Connect with us
Lunedì pirotecnico per Parma e Torino

Flash News

Lunedì pirotecnico per Parma e Torino

Pubblicato

:

Il Torino che prova a rimanere attaccato al treno Europa sulla scia delle prestazioni dello scorso anno, il Parma che vuole costruire già da subito i mattoncini per un campionato tranquillo ed anche qualcosa in più se ce ne fosse l’occasione. All’Ennio Tardini di Parma le due squadre protaginoste del posticipo della 6a giornata di Serie A si affrontano per consolidare le rispettive ambizioni. I “granata” di Mazzarri aprono le porte ad un notabile turnover con il ritorno di N’Koulou tra i titolari, Ansaldi che prende il posto di De Silvestri ed un più cauto Meïté in luogo di Zaza. Anche D’Aversa apporta cambiamenti al 3-4-3 contro il Sassuolo con Laurini in campo al posto di Darmian. Fuori anche Inglese, maglia da titolare per Cornelius.

PRIMO TEMPO

Primi 45′ minuti estremamente divertenti per un pubblico neutrale. La parità dura appena due minuti: Gervinho regala un pallone d’oro a Kulusevski ed il Parma passa in vantaggio. La risposta del Torino arriva appena 10′ dopo: su un corner a favore del Parma, il Torino ribalta con pazienza il campo trovando lo sbocco giusto per il cross dalla sinistra di Verdi. Ansaldi, completamente abbandonato dalla difesa dei Ducali, spinge in rete di testa. Al 28′ minuto Gleison Bremer rischia di compromettere definitivamente la partita dei suoi. Dopo un primo giallo preso al 21′, il VAR richiama l’arbitro Federico La Penna per un fallo di mano in area del brasiliano. Secondo giallo, espulsione e rigore a favore del Parma. Salvatore Sirigu ci mette una gigantesca pezza neutralizzando la battuta di Gervinho. Gli uomini di Mazzarri passano persino in vantaggio. Ancora protagonista il VAR che richiama li fischietto La Penna per giudicare un contatto tra Laurini e Belotti. Il capitano del Toro non sbaglia dal dischetto: 2-1. Allo scadere dei 3 minuti di recupero, il Parma pareggia con Cornelius servito ottimamente da Kulusevski.

SECONDO TEMPO

Seconda frazione di gioco più tranquilla ma comunque movimentata. Il Parma, sfruttando la superiorità numerica e la velocità di Gervinho, sale prepotentemente di giri. Al 51′ l’ivoriano calcia a botta sicura ma Sirigu vince l’1 vs 1 spedendo in angolo. Sul successivo calcio piazzato, Hernani fa tremare la traversa di testa. Mazzarri mette forze fresche in campo al 60′ sostituendo Verdi con Laxalt. D’Aversa replica 6 minuti dopo richiamando in panchina Barillà per Kucka. Ci prova Izzo al 73′, interviene bene Sepe. Il Parma prova l’arrembaggio nei minuti finale buttando nella mischia Inglese. L’attaccante pugliese si rivela una scelta azzeccata: l’intervento di Sirigu su un cross di Gervinho dalla destra non risolve la situazione e da due passi Inglese può insaccare. Doppia ammonizione anche per Mazzarri nei minuti di recupero.

Vince quindi il Parma 3-2, seconda vittoria consecutiva dei Ducali. Battuta d’arresto non felice per il Torino, squadra dallo spirito guerriero ma che spesso pecca di foga o di ingenuità nei momenti chiave.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

L’Inter individua il prossimo vice Onana: si tratta di un ex della Juventus!

Pubblicato

:

Neto

La porta dell’Inter ha costituito un fitto mistero almeno nella prima parte di stagione. L’acquisto di Onana in estate a parametro zero, e l’alternanza con Samir Handanovic, hanno portato i tifosi interisti a chiedersi se fosse una giusta mossa quella dell’allenatore nerazzurro, Simone Inzaghi.

Ad oggi la situazione sembra radicalmente mutata, e Onana ha scalzato il portiere sloveno nelle gerarchie per la porta nerazzurra. Scontento della nuova posizione, Handanovic potrebbe partire in estate per tentare un’ultima nuova avventura, e l’Inter è alla ricerca di un nuovo secondo portiere.

A tal proposito, Ausilio è volato a Londra, dove, tra le altre cose, ha ricercato un portiere, che potrebbe sedere in panchina e fare da vice Onana. Il nome sul taccuino è quello di Neto, in scadenza col Bournemouth. Il portiere brasiliano ha già un passato in Italia: questi, infatti, ha vestito le maglia di Fiorentina e Juventus.

Continua a leggere

Flash News

Gnonto da record: è lo straniero più giovane ad aver segnato ad Old Trafford

Pubblicato

:

gnonto

Willy Gnonto sarà con ogni probabilità uno dei futuri volti della nazionale Italiana. Attaccante, classe 2003, in forza al Leeds dopo l’esperienza a Zurigo nella Super League Svizzera. In Premier League il giovane italiano sta dimostrando tutto il suo talento, e inizia a trovare confidenza anche con il gol.

La partita tra Leeds e Manchester United, ha visto Gnonto scrivere il proprio nome nella storia del massimo campionato inglese. Difatti a 19 anni e 95 giorni è stato il giocatore più giovane a segnare ad Old Trafford dai tempi di Jermain Defoe, che con la maglia degli Hammers del West Ham segnò a 19 anni e 65 giorni.

Oltre a questo, Gnonto è anche il secondo più veloce a segnare ad Old trafford, con una rete arrivata dopo 55 secondi. Più veloce di lui solo una conoscenza della Serie A, Edin Dzeko, che nel 2014 con la maglia del Manchester City ci impiegò solo 43 secondi.

Continua a leggere

Calciomercato

La Roma vuole trattenere Mourinho: cosa serve per restare

Pubblicato

:

Mourinho

Josè Mourinho, allenatore della Roma, è uno tra i migliori tecnici in circolazione. Lo Special One ha estimatori in tutto il mondo, ha vinto praticamente ogni competizione a cui ha partecipato. Eroe del triplete con l’Inter, oggi allena i giallorossi, ma questo potrebbe cambiare in vista della prossima stagione.

COSA SERVE PER LA PERMANENZA:

La Roma dei Friedkin vorrebbe trattenere il suo top allenatore portoghese, ma per questo saranno necessarie alcune certezze. Come riporta Calciomercato.com, il primo obiettivo a cui vuole puntare Mourinho è la zona Champions, il secondo è ottenere più chiarezza sui vari progetti tecnici.

Dunque, se Mourinho non sembra sul piede d’addio, ci sono comunque alcuni requisiti necessari per il suo rinnovo. Oltre a maggior movimento sul mercato, anche tra i futuri parametri zero, l’allenatore vorrebbe pure una gestione migliore da parte della società di casi come Zaniolo, che è stato ceduto in Turchia quasi un mese dopo l’esplosione del suo caso.

Continua a leggere

Calciomercato

Bastoni e l’Inter vogliono rinnovare, ma c’è distanza sull’ingaggio: la situazione

Pubblicato

:

Bastoni

Ci sono novità per quanto riguarda il futuro di Alessandro Bastoni. L’Inter vuole rinnovare il contratto del difensore italiano classe ’99, in scadenza nel 2024, complice il caso Skriniar i nerazzurri sono intenzionati a muoversi anticipatamente.

Bastoni, a differenza del compagno di reparto, ha già dimostrato ampiamente tutto il suo amore per la causa nerazzurra, rifiutando diverse offerte in estate, tra cui quella dalla Premier League del Tottenham.

DISTANZA SULL’INGAGGIO:

Nonostante ciò, secondo Il Corriere dello Sport, ci sono problemi per quanto riguarda il rinnovo. Bastoni chiede un contratto da 6 milioni + bonus, cioè quello offerto a Skriniar, che ha poi rifiutato in direzione PSG. L’offerta della società nerazzurra si stagna a 4,5 milioni + bonus, offerta giudicata inconsistente dall’entourage del giocatore.

Il primo rifiuto non resta vincolante, e filtra comunque ottimismo per quanto riguarda il rinnovo. Bastoni vuole l’Inter, e l’Inter vuole continuare con Bastoni.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969