Le solite chiacchiere da bar, che oramai avvengono sempre di più nei social, portano sempre ad una lotta serrata fra milanisti e interisti nella solita discussione fra chi sia il più forte fra Theo Hernandez e Achraf Hakimi. Ma il terzino che ha conquistato la fascia e che è stato sempre fermato negli anni scorsi dagli infortuni e quest’anno sta stupendo tutti è sicuramente Leonardo Spinazzola. Dopo le tante le vicende di mercato e l’affare quasi concluso che lo portava via dalla Roma dopo soli 6 mesi in direzione Milano, sponda nerazzurra, Leonardo si è preso la sua vendetta.

LA TELENOVELA DI MERCATO

Ma torniamo a quasi un anno fa. Dopo lunghe trattative, uno scontento Spinazzola stava per cambiare club nel giro di un anno per la terza volta, dopo che nel giugno 2019 viene scambiato con Luca Pellegrini dalla Juventus. Conte ha il suo esterno a tutta fascia, la Roma Matteo Politano, l’esterno d’attacco che tanto stava cercando. E poi il colpo di scena: la dirigenza dell’Inter, in particolare Marotta, decide di bloccare l’operazione per via dei dubbi sulla condizione fisica del terzino della Roma. Così salta tutto, Politano andrà comunque via dall’Inter andando al Napoli, Spinazzola rimane alla Roma.

“Non era felicissimo. Voleva giocare a sinistra, ma Kolarov era intoccabile. Il mister pur di farlo giocare lo impiegava a destra, ma il ragazzo s’incupiva. A gennaio si ruppe Zaniolo e ci serviva un esterno. Doveva arrivare Politano, tutti contenti. Ausilio ci dà l’ok e Marotta lo stoppa. Oggi è un titolare della Roma e della Nazionale”.

Giuseppe Petrachi

( Fonte img: Instagram @spina_leo )

Poi la svolta. Fonseca decide di cambiare modulo passando dalla difesa a 4 a quella 3, arretrando Kolarov, che occupava lo spazio proprio al classe ’93. Spinazzola conquista la fiducia del tecnico portoghese e diventa irremovibile. Così facendo, si conquista anche il posto nella nazionale di Roberto Mancini. Da sottolineare l’ottima prestazione del terzino sinistro contro l’Olanda nello scorso settembre.

“Sono un Nazionale che ha giocato in squadre come Juventus e Atalanta e ora sto alla Roma. Mi sembra una follia dire che sono rotto, difettoso. Sono commenti fatti da incompetenti, che hanno fatto sì che tornassi con un bel carico di rabbia addosso.”

Leonardo Spinazzola

UNA PRIMA PARTE DI STAGIONE INCREDIBILE

“Secondo alcuni sono scarso, ma darmi dell’infortunato o dello zoppo non mi sta bene. Da quella settimana sono cambiato anche mentalmente. Nei sei mesi precedenti ero giù giù, ma dopo quella settimana ho ritrovato me stesso”. 

Sappiamo tutti quali siano le capacità del terzino giallorosso. A partire dalle stagioni all’Atalanta, il ritorno alla Juventus e la partita straordinaria contro l’Atletico di Madrid. Ha sempre dimostrato che trovando la giusta condizione fisica è in grado di saltare facilmente l’uomo, grazie anche alla sua notevole velocità. Inoltre, Spinazzola è anche un ottimo assist-man e quando ha la giusta occasione, riesce anche a buttare il pallone in fondo alla rete, come ha dimostrato quest’anno nella gara contro la Fiorentina.

( Fonte img: Instagram @spina_leo )

Quest’anno non sono tanto i numeri a sorprendere ( 1 gol, 3 assist in campionato, assist in Europa League ) ma la continuità delle sue prestazioni in campo.

“Voglio dire una cosa, per me il titolare della Roma che non sbaglia mai la prestazione è Spinazzola. Vi stupirò ma sono pazzo di lui, sta facendo un grande lavoro, migliora di partita in partita.”                                                                                             

Giuseppe Bergomi

Spinazzola sta vivendo il momento più bello della sua carriera. Finalmente ha trovato una società per cui fidarsi, un mister che crede in lui, una piazza calorosa e tutto il sostegno della sua tifoseria. Sicuramente non sarà a fermarlo l’ultimo infortunio riportato prima della sosta che lo ha costretto a fermarsi. Un giocatore che in questo momento non può nemmeno restare fuori dall’11 titolare dell’Italia in vista degli europei di questa estate. Detto questo, corri Spina e non fermarti!

 

(Fonte immagine in evidenza: profilo Instagram @spina_leo)