Connect with us
Il sogno di una vita

Generico

Il sogno di una vita

Pubblicato

:

Sono le ore 15.00 di giovedì 3 ottobre 2019. La conferenza stampa che renderà ufficiale l’addio al calcio giocato di Claudio Marchisio sta per cominciare. Niente più scarpette, niente più preparazioni estive e niente più corse in quel lembo di campo che divide attacco e difesa e all’interno del quale molto spesso si vincono partite, campionati e trofei.

Marchisio

Fonte: profilo Facebook di Claudio Marchisio.

 

Nello stesso istante dal profilo Facebook dello stesso Claudio viene condiviso un video. Un Marchisio giovane, pimpante, ingenuo e sbarbato racconta cosa significhi per lui vestire la maglia della Juventus. È il 2006. È l’anno della Serie B. Un anno difficile per i tifosi bianconeri e altrettanto complicato per tutto il calcio italiano. Per Marchisio è la prima stagione in prima squadra e di professionismo. Per lui viverlo a Torino, vestendo la maglia che ama, è un sogno.

IL SOGNO

“Ho realizzato un sogno nella mia vita. Negli ultimi mesi la mia testa c’era ma il mio corpo non girava più come prima. Ho cominciato a riflettere. Non è importante l’età che uno ha, potevo avere 40 anni, ma quello che uno si sente. Se non puoi dare il massimo giusto lasciare”

Il sogno è il tema ricorrente della carriera dell’ex centrocampista bianconero. Nonostante gli infortuni, il calante quanto doloroso e ingiusto declino della carriera di Claudio, Marchisio chiude la scena uscendo a testa alta e conscio di aver realizzato tutto quello che in quel breve video del 2006 pareva essere utopia.

“Il rimpianto? Quello di non vincere la Champions con la Juve e l’Europeo con la Nazionale. Sono i miei due rimpianti più grandi. Il momento in cui mi sono reso conto che il sogno si stava realizzando è stato l’anno della Serie B. Vedevo le facce dei campioni che avevano scelto di restare in B. Per me non era indossare la maglia della Juve in Serie B, era indossare la maglia della Juve e basta”

La carriera di Marchisio è condita, naturalmente, anche da rimpianti. Momenti che avrebbero potuto elevarsi a qualcosa di più importante, ma che non si sono realizzati. Da una parte una Champions League mai conquistata pienamente, seppur nel 2015 giocò da protagonista in Europa esprimendosi al meglio in uno dei centrocampi più completi degli ultimi anni: Pirlo, Marchisio, Pogba e Vidal. Opposto a quel centrocampo vi era però una squadra stellare, in tutti i reparti: il Barcellona della MSN, di Xavi che dà l’addio e di Iniesta. Proprio “l’Illusionista”, nella giornata di ieri, ha marcato chiaro e tondo che il mondo del calcio senza Claudio Marchisio non è più lo stesso. Un complimento, un gesto di vicinanza e stima che, forse, vale quanto una Champions League. Dall’altra parte il percorso con la Nazionale non si è mai realizzato pienamente: dalla finale persa in Ucraina nel 2012, fino all’esperienza brasiliana del 2014 cominciata con il gol all’Inghilterra, ma conclusasi con l’espulsione contro l’Uruguay.

L’UMANIZZAZIONE DEL CALCIATORE

“I giocatori hanno la responsabilità non soltanto come sportivi ma anche per quello che succede fuori dal campo. Col tempo ho visto che c’era bisogno di far sentire la mia voce fuori dal campo. Non ho mai avuto problemi a prendere la parte dei più deboli, senza avere paura delle critiche, quelle ci sono sempre”

Claudio Marchisio ha umanizzato l’immagine del calciatore professionista, la quale spesso è rimasta rinchiusa in un alone di ignoranza e superficialità. Gli elementi caratteristici che definiscono il prototipo del calciatore professionista. L’utilizzo dei social network di Marchisio, la sua vita fuori dal campo e il coraggio di esporsi quotidianamente sui problemi che affliggono e colpiscono il mondo, hanno reso l’ex centrocampista bianconero un esempio di responsabilità. La scomparsa di Silvia Romano, l’enorme problematica dell’inquinamento, dello spreco delle energie non rinnovabili e del futuro del nostro mondo, fino ad arrivare alle tragedie del Mediterraneo e delle migrazioni oltre oceano. Temi trattati con sensibilità, rispetto e cognizione di causa. Gli stessi temi che spesso vengono sottovalutati, dimenticati o ignorati.

Claudio Marchisio ha quindi deciso di chiudere qua il proprio percorso calcistico. In un calcio dove Ronaldo, Quagaliarella e Buffon (tanto per fare esempio del nostro campionato) continuano a fare la differenza, vi è anche chi deve appendere le scarpette a soli 33 anni. La vera vittoria di Claudio però è stata proprio fare questa scelta. Sarebbe stato più facile accettare una qualsiasi proposta per provare a tirare avanti con un altro contratto per poi rendersi conto di non essere pronto per affrontare un campionato. La scelta più coraggiosa di Marchisio è stata quella di non aver paura del futuro (come lui stesso ha sottolineato), riconoscendo i propri limiti in questo momento della sua vita sportiva.

Il Principino però, a differenza di molti che si sono ritirati qualche anno più tardi e con qualche trofeo in più, ha dimostrato di essere uomo, che poi alla fine è ciò che più conta.

Il Principino ha realizzato il suo sogno. E ora è pronto ad affrontarne altri ancora.

 

Fonte immagine in evidenza: Profilo Facebook di Claudio Marchisio.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Rinnovo Lazio-Romero, frenata nella trattativa: il motivo

Pubblicato

:

Luka Romero in gol

In casa Lazio Il Messaggero parla di malumore per una vicenda legata ai rinnovi contrattuali programmati. Uno tra questi è quello di Luka Romero, gioiellino dei biancocelesti che sta scalando le gerarchie di Sarri ma non sta ricevendo il minutaggio che vorrebbe.

SUL RINNOVO

Infatti, l’accordo per il rinnovo era stato trovato, la firma era quasi certa. Poi la brusca frenata di Romero, deluso dallo scarso impiego. Non sappiamo per quanto possa ancora slittare la firma, in quanto si arriverebbe ad un punto in cui il potere contrattuale sarà quasi pari a 0 e si rischia di perdere un giovane di prospettiva senza incasso.

La richiesta per l’ingaggio e per la firma subito è di 800 mila euro a stagione, cifra che Lotito non vorrebbe investire, soprattutto alla luce dell’accordo già trovato a cifre inferiori. Ma Romero non ci sta, vuole essere più considerato da Sarri, e al momento è tutto bloccato.

Continua a leggere

Generico

Nessun aumento di capitale fino al 2025 per la Juventus

Pubblicato

:

Tifosi bianconeri

Come è noto, sono giorni difficilissimi in casa Juventus. I risultati sul campo latitano, l’unica gioia in Coppa Italia, e e la situazione societaria, se vogliamo, è messa ancora peggio. Dopo i 15 punti revocati, i bianconeri temono nuove sanzioni, ma bisogna comunque rispondere sul campo e restare concentrati. Nel frattempo in casa Juve si analizza anche il capitale da investire.

Come riporta Tuttosport, nelle scorse ore la Juventus ha diffuso il documento che spiega come fino al termine della stagione 2024-2025 non siano previsti ulteriori aumenti di capitale. Piove sul bagnato a via Druento.

 

 

Continua a leggere

Flash News

Ultim’ora Milan: Ismaël Bennacer salterà il derby contro l’Inter

Pubblicato

:

Milan

Pessima notizia per il Milan. Come evidenziato dagli esiti degli esami svolti questo pomeriggio, Ismail Bennacer salterà il derby contro l’Inter. Come riportato da Antonio Vitiello, la risonanza magnetica ha evidenziato una lieve lesione muscolare al bicipite femorale della gamba sinistra.

Ora l’algerino verrà rivalutato settimana prossima e punterà a rientrare entro il match di Champions contro il Tottenham. Salgono le quotazioni di Krunic per un posto da titolare domenica sera.

Continua a leggere

Champions League

Mbappé va ko: il comunicato lo esclude dalla sfida contro il Bayern

Pubblicato

:

Mbappé

Kylian Mbappé si ferma per infortunio. Il fuoriclasse del PSG ha accusato un problema muscolare durante la sfida contro il Montpellier, da cui è dovuto uscire anzitempo. Oggi il francese si è sottoposto ad esami strumentali che hanno evidenziato una lesione muscolare, che, di fatto, lo esclude dagli ottavi d’andata contro il Bayern Monaco in Champions League. Di seguito, riportiamo il comunicato della società parigina, che annuncia come Mbappé sarà out per tre settimane:

Dopo essere stato sottoposto ad esami, Kylian Mbappé ha riportato un infortunio alla coscia sinistra a livello del bicipite femorale. Dovrebbe restare fermo per tre settimane. Oggi verranno effettuati altri test per Sergio Ramos

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969