Connect with us

La nostra prima pagina

La Serie B è un campionato strano

Pubblicato

:

Mancano solo tre giornate alla fine della regular season del campionato di Serie B, e la stagione quest’anno potrebbe chiudersi in anticipo. Infatti i playoff per la promozione in Serie A non sono così scontati. Il regolamento prevede la disputa di questo mini torneo alla fine del campionato a patto che la distanza tra la terza e la quarta classificata non superi i 9 punti; inoltre parteciperebbero ai playoff un massimo di sei club all’interno del cosiddetto “perimetro play-off”, comprendente le squadre ad una distanza dalla terza in classifica di non più di 14 punti. Insomma, il torneo che assegna la partecipazione al campionato di Serie A potrebbe ridursi ad una sola partita tra due formazioni, o estendersi alla partecipazione di sei club; in realtà però, potrebbe anche non disputarsi. Quali sono gli scenari possibili? Chi andrà in Serie A?

SORPRESE E CERTEZZE

La SPAL è ormai ad un passo dal traguardo. La storica società ferrarese ha blindato il primo posto in classifica con 5 vittorie consecutive, interrotte solo dal pareggio contro lo Spezia di settimana scorsa. Questo filotto di successi ci ha consegnato l’immagine di una squadra forte, che si è presa il campionato. Le due sconfitte consecutive arrivate a fine Marzo contro Frosinone e Avellino rischiavano di far crollare la squadra di Semplici proprio sul più bello, ma la reazione è stata da grande squadra. Da sorpresa di inizio anno, la SPAL è diventata l’unica certezza di questo campionato, e ora la Serie A è ad un passo. Mancano precisamente 4 punti, ma potrebbero bastarne anche meno. Già durante questa giornata la squadra di Ferrara potrebbe festeggiare il ritorno nel massimo campionato dopo quasi quarant’anni, a seconda dei risultati di Verona, Frosinone e Perugia.

Discorso diverso invece per la squadra che avrebbe dovuto ammazzare il campionato, l’Hellas Verona. La stagione dei veneti è stata un continuum di alti e bassi; solo la forza oggettiva degli elementi all’interno della rosa ha potuto risollevare la squadra nei momenti più difficili e, nonostante la posizione in classifica non sia quella che ci si aspettava all’inizio della stagione, la Serie A dovrebbe essere alla portata. Le ultime tre partite contro Entella, Carpi e Cesena potrebbero garantire la promozione diretta alla squadra di Pecchia; il Frosinone però, terzo in classifica, è distante solo un punto, e l’incubo playoff è alle porte. Sarà necessario anche in questo caso uno sprint finale da grande squadra, da squadra che merita la Serie A. Ad inizio anno sembravano non esserci dubbi, ma la Serie B non è mai scontata.

La Serie B è un campionato strano.

UN CAMPIONATO INFINITO

La Serie B non finisce mai. 22 squadre, 42 partite, diversi momenti all’interno della stessa stagione. Il campionato è equilibrato e difficilmente una squadra riesce a distanziarsi dalle altre con un distacco netto. Anche il Cagliari l’anno scorso, nonostante la vittoria finale del campionato, attraversò momenti difficili all’interno della stagione. La lunga pausa di Gennaio poi, permette di dividere il campionato in due parti, con la possibilità per le squadre in difficoltà di ricominciare la stagione (vedi Trapani e Ternana quest’anno). Quello che fa la differenza in Serie B è la costanza di rendimento: una serie di tre o quattro vittorie consecutive, in ogni momento della stagione, può far guadagnare anche sei o sette posizioni in classifica, proprio a causa dell’equilibrio generale che si mantiene tra le squadre partecipanti.

Costanza di rendimento che in questi anni non ha mai avuto il Bari. La squadra ora allenata da Colantuono è potenzialmente un gruppo di calciatori costruito per tentare la promozione diretta ogni anno. Ma puntualmente, da sei anni a questa parte, raggiunge al massimo i playoff, palesando grandi difficoltà nel portare a termine un campionato da leader. Anche quest’anno la squadra è crollata nei momenti decisivi, decimata anche dagli infortuni, che però non possono costituire un alibi se in 39 partite porti a casa solo 52 punti. Ora i playoff sono addirittura lontani, in quanto il Frosinone terzo in classifica dista ben 16 lunghezze; i pugliesi si troverebbero dunque esclusi dal perimetro playoff di cui parlavamo prima. Anche in questo caso saranno fondamentali le ultime tre partite, ma l’impressione è che il Bari debba cambiare molto sul piano organizzativo per tornare ad essere una società vincente e degna della piazza e dei tifosi che rappresenta. In un campionato così lungo e ostico da affrontare, avere giovani che corrono è fondamentale; un po’ più di freschezza all’interno della rosa sicuramente aiuterebbe, e andrebbe a fondersi con l’esperienza già assicurata all’interno della squadra dai vari Floro Flores, Maniero, Brienza, Basha.

CHI VA IN SERIE A?

Abbiamo già parlato di SPAL e Hellas Verona. La terza squadra che ha una marcia in più delle altre è il Frosinone, retrocessa l’anno scorso dalla Serie A. Dopo aver mantenuto le colonne portanti del club anche in Serie B, i ciociari si trovano ora terzi in classifica, e cercano la fuga che darebbe loro la promozione diretta al massimo campionato. Il distacco sul Perugia di Bucchi è di 8 punti: se dovesse aumentare di due lunghezze, i playoff non si disputerebbero.

Al netto delle considerazioni fatte per le prime tre della classe, forti candidate alla promozione in Serie A, questo campionato ci ha regalato numerose sorprese, che potrebbero rendere la vita difficile ad Hellas o Frosinone in caso di playoff. La prima è il già citato Perugia, cooperativa del gol (ha mandato in rete ben 16 giocatori) che probabilmente gioca il calcio più spumeggiante di tutta la Serie B. L’altra grande sorpresa del campionato è, come la SPAL, un’altra neopromossa: il Benevento. La squadra di Baroni è stata a lungo tra le prime del campionato, per poi perdere posizione. Rimane comunque in corsa per i playoff, traguardo impensabile all’inizio dell’anno. Seguono poi Cittadella (altra neopromossa), Carpi e Spezia, fino al Bari, squadra che sembra tracciare il confine tra i club ancora in lotta per i playoff e quelli che hanno abbandonato le speranze.

La partita di questa sera tra Perugia e Spezia ci dirà molto riguardo ai playoff e alla promozione della SPAL. Molte squadre stanno a guardare e tifano la squadra di Bucchi, per evitare la fuga del Frosinone e poter dire ancora qualcosa nella lotta per la Serie A.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Turris, Leonetti avvisa la Viterbese: “Faremo una grande partita”

Pubblicato

:

Turris

Domenica la Turris è attesa dalla trasferta sul campo della Viterbese in occasione della 17ª giornata di Serie C – Girone C. Gli uomini di Di Michele si stanno preparando in vista di questa sfida cruciale, dove i Corallini sono chiamati a cercare di ottenere la vittoria.

Oggi si è tenuta la conferenza stampa di presentazione della sfida tra le due squadre, ma non ha presenziato Di Michele per cause sconosciute. Al suo posto ha risposto alle domande dei giornalisti l’attaccante della Turris, Vito Leonetti.

LA CONFERENZA STAMPA DI LEONETTI PRE VITERBESE-TURRIS

L’attaccante dei Corallini h sostituito mister Di Michele in conferenza stampa quest’oggi. Queste le parole di Leonetti in conferenza stampa:

Che Turris dobbiamo aspettarci a Viterbo? Cosa ha lasciato la partita contro l’Avellino?

“Contro l’Avellino ci è mancato l’approccio giusto. Il gran gol di Tito ci ha fatto cedere mentalmente. Contro la Viterbese faremo una grande partita, sappiamo tutti la nostra posizione in classifica e dobbiamo far di tutto per portare a casa la vittoria”.

Il tridente offensivo è stato il punto di forza della scorsa stagione, ma nonostante il rafforzamento con l’arrivo di Maniero sembra esserci una regressione. Come si spiegano i tanti errori sotto porta e i tanti gol su palla inattiva?

“Penso che in questo momento ci sta mancando qualcosa davanti, ma penso sia solo un momento no”.

Cosa manca a questa Turris? Equilibrio, serenità o qualità?

“Manca un po’ di serenità vedendo la classifica. Dobbiamo risalire in classifica per ritrovare la giusta serenità”.

Nonostante tre allenatori differenti le difficoltà sono persistenti. C’è stata una presa di coscienza dello spogliatoio oltre il cambio della guida tecnica?

“Nello spogliatoio siamo sempre uniti sotto ogni punto di vista, anche su ogni cambio allenatore. Ci diamo tanta forza tra noi, ma in questo momento non ci sta dicendo bene. Speriamo di superare questo momento a partire già da domenica”.

Sei in scadenza di contratto, la Turris ha avanzato una proposta di rinnovo?

“Ad oggi sono un calciatore della Turris a tutti gli effetti, e penso di concludere la stagione qui. Del rinnovo ne parleremo più avanti perché ora sono concentrato sul campionato e a provare ad uscire da questa brutta situazione di classifica”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Neymar: “Ultimo Mondiale? Troppo presto per dirlo”

Pubblicato

:

Neymar

Dopo il prematuro addio dal Coppa del Mondo Neymar, che oggi ha raggiunto Pelé in testa alla classifica marcatori all-time della nazionale brasiliana, si è espresso sul suo futuro.

Stando a quanto riportato dal quotidiano Globo Esporte e confermato dall’insider di calciomercato Fabrizio Romano, la stella dei verdeoro ha risposto a chi gli chiedeva se questo fosse stato il suo Mondiale:

“È troppo presto per dirlo. Non ho ancora le idee chiare, non posso garantire nulla”.



Continua a leggere

Flash News

Caso plusvalenze Juventus, il Codacons si schiera con gli azionisti

Pubblicato

:

Juventus

Dopo gli ultimi eventi riguardanti la questione plusvalenze della Juventus, come la richiesta di rinvio a giudizio recapitata ai vertici della Juve compreso il club come persona giuridica, ci sono altri sviluppi. Il Codacons sta preparando un’azione collettiva in favore degli azionisti della società.

Tutte le ipotesi accusatorie potrebbero aver leso nei diritti e negli interessi economici tutti gli azionisti che hanno acquistato e mantenuto nel loro portafoglio i titoli. Il Codacons, dunque, sta compiendo un’azione di avvicinamento agli azionari.

Sul sito ufficiale, infatti, è comparso il modulo di nomina di persona offesa che ciascun aderente può scaricare e inviare alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino al fine di segnalare, con questo primo atto, la propria posizione alle Autorità.

Continua a leggere

Flash News

Lovric a Trasfermarkt: “Siamo sodisfatti, ma vogliamo crescere”

Pubblicato

:

Lovric

Sandi Lovric è una delle rivelazioni di questa prima parte di campionato, vissuto con la maglia dell’Udinese. I friulani hanno pescato il centrocampista classe 1998 dal Lugano. E con i bianconeri ha giocato già 16 match in questa stagione, con 2 gol e 1 assist all’attivo.

Intervistato recentemente da Transfermarkt, queste le parole del centrocampista dell’Udinese. Lovric ha saputo spaziare dalla dimensione personale alla sua carriera, dando un quadro della sua esperienza tra Austria e Italia.

“Da giovane pensi naturalmente di essere il numero uno quando i grandi club ti cercano. Tuttavia, insieme alla mia famiglia e al mio agente di allora, decidemmo di restare a Graz. Ripensandoci oggi, quelle voci hanno saturato la mia fame di successo. Pensavo che da qual momento in poi sarebbe stato sempre così.

Quando sono arrivato a Lugano, ho frequentato spesso un caro amico che ha studiato psicologia e antropologia. Per me è stato come un punto di svolta. Ho iniziato a fidarmi davvero delle mie capacità e allo stesso tempo a lavorare per raggiungere determinati obiettivi.

Penso che la pausa invernale sia stata buona per ricaricare le batterie. In generale siamo molto soddisfatti della prima metà della stagione. I risultati sono dovuti alla forte coesione all’interno del team. Abbiamo delle individualità che si adattano molto bene al collettivo, capaci di armonizzarsi con il carattere della squadra. Nella seconda metà del 2022/23 vogliamo solo crescere come gruppo”.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969