danni dell’Atalanta.

Continua a leggere

Flash News

Traorè saluta il Sassuolo: “Vi porterò sempre nel mio cuore”

Pubblicato

:

Traoré

Hamed Junior Traorè, neo acquisto del Bournemouth, prelevato dal Sassuolo per una cifra intorno ai 25 milioni di euro, ha salutato, sul suo profilo Instagram, la sua ormai ex squadra. Ecco le sue parole:

I SALUTI – “Sapevo che prima o poi sarebbe arrivato questo giorno…il sogno da bambino di giocare in Premier, oggi si è avverato. Tutto questo è anche grazie al Sassuolo che mi ha permesso di crescere e affermarmi. Vi porterò sempre nel mio cuore ringrazio tutta la famiglia Sassuolo, dai magazzinieri ai mister per finire ai direttori… Grazie Sassuolo“.

Continua a leggere

Coppa Italia

Juventus-Lazio 1-0, le pagelle: male Maximiano, top Bremer

Pubblicato

:

Dove vedere Juventus-Lazio

JUVENTUS-LAZIO, LE PAGELLE – Juventus e Lazio, dopo aver eliminato rispettivamente Monza e Bologna, si affrontano ai quarti di Coppa Italia. I bianconeri giocano in casa, anche se la sfida si preannuncia decisamente equilibrata. 

Il primo tempo inizia con ritmi bassi. La partita si accende poco alla volta e la prima vera occasione capita sulla testa di Rabiot al 28’. Da quel momento, i bianconeri provano più volte la conclusione, senza particolare fortuna. La svolta arriva al 44′, con Bremer che anticipa di testa Patric e Maximiano e porta avanti la Juve grazie a uno stacco davvero notevole.

Nel secondo tempo, i bianconeri si affidano più che altro alle ripartenze di Chiesa, mentre la Lazio prende fiducia e si spinge in avanti più spesso, pur senza creare grandi palle gol. La gara poco alla volta scivola sui binari dell’equilibrio, con la Juventus che amministra il vantaggio senza particolari problemi.

LE PAGELLE DELLA JUVENTUS

Perin 6: Praticamente nessun intervento per il secondo della Juve, che deve solo accompagnare fuori con lo sguardo due tentativi potenzialmente pericolosi di Zaccagni e Marusic.

Alex Sandro 6: Prestazione solida del brasiliano, che tiene sempre il suo attaccante di riferimento in modo che non possa creare pericoli.

Bremer 7: Prova non particolarmente impegnativa dal punto di vista difensivo per lui. Ha il merito di segnare il gol che decide la partita, con uno stacco davvero importante.

Danilo 6.5: Vero leader della difesa e della squadra. Trasmette tranquillità, grazie a giocate sempre intelligenti e mai forzate. Trova alcune imbucate interessanti in verticale.

Cuadrado 5.5: Uno dei pochi non particolarmente in palla nella Juve. Prova alcuni dribbling per sbloccarsi, ma difficilmente gli riescono. Si perde Zaccagni in un’azione pericolosa ed è costretto a spendere il giallo. (Dal 88′ De Sciglio sv)

Fagioli 6.5: Tanta fantasia e altrettanta concretezza per il classe 2001. Molto dinamismo ed elettricità, caratteristiche che mettono in particolare difficoltà i marcatori quando ha la palla tra i piedi. (Dal 63′ Miretti 6: Da quando entra, tocca davvero pochi palloni. Sempre bravo a portare pressione e mettere in difficoltà gli avversari nel primo palleggio).

Locatelli 7: Ordinatore e regolatore. Importantissimo in fase di recupero della sfera, ma è molto più importante quando si tratta di far uscire dalla zona rossa il pallone che scotta. Ogni tanto riesce anche a proporsi in fase offensiva.

Rabiot 6.5: Grandi strappi e importanti movimenti, soprattutto con la palla tra i piedi. Anche lui, come Fagioli, è fondamentale soprattutto nel primo tempo per annullare i centrocampisti avversari.

Kostic 6.5: Prova tanti cross ed è bravo a dare una mano in fase difensiva quando c’è bisogno. Ha il merito di trovare l’assist per il gol della vittoria.

Chiesa 6.5: In qualche modo, mette lo zampino nell’azione dell’1-0. Quando ha il pallone tra i piedi o quando si inserisce senza palla, diventa un pericolo enorme per gli avversari. (Dal 78′ Di Maria 6.5: Ogni volta che tocca palla, potrebbe succedere di tutto. Ha l’imprevedibilità che sarebbe servita agli avversari).

Vlahovic 5.5: Poco alla volta sta ritrovando la sua forma ideale. Manca ancora qualche step, ma oggi gioca molto con e per la squadra, creando gioco e facendo sponde interessanti. Non riesce, però, a rendersi pericoloso. (Dal 63′ Kean 6: Scappa via a Patric pericolosamente, ma non sfrutta l’occasione. I suoi sanno di poter contare su di lui con palloni lunghi).

LE PAGELLE DELLA LAZIO

Maximiano 4.5: Inizia bene, con un paio di interventi importanti per prendere fiducia. L’uscita sul gol di Bremer, però, è disastrosa e condiziona troppo la sua prova.

Lazzari 6.5: Presente in fase difensiva, ma l’unico che, insieme a Felipe Anderson, riesce a proporsi anche davanti. I suoi cross, però, sono inutili per mancanza di presenza in area.

Patric 4.5: Discorso molto simile a quello del suo portiere. Apre bene e in fiducia la gara, ma non riesce a tenere Bremer sullo stacco decisivo. Ha certamente meno colpe di Maximiano, ma anche lui sbaglia. Si perde anche pericolosamente Kean al 70′.

Romagnoli 6.5: Prestazione solida, nonostante le difficoltà dei suoi compagni. Sempre pulito negli interventi e si fa sentire quando serve. (Dal 78′ Casale sv)

Marusic 6: Bravo a contenere Cuadrado e chi capita sulla sua corsia. Non una prova indimenticabile, ma nessuna particolare sbavatura per il terzino montenegrino.

Vecino 5.5: La sua prova rappresenta quella di tutta la sua squadra. Pochi palloni giocabili nella zona offensiva e, spesso, in balia del centrocampo avversario. (Dal 59′ Milinkovic-Savic 5: Dovrebbe dare l’imprevedibilità e il lavoro offensivo che non è nelle corde di Vecino, però riesce a giocare pochi palloni).

Cataldi 6: L’unico tra i centrocampisti in grado di non soccombere sotto gli assedi avversari nel primo tempo. Sempre fondamentale in fase di recupero e di ripartenza. (Dal 75′ Marcos Antonio 6: Sempre molto attivo, cerca spesso la palla anche se i compagni non lo servono).

Luis Alberto 5.5: Il fantasista della Lazio inventa qualche giocata interessante e sfoggia il suo patrimonio tecnico, ma soprattutto per azioni fini a loro stesse. (Dal 75′ Basic 6: Molto più partecipe dello spagnolo, ma non riesce comunque a creare trame offensive pericolose).

F. Anderson 6: L’unico dei tre attaccanti titolari in grado di creare qualche pericolo alla difesa avversaria. Nel secondo tempo accelera e diventa difficile da contenere.

Immobile 5: Prestazione deludente per il capitano, che fatica a trovare palloni giocabili e non riesce a dare una mano ai suoi compagni di reparto. (Dal 46′ Pedro 5: Entra per legare di più il gioco rispetto a Immobile partendo dall’esterno, ma non riesce nell’intento perché scompare dal campo).

Zaccagni 6: Ogni tanto cerca uno spunto, ma difficilmente gli riesce. Ha un’importante occasione sullo 0-0, che non riesce a sfruttare. Bravo poi nel secondo tempo a riprendersi, procurandosi alcuni falli.

Continua a leggere

La nostra prima pagina

Bergomi consiglia l’Inter: meglio dimenticare la Supercoppa

Pubblicato

:

Giuseppe Bergomi, storico difensore dell’Inter, con 754 partite e 27 gol in nerazzurro, ora noto opinionista e telecronista, ha parlato dagli studi di Sky del Derby di Milano in programma domenica 5 febbraio alle ore 20:45. Ecco le parole dello Zio, che di partite contro il Milan ne ha vissute tante:

IL CONSIGLIO – L’Inter è favorita ma rischia se pensa di essere superiore al Milan: meglio dimenticare la Supercoppa“.

SKRINIAR – Nessun dubbio sulla professionalità dello slovacco ma entra in gioco anche l’aspetto emotivo: Kessiè l’anno scorso giocò tranquillo ma perché al Milan le cose andarono bene”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969