Connect with us

La nostra prima pagina

Materiale potenzialmente esplosivo

Pubblicato

:

genoa

Gianluca Lapadula sarà l’attaccante del Genoa nella prossima stagione. Dopo il primo anno di Serie A al Milan, l’italo-peruviano troverà sicuramente più spazio e finalmente potremo ammirare le sue giocate, che a sprazzi ha lasciato intravedere anche a San Siro, e che ci ha ampiamente esposto due anni fa a Pescara.

Il primo anno da protagonista nella massima serie. Lapadula al Genoa non sarà il grande colpo dell’estate, ma è un trasferimento potenzialmente esplosivo.

UNA LUNGA ATTESA

Lapadula è cresciuto nelle giovanili della Juventus, ma ci ha messo un po’ ad affermarsi. Un lungo girovagare che l’ha portato prima a Teramo, in Lega Pro, e poi a Pescara in Serie B. Prima della grande stagione in Abruzzo (quella che ha convinto la società biancoazzurra a puntare su di lui nel 2015), Gianluca ha vestito nell’ordine le maglie di Pro Vercelli, Ivrea, Parma, Atletico Roma, Ravenna, San Marino, Cesena, Frosinone e Gorica. A parte la stagione sanmarinese in Seconda Divisione (24 gol in 35 presenze), le altre annate non sono state particolarmente fortunate.

Lapadula in Lega Pro con la maglia del Teramo.

Ogni volta che però un allenatore gli ha dato fiducia, Lapadula ha sempre risposto con i risultati. Così, nel 2014, il Parma ha ceduto in prestito il suo cartellino al Teramo: in Lega Pro Lapadula ha giocato tutte le partite, segnando 21 gol e trascinando la squadra alla promozione in Serie B (poi revocata per calcio scommesse). Il fallimento del Parma lo ha reso un giocatore svincolato e così il Pescara lo ha acquistato a parametro zero per il dopo Melchiorri.

Da Teramo a Pescara, sempre in Abruzzo. E non poteva esserci scelta migliore. 27 gol in 40 partite di campionato, più tre gol nei playoff che hanno garantito alla società biancoazzurra la promozione in Serie A. 30 gol che hanno stupito tutti, e che hanno convinto addirittura Silvio Berlusconi ad acquistarlo per il suo Milan.

Una grande chiamata per una grande stagione, caratterizzata da gol del genere.

Quando Lapadula parte, non sa come colpirà la palla. La coordinazione poi viene da sè, e il gol è da applausi.

UN ATTACCANTE ESPLOSIVO

A Pescara Lapadula era semplicemente incontenibile, ogni palla che sfiorava finiva in porta. Segnava in qualsiasi modo: di testa, al volo, in rovesciata, da fuori area. In Serie B Gianluca ha mostrato a tutti le sue caratteristiche da grande attaccante, dimostrando di saper difendere la palla come pochi, di poter dare fastidio ad ogni difensore, di riuscire a vincere quasi tutti i duelli con gli avversari. Ha dimostrato, soprattutto, di avere la garra dei sudamericani, la volontà di andare a prendersi tutti i palloni sporchi, e di non accontentarsi mai.

Un attaccante esplosivo, che viveva del calore dell’Adriatico, e che di fronte al pubblico dell’Adriatico non si risparmiava mai.

Così è stato anche al Milan, pur giocando poco. All’ombra di Bacca per tutta la stagione, si è sempre sudato la maglia, alla ricerca di quella continuità di rendimento che aveva avuto nelle due stagioni precedenti. Sempre alla ricerca del pallone, anche nelle situazioni più complicate. Gianluca ci mette sempre la gamba, e lotta contro tutti. Non a caso, a Milano, l’hanno soprannominato Il Guerriero.

Prima va a saltare di testa e poi, in un attimo, trova la lucidità di deviare il tiro del compagno con il tacco.

IL POSTO GIUSTO

Genova sembra essere il posto giusto, o almeno lo si spera. Lo si spera perché se Lapadula trova la sua dimensione, sarà un piacere per tutti godere delle sue giocate. Al Genoa troverà una piazza calda, che attende il rilancio dopo l’annata fallimentare dell’anno scorso. Sotto la gradinata del Ferraris Lapadula potrà tornare ad esaltarsi, e ad esaltare i suoi tifosi. Da titolare potrà prendersi la squadra sulle spalle, dare fastidio ai difensori con il suo movimento continuo, spaccare la porta in una frazione di secondo, e tornare a segnare in acrobazia.

Le acrobazie le faceva anche un altro altro ex-rossoblù: Mauricio Pinilla. I due si assomigliano molto per caratteristiche: entrambi forti fisicamente, entrambi dotati di una tecnica superiore alla media, entrambi un po’ pazzi nel modo di intendere questo sport. Gianluca dovrà però stare attento a non perdersi, ora che è arrivato in alto, ora che può addirittura competere per la maglia azzurra in vista dei Mondiali in Russia.

Il Genoa sembra fatto apposta per Lapadula, e viceversa. Un trasferimento passato sotto traccia, ma che ci farà sicuramente divertire. Il primo anno di Serie A gli ha fatto sicuramente bene in termini di esperienza, ma il suo posto è un altro. Ora Lapadula vuole tornare a giocare e ad essere protagonista, segnare in tutti i modi possibili ed esultare sotto la gradinata del Ferraris.

Lapadula vuole tornare ad esplodere, e Genova è il posto giusto in cui farlo.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Il Napoli continua la preparazione: oggi Demme e Lobotka in piscina

Pubblicato

:

Napoli

Oggi pomeriggio, Luciano Spalletti ed i suoi calciatori si sono riuniti al Winter Football Sries by Regnum per la consueta sessione d’allenamento.

A giornata conclusa, il Napoli, sui propri social, ha rilasciato un report in cui ha parlato degli esercizi svolti dalla squadra nella sessione in questione ed ha aggiornato sulle condizioni fisiche dei calciatori che si stanno rimettendo in sesto dopo l’infortunio:

“La squadra dopo una prima fase di attivazione e situazioni di possesso palla ha svolto lavoro aerobico. Rrahmani ha svolto lavoro personalizzato in campo. Demme e Lobotka lavoro in piscina. Sirigu lavoro personalizzato in campo. Juan Jesus ha svolto l’intera seduta in gruppo“.

Continua a leggere

Flash News

Gosens: “Il mio idolo è Alaba, adesso mi piace molto Kimmich”

Pubblicato

:

Gosens

L’Inter ha lanciato una Q&A sui propri canali social con protagonista l’esterno tedesco Robin Gosens. L’ex Atalanta e Heracles Almelo ha parlato dei suoi idoli calcistici e della scelta particolare di indossare il numero 8 sulla maglia.

Di seguito un estratto delle parole di Gosens:

Alaba è sempre stato il mio idolo da quando sono diventato calciatore. Ammiro come posso ricoprire senza difficoltà molti ruoli diversi. Adesso, invece, mi piace molto Kimmich. La sua mentalità e la sua disciplina sono qualcosa di incredibile e da seguire. Il numero 8 lo indosso da sempre: l’ho avuto in Olanda e a Bergamo e ho deciso di non cambiarlo neanche qui a Milano.”

Continua a leggere

Flash News

Candela a Kickoff da Il Pengwin: “Luis Enrique? Su Twitch ha sbagliato fin dall’inizio”

Pubblicato

:

Candela

La notizia del giorno, a poche ore dall’inizio dei quarti di finale di Qatar 2022, è stata sicuramente quella riguardante l’esonero di Luis Enrique, che chiude così la sua esperienza da ct della Spagna. È stato proprio questo il tema affrontato oggi nella trasmissione Kickoff-Speciale Mondiali, in onda sul canale TwitchIlPengwin.

L’ex Roma Vincent Candela, ospite in studio, dopo essere stato incalzato da Sandro Sabatini, ha parlato del Tiki-Taka e della particolare scelta dell’ormai ex selezionatore de La Roja di sbarcare su Twitch nel periodo del Mondiale:

Fine del Tiki-Taka? Io non sono tanto per il Tiki-Taka, però se è orizzontale va bene il Tiki-Taka. Se invece si rimane sempre da una parte all’altra… Su Twitch ha sbagliato fin dall’inizio, non lo doveva proprio fare o sennò continuare fino alla fine“.

Continua a leggere

Calciomercato

Roma, in Spagna danno per saltata la pista Bellerin

Pubblicato

:

Roma

Secondo quanto riferisce Mundo Deportivo, Hector Bellerin rimarrà al Barcellona, anche se con i blaugrana ha giocato pochissimo finora, solo 5 partite per un totale di 321 minuti.

Oltre al Real Betis, che però non può sostenere finanziariamente l’operazione, tra le pretendenti per acquistare il calciatore c’era anche la Roma. La squadra capitolina in vista della sessione invernale di calciomercato cerca infatti un terzino destro dopo il diverbio tra Mourinho e Karsdorp che ha portato l’olandese fuori dal progetto.

Proprio l’ex Arsenal – che già in estate era finito nel mirino di un club italiano, l’Udinese – era uno dei nomi che circolava per la fascia destra. I giallorossi, però, stando a quanto affermano in Spagna, si sono dichiarati fuori dalla corsa al difensore spagnolo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969