Connect with us
LIVE - La cerimonia del Pallone d'Oro

La nostra prima pagina

LIVE – La cerimonia del Pallone d’Oro

Pubblicato

:

Alle 20 di stasera inizierà ufficialmente la cerimona del Pallone d’Oro al Teatro Chatelet di Parigi. Delle prime 30 posizioni già 20 sono state rivelate, con Mané, Messi, Cristiano Ronaldo, Alisson, Salah, Van Dijk, Mbappé, Bernardo Silva, Mahrez e Lewandowski a completare la top-10 della cima del calcio mondiale. Verrà assegnato anche il Pallone d’Oro femminile ed i premi Kopa e Yashin per la miglior giocatrice, miglior U-21 e miglior portiere dell’anno. Manca tra i 30 Luka Modric, vincitore dello scorso anno. Presentatore d’eccezione Didier Drogba affiancato dalla giornalista Sandy Heribert.

Regolamento:

Un giornalsta specializzato per ogni nazione candida 5 nomi per un punteggio che va da 6 a 4,3,2,1. Criteri utili per la valutazione sono: prestazioni individuali e di squadra, talento, fair play e carriera. La classifica verrà poi stabilita contando i punti raccolti da ogni giocatore. In caso di pareggio valgono le nomination da 6 punti. Se dovessero essere pari, si considerano quelle da 4 e così via. Ancor più oltre verrebbe decretato uno spareggio tra i due contendenti e solo in caso di ulteriore parità sarà il direttore generale di France Football a decidere.

 

Pallone d’Oro maschile – Didier Drogba annuncia il sesto Pallone d’Oro per Lionel Messi. Quarto Manè, terzo Ronaldo, secondo Van Dijk.

Pallone d’Oro femminile – Didier Drogba si incarica di annunciare il nome. Megan Rapinoe è la nuova detentrice del trofeo. Podio tutto anglofono con Lucy Bronze ed Alex Morgan a completare i restanti due posti.

Altro aggiornamento per le posizioni dalla settima alla quinta: Alisson Becker, appena premiato con il trofeo Yashin, Kylian Mbappè sesto e Mohamed Salah quinto.

Premio Yashin – sul palco il flagello dei portieri Robert Lewandowski consegna il premio al primo vincitore della storia di questo particolare trofeo: Alisson Becker. Secondo Marc-Andrè Ter-Stegen con Ederson a chiudere il podio.

Piccolo siparietto tra Mbappè e Drogba, dove l’ivoriano racconta di quando negò una foto al piccolo Kylian dopo il famoso Chelsea-Barcellona in semifinale di Champions nel 2009. “Debito” saldato stasera dopo 9 anni in questo selfie generale.

Rivelate le posizioni dalla 10 alla 8 del Pallone d’Oro: Riyad Mahrez ai bordi della top-ten preceduto da Bernando Silva (9°) e Robert Lewandowski (8°).

Premio Kopa – Sul palco i vincitori uscenti dei 3 premi assegnati lo scorso anno: Luka Modric, Kylian Mbappè ed Ada Hegerberg. Rimane il francese sul palco per il passaggio di consegne del premio Kopa vinto dal neo-juventino Matthijs De Ligt. Secondo Jadon Sancho, terzo Joao Felix.

Qui la rassegna delle 20 posizioni già note:

Premio Kopa: Matthijs De Ligt (Juventus, ITA)

Premio Yashin: Alisson Becker (Roma, ITA)

Pallone d’Oro femminile: Megan Rapinoe (Seattle Reign, USA)

Pallone d’Oro maschile: Lionel Messi (Barcellona, SPA)

 

 

(Fonte immagine di copertina: profilo Twitter @sportli26181512)

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Dolore addominale per Martinez Quarta: salterà la la Lazio

Pubblicato

:

martinez quarta

MARTINEZ QUARTA IN OSPEDALE- La Fiorentina, reduce dal pareggio per 1-1 nel derby toscano contro l’Empoli, si prepara allo scontro fondamentale di stasera contro la Lazio. La Viola, che si trova a due lunghezze di svantaggio dalla squadra capitolina, spera di ritrovare i tre punti per continuare a lottare per un posto in Europa. Tuttavia Vincenzo Italiano dovrà fare a meno di Martinez Quarta, elemento fondamentale della difesa sia in fase di costruzione ma anche per quanto riguarda le palle inattive, come testimoniano le 4 reti in campionato dell’argentino, 3 delle quali segnate di testa in appena 21 presenze in stagione.

LE CONDIZIONI DI MARTINEZ QUARTA

Martinez Quarta, stando a quanto riportato da Radio Bruno, resterà fuori questa sera a causa di un dolore addominale che lo ha costretto ad una visita in ospedale nelle scorse ore. Le condizioni del centrale argentino per il momento non dovrebbero preoccupare, si tratta più che altro di una esclusione precauzionale. Al suo posto quindi, Vincenzo Italiano schiererà Nikola Milenkovic in coppia con Luca Ranieri.

PROBABILI FORMAZIONI FIORENTINA-LAZIO

FIORENTINA (4-2-3-1): Terracciano; Kayode, Milenkovic, Ranieri, Biraghi; Arthur, Duncan; Ikone, Beltran, Gonzalez; Belotti. All. Vincenzo Italiano.

LAZIO (4-3-3): Provedel; Lazzari, Casale, Romagnoli, Marusic; Guendouzi, Cataldi, Luis Alberto (Kamada); Isaksen, Castellanos (Immobile), Felipe Anderson. All. Maurizio Sarri.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Luis Enrique su Mbappé: “Dobbiamo abituarci a giocare senza di lui”

Pubblicato

:

PSG Newcastle

LUIS ENRIQUE SULLA SOSTITUZIONE DI MBAPPÉ- Il PSG nella giornata di ieri ha trovato il pareggio all’ultimo minuto contro il Rennes, tuttavia non è stato questo a fare scalpore. Ad ottenere maggiore rilevanza è stata la sostituzione di Kylian Mbappé con parigini svantaggio al minuto 65′. Scelta molto azzardata per un giocatore di questa caratura, autore fin qui di 21 gol e 4 assist in 21 partite di campionato. Al suo posto dentro Gonçalo Ramos, autore del gol al minuto 97′ su calcio di rigore. In conferenza stampa, il tecnico Luis Enrique ha motivato l’uscita del campione francese. Anche Lucas Hernandez, su RMC ha parlato di questa esclusione. Di seguito le dichiarazioni.

LE PAROLE DI LUIS ENRIQUE

SOSTITUZIONE MBAPPÉ “Prima o poi accadrà che non ci sarà e dovremo abituarci a giocare senza di lui. Quando riterrò opportuno che giochi, giocherà, quando non sarà così, non giocherà. Voglio la massima competitività per la prossima stagione e che ogni giocatore titolare di questa squadra pensi che questa sia una grande opportunità. Questo è quello che cerco in questa stagione e per la prossima. Massima competitività”.

LE PAROLE DI LUCAS HERNANDEZ

LUIS ENRIQUE – “È l’allenatore che gestisce la squadra. Sta a lui prendere le decisioni, è lui il boss. Abbiamo un grande gruppo con grandi giocatori. Ma è vero che Kylian può fare la differenza in qualsiasi momento. È una decisione dell’allenatore e sta a noi continuare”.

Continua a leggere

Flash News

Capello: “Ormai difficile trovare parole per l’Inter, bene anche con una formazione rimaneggiata”

Pubblicato

:

Capello

Conclusi i match della domenica di Serie A, che hanno visto protagonista prima una Juventus in difficoltà con una vittoria trovata all’ultimo minuto, un’Inter che nonostante un massiccio turnover continua a macinare punti ed infine il Milan, autore di una ottima prestazione con l’Atalanta, nonostante abbia trovato soltanto un punto. Non è mancato il commento di Fabio Capello, intervistato da La Gazzetta dello Sport. Di seguito le dichiarazioni dell’ex tecnico.

LE PAROLE DI CAPELLO

MILAN“Ha creato tanto e concesso poco, ha giocato meglio dell’avversario, mantenendo un grado d’attenzione molto alto per tutti i 90’, cercando la verticalità e la profondità senza perdersi in “giochetti” come ogni tanto gli capita. Inutile girarci attorno, l’1-1 sta stretto ai rossoneri e sono sicuro che un po’ di rammarico ci sarà per aver portato a casa solamente un punto. Se fossi Stefano Pioli, però, sarei comunque felice della prestazione”.

LEAO” Con tutto il rispetto per gli altri scesi in campo, il portoghese merita un capitolo a parte. Ha fatto un gol straordinario, ma sarebbe semplicistico fermarci a quella prodezza. Leao fa la differenza a ogni tocco di palla”.

JUVENTUS“Ora è a +4 sul Milan, dopo aver sì battuto il Frosinone, ma patendo parecchio. La squadra di Allegri continua a prendere dei gol che sino a un mese fa non avrebbe mai subito. Prendete il pareggio di Cheddira: in area ci sono cinque difensori della Juve e un solo attaccante ospite, eppure è proprio il marocchino a colpire di testa e segnare quasi indisturbato. La vittoria strappata negli ultimi secondi con un gol in mischia di Rugani può, però, essere un punto di svolta, perché caccia le ansie dell’ultimo periodo.”

ALLEGRI“Sarà ora più facile per Allegri, in settimana, parlare alla squadra e risolvere ciò che non va. Perché quando si vince, lo spogliatoio accoglie le analisi più positivamente e un allenatore ha più possibilità di incidere con le sue parole”.

INTER “Di parole è, invece, ormai difficile trovarne per l’Inter. Anche in un pomeriggio in cui Simone Inzaghi presenta una squadra largamente rimaneggiata, con i soli Dimarco, Mkhitaryan e Lautaro come titolari inamovibili, fa del Lecce un sol boccone.”

Continua a leggere

Flash News

ULTIM’ORA – L’esito degli esami strumentali di Calhanoglu: il comunicato dell’Inter

Pubblicato

:

Calhanoglu

Nel pre partita di Lecce-Inter, Simone Inzaghi aveva fatto scattare l’allarme per quanto riguarda le condizioni fisiche di Hakan Calhanoglu. Durante la rifinitura in vista della sfida coi salentini, il turco aveva riportato un fastidio all’adduttore. Nonostante fosse indisponibile è poi partito ugualmente con la squadra, per poi rimanere in panchina.

In giornata il centrocampista nerazzurro ha svolto gli esami strumentali, che hanno evidenziato un leggero risentimento muscolare all’adduttore della coscia destra. Da valutare i tempi di recupero. Calhanoglu infatti non dovrebbe a disposizione nemmeno per il recupero della 21ª giornata in programma mercoledì contro l’Atalanta. Resterebbe invece da valutare per sfida di lunedì prossimo contro il Genoa.

IL COMUNICATO DELL’INTER

IL COMUNICATO – “Hakan Calhanoglu si è sottoposto questa mattina a esami strumentali presso l’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano. Per il centrocampista nerazzurro leggero risentimento muscolare all’adduttore lungo della coscia destra. Le sue condizioni saranno rivalutate nei prossimi giorni”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969