Connect with us
L'uomo ovunque granata

La nostra prima pagina

L’uomo ovunque granata

Pubblicato

:

Comunque vada a finire, la stagione del Torino sarà un trionfo. Nell’agguerritissima – tuttora – battaglia per l’Europa, i granata di Walter Mazzarri non partivano certo come favoriti, ma una squadra costruita su misura per il calcio del tecnico livornese e la crescita di alcuni elementi fondamentali all’interno dell’undici titolare hanno permesso al Toro di essere al 7° posto a tre giornate dalla fine del campionato. La concorrenza di squadre come Sampdoria, Fiorentina, Sassuolo, Lazio e Atalanta è stata in gran parte surclassata, anche per evidenti colpe di alcune delle sopracitate, ma la squadra di Mazzarri ha sorpreso tutti per solidità, continuità e duttilità all’interno della partita.

Una rosa che si è mantenuta in gran parte rispetto all’anno passato, quando l’ex Inter, Napoli e Watford ha sostituito l’esonerato Mihajlovic, e che è stata puntellata con acquisti mirati, scelti in coabitazione dal DS Petrachi e lo stesso allenatore, che hanno permesso di avere sia un undici titolare che almeno 5-6 subentranti di alto livello. C’è però un giocatore che è stato fondamentale nello schieramento granata, vista la sua capacità di adattarsi in ogni posizione del campo con dedizione ed intelligenza tattica di notevole caratura; un elemento del quale si parla sempre troppo poco, nonostante sia sempre presente e in maniera incisiva. Stiamo parlando del jolly argentino Cristian Ansaldi.

UNA CARRIERA DI RIMPIANTI

Come ormai la definiscono in molti, Cristian Ansaldi nasce nel 1986 nella “patria del calcio”, la Rosario che ha dato alla luce soltanto un anno più tardi un certo Lionel Andres Messi; cresce calcisticamente nella stessa squadra che sarà della Pulga, il Newell’s Old Boys, dunque il lato leproso di Rosario: con i rossoneri esordirà nel 2005/06 a soli 19 anni, dove in tre anni riesce a raggiungere lo status di terzino titolare, grazie alla sua capacità di poter giocare su entrambe le fasce.

A differenza di molti altri suoi connazionali, che hanno scelto di fare un primo salto di qualità in casa, per poi partire verso l’Europa, Ansaldi prende una decisione insolita e accetta immediatamente la prima chiamata europea: nel 2008 lo prende il Rubin Kazan, squadra russa che sta pian piano raggiungendo le vette in campo nazionale e che sta iniziando a far capolino anche nelle competizioni europee. La cifra investita dal Rubin è importante, ben 8 milioni di dollari per anticipare la concorrenza che di lì a poco sarebbe stata feroce, andando a prendere un terzino che nei 6 anni di militanza in maglia rossoverde completa la sua crescita iniziata in Argentina. Presenza fissa nel campionato russo, qualche bel risultato nei gironi di Champions e mina vagante in Europa League, Ansaldi colleziona 107 presenze e 3 gol nei suoi anni a Kazan, prima di cambiare maglia, città, ma non campionato.

Ci sarà infatti una breve parentesi annuale con la maglia dello Zenit San Pietroburgo, dove però viene fermato dai problemi fisici – che spesso lo tormenteranno – e per questo motivo la sua avventura dura veramente poco. Chi prova a credere nel rilancio dell’argentino è l’Atletico Madrid, che vede in Ansaldi un jolly difensivo che può sostituire i due terzini titolari in maniera egregia, ma anche nella capitale spagnola verrà frenato da infortuni e da un incidente in auto che gli causerà problemi legali. L’Atletico non lo riscatta, e lo Zenit non ha intenzione di tenerlo a San Pietroburgo: le squadre interessate sono tante, ma le big lo scartano per la sua inaffidabilità fisica, mentre le piccole per il suo ingaggio troppo alto.

Come spesso è accaduto, è il Genoa che fa il passo per provare a rilanciare Ansaldi: come accaduto con Milito, Motta, Toni, Gilardino e compagnia bella, Ansaldi arriva sotto la lanterna con un alone di dubbi attorno a lui, ma non ci metterà molto a togliersi la nomea di infortunato cronico; 24 presenze, tanta qualità e tanta corsa a disposizione delle corsie rossoblu lo rimettono sui binari giusti della sua carriera, che lo porterà – proprio come Milito e Thiago Motta – soltanto l’anno successivo all’Inter. Mancini lo vuole per sostituire il deludente Telles, e decide di acquistarlo per rinforzare il suo reparto difensivo. La stagione è modesta, un infortunio al ginocchio lo frena nei primi mesi di lavoro ma tutto sommato svolge il suo compito.

L’arrivo di Spalletti complicherà le cose, perchè l’ex Roma preferisce terzini più di gamba e meno eleganti, motivo per il quale dopo un anno verrà ceduto al Torino in prestito biennale con obbligo di riscatto, al raggiungimento delle 40 presenze.

IL JOLLY DI MAZZARRI

In una squadra che dispone di un “usato sicuro” come Lorenzo De Silvestri, un colosso in rampa di lancio come Ola Aina (giocatore fortemente voluto da Mazzarri) e tre centrocampisti centrali di livello come Meité, Rincon e Baselli, sembrava veramente difficile trovare uno spazio fisso per un giocatore come Ansaldi. C’era il rischio che si prospettasse un’altra stagione nel limbo per l’argentino, tra la conferma definitiva in Italia e l’ultimo fallimento dopo un paio d’esperienze in chiaroscuro, ma Mazzarri ha costruito un ruolo che Ansaldi mai aveva ricoperto: la mezzala.

La capacità di giocare con entrambi i piedi, un tempo di inserimento niente male e la visione di gioco inusuale per un terzino hanno convinto il mister del Toro a lanciare Ansaldi in questa nuova posizione, nella quale è riuscito a calarsi alla perfezione: ha preso il posto di Meité nel periodo di flessione del francese, interpretando il ruolo con meno fisicità rispetto al compagno, ma con un senso della posizione notevole e con un lavoro importante nel quale si divideva tra la fascia (quando Ola Aina o De Silvestri erano fuori posizione) e la sua porzione in mezzo al campo; una volta che l’ex Monaco è tornato ai suoi livelli, Ansaldi era ormai già diventato un insostituibile, e Mazzarri, pur di non fare a meno del suo jolly argentino, lo ha alternato allo stesso Meité e a Baselli (quando c’è stato bisogno di più corsa e meno tecnica), o riportandolo nel suo ruolo originario di esterno di sinistra, con Ola Aina e De Silvestri a contendersi il ruolo di esterno destro.

Il suo basculare tra la fascia mancina e il centrocampo lo ha reso un giocatore fondamentale sia nella fase di rifinitura dell’azione (che siano cross o imbucate), che in quella che lo vede protagonista assoluto: già a quota 3 gol in stagione, record in carriera, è anche il miglior centrocampista (senza contare i trequartisti) per dribbling riusciti – 2,4 a partita – e secondo per dribbling tentati, dietro soltanto a Manuel Lazzari della Spal. Nelle classifiche di rendimento è il terzo centrocampista del campionato, dietro soltanto a Leiva e Bakayoko, grazie ai suoi importanti numeri riguardanti i passaggi, non a caso è tra i primi per passaggi lunghi riusciti (4° posto).

Nel suo nuovo ruolo può ancora migliorare, dato che è, in negativo, tra i primi per palle perse e per contrasti subiti, ma questi numeri sottolineano ancora di più la crescita di Ansaldi: l’argentino ha fiducia nei suoi mezzi e si prende molti più rischi del passato, è più che mai nel vivo del gioco e, anche tornando nella sua zona d’azione più usuale, ossia la fascia, sceglie di rimanere dentro il gioco e di essere parte integrante del palleggio granata.

Cristian Ansaldi è stata una delle sorprese silenziose di questo campionato, un giocatore del quale si parla sempre troppo poco: tanti infortuni e qualche scelta sbagliata in sede di mercato ne hanno ritardato la definitiva esplosione, ma in questo magico Torino sembra aver trovato la sua dimensione ideale, per riprendersi quanto perso nei primi anni di carriera e, chissà, riconquistandosi l’Europa a suon di incornate in salsa argentina. Proprio quelle del suo Toro.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Pirlo incensa Calhanoglu e svela un aneddoto: le sue parole

Pubblicato

:

Calhanoglu segna da fuori area

Nelle ultime ore il regista dell’Inter Hakan Calhanoglu ha rilasciato un’intervista in cui ha affrontato vari temi. Il turco, oltre ad essersi definito il miglior regista al mondo, ha rivelato tutta l’ammirazione per Andrea Pirlo, il suo idolo. Calhanoglu è rimasto sorpreso dall’interpretazione del ruolo da parte del campione del mondo e dalla sua tecnica.

Dopo la gara vinta dalla sua Sampdoria contro il Cosenza, l’attuale tecnico dei blucerchiati, interpellato sul tema ai microfoni di Sky, ha voluto raccontare un aneddoto che risale al periodo in cui Calhanoglu giocava nel Milan allenato da Rino Gattuso.

LE PAROLE DI PIRLO A GATTUSO

“Calhanoglu sta facendo bene, avevo detto a Gattuso che lui sarebbe diventato un play e adesso sta dimostrando di essere un giocatore fondamentale per l’Inter. È uno dei migliori centrocampisti in circolazione”.

L’ELOGIO DI CALHANOGLU A PIRLO

Queste invece erano state le parole di elogio del turco nei confronti dell’ex regista di Milan e Juventus.

CALHA ELOGIA PIRLO –Lo conosco bene. Mi piace come sta in campo, la sua serenità. Non sentiva lo stress. Il numero uno. Il mio procuratore mi diceva che mi vedeva come Pirlo, non ci credevo. Dicevo che mi sentivo un numero dieci ma il tempo ha dimostrato che aveva ragione. Pirlo però è Pirlo, ha vinto tanto e non posso essere messo al suo livello“.

Continua a leggere

La nostra prima pagina

Dove vedere Genoa-Udinese in tv e streaming

Pubblicato

:

Dove vedere Genoa-Atalanta

DOVE VEDERE GENOA-UDINESE IN TV E STREAMING – L’anticipo del sabato sera della 26ª giornata di Serie A propone Genoa-Udinese, una gara interessante sotto vari punti di vista. I rossoblù navigano nella zona tranquilla di classifica, ma possono sognare l’aggancio alla lotta per l’Europa. Dall’altra parte l’Udinese va a caccia di punti per tirarsi quanto prima fuori dalla zona calda.

COME ARRIVA IL GENOA

Il Genoa di Alberto Gilardino deve scrollarsi di dosso un periodo senza vittorie. Nelle ultime 3 sfide sono arrivati 2 pareggi ad Empoli e a Napoli e la sconfitta tra le mura amiche contro l’Atalanta. Interessante sarà, dunque, scoprire quale sarà l’approccio dei liguri.

Solito assetto 3-5-2 per Gilardino con Malinovskyi, Badelj e Frendrup sulla linea mediana per innescare i due uomini migliori Gudmundsson e Retegui, senza gol rispettivamente da 5 e da 4 giornate di campionato.

COME ARRIVA L’UDINESE

L’Udinese arriva al Ferraris nella condizione opposta. La cura Cioffi sembra aver fatto effetto e nelle ultime 3 gare i bianconeri hanno raccolto 5 punti, 3 di prestigio a Torino contro la Juventus.

Per proseguire la striscia di imbattibilità Cioffi dovrebbe schierare i suoi a specchio rispetto al Genoa. Non ci sarà Pereyra, che cercherà di smaltire il problema fisico per rientrare nella gara successiva, quella contro la Salernitana. Davanti il tandem composto da Thauvin e Lucca sarà rifornito da Samardzic e appoggiato dagli inserimenti di Lovric.

DOVE VEDERE GENOA-UDINESE IN TV E IN STREAMING

Il calcio d’inizio di Genoa-Udinese è fissato alle 20:45. La sfida sarà visibile sia su DAZN, tramite l’applicazione accessibile da tutti i dispositivi, dalle smart tv a smartphone, tablet e computer, sia su Sky.

Anche per quanto riguarda Sky, c’è la possibilità di guardare la partita lontano da casa grazie all’applicazione SkyGo. L’altra opzione di Sky è rappresentata dal servizio di streaming live e on demand NOW TV.

LE PROBABILI FORMAZIONI DI GENOA-UDINESE

GENOA (3-5-2): Martinez; De Winter, Bani, Vasquez; Sabelli, Messias, Badelj, Frendrup, Martin; Retegui, Gudmundsson. All. Gilardino

UDINESE (3-5-1-1): Okoye; Perez, Giannetti, Kristensen; Ehizibue, Samardzic, Walace, Lovric, Zemura; Thauvin; Lucca. All. Cioffi

Continua a leggere

Flash News

Baroni: “Subito due gol evitabili, sul primo ho dei dubbi”

Pubblicato

:

Marco Baroni, allenatore dell'Hellas Verona - Serie A

Il Verona non è riuscito a domare un Bologna inarrestabile. Cinque vittorie consecutive per i ragazzi di Thiago Motta, che ora vedono l’Europa. La squadra gialloblù dopo due pareggi torna a perdere e già domani rischia di tornare nella zona rossa rappresentata dagli ultimi tre posti. Dopo la gara sono arrivate le dichiarazioni del tecnico scaligero Marco Baroni, soddisfatto dell’intensità, meno della concretezza dei suoi ragazzi.

LE PAROLE DI BARONI

SULLA PARTITA – “Abbiamo incontrato una squadra forte e siamo stati bravi a toglierle il palleggio. Peccato per i 2 gol evitabili. Sul primo secondo me c’è un contatto netto su Montipò. Nel secondo abbiamo commesso un’ingenuità da fallo laterale. Abbiamo sbagliato troppo tecnicamente, le occasioni importanti le abbiamo avute, ma la squadra dal punto di vista caratteriale ha fatto una buona partita. Dovevamo giocare con questa aggressività”.

CONCRETEZZA MANCATA – “Alcune scelte sono state sbagliate. Gli avversari erano in fiducia e non dovevamo fare errori. Dal punto di vista tecnico potevamo fare qualcosa in più”.

COSA C’È DA MIGLIORARE? – “Suslov deve migliorare nelle scelte. A volte un assist è fondamentale per far gol. Se avessimo messo in discussione il risultato avremmo potuto riprenderla. A livello di occasioni la gara è stata equilibrata. Questa partita ci deve rafforzare”.

LA CONDIZIONE DEI NUOVI? – “I giocatori li scopro non solo in allenamemnto, anche Mitroivic ha giocato uno spezzone di gara molto bene. Swiderski era fermo in campionato e deve ritrovare la condizione giocando. Dobbiamo assumerci qualche rischio. La squadra arriva, ha fissato l’obiettivo”.

Continua a leggere

Flash News

Fabbian: “Zirkzee in qualcosa somiglia a Ibra, pensiamo all’Atalanta”

Pubblicato

:

Fabbian

Mattatore di Bologna-Verona, anticipo della 26ª giornata di Serie A, è stato Giovanni Fabbian, autore di un gol e un assist, entrando di fatto in entrambe le reti che hanno consegnato la vittoria alla squadra rossoblù. Il classe 2003, che è ora arrivato a 4 reti al suo primo campionato di Serie A, all’uscita dal campo ha ricevuto anche la meritata standing ovation dal Dall’Ara.

A fine partita ha commentato la partita ai microfoni di DAZN concentrando già l’attenzione sulla sfida di settimana prossima contro l’Atalanta.

LE PAROLE DI FABBIAN

BUON RENDIMENTO IN CASA – “In casa o fuori, l’importante è dare il massimo. Stasera è stata bellissima serata e siamo contenti“.

A FINE PARTITA –Abbiamo festeggiato con i tifosi, che sono sempre tantissimi e splendidi“.

TIFOSI CON LE TORCE –È bellissimo, in panchina l’abbiamo visto subito, ci siamo messi ad applaudire, è stato bello“.

GIOCATE –La veronica l’ho sbagliata, ma ci ho provato. Sto cercando di mettere tutto me stesso“.

CLASSIFICA –La classifica la vediamo quando è finito il campionato, adesso pensiamo subito all’Atalanta“.

ZIRKZEE E IL PARAGONE CON IBRA – “Sicuramente in qualcosa gli assomiglia. Joshua è un grandissimo giocatore, anche oggi l’ha dimostrato“.

TENERE THIAGO MOTTA –Io penso alla squadra e poi vediamo“.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969