All'”Olimpico” finisce 3-2 per la Roma, che nonostante abbia segnato cinque gol (tra andata e ritorno), esce sconfitta a causa del disastroso secondo tempo dell’andata. I gol di Dzeko, Cristante e del giovanissimo Zalewski regalano una vittoria utile per il morale in vista del finale di stagione.

ROMA

Mirante 6: incolpevole sui gol subiti, porta ancora sulla coscienza gli errori dell’andata.

Karsdorp 6: inizia alla grande il match spingendo tantissimo sulla fascia destra mettendo in seria difficoltà Shaw. Con il passare dei minuti cala come tutti i suoi compagni.

Smalling 6: solo 27 minuti di gioco prima di lasciare per infortunio, il quarto per i giallorossi nella doppia sfida contro i Red Devils (30′ Darboe 6: viene catapultato all’improvviso in una semifinale europea, il classe 2001 cerca di sfruttare al meglio l’occasione. Qualche buona giocata e tanta personalità fanno di lui uno dei migliori della squadra giallorossa).

Ibanez 5,5: alla prima vera azione offensiva dello United si perde Cavani e lo manda a tu per tu con il portiere. Gli errori tra andata e ritorno sono troppi e a questi livelli li paghi tutti.

Bruno Peres 5,5: ottimo inizio di gara, si spegne con il passare dei minuti fino all’uscita dal campo per infortunio (69′ Santon: S.V.)

Mancini 6: schierato inizialmente sulla mediana, ritorna al suo ruolo naturale dopo l’uscita dal campo di Smalling. Cavani e Bruno Fernandes lo tengono costantemente sotto pressione, fatica a trovare gli automatismi con i compagni di reparto.

Azione difensiva di Mancini (fonte immagine profilo Twitter AS Roma)

Cristante 5,5: torna nel suo ruolo più congeniale ma il risultato è pressoché lo stesso dell’andata. Mai realmente dentro i ritmi della partita, è sempre un tempo di gioco in ritardo rispetto ai trequartisti ospiti. Nel secondo tempo trova un gran gol che porta la Roma in vantaggio.

Pedro 6,5: in netta crescita rispetto alle ultime brutte prestazioni, serve a Dzeko l’assist per il gol del pareggio (77′ Zalewski 7: esordio con gol per quello che si dice sia un predestinato).

Pellegrini 6: dei tre trequartisti è quello meno in palla, anche lui sbatte sul muro eretto da de Gea.

Mkhitaryan 6,5: inizia la partita alla grande e ha anche un paio di occasioni per portare i suoi in vantaggio, solo uno strepitoso de Gea e il palo gli negano la gioia del gol.

Dzeko 6,5: corre, lotta e sbraccia a tutto campo. Ha un’ottima occasione nel primo tempo ma la spreca malamente, nel secondo trova subito il gol che dà coraggio ai suoi (77′ Mayoral S.V).

Fonseca 6: difficile fare meglio con il materiale a disposizione, la semifinale è il fiore all’occhiello di due anni di lavoro. Peccato per i secondi 45 minuti dell’andata.

MANCHESTER UNITED

de Gea 7: un muro invalicabile. La Roma ci prova in tutti i modi ma il portiere spagnolo chiude la saracinesca con almeno tre grandissimi interventi su Mancini, Mkhitaryan e Pellegrini nel primo tempo. Bravo e fortunato in occasione del doppio intervento che impedisce alla Roma di rientrare in partita.

Wan-Bissaka 5,5: meriterebbe l’espulsione dopo 18 minuti per un bruttissimo fallo su Bruno Peres, sonnecchia per il resto del primo tempo non incidendo mai sulla fascia destra (46′ Williams 5: da quel lato la Roma va che è una meraviglia).

Bailly 6: ottima partita in marcatura su Dzeko, attento e preciso nelle uscite palla a piede.

Maguire 6,5: una delle sue migliori partite in Europa da quando è approdato a Manchester, una sola sbavatura tecnica che avrebbe potuto dare un calcio di rigore per la Roma ad inizio secondo tempo, giganteggia in area di rigore.

Shaw 5: il peggiore in campo dei suoi. Pronti via regala una palla a Karsdorp in area di rigore che poteva subito portare in vantaggio la Roma (46′ Telles 6: sempre sul pezzo quando viene chiamato in causa).

van de Beek 5,5: il ruolo non è proprio il suo e si vede. Una stagione dura per il talentuoso centrocampista olandese mai realmente entrato nei meccanismi di Solskjær.

Roma-Man United, Cavani

Cavani dopo il gol dell’1-0 (fonte immagine Profilo Twitter ufficiale Manchester United)

Fred 6,5: imprescindibile per questa squadra, recupera palloni come se nulla fosse e fa ripartire la squadra sempre con i tempi giusti. Ottima partita impreziosita dall’assist per Cavani.

Greenwood 5,5: schierato a sorpresa al posto di Rashford non risulta mai decisivo.

Bruno Fernandes 6,5: da un suo passaggio illuminante nasce l’azione del gol dello 0-1, dopo la strepitosa partita dell’andata un’altra grandissima prova da vero fuoriclasse. Quando si accende lo United è sempre pericoloso (83′ Mata SV).

Pogba 5: la stupenda prestazione dell’andata è solo un ricordo, svogliato per gran parte della gara viene giustamente sostituito (64′ Matic 6: non era difficile fare meglio del compagno, mette ordine in mezzo al campo).

Cavani 7: una traversa e due gol con tre palloni toccati, il Matador è tornato ad essere devastante ma con Bruno Fernandes è tutto più facile (73′ Rashford SV).

Solskjaer 5,5: l’approccio dei suoi calciatori è quello di una gita scolastica, le solite amnesie difensive dei giallorossi mettono ulteriormente in discesa una partita che senza de Gea avrebbe potuto mettersi diversamente.

 

(Fonte immagine in evidenza: twitter Manchester United)