Connect with us
Matteo Pessina al Monza, il ritorno del figliol prodigo

Generico

Matteo Pessina al Monza, il ritorno del figliol prodigo

Pubblicato

:

pessina

Matteo Pessina è il volto più celebre e più influente della campagna acquisti del primo Monza che giocherà la Serie A. Per il centrocampista italiano si tratta di un vero e proprio ritorno a casa. Pessina è nato e cresciuto a Monza e ha già indossato la maglia del club in giovanissima età. Svestendola nel 2015, a soli 18 anni, dopo aver attraversato tutta la trafila del settore giovanile.

Il proprietario Silvio Berlusconi e l’amministratore delegato Adriano Galliani erano alla ricerca di un colpo che infiammasse la piazza. La scelta è ricaduta proprio sul classe 1997, che lascia l’Atalanta dopo ben cinque stagioni, di cui le ultime due vissute a pieno ritmo, con 55 presenze in totale.

Matteo Pessina ritorna lì dove tutto è iniziato, dove è diventato adulto. Ritorna, soprattutto, per fornire alla squadra un’anima e una grinta che solo chi ha tifato quei colori sin da bambino può garantire.

CAMPIONE D’EUROPA

Nonostante la giovane età, solo 25 anni, è bene ricordare che non si sta parlando di un giocatore qualunque. Matteo Pessina è stato uno dei giocatori che ha preso parte alla spedizione azzurra della scorsa estate. Culminata con la vittoria dell’Europeo a Wembley.

Il modo in cui Pessina è rientrato in quella lista, complice l’indisponibilità di giocatori come Sensi, Zaniolo e Pellegrini, può sembrare fortuito. Ma l’Europeo disputato da Pessina non lo è affatto. Due gol che sono valsi due vittorie e una grande capacità di fare gruppo lo hanno reso uno dei giocatori più rappresentativi della nazionale.

In un certo senso, è stato la rappresentazione del giocatore di provincia, in questo caso calcistica, che spesso passa sotto traccia. Ma quando ha l’opportunità di mettere in evidenza il suo valore, dimostra di non essere secondo a molti altri. Un po’ come il Monza, che dopo più di 100 anni tra Serie B, Serie C1, C2, approda in Serie A. E lo fa con la voglia di tenersi stretto ciò che ha conquistato.

In questo senso Pessina è molto simile, nelle motivazioni e nella mentalità, al suo nuovo club. Però persiste ancora uno squilibrio tra le parti. Il giocatore si è preso la sua rivalsa e arriva in Brianza consapevole di poter essere un elemento portante della prossima nazionale. Il Monza, invece, è solo agli albori del suo percorso di Serie A. E Pessina dovrà essere uno degli artefici che permetteranno ai brianzoli di fare il salto di qualità.

Allo stesso tempo, però, si sta parlando di una neopromossa che acquista un giocatore campione d’Europa solo 12 mesi prima. Un segnale evidente di quanto il progetto societario del Monza sia ambizioso, deciso e affondi le radici nella volontà di portare la squadra nell’Olimpo dei grandi.

APPARTENENZA

Non è certamente un segreto che uno delle motivazioni che hanno spinto i dirigenti del Monza a puntare su Pessina siano anche le sue origini. In fin dei conti, è lo stesso motivo che ha spinto Galliani e Berlusconi ad acquisire il club, dopo aver lasciato il Milan: il senso di appartenenza.

Galliani è da sempre stato un tifoso del Monza. Così come Pessina. Con due ruoli diversi, in società, ora entrambi si ritrovano a difendere gli stessi colori con cui sono cresciuti.

Matteo Pessina potrebbe avere, o almeno questa è la speranza della società, un impatto incredibile nello spogliatoio del Monza. Forse addirittura più nello spogliatoio, che in campo. Questo perché ha vissuto gli anni in cui il Monza era reputata la provincia del calcio italiano. Ed in Lombardia tutto gravitava intorno alle due milanesi e, di tanto in tanto, a Brescia e Atalanta.

Di certo la situazione non è cambiata molto. Visto che lo scorso anno ben tre squadre delle quattro che hanno disputato la Champions League, erano lombarde. Però, ora, anche il Monza potrà dire la sua nel miglior palcoscenico d’Italia.

Per farlo sarà fondamentale l’apporto sentimentale che Pessina riuscirà a portare. Toccherà a lui dimostrare di avere la maglia del Monza cucita addosso e trasmettere ai suoi compagni di club la motivazione e la grinta necessaria per rendere onore al nome del club.

FASCIA DA CAPITANO

Al discorso dell’appartenenza e delle origini si lega, in maniera diretta, una suggestione che non sembra tanto lontana dalla realtà. Pessina potrebbe essere il prossimo capitano del Monza, succedendo all’attuale, Mario Sampirisi. L’idea è nata dalla mente di Adriano Galliani, che attribuisce estrema importanza alla questione delle radici natali in un determinato luogo.

Essere il capitano di un club così ambizioso e con una piazza tanto calda alle spalle è senza dubbio un onore. Ma, allo stesso tempo, è un dovere che il giocatore non può sottovalutare. In primis perché non basta semplicemente “essere nato a Monza” per essere capitano. Bisogna guadagnarsi la fiducia di club, tifosi e compagni di squadra giorno dopo giorno, parola dopo parola e partita dopo partita.

Nella rosa a disposizione di Stroppa ci sono giocatori che hanno sposato con fiducia il progetto del Monza, anche in Serie B. Anche rifiutando offerte in campionati più prestigiosi per mantenere fede alla promessa fatta alla società al momento della firma. Innanzitutto giocatori come Sampirisi, che dovrebbe cederla al classe 1997 dopo essere stato un ottimo capitano in questi ultimi mesi. Poi anche giocatori del calibro di Caldirola, Valoti, Donati, Barberis e Dany Mota, che hanno trascinato la squadra alla Serie A.

Contestualmente, Pessina sarebbe “l’ultimo arrivato” ma farebbe un salto avanti nelle gerarchie rispetto a tutti gli altri. Un passo decisivo e rischioso, se decidesse di compierlo. Un passo che potrebbe avere effetti radicalmente opposti in base al modo in cui Pessina verrà visto dai compagni e si comporterà in campo.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Generico

De Laurentiis attacca il sistema calcio: “È malato! Vi spiego il motivo”

Pubblicato

:

De Laurentiis Napoli

Aurelio De Laurentiis non le manda a dire nei confronti del sistema calcio internazionale. Il numero uno del Napoli ha inveito contro l’attuale organizzazione, sostenendo come l’attuale impalcatura che regge questo sport è da rivedere quantomeno da un punto di vista economico. A suo modo di vedere il calcio dovrebbe tornare a essere più sostenibile. Attualmente, però, non esistono le condizioni perchè questo avvenga. Di seguito, proponiamo le sue parole riferite al Financial Times:

Il calcio è malato. Ma perché è malato? Perché l’economia del calcio è malata. I campionati e le squadre non sono in grado di competere dal punto di vista finanziario. In questo modo, i campionati non hanno la facoltà di produrre abbastanza. Quindi, ad esempio, la Uefa può dire “okay, ora in Champions League stanziamo €2,4B, in Europa League più di 500M e nella Conference League più di €238M. Ma se tutte le squadre sono indebitate questo vuol dire che questa somma di denaro non è sufficiente. Quindi questo non è un calcio sostenibile. Non solo non è sostenibile, ma disputiamo anche tante gare. Quindi, quando questo accade, è come se buttassi tutto all’aria. Finisci per non accattivare più il pubblico“.

Continua a leggere

Generico

Dai Transformers alle Tartarughe Ninja: Paramount+ annuncia la novità sulle maglie dell’Inter

Pubblicato

:

maglia inter

Piccola novità in vista per l’Inter nella maglia che indosserà contro il Genoa. I nerazzurri scenderanno in campo con una divisa diversa dalla solita in cui, al posto del consueto logo del main sponsor Paramount+, comparirà quello delle Tartarughe Ninja. Una chiara pubblicità rispetto al film Tartarughe Ninja – Caos Mutante, in uscita domani in esclusiva sulla piattaforma di streaming Paramount. Un’iniziativa che ricorda ai più l’operazione che venne già fatta a dicembre per sponsorizzare il nuovo film dei Transformers, durante la gara contro l’Udinese. Per l’occasione, lunedì, saranno presenti allo stadio San Siro i quattro protagonisti del film in uscita il primo marzo. Donatello, Leonardo, Raffaello e Michelangelo infatti intratterranno il pubblico presente sugli spalti nel prepartita a bordocampo. I tifosi nerazzurri potranno inoltre acquistare la maglia speciale in versione Home, Away e Third online o nello Store di Corso Vittorio Emanuele. Qui sotto il comunicato dell’Inter.

COMUNICATO – Dopo la jersey dedicata alla saga Transformers, Inter e Paramount+ tornano a celebrare l’unione tra calcio ed intrattenimento con una nuova collezione di maglie (Home, Away e Third) ispirata all’iconica serie Teenage Mutant Ninja Turtles. La maglia home dedicata alle Ninja Turtles verrà indossata dai giocatori nerazzurri per Inter-Genoa e per l’occasione a San Siro saranno presenti quattro ospiti d’eccezione: i personaggi di Leo, Raph, Donnie e Mikey animeranno infatti il prepartita da bordocampo, nelle sale hospitality e accoglieranno i giocatori all’ingresso in campo per il riscaldamento. Per questa iniziativa verranno inoltre pubblicati dei contenuti esclusivi sui canali ufficiali del Club”.

https://x.com/numerodiez_10/status/1763192007890010579?s=46&t=rYHcxYmUMOtTLszTO2drOA

 

Continua a leggere

Generico

I tifosi del Lecce alzano la voce: “Cacciate fuori gli attributi, pretendiamo vittorie”

Pubblicato

:

Lecce

Appena 4 punti conquistati nelle ultime dieci partite di Serie A dal Lecce che, nonostante ciò occupa la 14ª posizione in classifica. Numeri che la rendono la peggior squadra al pari del Frosinone, un periodo di forma a dir poco negativo.

La sconfitta rimediata contro l’Inter – avversario di assoluto livello – è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso: i tifosi salentini, infatti, hanno manifestato il loro dissenso in merito alle prestazioni messe in campo dagli uomini di D’Aversa negli ultimi periodi. Un campanello d’allarme che dalle parti di Lecce sperano possa far invertire il recente trend.

IL MESSAGGIO DEI TIFOSI

Cacciate fuori gli attributi. Pretendiamo solo vittorie, adesso solo vittorie. Meritateci, siamo sempre con voi”.

La prossima sfida vedrà i giallorossi affrontare il Frosinone. Una gara – come esposto in precedenza – tra le due squadre più in crisi del campionato. Dopo un periodo di ‘flessione’, le due formazioni sono chiamate a fare risultato per non cullarsi troppo del vantaggio maturato sulle ultime tre della classe e generare così un’ondata positiva nel proprio ambiente.

Il match del “Benito Stirpe” di Frosinone, programmato per domenica 3 marzo alle 15:00, promette battaglia. I tifosi si aspettano una risposta concreta sul campo: nient’altro se non la vittoria.

Continua a leggere

Flash News

Dove vedere Lazio-Milan in tv e streaming

Pubblicato

:

In foto: Rafael Leao, attaccante del Milan, a duello con Adam Marusic, esterno della Lazio - Serie A, Coppa Italia, Europa League, Champions League.

DOVE VEDERE LAZIO-MILAN IN TV E STREAMING – Nell’attesa di conoscere i risultati degli ultimi due recuperi, per la Serie A si torna in campo già venerdì con una partita molto importante. Allo Stadio Olimpico di Roma infatti, andrà in scena LazioMilan, una delle ultime occasioni per i biancocelesti di rientrare nella corsa alla prossima Champions League. Per il Milan invece bisogna assolutamente tornare a vincere per una tranquillità utile anche in Europa.

COME ARRIVANO LE DUE SQUADRE

Dopo l’importante vittoria sul campo del Torino nel recupero della 21ª giornata, la Lazio è tornata a perdere nella difficile trasferta contro la Fiorentina. Un continuo di alti e bassi per gli uomini di Sarri, autori di una brutta prestazione contro la viola. L’ottavo posto in campionato è un dato ancor più allarmante, con il quarto posto occupato attualmente dal Bologna che dista ben 8 punti. Perdere venerdì, con 11 giornate rimanenti, complicherebbe notevolmente la stagione dei biancocelesti che potrebbero dire quasi addio al treno Champions.

Per il Milan invece, dopo le due brutte sconfitte contro Monza e Rennes, è arrivata la bella prestazione contro l’Atalanta, seppur con un solo punto portato a casa. Vincere contro la Lazio sarebbe una boccata d’ossigeno importante per gli uomini di Pioli, continuando a tenere a debita distanza tutte le inseguitrici che si sono rifatte sotto dopo le ultime uscite.

DOVE VEDERE LAZIO-INTER IN TV E STREAMING

La gara LazioMilan prevista per venerdì 1 Marzo sarà trasmessa in esclusiva su DAZN, dove potrà essere seguita in streaming live e on demand tramite app o sito ufficiale avvalendosi di una Smart Tv, Pc, smartphone, tablet o console.

LE PROBABILI FORMAZIONI

LAZIO (4-3-3): Provedel; Lazzari, Casale, Romagnoli, Marusic; Guendouzi, Cataldi, Luis Alberto; Isaksen, Immobile, Felipe Anderson. All.: Maurizio Sarri.

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Thiaw, Gabbia, Theo Hernandez; Bennacer, Reijnders; Pulisic, Loftus-Cheek, Leao; Giroud. All.: Stefano Pioli.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969