Dove trovarci
delap

Archivio generico

Liam Delap, il centravanti che Guardiola ha in casa

Liam Delap, il centravanti che Guardiola ha in casa

La questione numero 9 in casa Manchester City nell’era Pep Guardiola è da sempre molto discussa. Tuttavia, per lo stile di gioco fluido ed imprevedibile dei citizens il classico centravanti boa, forte fisicamente ma troppo statico, non è del tutto congeniale. L’intelligenza tattica e la dinamicità sono requisiti indispensabili per ricoprire tale ruolo. Negli ultimi anni Aguero ha svolto magnificamente i compiti che Guardiola chiede al perno centrale dell’attacco del City, mentre Gabriel Jesus, dopo aver riscontrato qualche difficoltà iniziale, sta implementando sempre di più il suo rendimento.

Al momento il brasiliano è l’unico attaccante centrale della squadra, infatti Guardiola spesso schiera il ‘falso nueve’. Harry Kane è il sogno proibito inseguito ormai da anni, ma il suo elevato valore economico è un problema persino per gli sceicchi del City.

Eppure i citizens potrebbero avere il futuro numero 9 già in casa. Infatti, nelle giovanili del club, vi è un calciatore che nelle ultime stagioni si è contraddistinto per i numerosi gol segnati; il suo nome è Liam Delap.

L’ASCESA ED I CONSIGLI DEL PADRE

Nato l’8 febbraio 2003, il giovane attaccante inglese è figlio d’arte. Suo padre è Rory Delap, calciatore che dalla fine degli anni ’90  ha totalizzato 359 presenze in Premier League con Stoke City, Derby County, Sunderland e Southampton. Sua caratteristica era la rimessa laterale lunga, con le quali trasformava delle semplici situazioni di gioco in pericolose mischie dalle quali spesso nascevano gol. Così Roy ha commentato l’approccio del figlio al mondo del calcio:

“Liam si sta divertendo e questo è tutto ciò di cui mi preoccupo. Non l’ho mai spinto, ma è un bravo ragazzo e se tiene la testa bassa e lavora sodo, avrà una possibilità nel calcio”.

L’inizio del percorso calcistico di Liam è legato proprio alla figura del padre, in quanto lavorava nel settore giovanile del Derby County, club in cui il figlio si è formato. Dopo 10 anni passati ai Rams, in cui ha vinto un Campionato Under 18, si è trasferito al Manchester City nel 2019.

UNA SFIDA ENTUSIASMANTE

Nella stagione 2019-20 ha partecipato al ritiro precampionato con la prima squadra, per poi vivere una stagione in Under 18 e in Premier League 2. Stagione fortunata, in cui ha messo a referto 9 gol e 8 assist dando un importante contributo alla vittoria della Premier League U18 Northern Group (questo campionato è stato concluso anticipatamente a causa della pandemia). Inoltre, le esperienze in U21 e U23 gli hanno permesso di affermarsi con caparbietà e di fare la differenza immediatamente contro calciatori più esperti. Gareth Taylor, ex allenatore dell’Under 18 del City, l’ha apprezzato fin dal primo momento:

Liam è migliorato molto da quando ho iniziato a lavorare con lui. Si partiva già da ottime materie prime, ma lui ha lavorato sodo ed ha fatto la differenza quando contava”.

All’inizio della stagione 2020-21, in EFL Cup contro il Bournehouth, vi è il suo esordio in prima squadra. Un esordio indimenticabile per Delap, in quanto è stato marchiato dal gol. Schierato titolare da terminale offensivo, sblocca la partita dopo 18 minuti di gioco: attacca la profondità su un’illuminante verticalizzazione di Foden, per poi tirare di prima col mancino; la conclusione è potente, precisa e finisce all’incrocio dei pali. Delap conquista i titoli dei giornali, i complimenti di Guardiola ed il paragone con Erving Haaland, l’astro nascente più luminoso del calcio.

Nella medesima stagione , in seconda squadra, Delap è semplicemente devastante. La sua media gol è micidiale e l’impressione derivata è quella di essere davanti a un calciatore fuori categoria: in 24 partite ha segnato ben 29 gol, servendo anche 12 assist vincenti.

Anche nelle giovanili della nazionale inglese ha mostrato la sua incisività. Con l’Under 16 è stato il capocannoniere del Mercedes Benz Aegean Tournament 2019, che si è svolto in Turchia. Con l’Under 17, invece, è stato protagonista di un altro fantastico esordio, con la doppietta all’Austria.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Delap è un attaccante dinamico e mobile, ma allo stesso tempo incredibilmente incisivo negli ultimi 16 metri. Longilineo, alto 1,86 metri, è estremamente forte fisicamente, infatti con la sua potenza riesce a mettere costantemente in difficoltà i difensori avversari. È sostanzialmente un attaccante completo, con un impeccabile fiuto per il gol che lo rende parecchio prolifico. La capacità di sterzare in velocità palla al piede gli permette di costruirsi autonomamente un gran numero di palle gol.

Indubbiamente la rapidità di pensiero e di esecuzione lo rendono un calciatore diverso dai suoi coetanei, potenzialmente esplosivo. Creatività e fantasia sono altre caratteristiche che fanno parte del suo repertorio. Partecipa attivamente al fraseggio offensivo, spesso abbassandosi sulla trequarti e girando la palla sulle fasce, emulando la classica giocata di un campione del calibro di Higuain.

Delap è un’autentica forza della natura nel gioco aereo, col terzo tempo riesce spesso a staccare in alto per colpire di testa, anticipando anche i difensori più strutturati fisicamente. Il suo tasso tecnico è invidiabile, i suoi controlli sono precisi con la palla che gli rimane attaccata al piede, risulta elegante nelle movenze e preciso nelle conclusioni.

Spesso si defila sul versante sinistro per rientrare e calciare con il suo destro a giro. Invece, in altre occasioni, come nella protezione della palla e nei duelli corpo a corpo, mette in mostra il suo spirito battagliero che lo rende pratico ed efficace. Le sue caratteristiche tecniche dimostrano quanto sia in grado di poter partecipare attivamente a quel fluido stile di gioco che tanto predilige Guardiola.

Nella stagione in corso l’allenatore spagnolo, con ogni probabilità,  gli concederà meritate occasioni in prima squadra. In estate il suo contratto è stato prolungato fino al 2026, prova che il calciatore potrebbe far parte dei progetti futuri del club.

Delap dovrà farsi trovare pronto, avere il temperamento giusto per mostrare le sue qualità. Non è da escludere che nei prossimi mesi possa partecipare alle rotazioni della prima squadra, per dimostrare di essere quel numero 9 tanto discusso che fa al caso del Manchester City.

Fonte immagine di copertina: diritto Google creative commons

 

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Archivio generico