Connect with us

Calcio Internazionale

Marko Lazetić, il nuovo baby bomber rossonero

Pubblicato

:

Il Milan ed il campionato italiano si apprestano ad accogliere un giovane talento molto interessante: Marko Lazetić. Un ragazzo, classe 2004, che a Milano potrà crescere senza troppe pressioni addosso, imparando da grandi campioni quali Zlatan Ibrahimović e Olivier Giroud. Il serbo rappresenta un colpo fortemente voluto dalla dirigenza rossonera la quale continua a seguire una linea giovane ed economicamente sostenibile. Ciò che ci si aspetta non è certamente un impatto da campione ma dalle parti di Milanello l’impressione è quella di aver preso una futura stella.

UN FIGLIO DI BELGRADO CON L’ITALIA NEL DESTINO

Marko Lazetić nasce a Belgrado il 22 gennaio del 2004. Il ragazzo, in qualche modo, il nostro paese lo ha nel sangue in quanto suo zio Nikola ha giocato per molti anni in Italia. Più di 160 presenze tra A e B per l’ex centrocampista che ha vestito le maglie di Como, Chievo, Lazio, Siena, Genoa, Livorno e Torino. Marko è invece cresciuto nel settore giovanile della Stella Rossa, debuttando in prima squadra a soli 16 anni e 10 mesi, il 29 novembre 2020 contro il Rad. Nel corso della scorsa stagione, Lazetić è stato mandato in prestito al Graficar, altro club di Belgrado che milita nella seconda divisione serba. La permanenza al Graficar ha permesso al talento classe 2004 di collezionare 14 presenze e siglare 4 reti.

Tornato alla Stella Rossa è stato confermato in prima squadra. Sotto la supervisione tecnica di un altro grande ex del nostro campionato, mister Dejan Stanković, Lazetić, in questa stagione ha giocato 16 partite e segnato un gol, oltre ad aver debuttato in Europa League, nel match contro il Ludogorets.

AFFONDO ROSSONERO

Dopo diversi tentativi, il Milan, nel corso della corrente sessione invernale di calciomercato, si è aggiudicato il cartellino di Lazetić. Il classe 2004 ha firmato un contratto quinquennale con scadenza 30 giugno 2027. Alla Stella Rossa 5 milioni di euro, oltre ad una percentuale sulla futura rivendita. Non avendo il passaporto comunitario, il Milan ha preferito aspettare che il ragazzo compiesse 18 anni, anche per evitare possibili inserimenti di altri club interessati. Difatti il Torino aveva fatto un tentativo e negli ultimi giorni ci aveva provato anche lo Zenit, che condivide la proprietà Gazprom con la Stella Rossa.

ELEGANZA E POTENZA FISICA

Lazetić è una punta centrale. L’imponente stazza fisica, 192 cm, potrebbe far pensare ad un terminale offensivo statico ma il serbo, al contrario, possiede una più che discreta rapidità abbinata ad un bagaglio tecnico di livello. In patria, nonostante le poche presenze, è considerato un predestinato, in grado di seguire le orme del connazionale Dusan Vlahovic.

Lazetić presenta una propensione al gol non comune per un classe 2004. Oltre a saper giocare spalle alle porta, e sfruttare dunque la propria stazza fisica, risulta elegante, agile, coordinato e intelligente, per ciò che concerne le letture di gioco. Sa rendersi utile anche in fase di non possesso e pressing. Indubbiamente si tratta di un talento ancora grezzo che presenta però ampi margini di crescita.

Il passaggio dal campionato serbo, tosto fisicamente, a quello italiano rappresenta un notevole salto in avanti, che comporta diverse difficoltà da affrontare, ma le basi e le potenziale restano comunque molto interessanti.

L’ARRIVO IN ITALIA

Nelle ultime ore, Lazetić è sbarcato in Italia, a Linate, ed ha sostenuto le visite mediche presso la clinica La Madonnina. Il nativo di Belgrado verrà aggregato direttamente in prima squadra e prenderà il posto di Pellegri come terzo attaccante della rosa rossonera. Ciò che i tifosi del Diavolo non devono aspettarsi è un attaccante pronto ed abituato al nostro calcio come lo è oggi Vlahovic, bensì un giovane calciatore, dalle grandi potenzialità, a cui servirà tempo e spazio per poter crescere al meglio.

A mister Stefano Pioli il compito di forgiare questo prospetto, con l’Italia nel destino, sul quale il Milan ha puntato molto. Benvenuto Marko.

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Kjaer: “Non sto bene, giusto lasciarmi fuori”

Pubblicato

:

Kjaer

Dopo la sconfitta di sabato della Danimarca, contro la Francia, per 2-1, Simon Kjaer ha concesso un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

L’ex difensore di Roma e Palermo ha parlato così nel post partita: “Non sto bene, non posso giocare 90’, giusto sia stato fuori. Mbappé è incredibile, mai visto nessuno così veloce. Non ho parlato di rinnovo con Giroud ma penso resti con noi un altro anno”.

Il classe ’89 ha subito un lungo calvario con il Milan questa stagione, giocando la metà delle gare disputate in campionato. Anche al Mondiale Kjaer non è parso molto in forma, come confermato dal diretto interessato.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Cafu sicuro su Paquetà: “Al Milan troppe responsabilità”

Pubblicato

:

Paquetà

Cafu, storico terzino e leggenda di Roma e Milan ha rilasciato un’intervista ai microfoni della Gazzetta dello Sport.

Il Pendolino della fascia destra ha vestito in 143 occasioni la maglia del Brasile, che attualmente conta molti giocatori provenienti dalla Serie A. A questo proposito, la domanda su Lucas Paquetà, un ex in questo caso, che ha vestito la maglia del Milan, club che lo ha portato in Europa per primo, e attualmente al West Ham.

Queste le parole di Cafu sul calciatore: Lucas era troppo giovane quando arrivò al Milan, e il Milan gli diede troppe responsabilità. Avrebbe avuto bisogno di più tempo. Adesso ha più personalità e sa come stare in campo”. Il Milan ha portato in Italia Paqueta a 22 anni per poco più di 38 milioni dal Flamengo. Il calciatore non è riuscito ad esprimere il suo pieno potenziale e a mostrale la sua piena personalità. Al Lione, in Francia, ha trovato una sua dimensione, e al West Ham il brasiliano è letteralmente esploso. Il Milan ne ha fatto a meno per 23 milioni, nel 2020, salvo essere poi stato ceduto dal Lione agli inglesi in questa sessione di mercato estiva per quasi 43 milioni di euro.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il Camerun accetta la richiesta di Onana, il portiere lascerà il Qatar

Pubblicato

:

Onana

Emergono ulteriori dettagli sulla situazione legata ad André Onana e al Camerun.
Nonostante le parole del Ct Song, che ha dichiarato che si sarebbe nuovamente confrontato con il portiere dell’Inter per evitare il suo prematuro rientro, arriva una notizia decisamente inaspettata.
Secondo quanto riportato da Nicolò Schira su Twitter, infatti, la Federcalcio del Camerun ha accettato la richiesta di Onana di lasciare il ritiro, per disaccordi con il tecnico.
Ulteriori novità si sapranno nelle prossime ore, ma il Mondiale del portiere dell’Inter sembra già finito.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Francia, Benzema potrebbe rientrare per giocare in Qatar: le ultime

Pubblicato

:

Clamorosa indiscrezione lanciata da Gianluca Di Marzio sul suo sito. Secondo il noto giornalista sportivo Karim Benzema potrebbe riuscire a recuperare dall’infortunio e giocare con la Francia al Mondiale.
L’attaccante del Real Madrid, infatti, nonostante l’infortunio farebbe ancora parte della lista comunicata dal Ct francese Deschamps, quindi potrebbe giocare in caso di recupero.
Già in questa settimana Benzema potrebbe riuscire a tornare ad allenarsi, un’ottima notizia per la Francia e per il Mondiale, che ritroverebbe il fresco vincitore del Pallone d’Oro 2022.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969