Connect with us
Lucas Piazon, la nuova scommessa del Chievo Verona

Generico

Lucas Piazon, la nuova scommessa del Chievo Verona

Pubblicato

:

I campi della Serie A avrebbe potuto calcarli già nell’ormai lontano 2011, quando con una sciarpa bianconera indosso visitò il centro sportivo della Juventus, salvo poi firmare con il Chelsea per tentare un’esperienza in Premier League. Una scelta che guardandosi indietro Lucas Piazon forse non rifarebbe, visti gli ultimi otto anni vissuti a girovagare in prestito per cinque club e quattro nazioni, più che a scrivere pagine importanti con la maglia dei Blues.

Ora Piazon in Italia però ci è arrivato e il suo compito sarà quello di aiutare il Chievo Verona di Sorrentino e compagni nella difficilissima lotta per non retrocedere. Un giocatore di classe, proveniente da un top team come il Chelsea e pronto a mettersi al servizio di Pellissier e Stepinski. Perché è questo che i veneti gli richiedono, fornire assists alle punte, aiutare la manovra offensiva a svilupparsi con maggior rapidità ed efficacia, grazie a quei piedi educati che hanno spinto in passato molti addetti ai lavori a credere che Piazon potesse essere il ‘nuovo Kakà’.

Un paragone scomodissimo – forse un’eresia – dal quale il giovane brasiliano si è sempre abilmente svincolato. In Kakà ha visto un modello da seguire, sia in campo che fuori, e con il leggendario Pallone d’Oro rossonero ha sempre condiviso un volto angelico da bravo ragazzo. Ma in campo si rivede più in Juan Mata e David Silva. Spagnoli ammirati in Premier League, con il primo studiato da molto vicino quando erano compagni di squadra al Chelsea.

“Amo giocare in qualsiasi delle tre posizioni alle spalle della punta centrale, come Juan Mata o David Silva. Se dovessi scegliere un eroe direi Kakà ma io cerco di prendere qualcosa da qualsiasi atleta. Il modo di giocare di Mata, come si muove in campo…lo stesso vale per David Silva”.

Con caratteristiche fisiche più adatte a un giocatore di Serie A che di Premier League, quando nel 2011 decise di lasciare il Brasile per confrontarsi con il calcio inglese, Piazon era convinto di possedere il giusto stile di gioco per sfondare oltremanica. Come rivelò in un’intervista a ‘Sambafoot’:

“Ho scelto il Chelsea perché amo la Premier League. Credo che il mio modo di giocare possa essere ideale per questo campionato, dove si gioca per vincere in modo intenso”.

E a esser sinceri al suo arrivo a Londra Piazon è riuscito a lasciare il segno subito, con la maglia delle giovanili. Dopo aver firmato un pre-accordo con i Blues, in attesa del raggiungimento della maggiore età che gli avrebbe portato in regalo il permesso di lavoro necessario per giocare in Premier League, il brasiliano non ha perso tempo e ha iniziato a incidere nelle categorie minori del club. Una FA Youth Cup conquistata e il premio di ‘Miglior Giovane del Chelsea dell’Anno 2012’. Due successi davvero importanti per un classe 1994 pagato 7,5 milioni di euro dal club inglese.

DAL NUOVO AL VECCHIO CONTINENTE

Dati i primi calci al pallone nelle giovanili del Coritiba FC, Piazon ha concluso il proprio ‘praticantato’ nel settore giovanile dell’Atletico Paranaense prima e del San Paolo poi, squadra di cui è sempre stato tifoso, nonostante il padre abbia cercato di farlo innamorare del Santos:

“L’intera famiglia di mio padre ha sempre tifato il San Paolo. Solo lui tifava il Santos e per questo ha cercato di portarmi dalla sua parte ma…era nelle mie vene [il tifo per il San Paolo]”.

Poi la decisione di lasciare l’America per cercare successo nel Vecchio Continente. L’offerta del Chelsea. La crescita nel club londinese a precedere i tanti prestiti in giro per l’Europa. Prima tappa in Spagna, nelle fila del Malaga, seconda in Olanda, con il Vitesse. Poi è stata la volta della Germania, dove ha vestito la maglia dell’Eintracht Francoforte, prima del ritorno in Inghilterra, in Championship.

Nella serie b inglese si è diviso tra una breve parentesi al Reading e un biennio al Fulham, l’unico club nel quale Piazon è riuscito a mostrare realmente le proprie doti con continuità. Con i Cottagers in due anni ha disputato oltre 50 partite, segnato 12 goal e realizzato 9 assist. Numeri che lo hanno reso uno dei protagonisti della cavalcata vincente che lo scorso anno ha permesso al club di risalire in Premier League.

La competizione che in questa stagione il brasiliano sognava di giocare con il Chelsea e che invece non lo ha mai visto scendere in campo. Alla corte di Maurizio Sarri è riuscito infatti a conquistarsi solamente una convocazione in panchina contro il Tottenham, in Coppa di Lega.

Un’impossibilità di emergere che lo ha spinto ad accettare l’offerta del Chievo e a mettersi alla prova con una nuova avventura tutta italiana. Ai veneti si è legato in prestito fino al termine della stagione, con i gialloblu che hanno inserito nel contratto anche un diritto di riscatto.

L’obiettivo è quello di servirsi della duttilità e della classe del centrocampista natio di San Paolo per provare a scalare la classifica fino a quella zona salvezza che al momento pare irraggiungibile. Fondere le caratteristiche offensive di Piazon con quelle di Giaccherini sarà poi una delle sfide di Domenico Di Carlo.

“La salvezza è possibile, sognavo di giocare in Italia. Voglio solo allenarmi e aiutare la squadra”.

Le prime parole del giocatore al suo arrivo nel bel paese. Frasi di rito, pronunciate però da un ragazzo genuino, che crede in quello che fa.

Ha fame, voglia di risplendere. Desidera dimostrare a chi lo guarda, ma soprattutto a se stesso, di poter essere ancora quell’interessantissimo giocatore che nel 2011 riuscì a guidare il Brasile U17 al trionfo nel Campionato Sudamericano di categoria.

Un oro che avrebbe dovuto lanciarlo alla conquista di vette più prestigiose. Come l’Olimpiade di Rio 2016, sognata ma ammirata da casa, vista la mancata convocazione nel Brasile di Neymar e Gabriel Jesus.

IL FUTSAL NELLE VENE

Destro naturale, dotato di un buon tiro ma soprattutto di una predisposizione naturale per il cross, Piazon può essere schierato sia da trequartista che da ala offensiva in un 4-2-3-1 (modulo a lui più congeniale).

Sa dare del tu al pallone, è rapido e preciso nei passaggi. Deve migliorare nel gioco spalle alla porta, come lui stesso aveva ammesso in passato, preferendo affrontare l’avversario faccia a faccia.

A renderlo particolare sono però quelle skills acquisite da bambino, quando era solito giocare a futsal, e che talvolta riaffiorano ancora oggi.

“Quando andavo a scuola ero molto piccolo di statura e quindi non ero solito giocare a calcio. La prima volta che iniziai avevo sei anni, mi ero appena trasferito in una nuova scuola e giocavo con i ragazzi più grandi. Giocavamo per strada, mettendo due coni per fare le porte, e ci divertivamo. In alcuni casi giocavamo in campi da cinque contro cinque. Tanti ragazzi iniziano con il futsal – io, Oscar, David Luiz, Ramires, Neymar, Ronaldinho, Ronaldo, Robinho – tutti insomma. A volte in campo utilizzo ancora alcune tecniche che usavo e ciò mi aiuta a muovermi negli spazi stretti, quando ci sono molti avversari”.

Prima delle partite gli piace ascoltare artisti come Chris Brown o Drake. Alla TV ama tenersi aggiornato seguendo tanto sport e concedendo ogni tanto spazio a qualche serie televisiva. L’hobby preferito è invece quello di confrontare la cucina dei diversi ristoranti, solitamente in compagnia della sua famiglia e di quella di David Luiz, suo connazionale e grande amico al Chelsea. Ama il sole e il mare, infatti vorrebbe essere un delfino, animale noto soprattutto per la sua grande intelligenza.

Come quella che Piazon mostra in campo, quando prima di una giocata analizza velocemente la posizione dei compagni per scegliere l’azione più efficace da impostare.

È un abitudinario e forse anche un po’ scaramantico. Nel giorno della partita è infatti solito ripetere gli stessi gesti al suo risveglio come una sorta di portafortuna. È ambizioso e vuole che questi sei mesi al Chievo possano essere il trampolino dal quale rilanciare con forza la propria carriera.

È stanco di viaggiare ed è alla ricerca di stabilità.

Quella che spera di trovare a Verona, in quella Serie A nella quale è arrivato con otto anni di ritardo e che oggi gli pone davanti la sfida (forse) più difficile della sua finora breve carriera: salvare l’insalvabile.

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Fiorentina, quanta imprecisione: tre rigori consecutivi sbagliati

Pubblicato

:

Nico Gonzalez

Un dato che farà discutere, quello dei rigori della Fiorentina. Nel 2024 i viola ne hanno già falliti 4 tra campionato e Supercoppa. Sono 3 gli errori consecutivi dal dischetto per la Fiorentina che anche stasera contro la Lazio non è riuscita ad andare in rete dagli 11 metri. Nico Gonzalez, dopo aver sbagliato il rigore contro l’Inter, ha fallito nell’intento anche stasera. Oggi è stato il palo a fermare l’argentino. È un dato piuttosto triste quello dei rigori della Fiorentina. Sono ben 3 i rigoristi differenti negli ultimi 4 sbagliti nel 2024.

FIORENTINA E RIGORI NON VANNO D’ACCORDO: IL DATO

Al 6 di gennaio è arrivato l’errore di Bonaventura che fallì un rigore contro la Fiorentina. Partita poi persa per 1-0. In Supercoppa è stato pesantissimo l’errore di Ikone che sul 1-0 per il Napoli fallì dal dischetto a pochi minuti dalla fine del primo tempo. Il Napoli avrebbe poi vinto la partita per 3-0 accedendo alla finale della competizione, poi persa contro l’Inter. Il terzo errore è proprio contro i nerazzurri. Dagli 11 metri ci va Nico Gonzalez che con un rigore molto debole consegna la vittoria all’Inter. Sempre Nico Gonzalez ha sbagliato di nuovo anche stasera nel posticipo del lunedì sera contro la Lazio. Fortunatamente per lui, i viola sono riusciti a portare a casa i tre punti facendo pesare meno questo rigore sbagliato.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La FIFA pensa a un nuovo progetto pilota per le amichevoli internazionali: i dettagli

Pubblicato

:

Gianni Infantino, presidente FIFA

La FIFA ha promosso un nuovo progetto riguardante le amichevoli internazionali che partirà a marzo. Il progetto pilota prenderà il nome di FIFA Series e prevede gare tra quattro nazionali di confederazioni diverse che saranno ospitate in unico Paese.

L’obiettivo è quello di far incontrare nazionali diverse tra loro per costruzione. Questa proposta rappresenterà delle opportunità a livello commerciale, economico e di immagine per le nazioni partecipanti.

La fase di prova vedrà la partecipazione di Algeria (CAF), Andorra (UEFA), Bolivia (CONMEBOL), Sudafrica (CAF), Azerbaigian (UEFA), Bulgaria (UEFA), Mongolia (AFC), Tanzania, (CAF), Arabia Saudita (AFC), Capo Verde (CAF), Cambogia (AFC), Guinea Equatoriale (CAF), Guyana (Concacaf), Bermuda (Concacaf), Brunei Darussalam (AFC), Guinea (CAF), Vanuatu (OFC), Sri LankaBhutan (AFC), Repubblica Centrafricana (CAF), Papua Nuova Guinea (OFC).

In concomitanza con il lancio del progetto sono arrivate le parole del Presidente della FIFA Gianni Infantino, entusiasta di intraprendere questo nuovo percorso.

LE PAROLE DI INFANTINO

Le FIFA Series sono un passo avanti davvero positivo per il calcio delle squadre nazionali a livello globale. Le nostre associazioni affiliate ci hanno espresso da tempo il desiderio di mettersi alla prova contro le loro controparti di tutto il mondo, e ora possono farlo nell’ambito dell’attuale calendario delle partite internazionali maschili. Partite più significative consentiranno un’interazione calcistica molto più preziosa per giocatori, squadre e tifosi, e daranno un contributo concreto allo sviluppo del gioco”.

Continua a leggere

Generico

Gasperini in conferenza dopo Milan-Atalanta: “Fischiato un rigorino, conquistato un buon punto”

Pubblicato

:

Gasperini

Un pareggio che tutto sommato può star bene all’Atalanta quello conquistato a San Siro contro un ottimo Milan. Il tecnico bergamasco Gasperini ha commentato la partita in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni dopo l’1-1 contro i rossoneri.

PUNTO GUADAGNATO – “Quando esci da queste partite con un punto sei soddisfatto. È stata una partita difficile, e il pareggio premia l’attenzione e la voglia di fare risultato”.

MILAN – “Il Milan è una squadra forte, questa sera abbiamo subito la loro qualità e la loro condizione. Non abbiamo mai mollato, portiamo a casa un punto che muove la classifica”.

SCALVINI – “La spalla è uscita e rientrata, domani lo valuteremo“.

EUROPA – “Non ragioniamo sul lungo, dobbiamo lavorare sul breve periodo. Ci aspettano due settimane difficilissime e dovremo pensare partita per partita. Faccio fatica a fare delle previsioni, essere usciti stasera con un punto deve renderci felici. Per noi è importante l’Europa League come il campionato e la Coppa Italia. Cercheremo di andare fino in fondo in tutte le competizioni”.

DE KETELAERE – “Abbiamo fatto fatica sulle fasce e in attacco, abbiamo cercato di cambiare qualcosina con Lookman ed è andata un po’ meglio. In altre partite riusciremo a far di più, poche volte abbiamo subito come questa sera“.

CALCIO DI RIGORE – “Fa parte di quei ‘rigorini’. Ormai ce ne sono tanti, ci sono dei rigori che non vede nessuno e poi tira fuori il VAR. Un rigore così non lo avevamo da tanto tempo, oggi ce lo prendiamo. Vengo da una generazione per la quale il rigore deve essere una cosa seria, evidentemente alle TV piace un altro calcio. Noi siamo comunque in credito”.

SCAMACCA – “Scamacca ha dato contributi importanti, questa sera sicuramente meno ma da occasioni come queste trai gli spunti per fare meglio nelle partite successive“.

Continua a leggere

Generico

Pioli ribadisce in conferenza dopo Milan-Atalanta: “Mai rigore quello di Holm, Leao è questo”

Pubblicato

:

Pioli

Si è conclusa con il pareggio tra Milan e Atalanta la domenica della 26esima giornata di Serie A, in attesa di Roma-Torino e Fiorentina-Lazio. I rossoneri disputano una buona gara, ma vedono aumentare il gap con Inter e Juventus. Al termine della partita, Stefano Pioli è intervenuto in conferenza stampa. Queste le sue parole raccolte dalla pancia di San Siro.

SENSAZIONI – “Quando la squadra gioca così bene deve vincere e noi purtroppo non ci siamo riusciti. C’è delusione ma anche soddisfazione per come la squadra ha interpretato questa partita. Siamo stati compatti e aggressivi, sporcando tutti i loro palloni e facilitando gli interventi difensivi. È mancata solo la vittoria“.

RIGORE – “Il rigore non c’era, ma fa la differenza. Holm si mette le mani in faccia ma il contatto era più in basso. Per il metro di Orsato questo non era e non sarà mai rigore“.

RIGORI SUBITI – “A volte siamo stati ingenui, attacchiamo tanto ma non prendiamo quasi mai rigori. Forse dobbiamo essere più scaltri”.

RIPARTIRE – “Ripartire è facile. Guarderemo insieme alla squadra la partita, ma è una questione di dettagli. Se ripeteremo prestazioni del genere probabilmente vinceremo diverse partite da qui alla fine del campionato”.

LEAO – “Credo che sia stata una delle prestazioni più belle da quando lo alleno. Ha aggredito, ha puntato continuamente. Questa prestazione per lui deve essere un punto di riferimento. Gliela farò pesare, perché lui ha questo potenziale. Parlerò con lui per capire cosa ha messo di diverso rispetto alle altre volte”.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969