Solo qualche settimana fa, Dietmar Hopp era tra le figure di spicco più odiate dell’intera Germania. Il presidente dell’Hoffenheim era stato fortemente contestato dai propri tifosi nel corso della gara contro il Bayern Monaco, diventata celebre per quella sospensione che portò al surreale possesso palla unico delle due squadre in campo per l’intero quarto d’ora finale.

Stando ad alcune indiscrezioni giunte dalla Germania però, Hopp potrebbe presto diventare un eroe del nuovo decennio, con un contributo straordinario non solo per il suo Paese, ma addirittura per il mondo intero.

CALCIO E SCIENZA

Secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco Der Spiegel infatti, la società Curevac sarebbe prossima ad un vaccino che eliminerebbe la minaccia del COVID-19. Hopp è il principale finanziatore, nonché proprietario, di questa società all’avanguardia, pronta a dare un grosso contributo alla difficile lotta contro il virus.

Dall’America, il New York Times riporta di una probabile opposizione da parte di Hopp di cedere il vaccino agli Stati Uniti, rifiutandosi così di cederlo a Trump. Hopp è orgoglioso del lavoro della sua società, come affermato pubblicamente:

 “La Curevac sta studiando il vaccino contro il coronavirus per aiutare la gente non solo in alcune regioni, ma in maniera solidale in tutto il mondo. E sarei felicissimo se questo risultato potesse essere raggiunto attraverso i miei investimenti a lungo termine in Germania”.

Nel giro di pochi giorni, Hopp potrebbe ridare un nuovo volto all’immagine tanto odiata che i tedeschi hanno di lui, in particolare i sostenitori dell’Hoffenheim.

Fonte immagine copertina: profilo IG @tsghoffenheim