Dove trovarci

La Superlega risponde alle indiscrezioni di ieri

Non è passato neanche un mese dalla sua nascita (e fallimento), che già la Superlega torna a far parlare di sé. Il progetto elitario voluto principalmente da Florentino Pérez era naufragato dopo le minacce della UEFA e il ripensamento delle inglesi e dell’Atletico Madrid. Sembrava tutto finito. Sembrava, perché in realtà cinque club fanno ancora parte del progetto. Escluse Real Madrid e Juventus in prima linea, rimangono Barcellona, Milan ed Inter. Però i neroazzurri sono molto vicini ad abbandonare la Superlega e anche il Milan pare tentato.

LE INDISCREZIONI DI IERI

Nella giornata di ieri però è circolata un’indiscrezione a dir poco incandescente. Chiara e diretta: le squadre all’interno della Superlega rischiano l’esclusione dalle coppe europee per due anni. Una sanzione potenzialmente letale, soprattutto in questo particolare momento di flessione economica. La UEFA ha già previsto sanzioni economiche per i club che hanno aderito alla Superlega e ne sono usciti (le inglesi, l’Atletico, presto le milanesi). Mentre è sul piede di guerra con chi si ostina a sostenere il progetto di Florentino Pérez. L’esclusione dalle coppe sarebbe del resto una punizione esemplare. Dal canto loro, i club non sembrano intimoriti, anzi.

LA RISPOSTA DELLA SUPERLEGA

Poche ore fa è infatti uscita una nota dalla Superlega che contrasta apertamente l’indiscrezione lanciata ieri. Secondo quanto riportato, esiste un ordine del tribunale di Madrid, che impedisce chiaramente alla UEFA di escludere qualunque squadra dalle competizioni europee. Dall’altra parte, gli organi europei rispondono appellandosi all’articolo 51 dello statuto. L’articolo asserisce come nessun club possa affiliarsi in altre competizioni al di fuori di quelle certificate. Tra le due parti c’è anche da considerare che avvocati e giudici della UEFA non possono per alcun motivo contestare l’ordine di un tribunale. Sarà un braccio di ferro sfiancante.

Quella che sembrava una storia finita, sembra essere più viva che mai. La Superlega farà parlare di sé ancora per molto. Almeno fin quando Inter e Milan non usciranno definitivamente. Dopodiché, con l’abbandono di nove squadre, il progetto si potrà definire naufragato. Fino ad allora la UEFA dovrà combattere. Tanto.

Fonte immagine in evidenza: milanlive.it

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Calcio Internazionale