Connect with us
Liverpool-Atletico Madrid, non solo Champions

Calcio Internazionale

Liverpool-Atletico Madrid, non solo Champions

Pubblicato

:

Atletico

Se si pensa a LiverpoolAtletico Madrid, si pensa ad un big match tra due grandi squadre del calcio europeo. Nell’ultimo decennio è stato così, visto che i Reds hanno vinto la competizione continentale nel 2019 ed i colchoneros ci sono andati vicinissimi, perdendo due volte in finale. I due club, infatti, si sono sfidati anche negli ottavi di finale della Champions League 2019-20, qualche giorno prima che esplodesse definitivamente la pandemia da Covid-19. In quell’occasione Morata e Marcos Llorente decisero il match, consentendo agli uomini di Simeone di passare il turno successivo.

Più di dieci anni fa la situazione era completamente diversa: Liverpool-Altletico Madrid si sfidarono in una competizione internazionale, ma non la Champions League, bensì l‘Europa League. Due grandi club impantanati in un periodo di transizione, ma non per questo una partita priva di emozioni e storia.

LA ROSA DEL LIVERPOOL

Il club inglese arrivava alla stagione 2009-10 da un buon secondo posto in Premier League, ma senza nessun trofeo in bacheca. Nell’estate 2009 fu ceduto Xabi Alonso al Real Madrid per oltre 30 milioni, una cifra molto alta per un mediano in quell’epoca calcistica. Come acquisti arrivarono in Inghilterra Glen Johnson e Alberto Aquilani, entrambi per 20 milioni. In panchina sedeva ancora Rafa Benitez, assoluta leggenda dei Reds. La squadra era un mix dei senatori del periodo d’oro e di nuove leve pronte a dominare il calcio mondiale. La porta era ancora ben difesa da Pepe Reina, mentre la il pacchetto arretrato era guidato da Carragher e Agger. A centrocampo Gerrard era la stella, coadiuvato da Mascherano e Leiva. In avanti i vari Kuyt, Riera e Babel avevano il compito di innescare Fernando Torres, all’apice della carriera.

IL PERCORSO STAGIONALE

Nella stagione 2009-10 il Liverpool fu molto deludente, visto che ottenne un settimo posto, a malapena utile per una qualificazione all’Europa League. In FA Cup i Reds uscirono al terzo turno contro il Reading, mentre nella coppa di lega inglese i ragazzi di Benitez furono eliminati al quarto turno dall’Arsenal di Wenger. In Champions la situazione non fu migliore, dato che nel girone E con Fiorentina, Debrecen e Lione, il Liverpool arrivò terzo, retrocedendo in EL. Nella seconda competizione continentale i rossi riuscirono a passare senza problemi i sedicesimi, gli ottavi ed i quarti, battendo in serie l’Unirea, il Lilla ed il Benfica.

LA ROSA DELL’ATLETICO MADRID

Il club spagnolo, invece, arrivava da un quarto posto nella Liga 2008-09, ultimo piazzamento utile per la qualificazione in Champions. Nel mercato estivo non ci furono ne grandi acquisti ne grandi cessioni, arrivarono soltanto Sergio Asenjo e Tiago Mendes, mentre furono ceduti Maxi Rodriguez (nel mercato invernale) e Heitinga. In porta muoveva i primi passi un giovanissimo David De Gea, mentre la difesa era composta da onesti mestieranti come Perea, Valera e Alvaro Dominguez. Il centrocampo a 2 era coordinato da Paulo Assunçao e Raul Garcia, aiutati sulle corsie esterne da Simao e Reyes, che a loro volta dovevano mettere in condizioni di segnare un tandem offensivo di tutto rispetto, ovvero Aguero e Forlan. I colchoneros erano guidati da Quique Sanchez Flores, allenatore giramondo ed ex calciatore del Real Madrid.

IL PERCORSO STAGIONALE

L’Atletico Madrid, esattamente come il Liverpool, nella stagione 2009-10 non fece benissimo. In campionato i biancorossi arrivarono addirittura noni, dietro al Getafe e al Maiorca. Nella Copa del Re il percorso fu ottimo, visto che gli spagnoli arrivarono in finale, ma furono sconfitti dal Siviglia per 2-0. In Champions League, in un girone con Chelsea, Porto e Apoel, l’Atletico Madrid arrivò terzo, con soli 3 punti e 0 vittorie. Declassati in EL, i ragazzi di Q.S.Flores passarono i sedicesimi, gli ottavi ed i quarti ma sempre rischiando di andar fuori, vincendo una sola partita su sei.

LA PARTITA

Il Liverpool e l’Atletico si scontrarono nella semifinale dell’Europa League 2009-10. L’andata, in Spagna, terminò 1-0 per i padroni di casa grazie ad un gol di Forlan al 9′. Il ritorno ad Anfield fu una partita bellissima, tra due squadre pronte a dare tutto per arrivare alla finale di Amburgo. Benitez e Q.S.Flores arrivano alla partita con le formazioni tipo: 4-2-3-1 per i padroni di casa e 4-4-2 per gli ospiti; l’unica assenza che spiccò fu quella di El Nino Fernando Torres, frenato da un infortunio. Il match, soprattutto nel primo tempo, fu molto aperto, con diversi occasioni da ambo le parti. La situazione di parità venne smossa da un gol di Aquilani sul finire del primo tempo. Il secondo tempo fu privo di occasioni, a parte un tiro di Forlan, e grazie al gol dell’ex Roma, si andò ai supplementari. Il Liverpool, al 95′, con Benayoun, siglò il 2-0, ma al 103′ Forlan mise a segno il gol qualificazione, che permise all’Atletico di andare in finale e poi vincere la Coppa contro il Fulham.

 

 

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio Internazionale

Benzema si lega all’Al Ittihad: “Io in Europa? Tanti bugiardi”

Pubblicato

:

Benzema

Benzema ha giocato la seconda partita ufficiale con la maglia dell’Al Ittihad nel 2024. Il centravanti francese non ha di certo reso indimenticabile il suo match, realizzando al 25′ l’autogol che aveva portato in vantaggio gli avversari. Alla fine i suoi compagni di squadra sono riusciti a ribaltarla, portando il punteggio sul 2-1 finale, che considerando anche lo 0-0 dell’andata, ha permesso all’Al Ittihad di passare il turno.

La partita in questione era infatti il ritorno degli ottavi della Champions League asiatica, disputati dagli arabi contro gli uzbeki del Navbahor Namangan. Decisiva la rete di Hamdallah al tramonto del primo tempo, e il secondo autogol di giornata, quello di Tabatadze.

BENZEMA TORNA IN CAMPO CON L’AL ITTIHAD – LE PAROLE DELL’EX PALLONE D’ORO

Che bisognasse riequilibrare i rapporti tra Benzema e l’Al Ittihad era chiaro. Dopo il lungo periodo che lo ha tenuto lontano dai compagni, facendo venire a galla anche una sua presunta sparizione, l’ex Real Madrid ha speso parole per chiarire quale sarà il suo futuro. Benzema ha anche parlato del rapporto con Gallardo, che secondo i media era uno dei responsabili del malessere del francese verso l’Al Ittihad e l’Arabia.

Di seguito le sue parole.

SUL RITORNO IN EUROPA –Sono tornato e ora sto meglio. La storia della mia partenza non è vera e sono felice in Arabia Saudita. Non ho problemi con Gallardo, tutti quelli che dicono che voglio tornare in Europa sono bugiardi. Sono molto felice ad Al Ittihad. Da parte mia non ho problemi con nessuno. Chiedete all’allenatore della mia assenza, io ero pronto per lo stage a Dubai“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La Serie A vola nel ranking UEFA: staccata la Bundesliga di 1000 punti

Pubblicato

:

dove vedere rennes-milan in tv e streaming

Le squadre italiane continuano il loro percorso nelle competizioni europee e fanno guadagnare punti alla Serie A nel Ranking UEFA. Nella serata di ieri, sia il Milan che la Roma si sono qualificate per gli ottavi di finale di Europa League, battendo rispettivamente Rennes e Feyenoord. Entrambi sono stati match sofferti: i rossoneri, forti del 3 a 0 all’andata, passano nonostante la sconfitta per 3 a 2. I giallorossi, invece, dopo aver replicato l’1 a 1 della gara di andata hanno raggiunto gli ottavi solo ai calci di rigore.

IL RECAP SUI VARI PAESI

Mentre succedeva tutto questo, la Spagna perdeva una squadra: il Betis Siviglia è stato eliminato dalla Conference League per mano della Dinamo Zagabria. Stessa cosa per la Germania, la quale ha perso l’Eintracht Francoforte, uscito sconfitto dal doppio confronto con l’Union Saint-Gilloise. Discorso ancora peggiore per la Francia, con 3 squadre eliminate dall’Europa League: Rennes, Lens e Tolosa.

L’IMPORTANZA DEL RANKING UEFA

Fare un buon cammino europeo avrà, soprattutto quest’anno, conseguenze importanti per le prossima stagione: la Champions League, infatti, avrà enormi novità. Non ci sarà più la fase a gironi, si passerà da 32 a 36 squadre nel turno principale e la qualificazione alla competizione non arriverà solo tramite il piazzamento nel proprio campionato. Due squadre si qualificheranno in base all’andamento di questa stagione delle varie nazioni.

Il Ranking UEFA, insomma, guadagna importanza. L’Italia guadagna ancora terreno ed è in testa, motivo per il quale la Serie A, ad oggi, manderebbe 5 squadre in Champions.

IL RANKING UEFA AGGIORNATO

1. Italia 15.571 (7 squadre partecipanti su 7)
2. Germania 14.500 (5 squadre partecipanti su 7)
3. Inghilterra 13.875 (6 squadre partecipanti su 8)
4. Spagna 13.187 (5 squadre partecipanti su 8)
5. Francia 13.250 (3 squadre partecipanti su 6)

Continua a leggere

Calcio Internazionale

“Milan serve di più” – La Rassegna del Diez

Pubblicato

:

La rassegna stampa è senza alcun dubbio il miglior modo per iniziare la giornata. Ecco quindi le prime pagine dei principali quotidiani sportivi internazionali per la giornata di oggi.

LA GAZZETTA DELLO SPORT

CORRIERE DELLO SPORT

TUTTOSPORT

L’EQUIPE

SUN

MIRROR SPORT

DAILY EXPRESS SPORT

MARCA

SUPERDEPORTE

SPORT

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il record di Luis Alberto, Dani Alves in carcere – La Rassegna Social del Diez

Pubblicato

:

Punto d’informazione, di impressioni e passioni condivise, i social network oggi più che mai raccontano le emozioni dei tifosi. Numero Diez vi presenta la rassegna dedicata ai più importanti messaggi della giornata di ieri.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969