Connect with us

Calcio Internazionale

La giovane promessa sogna l’Europa che conta!

Pubblicato

:

Lino Tempelmann, il Friburgo è sulle sue tracce

Lino Tempelmann è uno dei prospetti calcistici tedeschi più in voga nelle ultime settimane.

Il centrocampista, classe 1999, è di proprietà del Friburgo, che lo ha girato in prestito al Norimberga in 2. Bundesliga per le prossime due stagioni. Lino Tempelmann sta dando spettacolo con la maglia dell’FCN . Capace di andare in gol già 3 volte in 12 partite, ma soprattutto in grado di essere inarrestabile nei suoi strappi e nei suoi dribbling, all’orizzonte potrebbe esserci un doppio grande salto.

È questa l’indiscrezione da BILD. Il principale organo di stampa tedesco afferma che, nonostante l’accordo di prestito tra le due squadre sia di due anni, il club, proprietario del cartellino, può richiamarlo già nella prossima estate.

Come lui, anche il Friburgo sta vivendo un periodo di forma incredibile. Eccetto la corazzata Bayern Monaco, che ha fermato i bianconeri nell’ultima gara prima della sosta, gli uomini di Christian Streich sono rimasti imbattuti contro tutte le altre squadre affrontate finora. Occupano il terzo posto in classifica con 22 punti dopo 11 giornate. E tutto lascia presagire che, continuando su questa strada, possa arrivare la qualificazione alle coppe europee.

Se così fosse, Lino Tempelmann potrebbe essere il primo vero rinforzo del club. E il classe 1999 passerebbe direttamente dalla 2. Bundesliga ai principali palcoscenici d’Europa.

Tuttavia la stagione è ancora lunga sia per il club che per Tempelmann. Quindi, occorre muoversi coi piedi di piombo in questa vicenda.

Ne ho lette tante ultimamente sul mio prestito e riguardo la durata. Ad essere onesti, non voglio parlarne troppo. Preferisco concentrarmi sul momento. Su cosa succederà in estate né io né nessun altro lo sappiamo“.

Afferma il giocatore. Che non esclude neanche di restare al club.

Mi sento molto, molto a mio agio qui in questo momento. Ovviamente sono anche in contatto col Friburgo. Mi piace ascoltare tutto da tutte le parti e poi cercare di prendere la decisione giusta per me stesso“.

Immagine in evidenza presa da Max Pixel con diritti Google Creative Commons

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Courtois rabbioso: “Non chiamateci «Generazione d’Oro»”

Pubblicato

:

Courtois

Non chiamateci «Generazione d’Oro», non abbiamo vinto niente“. Queste le dure parole del numero 1 belga Thibaut Courtois nel postpartita contro la Croazia.

Courtois ha espresso tutta la sua delusione e il rammarico: la cosiddetta «Generazione d’Oro», nei fatti, non ha mai portato a casa trofei. La partita con la Croazia ha sancito l’eliminazione dal Mondiale della Nazionale belga, che ha chiuso il girone al terzo posto a -1 proprio dagli avversari di oggi.

Sarebbe stata fondamentale una vittoria per il Belgio, ma il pareggio a reti bianche ha consegnato il pass per gli ottavi agli uomini di Zlatko Dalic.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Müller annuncia: “Al 99% oggi ultima partita con la Germania”

Pubblicato

:

Pronostico Costa Rica-Germania

Serata da dimenticare totalmente per la Germania, che per la seconda volta consecutiva vede interrompersi il percorso Mondiale ai gironi. Decisiva la vittoria del Giappone contro la Spagna, che con i 3 punti di stasera si prende anche la vetta del gruppo E. La Germania termina il girone al terzo posto con 4 punti, al pari della Spagna, che però si qualifica grazie alla differenza reti. Nel postmatch Thomas Müller si è dichiarato pronto a chiudere la carriera con la Nazionale: “Al 99% è stata la mia ultima partita con la Germania“, ha dichiarato a Sky Sport DE.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Camerun-Brasile, il ct Song suona la carica: “Per noi una finale”

Pubblicato

:

Ghana

Nella vigilia del match contro il Brasile, nella consueta conferenza stampa pre-partita, il ct del Camerun, Rigobert Song, ha ribadito più volte l’importanza della gara contro la nazionale verdeoro. La partita potrebbe risultare fondamentale per i camerunensi, che con un’ ipotetica vittoria ed una sconfitta della Svizzera potrebbero strappare il pass per gli ottavi di finale. Da tenere d’occhio anche il possibile incrocio con la Serbia, che si trova a pari punti con il Camerun ma svantaggiata dalla differenza reti. Ecco le parole di Song:

“Ci stiamo preparando con l’obiettivo di superare il primo turno di questo Mondiale. Conosciamo molto bene il Brasile, la nostra prima sfida è vedere, non come si comporteranno loro, ma come ci comporteremo noi. Hanno un vantaggio legato al fatto di essere già qualificati. Non dobbiamo pensare che schiereranno la loro seconda squadra perché si sono già qualificati, la cosa più importante è come ci avviciniamo a questa partita. Per noi sarà una finale e dovremo fare di tutto per ottenere i 3 punti. Poi vedremo cosa succede dopo. Il messaggio che mando ai giocatori è di lottare e impegnarsi di più, la battaglia è più psicologica. Il risultato è importante e so che i miei giocatori possono farcela se puntano su concentrazione e determinazione. Al livello più alto, quando hai un momento di deconcentrazione, può essere costoso. Si tratta di essere concentrati e avere la determinazione per permetterci di prendere i 3 punti”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Tite pre Brasile-Camerun: “Turnover? Ho 26 giocatori di livello”

Pubblicato

:

Il Brasile domani affronterà il Camerun nell’ultima partita della fase a gironi. I verdeoro sono già qualificati agli ottavi, avendo vinto le prime due partite del girone. Quindi, il ct della Selecao Tite potrebbe optare per un ampio turnover: come confermato da lui in conferenza stampa, ha a disposizione una rosa molto competitiva, in cui anche le seconde linee sono allo stesso livello tecnico delle prime. Quindi, per loro, potrà essere un’occasione per mettersi in mostra e guadagnarsi un posto nel prosieguo della competizione. Di seguito le parole di Tite:

“Abbiamo 26 atleti tutti di altissimo livello. Ci sono Fabinho del Liverpool, Ederson del Manchester City, Martinelli dell’Arsenal. C’è tanta competizione interna e io devo mettere tutti nelle migliori condizioni per competere. Quella col Camerun non è una partita di secondo piano, è una partita difficile, pensate alla Tunisia che ha battuto la Francia. Questa è un’opportunità per competere e dimostrare le proprie qualità a livello alto. Non decido chi gioca agli ottavi oggi, conta il campo e non posso affrettarlo. Dani Alves? È un giocatore con virtù tecniche impressionanti, ecco perché ha questa longevità ad alto livello. Il suo requisito non è la velocità, è un calciatore tecnico. Un allenatore decide in base alla pratica e non in base alla teoria e questo accade dando opportunità a tutti. Decido in base a ciò che mostrano in campo”. 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969