Uno degli allenatori finiti nel dimenticatoio da ormai qualche stagione è Alberto Malesani. La sua ultima, breve, avventura da timoniere risale al 2014, quando sedeva sulla panchina del Sassuolo. Appena cinque partite, tutte perse, e conseguente fine dell’esperienza neroverde. Di lì in poi il tecnico, oggi 66enne, non ha più avuto l’occasione di guidare altre squadre. Con una vena di malinconia mista a rimpianto, il mister veronese ha rilasciato un’intervista ai taccuini del Corriere dello Sport, nella quale ha espresso il suo disappunto in merito al poco interesse nei suoi confronti.

“Per il mondo del calcio ormai sono un ex e non allenerò mai più. Io adoro fare l’allenatore, lo ritengo uno dei mestieri più belli del mondo, ma nel momento in cui i risultati non ti danno più ragione e l’età avanza, succede che ti dimenticano. Non mi sento assolutamente vecchio, però purtroppo nel calcio come nella vita l’avanzare dell’età distorce il pensiero delle persone. Di contro io credo che l’esperienza sia un patrimonio di cui tener conto. Le grandi squadre vincono anche perché hanno campioni con tanto passato e allora perché non deve essere così anche per gli allenatori?”.

Fonte immagine in evidenza: profilo Twitter @CmdotCom_En