Connect with us

La nostra prima pagina

Il leone di Pamplona è tornato Re

Pubblicato

:

El Rey Leòn è tornato a ruggire. Fernando Llorente, il basco dallo sguardo di ghiaccio, ha trascinato con i suoi 14 gol lo Swansea verso la conquista della salvezza in Premier League. I gallesi, pur con una gara ancora da disputare, hanno raggiunto oggi la matematica permanenza grazie ai quattro punti di vantaggio sull’Hull City, sconfitto nel primo pomeriggio sul campo del Crystal Palace.

IL DIFFICILE TRASCORSO A SIVIGLIA

Dicono che i giocatori baschi, se inseriti in un contesto estraneo alla regione che si affaccia sul golfo di Biscaglia, faticano a sentirsi a proprio agio. L’esempio di Fernando Llorente calza, ma solo fino a un certo punto. Il Navarro infatti, dopo due stagioni alla Juventus, aveva lasciato la Vecchia Signora tra il rammarico dei tifosi. Era considerato un esempio di professionalità e con i suoi gol, 27 in 92 partite con la maglia bianconera, aveva fatto innamorare tutti nella città della Mole. Qualcosa, però, si era rotto e, in silenzio, El Rey Leòn ha lasciato Torino per passare, nell’estate scorsa, alla corte del Siviglia. Probabilmente la stagione 2015/2016 in Andalusia è stata la più difficile dal punto di vista dell’ambientamento, e anche i gol non sono arrivati con costanza. I sostenitori del Siviglia, è noto, sanno trasmettere calore e passione ai propri beniamini, ma non è facile entrare nel cuore della tifoseria del Ramòn Sànchez-Pizjuàn.

È difficile non apprezzare un giocatore come Llorente, che da sempre tutto in campo, ma il suo “sacrificio” nel rettangolo verde non è bastato per convincere la società a trattenerlo. Il caso ha voluto che segnasse il gol più importante della sua breve parentesi andalusa proprio contro la sua amata Juventus, condannandola alla seconda posizione nel girone di Champions League della scorsa stagione. Gli andalusi, però, si aspettavano di trovare un altro tipo di giocatore, forse quello che aveva fatto innamorare, letteralmente, il popolo basco. Ma è mancata quella scintilla che avrebbe permesso di aprire un ciclo a Siviglia, e la stessa carta d’identità dello spagnolo parlava per lui. Non facile, per un giocatore che sfrutta il suo fisico come arma principale per mettere in difficoltà le difese avversarie, avere la medesima forza per tutto l’arco della carriera. Ma al termine della scorsa stagione qualcosa è cambiato.

L’APPRODO IN GALLES

Nessuno, probabilmente, si aspettava di assistere a una vera e propria rinascita di Fernando Llorente in terra gallese. Spesso, si sente dire che per ritrovare la giusta serenità si debba passeggiare tra la natura perché tra il verde l’uomo, l’essere umano in quanto tale, si trova a suo agio e riesce a distendere i nervi. Llorente, il 4 agosto del 2016, deve avere fatto la scelta più giusta che potesse fare in questo momento della sua carriera. Swansea è un vero e proprio locus amoenus, terra di cigni e circondata dal verde. Sì, forse il clima rigido per gran parte dell’anno non è l’ideale, ma per ritrovare la giusta serenità la città gallese è uno dei posti migliori. Non a caso la stagione di Llorente è stata di alto livello. Con la salvezza raggiunta, il trentaduenne nativo di Pamplona riceverà diverse pacche sulla spalla.

I MOMENTI CHIAVE

La sua prima marcatura in Premier è arrivata contro un avversario tutt’altro che banale, il Manchester City di Pep Guardiola. Ma non è bastata per evitare la sconfitta allo Swansea. Era il 24 settembre e i gallesi, con 4 punti nelle prime sei giornate, non potevano essere soddisfatti della loro partenza in campionato. La svolta della stagione di Llorente è arrivata in un freddo sabato pomeriggio di novembre, durante la sfida interna al Liberty Stadium contro il Crystal Palace: con una doppietta nei minuti di recupero, il basco ha ribaltato lo svantaggio di due reti della sua squadra fissando il punteggio finale sul 5-4. Lo Swansea trova la sua seconda vittoria in Premier e si eleva alla penultima piazzola.

Partita epica e Llorente che entra di diritto nel cuore dei tifosi. Da quel momento in avanti tutto è diventato più facile per il centravanti di Pamplona. L’ultimo gol siglato, non per importanza, è quello messo a segno nella giornata di ieri contro il retrocesso Sunderland. Un vero e proprio marchio di fabbrica del basco: un incornata al nono minuto sugli sviluppi di un calcio piazzato. La squadra di Clement è uscita alla fine vittoriosa per 2-0 dal campo dei black cats.

Vittoria che ha permesso allo Swansea di ottenere una salvezza che, fino a un mese e mezzo fa, sembrava quasi un miraggio. Ma è proprio quando il tempo sembrava non bastare che El Rey Leòn si è trascinato sulle spalle tutta la squadra. Come un predatore che avvista la preda e decide di attaccarla, così lo Swansea, guidato dal suo leone, ha agguantato e poi scavalcato in graduatoria le tigri dell’Hull City.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Il Monza si prepara sul campo e sul mercato: tutti i movimenti

Pubblicato

:

Sensi

Il Monza lavora sul campo per la ripresa del campionato, che vede i brianzoli fuori dalle zone pericolose ma la strada per considerarsi tranquilli è ancora lunga. E per raggiungere l’obiettivo salvezza, Palladino avrebbe chiesto a Galliani due nomi ben precisi per il mercato invernale.

Secondo TuttoMercatoWeb, il primo rinforzo chiesto alla dirigenza sarebbe un difensore, e l’identikit sarebbe quello di Bram Nuytinck dell’Udinese. Il centrale non sta trovando troppo spazio ad Udine, collezionando finora solamente 383 minuti totali in Serie A. Un approdo a Monza gli ridarebbe possibilità di alzare il proprio minutaggio e di rendersi nuovamente protagonista dopo le buonissime passate stagioni in Friuli.

L’altro nome che scatena la fantasia dei tifosi del Monza è quello di Josip Brekalo, tornato in Germania dopo il prestito al Torino. Il trequartista sembrerebbe gradire la destinazione, e le trattative potrebbero partire a breve.

Continua a leggere

Calciomercato

Torino su Bereszynski, per la Sampdoria offerta troppo bassa

Pubblicato

:

Il Torino di Cairo è interessato a Bereszynski, terzino polacco fresco di eliminazione dal mondiale. Strada in salita però per i granata, la Sampdoria al momento fa resistenza vista la scadenza di contratto nel 2025.

LA TRATTATIVA

Il ds del Toro, Davide Vagnati, avrebbe iniziato a confrontarsi con i blucerchiati sulle eventuali cifre per il calciatore e ne è emersa una divergenza sulla valutazione del calciatore. Secondo Tuttosport, Cairo valuta tre milioni il calciatore, la Samp dal canto suo considerando che Bereszynski è un Nazionale, reduce da un buon Mondiale e ancora relativamente giovane chiedono una cifra più elevata. Le parti quindi si riaggiorneranno  con il terzino che è seguito anche dalla Roma.

Continua a leggere

Calciomercato

Dumfries verso la cessione, il piano dell’Inter

Pubblicato

:

Dumfries

L’Inter dovrà a malincuore privarsi di uno dei suoi pezzi pregiati per esigenze di bilancio. Il Corriere dello Sport fa il punto della situazione riguardo al bilancio dei nerazzurri, che è direttamente collegato al calciomercato.

Per far tornare i conti, l’Inter dovrà registrare una voce in attivo di 60 milioni, che non sono stati raggiunti la scorsa estate quando sembrava Skrinar a dover lasciare Appiano Gentile, salvo poi rimanere. E così tutti gli indizi portano a Dumfries, con le parole di Rafaela Pimenta a Calciomercato l’Originale che hanno fatto intuire come si stia già lavorando per trovare una sistemazione per l’olandese. L’agente del calciatore ha dichiarato che spera che la valutazione non salga troppo durante l’ottimo Mondiale che l’ex PSV sta disputando, così da non complicare le trattative per il trasferimento. Parziale ammissione.

IL PIANO DELL’INTER

La speranza dell’Inter è che si possa trovare un accordo per la cessione già nella sessione invernale, ma che l’esterno olandese possa rimanere in prestito a Milano fino alla fine della stagione.

Su Dumfries ci sarebbe sempre il Chelsea, che sembra la candidata numero uno ad essere la prossima destinazione dell’esterno, ma sempre secondo il Corriere anche il Tottenham di Conte potrebbe farci più di un pensiero.

Continua a leggere

Calciomercato

Trattenere i big e un nome per la fascia: la Lazio muove i primi passi sul mercato

Pubblicato

:

Milinkovic

Ci si avvicina alla ripresa della Serie A ed inevitabilmente diventa tempo di calciomercato. La Lazio è tra le più attive in questo momento, con l’intenzione di aggiungere qualche tassello utile alla squadra per plasmare ancora di più i biancocelesti secondo le volontà di Maurizio Sarri.

LE MANOVRE DEI BIANCOCELESTI

Il principale nodo da risolvere riguarda i big da trattenere. Milinkovic-Savic su tutti, che le voci di mercato vorrebbero già lontano da Formello a gennaio. L’intenzione della società biancoceleste sarebbe quella di trattenerlo almeno fino a fine stagione, per non privarsi di un cardine fondamentale e determinante a stagione in corso.

Anche Pedro rimarrà alla Lazio, dopo che qualche voce di corridoio lo vedeva tornare a Barcellona.

L’altra questione riguarda il terzino sinistro: come fa sapere Il Messaggero, Lotito sembrerebbe intenzionato a coprire quella casella, e l’indiziato sarebbe Nico Schulz del Borussia Dortmund. Rimangono da capire costi e modalità, con il contratto del tedesco che scadrà nel 2024.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969