Connect with us

Calcio Internazionale

Lucas Gourna-Douath, il pilastro della nuova jeunesse dei Verts

Pubblicato

:

Poche risorse da spendere ma investimenti sempre oculati e utili a creare una rosa giovane, priva di particolari ambizioni di classifica, ma che permetta di creare un importante patrimonio economico. Questa è la fruttuosa politica messa in atto dalla dirigenza del Saint Etienne negli ultimi anni.

Pilastro di questo nuovo corso dei Verts è indubbiamente Claude Puel. L’ex allenatore degli acerrimi rivali del Lione ha portato la propria filosofia sul Rodano, coerentemente con i piani della società.

La presenza di un tecnico coraggioso come Puel, che a Nizza aveva favorito l’esordio di Neal Maupay a sedici anni, o di Valentin Eysseric e nella sua avventura al Lille aveva lanciato Eden Hazard, è una vera e propria garanzia per la buona riuscita del progetto della società pluricampione di Francia.

MODELLO

Le cessioni di Saliba all’Arsenal e, nello scorso mercato estivo, di Fofana al Leicester, hanno reso il Saint Etienne un vero e proprio modello, del quale non solo le capacità nell’ambito della pianificazione, ma anche il carisma dell’ex Nizza hanno permesso l’implementazione.

Un esempio lampante è quello fornito dal caso Adil Aouchiche. Il fantasista 2002, non convinto a rinnovare dai dirigenti del Paris Saint Germain, seppur conteso fra le big europee, Chelsea in primis, ha deciso di vestire la maglietta verde, convinto proprio da Claude Puel. Aiutato da una gruppo di scout in grado di scandagliare nella sua globalità tutti i lati del “hexagone” e da un settore giovanile tra i più organizzati del Paese, il tecnico francese sta così aiutando l’emergere di una generazione di talenti destinata a ingolosire i principali club europei.

La squadra vincitrice della prestigiosa Coupe Gambardella 2019 ai danni del Tolosa ha due rappresentanti fissi nel gruppo della prima squadra, il ventenne Charles Abi, già autore di tre reti questa stagione, e il fantasista 2001 Bilal Benkhedim, ancora acerbo ma dal grande potenziale.

I giocatori con più esperienza, come Boudebouz, Debuchy, Kolodziejczak o Monnet Paquet, permettono la costituzione di una ossatura solida, che consenta ai più giovani un più rapido inserimento.

Altre giovani emersi dalla cantera stephanois stanno calcando con sempre maggior continuità il palcoscenico della massima serie francese.

Saidou Sow, classe 2002, ha trovato un discreto minutaggio nella linea difensiva a tre, mentre Aimen Mouffek si alterna con sempre maggior costanza con l’esperto Mathieu Debuchy. Anche il neo diciottenne Maxence Rivera, vera e propria pepita, sta imponendosi nel gruppo pro.

LUCAS GOURNA-DOUATH

Tuttavia, il diamante più prezioso, seppur ancora parzialmente grezzo, è quello di Lucas Gourna-Douath, centrocampista nato nell’agosto del 2003.

Non ancora maggiorenne, il giovane di Villeneuve-Saint Georges, già autore di una ventina di partite, ha metaforicamente ricevuto dal proprio allenatore le chiavi del centrocampo. Infatti, sebbene abile anche come numero otto, Claude Puel ha deciso di impiegare Gourna come “sentinelle” davanti alla difesa, caricandolo di responsabilità alle quali non sta venendo meno.

Le prestazioni del prodotto del settore giovanile del Torcy, da dove è passato anche Paul Pogba, mostrano un netto crescendo dal punto di vista della maturità tattica e della continuità.

Ciò che rende Gourna Douath ancora più appetibile nel panorama internazionale è il tipo di mansione che svolge. Da molti paragonato a Kanté, si tratta di un mediano polivalente, in grado di fungere da filtro davanti alla difesa, ma dotato anche di gamba degna dei migliori box to box, oltre che una più che discreta tecnica in conduzione.

Possiede, quindi, nelle proprie corde, sia la fase di rottura, sia quella di proposizione; costituendo un ibrido interessante, in grado di esprimersi sia in un centrocampo a tre, che in una diga a due. Lucas spicca anche nelle letture da giocatore navigato, abile nel comprendere le intenzioni dell’avversario e nell’intercettare le traiettorie, sapendo sempre dove andrà il pallone.

Già gli scout presenti al torneo di Montaigu, dal quale sono passati fenomeni come Mbappé, Pogba, Cristiano Ronaldo, avevano notato le qualità del giovane centrocampista.

Player Profile: Saint Etienne midfielder Lucas Gourna-Douath who has been linked with Chelsea - Sports Illustrated Chelsea FC News, Analysis and More

Lucas Gourna-Douath in azione con la maglia del Saint-Etienne. (Fonte: sportsillustrated.com)

DOMINANTE

Le due amichevoli internazionali tra Francia e Danimarca under 17, disputatesi a Cannes nel febbraio 2020, ultimo evento internazionale pre-pandemico, avevano confermato le intuizioni degli addetti ai lavori. Dominante contro uno dei reparti di centrocampo più interessanti a livello internazionale, Gourna era apparso il vero motore della pur talentuosa selezione transalpina.

L’esordio in prima squadra è così risultato consequenziale alle prestazioni mostrate a livello giovanile.

L’aspetto che, però, ha stupito gli addetti ai lavori, è stata la facilità con la quale il giovane Gourna-Dath si è calato nel calcio degli adulti, confermando le proprie prestazioni di partita in partita e passando da promessa a pilastro del nuovo Saint Etienne, guidato dalla jeunesse dorée locale.

(Fonte immagine in evidenza: sportsillustrated.com)

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

La FIFA pensa alla modifica della fase a gironi del Mondiale del 2026

Pubblicato

:

Qatar 2022 sarà l’ultimo Mondiale a 32 squadre. Nel 2026, i posti per il torneo più importante al mondo a livello calcistico infatti saranno addirittura 48.

Proprio per la prossima rassegna iridata, la Fifa starebbe pensando a delle modifiche del format. Secondo il Guardian Sport, l’idea iniziale sarebbe stata quella di formare 16 gironi da 3 squadre ognuno, mentre starebbe prendendo piede l’ipotesi di organizzare il torneo con 12 gironi da 4.

Per un Mondiale che deve finire e che non ci sta privando di sorprese, uno nuovo sta per nascere.

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Courtois rabbioso: “Non chiamateci «Generazione d’Oro»”

Pubblicato

:

Courtois

Non chiamateci «Generazione d’Oro», non abbiamo vinto niente“. Queste le dure parole del numero 1 belga Thibaut Courtois nel postpartita contro la Croazia.

Courtois ha espresso tutta la sua delusione e il rammarico: la cosiddetta «Generazione d’Oro», nei fatti, non ha mai portato a casa trofei. La partita con la Croazia ha sancito l’eliminazione dal Mondiale della Nazionale belga, che ha chiuso il girone al terzo posto a -1 proprio dagli avversari di oggi.

Sarebbe stata fondamentale una vittoria per il Belgio, ma il pareggio a reti bianche ha consegnato il pass per gli ottavi agli uomini di Zlatko Dalic.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Müller annuncia: “Al 99% oggi ultima partita con la Germania”

Pubblicato

:

Pronostico Costa Rica-Germania

Serata da dimenticare totalmente per la Germania, che per la seconda volta consecutiva vede interrompersi il percorso Mondiale ai gironi. Decisiva la vittoria del Giappone contro la Spagna, che con i 3 punti di stasera si prende anche la vetta del gruppo E. La Germania termina il girone al terzo posto con 4 punti, al pari della Spagna, che però si qualifica grazie alla differenza reti. Nel postmatch Thomas Müller si è dichiarato pronto a chiudere la carriera con la Nazionale: “Al 99% è stata la mia ultima partita con la Germania“, ha dichiarato a Sky Sport DE.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Camerun-Brasile, il ct Song suona la carica: “Per noi una finale”

Pubblicato

:

Ghana

Nella vigilia del match contro il Brasile, nella consueta conferenza stampa pre-partita, il ct del Camerun, Rigobert Song, ha ribadito più volte l’importanza della gara contro la nazionale verdeoro. La partita potrebbe risultare fondamentale per i camerunensi, che con un’ ipotetica vittoria ed una sconfitta della Svizzera potrebbero strappare il pass per gli ottavi di finale. Da tenere d’occhio anche il possibile incrocio con la Serbia, che si trova a pari punti con il Camerun ma svantaggiata dalla differenza reti. Ecco le parole di Song:

“Ci stiamo preparando con l’obiettivo di superare il primo turno di questo Mondiale. Conosciamo molto bene il Brasile, la nostra prima sfida è vedere, non come si comporteranno loro, ma come ci comporteremo noi. Hanno un vantaggio legato al fatto di essere già qualificati. Non dobbiamo pensare che schiereranno la loro seconda squadra perché si sono già qualificati, la cosa più importante è come ci avviciniamo a questa partita. Per noi sarà una finale e dovremo fare di tutto per ottenere i 3 punti. Poi vedremo cosa succede dopo. Il messaggio che mando ai giocatori è di lottare e impegnarsi di più, la battaglia è più psicologica. Il risultato è importante e so che i miei giocatori possono farcela se puntano su concentrazione e determinazione. Al livello più alto, quando hai un momento di deconcentrazione, può essere costoso. Si tratta di essere concentrati e avere la determinazione per permetterci di prendere i 3 punti”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969